IN SARDU

Referendum costituzionale: “Si sos italianos tenent milli resones pro votare NO, sos Sardos nde tenent unu millione”

no sar 2

    REFERENDUM COSTITUZIONALE

Si sos italianos tenent milli resones pro votare NO
Sos Sardos nde tenent unu millione.
Ca cando s’Istadu diventat prus tzentralista e autoritariu chie nde patit prus sunt sos territorios prus in s’oru.
Cun s’Istadu chi benit foras dae sa Controriforma de Renzi amus a esser galu prus colonia e peri prus natzione oprimida.
“Morta la Regione è morto anche il dialetto”: aiat narau unu fascista (Gino Anchisi, giornalista de S’Unione Sarda) rispundende a Montanaru chi cheriat sighire a iscriere in limba sarda.
Cherimus torrare a cussos tempos?
———————————————————–
LINGUA SARDA
Sen’istandard sa limba sarda si nche morit
de Frantziscu Casula

A sa Festa de sa limba sarda ufitziale, in Bonarcadu sabadu 24 e domìniga 25 de cabudanni, ant partetzipadu in chentinas: prus de setighentos. Bennidos dae totu sa Sardigna. E peri dae foras, dae allargu. Dae Milano ma finas dae Barcellona e Madrid. Medas feminas e giovanos. Paris cun sos militantes linguisticos, istudiosos e amantiosos de sa limba sarda, intelletuales, iscritores e poetes, musicistas, artistas e atores, professores e mastros de iscola, giornalistas (bi fiat puru Antony Muroni, ex diretore de s’Unione Sarda), politicos (amento a Soru) e rapresentantes de Sotzios e Associatziones culturales, Partidos e Movimentos sardistas e indipendentistas. Puru custos ant totus chistionadu in Sardu, a comintzare dae Bustianu Cumpostu, Chi in Sardu faeddat semper, proite, at naradu, s’Indipendentzia si fraigat partinde dae sa limba.
Tenet resone de esser cuntentu e saltifatu su Coordinamentu pro su Sardu Ufitziale (CSU), chi at organizadu sa Festa e chi sustenit sa Limba Sarda Comuna. Est istada – at iscritu – una renèssida a sa fidada petzi pro chie non connoschiat s’organizatzione de sa Festa. In realtade pro su Coordinamentu su chi est capitadu sabadu 24 e domìniga 25 fiat isetadu. Gente meda, programma cualificadu, atentu de sos mèdia, partetzipatzione polìtica, profetu isparghinadu. Una die de no ismentigare a beru. Meda mègius de Sèdilo 2014 e fintzas de Oschiri 2015, chi puru fiant andadas bene meda. Meressimentu de su diretivu CSU chi est renèssidu a fàghere sas alleàntzias giustas pro valorizare sas propostas suas. Duas dies pienas de relatas, interventos, testimonias, discussiones cundidas cun poesia, literadura e musica.
Cuntentu e saltifatu peri su fundadore e s’anima de su CSU, Giuseppe Corongiu chi at iscritu: “La festa della lingua sarda ufficiale di Bonarcado è stata un successo. Le presenze della due giorni nello scorso fine settimana sono state stimate in quasi 800. Il dibattito di qualità, profondo, partecipato, aperto: istituzionale e movimentista allo stesso tempo. Il digitale linguistico l’ha fatta da padrone: Facebook, CNR, sintetizzatori vocali, app creative per bambini. La macchina organizzativa ha funzionato alla perfezione. Senza soldi pubblici, solo con l’aiuto logistico del comune di Bonarcado (che ringrazio), il Coordinamentu pro su Sardu Ufitziale ha creato un evento politico, letterario, scientifico, digitale, musicale per quelle centinaia di persone che ancora credono nel movimento di ufficializzazione della nostra lingua. Ci sarebbe di che vantarsi”.
A pustis sa saltifatzione ponet unas cantas preguntas, faghinde puru autocritica: “perché il governo sardo, le università, le scuole, i media, la chiesa, gli imprenditori, i sindacati, tutte le élites che contano qualcosa, non si stracciano le vesti e non attuano politiche di impatto, qui e ora, davanti al problema di una lingua identitaria che muore, mentre dovrebbe essere normalmente ufficiale?
Non cerco altrove le responsabilità. Sicuramente, come già messo in luce altre volte, abbiamo avuto limiti come Movimento Linguistico. Non siamo riusciti a produrre un’egemonia, abbiamo subito e fatto nostro lo sguardo di una classe dirigente diffidente e non inclusiva su questo tema. Ci siamo divisi sui separatismi delle varianti dialettali, non abbiamo lavorato abbastanza sulla lingua ufficiale sarda. Non abbiamo sognato. Abbiamo avuto la sindrome di Stoccolma con i nostri avversari (buona parte delle élites dirigenti) cercando di allearci con loro invece che confrontarci. Abbiamo urlato nelle assemblee per il sardo lingua nazionale, mentre crescevamo i nostri figli in italiano.
Dal successo di Bonarcado però (7-800 persone sono tante), allora, possiamo trarre le forze per inventarci ancora qualcosa, nel prossimo futuro, un’idea che sia uno choc salutare pro sa limba sarda ufitziale”
.
Una cosa crara est peroe bessida dae Bonarcado: Sen’istandard sa limba sarda si nche morit. E chie cheret su “Bilinguismu perfetu”, est a nàrrere sa parificatzione giurìdica e pràtica de su Sardu cun s’Italianu, non podet èssere contra a un’istandard, comente est sa LSC. Ca sena istandard non bi podet èssere peruna ufitzializatzione e sena ufitzializatzione sa limba sarda est destinada a si nche mòrrere o a èssere cunfinada in carchi furrungone, in carchi festa de bidda pro cantare batorinas e noitolas.
O impreada pro nàrrere brullas, carchi paristòria o, si nono, paràulas malas, irrocos o frastimos. Deo so cumbintu chi oe a subra de s’istandardizatzione, pro lu nàrrere a sa latina: ”non est discutendum”. Ca ischimus bene chi sena s’unificatzione, peruna limba si podet imparare in sas iscolas, si podet impreare in sos ufìtzios, in sos giornales, in sas televisiones, in sas retes informàticas, in sa publitzidade, in sa toponomàstica. Sena ufitzializatzione e sena istandardizatzione, pro nàrrere, in sos litzeos o in sas Universidades sardas, “cale Sardu” imparamus?
E in sos giornales e in sas televisiones, chi allegant a totu sos Sardos, ite impreamus? Calincunu narat: faghimus duos istandard: unu pro su logudoresu e unu pro su campidanesu. Ite machine e tontesa est custu? Semus giai male unidos e cherimus galu ateras divisiones? E, in prus: pro ite duos e non tres, bator, deghe, 365, cantas sunt sas biddas sardas e su “dialetto” issoro? E in ue agabbat su campidanesu e in ue cumintzat su logudoresu? E esistit unu campidanesu e unu logudoresu o bi nd’at medas? Sa LSC no andat bene? La curregimus, la megioramus, la irrichimus: ma dae issa depimus mòere.
Ca est s’istandard chi tenimus, a pustis de trinta annos de brias e de cuntierras subra de custa chistione. E sos “dialetos locales”? Chi sunt una richesa manna, non b’at perìgulu chi si nche mòrgiant? Est a s’imbesse: cun una limba ”standardizada”, una Limba chi siat una “cobertura” pro totus est prus fatzile chi sigant a campare; sena limba istandard si nche morint peri issos.
————-
bonarcadufestadesalimba

