News

Oggi venerdì 3 luglio 2020

sardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2senza-titolo1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dasvis-oghetto
—————————Opinioni, Commenti e “Riflessioni, Appuntamenti—————–
La pubblica amministrazione, le parole, la riforma
3 Luglio 2020
Andrea Pubusa su Democraziaoggi
Ormai è diventato un mantra: tutti dicono che vogliono la riforma dell’amministrazione, molti addirittura che non vogliono la burocrazia e che non vogliono le regole. Salvini, ad esempio, dice che vanno abrogate le norme sulle gare d’appalto. Altri vogliono fare tabula rasa qui, altri là, non c’è campo che non sia investito da questa […]
————————————————-—
asvis-oghettoQUESTA SETTIMANA: Le difficili transizioni che la pandemia sta accelerando
Molti comportamenti non ritorneranno al passato. È una buona notizia per lo sviluppo sostenibile, ma alcune categorie rischiano di pagare un prezzo pesante. Per evitarlo occorre una politica capace di guardare avanti. 3/7/20
di Donato Speroni su ASviS.
————————————————-
La pandemia insegna che le divisioni sono un pericolo per tutti
di António Guterres
03 luglio 2020 su Il Corriere della Sera.
[segue]

Don Dino Pittau, storico assistente dell’associazione Giuseppe Toniolo di Stampace: 65 anni di sacerdozio!

don-dino-a-serramanna-3-lug-20Oggi festeggiamenti a Serramanna.
———————Serramanna in festa per i 65 anni di ordinazione sacerdotale di monsignor Aldo (Dino) Pittau. Nella chiesa di San Leonardo, su iniziativa dell’associazione “Giuseppe Toniolo” di Stampace – Cagliari, sarà celebrata oggi venerdì 3 luglio, alle ore 19, una solenne messa giubilare, in onore del sacerdote. Canonico del Capitolo Metropolitano di Cagliari, don Dino, come ancora oggi lo chiamano i soci della Toniolo, è stato parroco, oltre che a Sant’Anna, a Dolianova, Sanluri, Monastir, a Cagliari (Sant’Avendrace). Nei dieci anni dal 1998 al 2008 è stato parroco della Cattedrale di Cagliari. Nato a Samassi il 6 giugno 1932, fa parte di una famiglia di sacerdoti.

AladiNewsEstate. I racconti semi-immaginari di Stampace

copia-di-img_6928SUOR MARTA È ANCORA VIVA .
di P.Ligio *Ripubblicazione*
img_6818- Suor Marta non è morta!, fu Barbasanta a portare la sconvolgente notizia ai quattro amici che cercavano di sopravvivere ad un’afosa serata d’estate. Sedevano davanti ad un tavolino all’aperto del bar tabacchi, davanti ad alcune bottiglie di birra Ichnusa e ad un mazzo di carte.
- Non dire fesserie, gli rispose il Cavaliere. Ziu Pissenti espresse la propria incredulità con un sorriso ironico, il Maresciallo continuò a mischiare il mazzo di carte, Angelino Sollai confermò, con un monosillabo, il giudizio del Cavaliere.
Intanto i quattro fecero spazio attorno al tavolino per consentire al nuovo venuto di collocare la propria sedia. Barbasanta si sedette e fece un cenno alla proprietaria del bar, anziana quasi quanto loro, perché portasse un altro bicchiere.
Lo stupore derivava dal fatto che suor Marta, che nessuno di essi aveva più incontrato da almeno 30 anni, veniva da tutti ricordata come persona molto anziana, per cui risultava loro difficile credere che potesse essere ancora viva.
Il Cavaliere sentì il dovere di dire la sua. Perché era uomo di chiesa, era stato componente del consiglio parrocchiale, dirigente della società di San Vincenzo, organizzatore delle feste del patrono. Senza contare quel suo titolo di cavaliere, che nessuno sapeva a cosa fosse dovuto, ma che egli, grazie anche alla mole robusta ed alla voce baritonale, portava molto bene. Per lunghi anni aveva utilizzato quel dono, quello della voce, cantando in un piccolo coro, composto da lui, dal Rais, e da un organista tedesco che abitava nel quartiere e la cui origine era sempre rimasta misteriosa. L’organista, nonostante le origini, si era inserito perfettamente nella cultura del quartiere, era persino diventato grande estimatore di gatti. Era capace di annegarli, non senza fatica, all’interno di un recipiente colmo d’acqua coperto da una tavola tenuta stabile da alcune pesanti pietre. Aveva anche imparato a scuoiarli, li esponeva alla luna per due notti di seguito, al clima secco del maestrale, dopodiché li imbottiva con aglio, rosmarino e sale prima di cucinarli.
Il suo problema principale era quello di procurarseli, i gatti. Acchiappava quelli che poteva tra i tetti ed i vicoli del quartiere, suscitando le ire di zia Annica, una vecchietta che divideva il suo tempo tra le funzioni religiose e la cura dei felini del vicinato. Preparava per loro dei piattini con il cibo, li distribuiva nella piccola terrazza, nel vicolo della propria casa e qualche volta, approfittando dell’assenza degli abitanti del palazzo, persino nell’androne. Li riconosceva uno per uno e li chiamava per nome. Ogni volta che qualcuno di essi mancava all’appello attribuiva le colpe, immancabilmente, all’organista tedesco. Lo riempiva di maledizioni, più di una volta, se solo le forze glielo avessero consentito, le si sarebbe avventata contro. [segue]