Po “sa die de sa Sardigna” 2015

logo-sa-die-F-Figari-300x173Sa die RAS.
Il significato. La storia. Il programma: Sa die in Casteddu, sa die in totu sa Sardigna.
- Sul sito della Fondazione Sardinia
http://www.fondazionesardinia.eu/ita/?p=10319#more-10319
————————

“Nega semper: la negazione come fantasma dei Sardi”

Sardegna-bomeluzo22Lunedì 9 dicembre 2013, a partire dalle ore 17,00 e fino alle ore 20,00, presso la sede della Fondazione Sardinia, in piazza San Sepolcro 5, conferenza sul tema di BACHISIO BANDINU.
Nella parlata sarda ricorre un imperativo categorico: nega semper! Non si tratta di negare qualcosa che non si condivide, qualcosa che mi ponga in contrasto con un altro, non è semplicemente in riferimento ad un fatto. (segue)

La politica è morta, Viva la politica!

consiglio regionale SARDEGNA 1di Enrico Lobina

La maggioranza dei consiglieri regionali sardi della legislatura 2004-2009 è indagata per peculato. All’orizzonte appaiono nuovi filoni di indagine, ed ogni giorno ha la sua novità. In quasi tutte le regioni d’Italia sono in corso indagini, alcune antecedenti ed altre successive a quella sarda. Il punto non è il finanziamento pubblico per attività politiche determinate, bensì il suo utilizzo distorto.
Non possiamo sapere precisamente quali effetti genereranno sul mondo politico queste indagini, ma da Tangentopoli sappiamo quanto possono essere deflagranti.
Questi eventi scatenano, negli strati popolari e tra le élite politiche, reazioni diverse.
Tra le classi sociali più colpite dalla crisi è nettamente prevalente la considerazione per cui sono tutti uguali: tutti hanno rubato senza pensare al ruolo che avevano. Come dare loro torto? Chi ha sentito e subito per decenni proclami, e vede le condizioni materiali di vita proprie e dei propri figli nettamente peggiorate, come dovrebbe reagire?
Vince il qualunquismo, anticipatore del cesarismo, che può essere progressivo o regressivo.
Tra le élite politiche prevale il ragionamento per cui si tratta di casi isolati e, quindi, una questione morale non esiste. Berlinguer, anche a sinistra, va bene in qualche manifesto, ma la famosa intervista a Scalfari, che già allora era indirizzata tanto all’interno del PCI quanto all’esterno, oggi non viene ritenuta adatta a descrivere la situazione in cui viviamo.
Al contrario, sono sempre più le eccezioni, gli intellettuali, sindacalisti, politici e rappresentanti delle istituzioni che riconoscono, pur nel principio della non colpevolezza degli indagati, l’esistenza della questione morale.
Il problema non è di un singolo o una singola, per quanto importante essa sia, bensì di un “sistema”.
La corruzione di chi sta al potere non è tema di oggi, e non è tema che interessi solamente la Sardegna o l’Italia. Basti pensare a chi, nobile nelle origini, ancora ha qualche reminiscenza della visione patrimoniale dello Stato propria della monarchia.
La stessa ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite), in maniera vagamente ipocrita e manichea, pone la corruzione quale grande elemento negativo nello sviluppo dei popoli e delle loro organizzazioni statuali. La verità è che il fenomeno “corruzione” attiene al rapporto tra economia, classi dirigenti, costruzione dello stato e partecipazione popolare. A seconda di come questi elementi si incontrano e si relazionano storicamente vi è un determinato utilizzo delle risorse pubbliche e del potere acquisito.
All’inizio dell’età repubblicana Alcide de Gasperi, padre della costituzione e democristiano, possedeva solamente una modesta casetta a Sella di Valsugana. Berlinguer, a capo del più importante partito comunista dell’occidente capitalista, non è mai stato sfiorato dall’idea di avere dei privilegi personali per via della propria posizione. E gli esempi potrebbero essere migliaia.
Oggi la questione morale, in Sardegna e Italia, esiste. Chi lo nega fa lo struzzo. Servono atteggiamenti coerenti, che pongano l’interesse dei sardi, e di ogni popolo, davanti all’interesse personale e dei cosiddetti partiti. È il primo passo, al quale deve seguire una analisi profonda delle ragioni della mancanza di una classe dirigente nello stato italiano, che da poco ha festeggiato i 150 anni, e di come la Sardegna non può certo prendere ad esempio ciò che accade oltre Tirreno.