Informazioni utili

banner-bonus_mobilita
Per saperne di più: https://www.minambiente.it/bonus-mobilita
————————————-
notizie-in-breve-asvisASviS. Notizie in breve
Forum Dd: pubblicato il Rapporto sulle imprese pubbliche italiane – Online il “2020 World youth report” – Pubblicato il “Rapporto sulla programmazione di bilancio 2020” – Aperto il corso sulla misurazione degli SDGs – Pubblicata la “Pagina 5” del catalogo Sna – Farnesina: prima riunione del tavolo operativo inter-istituzionale per il contrasto al Covid-19 – Openpolis: uno studio su cooperazione e parità di genere. 2/7/20
——————————————————-
aggiornamento-asvisRapporto Sdsn-Bertelsmann: “Il Covid-19 impatta sulla maggior parte degli SDGs”
La Corea del Sud è stata la più efficiente tra i Paesi Ocse nella lotta al virus. Indice SDG dominato ancora da tre Stati nordici: Svezia, Danimarca e Finlandia. Italia 30esima. Progressi in tutto il mondo ma ancora insufficienti. 2/7/20
————————————————————–
salesiani-initalia-loghettoICC, VENTI20diNOVITA’, un’estate in volo!
30/06/2020/in Circoscrizione Italia Centrale (ICC): Liguria, Toscana, Sardegna, Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio.
Pubblichiamo il comunicato stampa della Circoscrizione Italia Centrale sull’iniziativa Venti20dinovità.
————————————–
Oggi 2 luglio 2020
505c7496-1d19-4ef8-83e0-25c0b96ee17a http://www.streamup.eu/rapporto_sussidiarieta_2020/

Oggi giovedì 2 luglio 2020

sardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2senza-titolo1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dasvis-oghetto
—————————-Opinioni, Commenti e “Riflessioni, Appuntamenti——————————————————–
stiglitz-e-google-com-2019-11-04-22_39_42-4-768x453Joseph Stiglitz e il futuro del capitalismo
1 Luglio 2020
Gianfranco Sabattini su il manifesto sardo
.
Joseph Stiglitz è un economista e saggista statunitense. Premio Nobel per l’economia nel 2001. [...]
————————————————————————————–
Una scuola a misura di apprendimento
2 Luglio 2020
Caterina Gammaldi Su Democraziaoggi.
Le Linee guida per il rientro a scuola recentemente emanate, pur riconoscendo alle istituzioni scolastiche autonomia nella scelta dei modelli organizzativi, sembrano scegliere questa prospettiva, a garanzia del diritto all’istruzione sancito dalla Costituzione.
Così non è come cercherò di dimostrare […]
———————————-

Che succede, cosa succederà?

c3dem_banner_04
eu2020-deutschland-logo-700x513LA GERMANIA IN SELLA ALL’UNIONE E I COMPITI TEDESCHI DI CONTE
1 Luglio 2020 Su C3dem.
————————
MES. SE ADESSO IL GIOCO SI FA DURO
1 Luglio 2020 su C3dem.
——————