Altrimenti insieme a tanti singoli affonda la politica, che è l’unico mezzo per i subalterni per migliorare la propria condizione di vita.
La politica è morta, viva la politica!

———————————————

Sa polìtica est morta, bivat sa polìtica!

de Erricu Lobina

A sa majoria de is cunsilleris arregionalis sardus, de sa leisladura 2004-2009, funt circhendiddus po peculau, est a nai ca iant a essi spèndiu po cosa insoru dinai chi depiat abarrai po su traballu polìticu sceti. Ant a podi nasci circas de giustìtzia noas, e difatis dònnia dii ndi bessit una noa diaderus.
Sa pròpiu cosa acadessit in giai totus is arregionis de Itàlia, in calencunu logu ant cumentzau innantis, in calincun’atra arregioni a pustis de Sardìnnia.
No scieus calis ant essi is cunsighèntzias po su mundu polìticu ma, cumenti fiat stètiu po Tangentòpoli, ndi iat a podi bessiri dannu meda (po issus).
De custus fatus nascint arrespustas diferentis, segundu chi castiaus su pòpulu o is meris de sa polìtica. Po su pòpulu, ca est sunfrendi po sa crisi, is chi faint polìtica funt totus ogualis, ca totus iant a essi furendi e sa genti no càstiat su traballu diferenti chi is polìticus faint. Est una cosa chi fait a cumprendi, ca sa genti at sunfriu po annus e annus is promissas de sa polìtica e oi est bivendi mali e mali ant a sighiri a bivi issus e is fillus insoru. Ita iant a depi nai?
In su pòpulu bincit unu pensamentu chi in italianu ddi nant qualunquismo, chi de inguni podit nasci sa gana de lassai cumandai unu sceti, calischisiat. A bortas de custu cumbinu ndi bessint cabus bonus a fai s’interessu de su pòpulu puru, cumenti est sutzèdiu a bortas in s’Amèrica de Giossu.
A su contras, is meris de sa polìtica nant ca est cosa personali de cuddus chi ant furau e ca duncas no ddoi est su tanti de pensai a una chistioni de moralidadi generali. Narendi aici dennegant a Berlinguer puru, chi si ddu aporegant po calincunu manifestu sceti.
Diferentis funt atrus studiaus, sindacalistas, polìticus onestus e traballadoris de is istitutzionis chi nant a boxi arta ca una chistioni de moralidadi generali s’agatat e manna puru.
No est chistioni de custus tempus sceti, ni de Sardìnnia o de Itàlia sceti, ma nascit de candu chini aministràt si pensàt de essi su meri de su logu, segundu sa chi is stòrigus nant concezione patrimoniale dello Stato.
In Sardìnnia puru at bintu custu pensamentu de unus cantu sègulus, mancai chi in sa Sardìnnia de su Mesuevu, su pensamentu no fessit custu, ca is urrei, is chi ddis narànt giùdixis, tenessint una sienda diferenti de su sartu de su Stadu.
S’ONU, de manera moitza, narat ca sa corrutzioni est unu dannu mannu po is pòpulus e po is Stadus, fendi finta de no sciri ca sa corrutzioni e totu est una de is calidadis de s’economia. Segundu sa curtura de su logu, segundu cumenti si arrelatant a pari polìticus e pòpulu, segundu cumenti est nàsciu su Stadu, segundu cumenti est s’economia de unu logu, fait a ndi agatai pagu o meda, ma sempri nci ndi at’essi.
Hobsbawm su stòrigu contat ca Stalin, mancai fessit unu de is òminis prus de poderi de su mundu, teniat una domu in Mosca e una domixedda in su sartu po nci passai is fèrias, e bàstat. Berlinguer su pròpiu, ca mancai tenessit su partidu comunista prus mannu de totu sa parti capitalista de su Mundu, nimancu at tentu bidea mai, de ddu fai frutuai po profetu personali de issu. Aici sighendi podeus fai milli e milli nòminis.
Oindii in Sardìnnia e in Itàlia una chistioni de moralidadi generali s’agatat, e manna puru.
Intamis tocat a si cumportai de manera coerenti, fendi s’interessu de sa genti innantis de s’interessu personali e de su partidu. De sinunca acabat sa polìtica puru, chi est s’ùniga manera po is pòburus de amellorai sa vida insoru personali e sotziali. Sa polìtica est morta, bivat sa polìtica!
————————-

Sardegna-bomeluzo22Oltre che su questo sito, questo articolo viene pubblicato anche sui siti Fondazione Sardinia, Vitobiolchini, Tramasdeamistade, Madrigopolis, Sportello Formaparis, Tottusinpari e sui blog EnricoLobina e RobertoSerra.

La lingua come una risorsa naturale: chi la gestisce? Bolognesi e la battaglia per una Grafia Sarda Comuna

di Vito Biolchini

Ci sono tanti modi per raccontare la storia della Sardegna. Francesco Masala, ad esempio, legò le vicende dell’isola a quelle dell’acqua, e ne scaturì un racconto nuovo. Pensavamo di vivere in una terra arida, e invece in anni di siccità ci scoprimmo improvvisamente ricchi di questa risorsa. Il problema era, semmai, chi la gestiva. La realtà era dunque diversa da quella che ci avevano raccontato e da quella che noi stessi ci raccontavamo. Ma servivano occhi nuovi per guardarla e Masala ce li aveva (“Storia dell’acqua in Sardegna”, Alfa Editrice, 1991).