L’alleanza tra la Laudato sì’ e l’Agenda Onu 2030 per affrontare i problemi del Pianeta dopo la pandemia

papa-francesco-laudato-siagenda2030 di Franco Meloni*

“Niente sarà come prima”: è quanto sentiamo sempre più spesso a commento del “dopo la pandemia del coronavirus”. Già, ma intanto non siamo ancora al “dopo” e poi non è detto che tutto andrà meglio. Anzi, constatiamo come purtroppo molto sta andando peggio e che “tutto andrà meglio” è sopratutto un auspicio. Siamo ancora in prevalenza sconcertati e disorientati, anche se dobbiamo dare atto che tanti segnali positivi inducono a non abbandonarci al pessimismo. Abbiamo comunque bisogno di riferimenti solidi e affidabili. Tra questi provvidenzialmente ci soccorre la Laudato sì’, l’enciclica di Papa Francesco, che proprio lo scorso 24 maggio ha compiuto 5 anni.
L’enciclica non è un “manifesto politico”, bensì un messaggio pastorale che impegna in primo luogo i cattolici affinchè perseguano un percorso di riconversione ecologica, nella sua accezione di “ecologia integrale”: interdipendenza tra ambiente e società, natura e persone. Tuttavia, così come avevano fatto suoi predecessori, a partire da Giovanni XXIII con l’Enciclica Pacem in terris, Papa Francesco si rivolge non solo al “mondo cattolico” ma “a tutti gli uomini di buona volontà”: a “ogni persona che abita questo pianeta”, per “entrare in dialogo con tutti riguardo alla nostra casa comune”.
Bisogna dire che questa impostazione ha avuto notevole successo dal momento in cui anche grandi settori del mondo laico hanno risposto entusiasticamente alle sollecitazione dell’enciclica, accettandone le raccomandazioni e impostando comuni azioni di sensibilizzazione e d’intervento concreto a salvaguardia del pianeta e di chi lo abita. Alcuni mesi dopo l’uscita dell’enciclica l’Onu ha approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, che propone il raggiungimento di 17 Obbiettivi di Sviluppo Sostenibile entro l’anno 2030, che vanno dalla tutela dell’ambiente, alla lotta contro le povertà, ai diritti dell’umana convivenza (lavoro, salute, istruzione, uguaglianza). Si afferma pertanto una visione integrata delle diverse dimensioni dello sviluppo, proprio come prevede la Laudato sì’!
Occorre evidenziare il carattere fortemente innovativo dell’Agenda, che si basa su un chiaro giudizio dell’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo capitalista neo liberista, non solo sul piano ambientale, ma anche su quello economico e sociale. Tutti i Paesi – senza distinzioni, anche se evidentemente le problematiche sono diverse a seconda del posizionamento socio-economico – devono impegnarsi a definire una propria strategia di sviluppo sostenibile che consenta di raggiungere gli Obbiettivi entro il 2030. Ciascun Paese viene valutato periodicamente sui risultati conseguiti all’interno di un processo coordinato dall’Onu e dagli Stati nazionali, auspicabilmente sostenuto dalle opinioni pubbliche nazionali e internazionali. L’attuazione dell’Agenda richiede pertanto un forte coinvolgimento di tutte le componenti della società, dalle imprese alle pubbliche amministrazioni, dalla società civile, al volontariato e alle entità del terzo settore, dalle università e centri di ricerca agli operatori dell’informazione e della cultura. Vero è che l’Agenda non può obbligare nessuno Stato a comportamenti virtuosi, ed è questo il suo maggiore limite, ma intanto tutti possono distinguere i buoni dai cattivi. E si potrà constatare – come già accade – che gli Stati che si attengono alle indicazioni dell’Agenda Onu rispondono più efficacemente ai problemi delle loro popolazioni, aggravati dalla pandemia. Ma la risposta evidentemente deve essere di dimensioni mondiali.
Al riguardo appare coerente l’appello formulato dal Premio Nobel per la Pace (1980) Adolfo Perez Esquivel per “l’unità umana da costruire e dell’obiettivo politico primario, difficile ma non impossibile, di giungere a una Costituzione della Terra, da cui i diritti fondamentali di tutti gli abitanti del pianeta siano salvaguardati”. E denuncia come “l’attuale pandemia non sia solo quella del virus, ma quella della fame, della paura, delle diseguaglianze, della povertà, del dissesto ambientale”. Lancia pertanto un allarme sulla urgenza di politiche di radicale alternativa se non si vuole portare l’umanità intera al disastro. “Il giorno dopo della Pandemia è oggi, non domani: domani può essere troppo tardi”.
Infine, dobbiamo constatare che tuttora permane una insufficiente conoscenza sia della Laudato sì che dell’Agenda Onu 2030, e che è necessario incrementare delle stesse iniziative di sensibilizzazione a tutti i livelli e in ogni possibile circostanza, sollecitandone l’applicazione concreta nelle politiche di sviluppo. Ciò vale soprattutto in questa fase storica che ci tocca vivere, avendo bene a mente l’avvertimento di papa Francesco nel giorno di Pentecoste (31 maggio 2020): “peggio di questa crisi c’è solo il dramma di sprecarla”.
——————-
costituente-terra-logo
*Franco Meloni: articolo pubblicato sul quindicinale della Diocesi di Ales-Terralba Nuovo-Cammino. Ripreso anche da Giornalia.
——————————————————————

nuovo-cammino-ls

Oggi

locandina_dirittoallasaluteinsardegna-1
Il diritto alla salute in Sardegna ai tempi del COVID-19 Oggi mercoledì 1° luglio 2020, si potrà seguire la diretta da questo link:
https://www.youtube.com/watch?v=McpgewAGpVM