Allo stesso modo, sarebbe interessante raccontare la storia della Sardegna attraverso l’uso della sua lingua. Giuseppe Corongiu, nel recentissimo volume “Il sardo, una lingua normale” (edizioni Condaghes, 2013), fa il punto della situazione e ripercorre le vicende del movimento linguistico nel corso degli ultimi decenni, mettendo in evidenza il rapporto delle nostre classi dirigenti con questa risorsa (perché anche la lingua, come l’acqua, è una risorsa naturale: e anche in questo caso il problema è chi la gestisce). Rapporto controverso, fatto di élite all’avanguardia e di masse intellettuali refrattarie all’uso (e dunque alla tutela, perché la lingua più la si usa, più la si conserva) di questo bene comune, ma tuttavia capace di regalare novità e svolte inattese.

L’ultima, forse la più importante, è arrivata nel 2006 con la nascita della Limba Sarda Comuna, uno standard fissato dalla Regione per consentire l’uso scritto del sardo in contesti amministrativi.

Quando si parla di lingua sarda bisogna fare i conti con gli stereotipi e con le informazioni a metà, spesso diffuse ad arte per complicare ciò che invece complicato non è per niente. È dura convincere qualcuno che le varianti campidanese e logudorese in realtà non esistono e che sono una suddivisione ottocentesca largamente superata da tempo. È dura convincere qualcuno dell’unitarietà del sardo, come se la lingua sarda fosse tale solo se ogni paese, e financo ogni abitante dell’isola, avesse la sua. È dura spiegare che il sardo ha una grammatica e un lessico omogenei e che differenze sono soprattutto di natura fonetica.

Roberto Bolognesi è un linguista che ha favorito la nascita della LSC e oggi dalle pagine del suo blog ne propone una revisione, denunciando al contempo un sostanziale tradimento della delibera che istitutiva questo standard, in quanto , nato come modello che doveva essere sperimentale e che poteva essere modificato, ora invece sembra essersi cristallizzato proprio come quelle false credenze che voleva smantellare.

Il risultato è che il lessico utilizzato dalla LSC è costituito soprattutto (anche laddove ci sarebbero valide alternative) da parole maggiormente diffuse nel nord dell’isola. L’effetto è distorsivo, perché in questo modo ad essere sfavoriti sono gli abitanti dell’area maggiormente popolata della regione.

Che fare dunque? Al di la di un riequilibrio a favore di un lessico più “meridionale”, da tempo Bolognesipropone una soluzione che potrebbe risolvere alla radice l’annosa questione dello standard, necessario per consentire al sardo di poter essere utilizzato da tutti in tutti i contesti, indistintamente. Una soluzione semplice semplice: una Grafìa Sarda Comuna.

“Tutto quello che occorre, visto che la grammatica e il lessico della lingua sarda sono già sufficientemente omogenei, è un sistema ortografico standard che permetta diverse pronunce” afferma Bolognesi. “ll sardo come l’inglese, allora: un’ortografia e tante pronunce, mantenendo intatta la ricchezza di varianti”. Semplice da dire ma anche da fare, visto che lo stesso Bolognesi ha da tempo avanzato diverse proposte a riguardo.

La lingua sarda è dunque la metafora di ciò che siamo e che potremmo essere: tante singole individualità, dei clan o un popolo. Sta a noi scegliere, sta a noi decidere.

Vito Biolchini
,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,


Il presente contributo viene pubblicato anche in altri siti/blog, nell’ambito di un accordo tra diverse persone (tutte impegnate nel movimento culturale “In sardu”), le quali dispongono di detti spazi virtuali che mettono a disposizione per favorire la circolazione di idee (e l’organizzazione di iniziative di carattere politico-culturale) sulle problematiche della Sardegna, senza limiti di argomenti e nel pieno rispetto delle diverse opinioni e impostazioni politiche e culturali, ovviamente nella condivisione dello spirito e dei comportamenti democratici. I contributi saranno pubblicati in italiano e/o in sardo.

Ecco i siti/blog (a cui nel tempo se ne aggiungeranno altri, auspicabilmente) :

- aladinews

- vitobiolchiniblog

- Fondazione Sardinia

- Tramas de amistade

——————
Il primo intervento di Salvatore Cubeddu

Il secondo intervento di Fabrizio Palazzari

Il terzo intervento di Nicolò Migheli

Il quarto intervento di Vito Biolchini

Il quinto intervento di Franco Meloni

Il sesto intervento di Salvatore Cubeddu

Il settimo intervento di Fabrizio Palazzari

Le non rimandabili scelte dei sardi: dalla “pentola bucata” alla “pentola scoperchiata”

Rumundu, alla ricerca di un sapere glocale per l’intera Sardegna

di Fabrizio Palazzari

Agli inizi degli anni Ottanta l’economista Paolo Savona paragona l’economia della Sardegna a una “pentola bucata” a causa dei segnali di una crisi del modello di sviluppo imboccato a partire dagli anni Sessanta. Un modello che oggi appare irreversibilmente concluso.

La teoria della “pentola bucata” fotografa da una prospettiva macroeconomica i risultati di un modello di sviluppo, basato sull’industrializzazione ad alta intensità di capitale pubblico e sul potenziamento della nascente industria turistica, che determinò profonde e radicali trasformazioni culturali e sociali della società sarda accompagnate dall’abbandono di modelli economici consolidati, soprattutto in campo agricolo e pastorale, in virtu di modelli ritenuti più moderni.

Spesso il non sapere”, il fatto che non si possedessero gli strumenti culturali e analitici per valutare la portata globale di quei modelli, giustificò l’accettazione degli stessi. In realtà alcuni sapevano e cercarono, con straordinaria capacità di analisi, di animare un dibattito. Come nel caso, per esempio, degli scritti di Antonio Simon Mossa relativi all’industrializzazione della piana di Ottana o alla nascente industria turistica della Costa Smeralda. Il problema è che quel sapere non divenne mai un sapere generalizzato e condiviso.

Oggi quel mondo sta venendo meno. Dall’ultimo rapporto Istat 2013, emerge che il tasso di inattività sardo è pari al 40.3% ( in altri termini ci sono 456mila persone , in età lavorativa, con le braccia incrociate). Non solo, con la ripresa dell’emigrazione e la fuga dei cervelli, l’effetto della “pentola bucata” è aggravato dai costi sociali ed economici dell’investimento in capitale umano perso per l’espatrio delle giovani generazioni.

Pertanto è diventato comune guardare a quella stagione mettendone in luce solo gli aspetti più deteriori senza evidenziarne alcuni importanti meriti, come quello di aver determinato un miglioramento basato sul reddito delle condizioni di vita materiali e, parallelamente, di aver così sostenuto una scolarizzazione di massa capace di aumentare la dotazione di capitale intellettuale e relazionale dell’intera regione.

Non solo, dietro la promessa della creazione di nuovi posti di lavoro, continuano ad essere proposti modelli di sviluppo antiteci rispetto alla vocazione dell’isola, come testimoniato di recente dalla vicenda del Qatar e degli stazzi galluresi, dai tentativi della Saras di estrarre metano nel Campidano o della Matrica di impiantare colture di cardo per alimentare la cosiddetta “chimica verde”.

Sebbene la protesta e la nascita di movimenti spontanei dal basso testimonino oggi una sensibilità e un’attenzione diffusa da parte delle popolazioni interessate rimane, in termini più generali, una forte predisposizione verso l’accettazione di questi modelli. Perchè?

Il vero dramma 

Perchè il vero dramma del nostro tempo è non solo nel lascito di quel mondo che oggi ci appare non in grado di garantire continuità tra passato, presente e futuro, quanto nella nostra incapacità di rimuovere tutte quelle barriere che impediscono di valorizzare pienamente il capitale intellettuale e relazionale esistente dei sardi residenti e di quelli che vivono oltremare.

Un capitale alimentante una domanda crescente di partecipazione che però troppo spesso rimane latente, inespressa e che solo in pochi casi riesce a diventare progettualità, fare e agire concreto capace di incidere sulla realtà e sulla nostra capacità di elaborare e condividere modelli di sviluppo sostenibili e rispettosi del territorio, dell’ambiente e delle persone.

A questo proposito, il riflettere sulle barriere che impediscono l’attivazione di questa “riserva” inesplorata di capitale sociale, potrebbe aiutarci a capire quali potrebbero essere oggi i meccanismi di valorizzazione della stessa.

Una prima barriera può essere individuata nella tendenza all’autoreferenzialità delle istituzioni oggi delegate a questa elaborazione. Un ulteriore limite è rappresentato dall’inerzia della politica e dell’amministrazione regionale. Infine, la terza, e probabilmente la più importante barriera, è che la nostra straordinaria capacità di analisi e di interpretazione della realtà non è sostenuta da una piena fiducia nei nostri mezzi. Rimaniamo insicuri, costantemente in attesa che siano gli “altri” a legittimarci.

Il progetto Rumundu

In questo scenario il progetto Rumundu appare non soltanto paradigmatico ma metafora di una Sardegna che non si rassegna ma viaggia, si apre al mondo e da questo mondo vuole riportare un sapere condiviso, che sia globale ma allo stesso tempo locale, in una parola “glocale”.

Nato da un’idea di Stefano Cucca, un trentaquattrenne di Sorso, consulente aziendale di professione e ciclista per passione, il progetto “Rumundu” consiste in un viaggio in bicicletta intorno al mondo alla ricerca di storie e stili di vita per dare voce a una community fatta di persone, storie, situazioni, micro mondi, momenti e stili di vita sostenibili che non senza difficoltà, si muovono in controtendenza rispetto a un’impostazione della nostra società fortemente legata ai consumi.

Stefano è partito da Sorso la mattina dell’8 giugno 2013, ha attraversato l’intera Sardegna, la Sicilia e adesso sta risalendo lungo la penisola italiana. Attraverserà l’Europa, l’Islanda, il Nord America, l’Asia, l’Oceania per poi, dopo aver raggiunto il Madagascar, spostarsi dal Sudafrica alla volta del Medio Oriente e infine fare rientro a Sorso nel giugno del 2014.

Strada facendo, raccoglierà spunti, consigli, racconti, foto, suoni e sensazioni provenienti dalla rete che verranno veicolati nel sito e nei social network per dare vita alla comunità Rumundu. Alla fine avrà percorso, dopo 365 giorni di viaggio e 9.000.000 di pedalate, 30.000 Km suddivisi in 300 tappe.

Al di là dei numeri quello che più colpisce è la staordinaria capacità di questo progetto di popolare il nostro immaginario collettivo di freschezza, energia ed entusiamo e di indicarci una delle tante vie alternative per superare le barriere che impediscono una piena valorizzazione del nostro capitale intellettuale e relazionale.

Il sito del progetto Rumundu 

——————————–

Il presente contributo viene pubblicato anche in altri siti/blog, nell’ambito di un accordo tra diverse persone (tutte impegnate nel movimento culturale “In sardu”), le quali dispongono di detti spazi virtuali che mettono a disposizione per favorire la circolazione di idee (e l’organizzazione di iniziative di carattere politico-culturale) sulle problematiche della Sardegna, senza limiti di argomenti e nel pieno rispetto delle diverse opinioni e impostazioni politiche e culturali, ovviamente nella condivisione dello spirito e dei comportamenti democratici. I contributi saranno pubblicati in italiano e/o in sardo.