Oggi mercoledì 1° luglio 2020

sardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2senza-titolo1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dasvis-oghetto
—————————Opinioni, Commenti e “Riflessioni, Appuntamenti—————–
eu2020-deutschland-logo-700x513Oggi 1° luglio la Germania assume la presidenza semestrale dell’Unione Europea. Covid, Brexit e Cina. Ecco l’agenda della presidenza tedesca dell’Ue.
——————————————-
I problemi dei Paesi dell’Est pesano sul futuro dell’Europa
1° Luglio 2020
Gianfranco Sabattini su Democraziaoggi.
Claus OffE, uno dei più autorevoli ricercatori sociali d’ispirazione marxista della Germania contemporanea e studioso delle trasformazioni che hanno caratterizzato gli Stati dell’Est europeo con la transizione verso la democrazia, ha di recente pubblicato su “Il Mulino (n. 1/2020) l’articolo “I cantieri aperti dal 1989”. Nell’ articolo Offe analizza ciò che è accaduto […]
—————————Rileggiamoli——————————
stiglitz-riscrivere-l-economia-europeaAl capezzale dell’Europa
Su Micromega.
Joseph E. Stiglitz (a cura di), Riscrivere l’economia europea – le regole per il futuro dell’Unione, il Saggiatore, Milano 2020.
Manuel Castells (a cura di), Europe’s Crises, Polity Press, Cambridge 2018.
———————————————————
verso-uneconomia-post-covid-per-il-bene-comune“Verso un’economia post-Covid per il bene comune”
Pubblicato il documento “Verso un’economia post-Covid per il bene comune”, proposta congiunta del movimento internazionale “Economy for the common good” che propone un modello socioeconomico sistemico e sostenibile, che si basi su valori fondamentali come la sostenibilità, l’inclusione sociale e la cooperazione.
———————————————————————

SA BATALLA DE SEDDORI

2d5a5e6d-bdf3-4ad4-9771-eadf7da1fae0 SA BATALLA DE SEDDORI: niente da celebrare ma da ricordare e studiare.
di Francesco Casula
Oggi 30 giugno ricorre il 611° anniversario di Sa Batalla di Sanluri: forse la data più infausta dell’intera storia della Sardegna perché segnò l’inizio della fine della indipendenza e della libertà dei Sardi e della Sardegna. Una fine comunque tutt’altro che scontata ed ineluttabile. Infatti con l’ultimo Marchese di Oristano, Leonardo d’Alagon, (dal 1470 al 1478) sarà ancora scossa e attraversata da momenti di dissenso e di ribellioni nei confronti dei catalano-aragonesi, culminati in opposizione armata prima con la battaglia di Uras (1470) e infine con la sfortunata e definitiva sconfitta di Macomer (1478). [segue]

Che succede?

c3dem_banner_04
IL CAPITALE UMANO E LO STALLO DEL GOVERNO
29 Giugno 2020 su C3dem.
—–
SCUOLA, VITALIZI, PARLAMENTO, BENTIVOGLI, MIGRANTI, LIBIA
29 Giugno 2020 su C3dem.

Oggi martedì 30 giugno 2020

sardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2senza-titolo1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dasvis-oghetto
—————————Opinioni, Commenti e “Riflessioni, Appuntamenti———–
Lavoro a distanza: luci ed ombre
30 Giugno 2020
Rosamaria Maggio su Democraziaoggi.
Sicuramente il Coronavirus ha accelerato un processo di cambiamento che era già in corso da tempo, rendendo indispensabili le nuove forme di lavoro a distanza, cosiddetto smartworking, telelavoro, lavoro da remoto, lavoro agile. Al di là delle differenze fra queste tipologie, ciò che si è intensificato a livello globale è il lavoro a distanza, quel […]
————————————————-————-
terzjus-loghettoNota redazionale della Sentenza n. 131 della Corte Costituzionale del 26 giugno 2020
In questo articolo si parla di: Corte cost. 131/2020 si preannuncia come una sentenza fondativa del “nuovo” diritto del terzo settore.
———————————————–

“La signora della stazione”: pubblicato il romanzo di Dolores Deidda.