Ecco i siti/blog (a cui nel tempo se ne aggiungeranno altri, auspicabilmente) :

aladinews

vitobiolchiniblog

Fondazione Sardinia

Tramas de amistade

——————
Il primo intervento di Salvatore Cubeddu

Il secondo intervento di Fabrizio Palazzari

Il terzo intervento di Nicolò Migheli

Il quarto intervento di Vito Biolchini

Il quinto intervento di Franco Meloni

Il sesto intervento di Salvatore Cubeddu

Interesse nazionale

Nel mondo policentrico torna la possibilità di una Sardegna originale
di Nicolò Migheli

Diversamente di quel che capita nella realtà, stare in fondo al pozzo non ci permette di vedere le stelle. In molti affermano che lo stato di cose attuale sia identico ad altri che abbiamo conosciuti nell’ultimo secolo. Rispetto a prima la differenza c’è, eccome. Quel che ci manca oggi, è intravedere una Sardegna oltre il contingente.

L’adottare una data simbolo, ad esempio il 2023, e su quella immaginare la Sardegna che vorremmo, inserita in una Europa, in un Mediterraneo in pieno movimento. Non uno sterile esercizio proiettivo, ma una prefigurazione razionale dell’obiettivo, dei passi da compiere, delle risorse disponibili, delle compatibilità con lo scenario internazionale.

Una operazione che dovrebbe essere condivisa da tutte le forze politiche che riconoscono l’isola come fonte del proprio consenso. Il 2023 è vicino, è il tempo in cui ha termine la nuova programmazione comunitaria. E’ anche vero che un obiettivo così ambizioso può avere diverse letture. Destra e sinistra sono due punti di vista che non possono essere annullati. Due visioni della società e dei rapporti tra gli individui contrastanti, anche se, negli ultimi trent’anni sono stati omologati dentro un pensiero unico. Quand’anche non lo siano state, quelle posizioni hanno, il più delle volte ignorato i sardi, ricondotti sempre dentro la sola cornice “pensabile,” quella italiana.

Fabrizio Palazzari ha scritto di amnesia, di rimozione continua, della necessità di costruire un sé autobiografico. Diagnosi giusta, perché se si osserva il comportamento delle amministrazioni, da quelle comunali alla Regione, il loro agire normale è spesso determinato dalla negazione e non riconoscimento di quello che è stato fatto precedentemente. Un continuo stato nascente, che deve essere segnato da nuovi protagonismi. Un non riconoscersi che agendo sui fatti, finisce per cancellare gli attori, quando non ingenera la damnatio memoriae. Il risultato è una continua tela di Penelope.

L’immaginare se stessi come gli unici portatori della visione salvifica, nel migliore dei casi; lo scambio e la restituzione per l’avvenuta elezione, nei peggiori. Non è solo il frutto della contaminazione italiana, dell’assenza di un progetto che vada oltre il mandato. E’ qualcosa di più profondo, che inerisce la nostra condizione.

L’essere isola comporta una visone del mondo che spesso si alimenta delle categorie dell’incompletezza. Il continente viene vissuto come grande, l’isola come il luogo del piccolo. Poi magari ci consoliamo dicendo di essere “Quasi un continente.” Il luogo del quasi. Abbiamo anche sviluppato un’urbanistica del “quasi.” Il non finito, ad esempio, ne è la testimonianza migliore, il vorrei ma non posso. Allo stesso tempo siamo cresciuti nella percezione del ritardo.

Negli ultimi trecento anni siamo stati segnati da questa categoria. Il Rifiorimento settecentesco, le Chiudende, la legge fascista del Miliardo, il Piano di Rinascita. Tutte attese salvifiche di superamento del “ritardo,” di qualcosa di esterno che ci svegliasse, che ci mettesse “dentro la storia.”

Come se noi non avessimo storia, non fossimo capaci di trovare dentro noi stessi, nella nostra ricchezza culturale e di risorse, la possibilità di uno sviluppo che non fosse segnato dall’unica modernizzazione concepibile. Dal modello occidentale vissuto come superiore. L’applicazione di paradigmi che hanno finito col negare noi stessi, con cesure antropologiche e culturali prima che economiche. Una operazione che continua. Ora le trivellazioni selvagge e la chimica verde, come ultimo assalto.

In un mondo diventato improvvisamente policentrico, occorre trovare altre risposte. Occorre una rivoluzione copernicana. La rivolta dell’oggetto, come l’ebbe a definire Mialinu Pira. Se l’espressione sembra dura, definiamola pure il salto laterale. Quello che spiazza gli interlocutori.

Cominciamo con il definirci minoranza nella Repubblica italiana. Nazione differente. Da ciò ne consegue quale è il nostro interesse nazionale. Gli esempi su cui applicare la categoria non mancano. La lingua, i beni culturali, le entrate, l’istruzione, le servitù militari, il sistema carcerario, l’energia, l’agricoltura, il welfare. Ogni aspetto delle nostre esistenze può essere analizzato e sottoposto a quella categoria.

Ciò che conviene agli italiani conviene ai sardi? Quali sono i prezzi e quanto riceviamo nella partita del dare-avere? Basta solo la panacea, sempre più utopica, dei posti di lavoro o dobbiamo pensare più in grande?

Ad esempio che una classe dirigente degna di questo nome dovrebbe viversi come il soggetto che indica una prospettiva che vada oltre il proprio destino politico personale o di mandato. In ogni caso non potrà esimersi dal pensare come vorrebbe la Sardegna tra dieci anni.

O è meglio continuare come oggi, in dd’una morte lena? Temi che dovrebbero essere affrontati già oggi e che nelle prossime elezioni regionali potrebbero essere l’argomento di quelle forze politiche che hanno interesse alla Sardegna e ai sardi. Sempre che si voglia.

———-
Il presente contributo viene pubblicato anche in altri siti/blog, nell’ambito di un accordo tra diverse persone (tutte impegnaei nel movimento culturale “In sardu”), le quali dispongono di detti spazi virtuali che mettono a disposizione per favorire la circolazione di idee (e l’organizzazione di iniziative di carattere politico-culturale) sulle problematiche della Sardegna, senza limiti di argomenti e nel pieno rispetto delle diverse opinioni e impostazioni politiche e culturali, ovviamente nella condivisione dello spirito e dei comportamenti democratici. I contributi saranno pubblicati in italiano e/o in sardo.

Ecco i siti/blog (a cui nel tempo se ne aggiungeranno altri, auspicabilmente) :

- aladinews

- vitobiolchiniblog

- Fondazione Sardinia

- Tramas de amistade

——————
Il primo intervento di Salvatore Cubeddu
Il secondo intervento di Fabrizio Palazzari
Nei riquadri creazioni artistiche Bomeluzo (la prima combinata con quadro di Filippo Figari) e foto di N.Migheli

Il tempo da compiere, in Sardegna

di Salvatore Cubeddu *

Torno indietro di una decina di giorni, cercando tematiche da proporre in editoriali, come scrivessi sulla prima pagina di un giornale quotidiano. Oggi è l’8 maggio, parlerei delle dighe da svuotare, se un terremoto fosse in vista. E titolerei: ‘sono pazzi questi italiani’. Solo ieri l’aereo ha scaricato un’altra carrettata di mafiosi per le carceri appena aperte. La settimana scorsa è stata riportata da qualcuno dei media l’intenzione di mandarci scorie nucleari insieme a qualche nuova centrale. Appunto perché siamo ambiente non sismico. Non pensano mai a noi, perciò fanno delle cappellate. Meglio: quando ci  pensano, è solo per fare i cavoli loro, assegnandoci i loro rifiuti, materiali o umani non importa. Che ci arrivano da ogni dove: carceri, industrie, impiegati pubblici, assicurazioni, persino la Chiesa con qualche suo vescovo.

Ma ieri è stato seppellito Giulio Andreotti e i grandi giornali hanno raccontato la brillantezza e le tenebre del personaggio. Vivente e lunga metafora sulle luci e sulle oscurità del potere. Nessuno si è chiesto  come potesse fare quotidianamente la comunione uno che progettava delitti, persino sanguinosi, da affidare o gestire con la mafia. Nel tanto dibattere di crisi della politica e dei compiti dei rappresentanti del popolo i commentatori insistono sul servizio alla comunità. Trascurano, però, o affettano pudore quando si tratti di entrare nel merito di uno dei connotati più specifici della politica, il potere, la faticosa e complessa battaglia per la sua conquista ed, una volta conquistato, la fatica per difenderlo e mantenerlo. E, quindi, il suo esercizio al fine, nel migliore dei casi, di fermare il malaffare attraverso le leggi e di offrire soluzioni ai problemi. Eleonora d’Arborea, nella Carta de Logu, 1392, lo diceva così: ”raffrenare e contenere la prepotenza degli uomini iniqui e malvagi acciocchè i buoni, i puri e coloro che non commettono il male possano vivere e stare sicuri tra gli iniqui …’ Eppure la conquista e il mantenimento del potere nelle pur sgangherate istituzioni sarde evidenza e spiega tante delle ‘cose impossibili’ che non si riesce a risolvere: la libertà dell’insieme della classe politica sarda, l’unità dei movimenti sardisti ed indipendentisti, la difesa del patrimonio da destinare alla sovranità alimentare e al benessere paesaggistico, la valorizzazione in proprio delle nostre risorse ….  E via elencando.

Con i monumenti aperti, la domenica 12 maggio, si conclude un ciclo di feste iniziato il 25 aprile. Feste civili e religiose, sarde e italiane, stanziali o in processione, a carattere istituzionale o a protagonismo di massa. Un formidabile concentrato di messaggi, potenziali fonti di valori per i feriali tempi della quotidianità. La libertà conquistata con il sangue e la lotta (la liberazione italiana e sa die), il  sacrificio fino al martirio nella difesa degli ideali collettivi e personali (la resistenza e S. Efisio), la conoscenza e la valorizzazione degli spazi vissuti da chi ci ha preceduto (monumenti aperti). Nessuna notizia o riflessione ex-post ci ha spiegato perché nessuno del governo regionale partecipasse al ricordo della liberazione, perché sa die sia ritornata patrimonio della sola militanza culturale, perché ci si preoccupi che sant’Efisio resti spettacolo per turisti invece che la celebrazione della speranza nella storia, anche di fronte e dopo una terribile peste.

Non si riflette. Il popolo sardo sembra allo sbando. Chi dirige e rappesenta le sue istituzione non sa, non vuole, non è interessato. Al continuo farsi della storia della Sardegna. Così come i principali media quando raccontano la quotidianità della nostra vicenda: cronaca di sfigati (incidenti stradali, sul lavoro, inquinamenti, intemperie naturali, siccità … malattie di uomini e animali, …) e/o di delinquenti (bombe contro gli amministratori, rapine in crescita, … pubblica  corruzione … e via politicizzando). Non esiste un fine, un tracciato, un popolo in cammino verso un dove. Sfruttati e/o abbandonati nella storia di altri.

Eppure abbiamo una natura speciale, qui non si danno terremoti. Una sensibilità per la cosa pubblica ha anticipato con i dieci referendum del 2012 delle decisioni istituzionali ancora da venire per lo Stato italiano. La coscienza di una nostra servitù derivata da quella dei partiti e del ceto politico si diffonde anche nelle località più lontane. I sei mesi che ci attendono rivelano capacità festive evidentemente espressioni di vitalità e di prospettiva. Non pochi tra i sardi amano la propria terra e stimano i propri concittadini. Noi tra essi.