la-signora-cover E’ stato pubblicato il romanzo di Dolores Deidda “La signora della stazione” che racconta, in particolare, le vicissitudini della sua famiglia e della madre negli anni ’40, quelli della guerra, e nei primi anni ’50 (r.d.).
Di seguito riprendiamo dal sito web dell’editore la bella intervista fatta a Dolores .book-sprint
—————
Intervista all’autore – Dolores Deidda
intervista-a-dolore-deidda

1.Ci parli un po’ di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nata in un piccolo paese di montagna, nella zona della Sardegna chiamata Barbagia. Ma già a dodici anni avevo cambiato cinque residenze, dati i continui trasferimenti della mia famiglia. A Cagliari ho frequentato il liceo classico e mi sono laureata in Storia e Filosofia. Subito dopo mi sono trasferita a Roma dove ho sostenuto il mio impegno sociale con attività di studi e ricerca. Attività che ha continuato a prevalere nel mio impegno professionale in Italia e all’Estero. Per alcuni anni ho lavorato a Bruxelles e mi sono specializzata nelle politiche di Sviluppo e Coesione dell’UE.
Ho sempre scritto molto, ma i miei testi sono stati prevalentemente di carattere tecnico e utilizzano un linguaggio assai diverso da quello letterario. Ho deciso di scrivere un romanzo, non credendoci molto, quando ho avuto del tempo a disposizione dopo aver ridotto l’impegno lavorativo.

2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Non ho degli orari prestabiliti. Alle volte gli spunti narrativi mi arrivano al risveglio del mattino e sento l’urgenza di aprire il computer per annotarli e semmai risistemarli successivamente. Altre volte è nella notte, il momento del silenzio, che trovo il filo per ricominciare a scrivere.

3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Il mio principale riferimento letterario del ‘900 è Marguerite Jourcenar, una scrittrice franco-belga di enorme rigore intellettuale, spessore culturale e talento narrativo. Un modello di perfezione cui è difficile avvicinarsi. Altri scrittori che apprezzo molto sono il latino-americano Marco Vargas Llosa e Jhon Maxwell Coetzee, sudafricano.
[segue]

Mons. DINO PITTAU, nella ricorrenza dei 65 anni dell’ordinazione sacerdotale

toniolo-di-renato-dascanio-ticca1_2don-dino-pittauASSOCIAZIONE CATTOLICA GIUSEPPE TONIOLO CAGLIARI
Venerdì 3 luglio 2020 Mons. DINO PITTAU, nella ricorrenza dei 65 anni dell’ordinazione sacerdotale, celebrerà la SANTA MESSA di RINGRAZIAMENTO nella CHIESA di SAN LEONARDO in SERRAMANNA alle ore 19,00.
Gli ASSOCIATI partecipano alla FELICE RICORRENZA e aspettano coloro che vorranno essere vicini a Mons. Dino Pittau, ASSISTENTE SPIRITUALE dell’ASSOCIAZIONE.
Il CONSIGLIO DIRETTIVO.

Oggi lunedì 29 giugno 2020

sardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2senza-titolo1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dasvis-oghetto
—————————Opinioni, Commenti e “Riflessioni, Appuntamenti———–
NO all’Apartheid israeliana – NO al Razzismo istituzionalizzato!
29 Giugno 2020
Rosalba Meloni su Democraziaoggi.
Da Rosalba Meloni riceviamo e volentieri pubblichiamo.
L’Associazione Amicizia Sardegna Palestina, la Comunità palestinese in Sardegna e BDS Sardegnahanno aderito all’appello di BDS Italia e hanno manifestato il 27 giugno 2020 contro il piano di annessione del governo israeliano, a sostegno della lotta e della resistenza del popolo palestinese.
Il 1° luglio il governo israeliano intende […]
—————————————————————
terra_casa_lavoro_2DON BRUNO BIGNAMI: “FRANCESCO E LA LIBERAZIONE DEI POVERI”
29 Giugno 2020 by Forcesi | su C3dem.
La rete dei Viandanti pubblica sul suo portale un intervento di don Bruno Bignami, prete cremonese, presidente della Fondazione don Primo Mazzolari e, da qualche tempo, direttore dell’Ufficio problemi sociali e del lavoro della CEI. L’intervento si inserisce nella serie che i Viandanti stanno dedicando all’anno settimo del pontificato di Francesco. Bruno Bignami interviene con un articolo (“La liberazione dei poveri”) che mette in luce, con efficacia, quale è il contenuto del messaggio sociale di Francesco e il suo modo di testimoniarlo.
——————————————————-