 

Tempus de bennere, in Sardigna.  

di Salvatore Cubeddu, 8 de maju 2013

Torrande in segus de deghe dies cricaus temas chi azuent a pentzare, comente feus candu iscrideus in sas primas pazinas de unu zornale. Oe est s’8 de maju, deo ja a foeddare de su chi si cherent faghere, de imbodiare sas digas, po su perigulu de unu terremoto. Su titulu dhu tenzo prontu: “custos italanos sunt macos!”. De su restu est ariseo chi unu aeroplanu si c’adat iscarrigau unu carru de mafiosos po sas prisones chi ant apertu de nou. Chida passada eus ischipiu chi caluncunu tenet s’intenzione de ponnere in domo nostra s’aliga nucleare cun calincuna zentrale. Ischidende ca non c’at perigulu de terremoto. A nois non pentzant mai, po custu faghent fesserias, pentzant solu a issos, a sa cunbenientzia issoro, a nois lassana s’aliga, de sas cosas e de sos omines. Aliga chi arribada a nois dae totue: prisones, industrias, publicos impresos, assicuratziones, finzas sos piscamos de sa Cresia.

Ariseo c’ant interrau a G. Andreotti e totu sos medios ant contau lughes e buju de sas fainas de s’omini. Figura vivente e malaitta de su cumandu. Nemos s’est domandau coment mai unu chi fiat donnia die sa comunione andaiat a pentzare malafatìas, bogande fintzas sambene, cun sa mafia. In su mentres semus arresonande de sa politica in crisi, sighimus a narrer ca su politicu depet essere de azudu a sa zente. E non teneus s’animu de narrer s’atera cosa zusta, ca sa politica est fintzas s’arte de comandare e ca po arribare e mantennere su cumandu sa zente si gherrat e bochit, mancare penzet a su  bonu faghere e a difendere su bonu. Eleonora de Arborea – in sa Carta de Logu – dhu nariat in custu modu: … “sa superbia de sos reos e malvados hominis si infrenet e constringat, ad ciò qui sos bonos e puros et innocentes possant viviri e instari inter issos reos ad seguridadi …, premessa, 1392).

In Sardigna, sa gherra po arribare a cumandare ponnet in craru su chi non arrennesseus a faghere: a chi ponnere in sos zassos de importu zente libera, a faghere una fortza paris cun sardistas e indipendentistas, a defendere sos terrinos nostros po dhos arare e paschere in s’interessu nostru, po ndhe godire sa zente nostra e fizos nostros, cun sas bellesas e cun sos dannos.

In Casteddu, su 12 de maju, ant apertos sos monumentos, sighinde unu tempus de festa comintzadu su 25 de arbile. Festas ziviles e religiosas, sardas e italianas, bivias in logu serradu o in inghiriu, cun autoridades o a fainas de populu. Tantas ideas po bivere mezus sos tempos assutos e triballosos: sa libertade conchistada cun su sambene in sa gherras (sa liberazione italiana e sa die), su sacrifiziu e su martiriu (sa ‘resistenza’ e sa vida de sant’Efis), s’istima po sa terra chi si poderat.

A pustis de totu custu bividi, nemos at ispiegau poita non dhia fuit s’autoridade candu s’arregodaidat sa liberazione italiana, poita fuaus pagos liberos a pentzare a sa die, poita sa festa de sant’Efis paret chi srebada solu po ispantare sos turistas e non po faghere torrare s’isperu in s’istoria, a pustis de sos mares chi destruit s’omini e sa soziedade.

Non dhia pentzaus. Su populu sardu est che arbeghes chene pastore. Chie depet, non cheret, non ischet o pentzat a ateru. Sa vida de sos sardos non l’interessat. Gosinchi sos sardos sunt, po sos medios chi nos sighint, zente malafortunada o de malufaghere. Andaus faca su nudda, non b’at caminu, non teneus logu, non connoscheus sa terra chi si poderada. Isfrutados e abandonados in s’istoria de atere.

Epuru sa terra nostra non est comente sas ateras, non si movet comente cussas chi donnia tantu tenent terrmotos. S’annu passau eus votau po cambiare sas istitutziones, comente ancora non ant fatu in s’Italia. Fintzas in sas biddas prus pitias comintzant a comprendede ca sa zerachia nostra est cussa chi benit dai chie nos cumandat inoghe, zente nostra. Sa festas chi torrant narant ca seus bios e podeus essere cuntentos de bivere e comandare in terra nostra. Sa terra chi nois istimamus, impare cun sos paesanos nostros. Parte de nois. Cun totus.

—–

* Il tempo da compiere, in Sardegna (Salvatore Cubeddu), Cagliari 8 maggio 2013.

Il presente contributo viene pubblicato anche in altri siti/blog, nell’ambito di un accordo tra diverse persone (tutte impegnaei nel movimento culturale “In sardu”), le quali dispongono di detti spazi virtuali che mettono a disposizione  per favorire la circolazione di idee (e l’organizzazione di iniziative di carattere politico-culturale) sulle problematiche della Sardegna, senza limiti di argomenti e nel pieno rispetto delle diverse opinioni e impostazioni politiche e culturali, ovviamente nella condivisione dello spirito e dei comportamenti democratici. I contributi saranno pubblicati in italiano e/o in sardo.

Ecco i siti/blog (a cui nel tempo  se ne aggiungeranno altri, auspicabilmente) :

- aladinews

- vitobiolchiniblog

- Fondazione Sardinia

- Tramas de amistade

——————

Nel riquadro creazione artistica Bomeluzo