Società

Verso le elezioni comunali di Cagliari

tre-per-il-comune-18-4-19cag-palazzo-bac- Le ultime notizie sulle primarie del centrosinistra su SardiniaPost (articolo di Marcello Zasso).
Programmi:
Matteo Lecis Cocco Ortu ci segnala dove rintracciare il suo: http://www.matteoleciscoccoortu.com.
——
Francesca Ghirra: la sua pagina fb.
————————————————–
Attendiamo le/gli altre/i.
———————————————-
lampadadialadmicromicroGhirra, Lecis Cocco Ortu, Cilloccu: sono sicuramente tre buone candidature, alle quali contiamo se ne aggiungano altre in una competizione che auspichiamo che il centrosinistra decida al massimo aperta. Fallito il tentativo di mettere insieme in un’unica “primarie” le formazioni del centro sinistra con il M5S e con l’Aggregazione indipendentista-identitaria, attendiamo le candidature di queste ultime, che speriamo di buon livello. Spazio a tutti e buon lavoro per la città di Cagliari, la sua area metropolitana e la Sardegna intera.
———————————————————–

Newsletter

logo76Notizie da
Chiesa di tutti Chiesa dei poveri
Newsletter n. 145 del 9 aprile 2019

QUALE POTERE COSTITUENTE

Care Amiche ed Amici,
[segue]

Beni comuni urbani inutilizzati. Appunti per il prossimo Sindaco

Dicevamo su Aladinews il 24 febbraio 2017 (oltre due anni fa)
Beni comuni urbani: perché non si utilizza il palazzo sorcesco?
Palazzo sorcesco 2Inutile recuperare stabili di proprietà comunale se poi non li si mette a disposizione dei cittadini: il caso del palazzo sorcesco del corso Vittorio Emanuele.
——————————-
Ecco il progetto, poi effettivamente realizzato: http://www.archilovers.com/projects/146279/palazzo-sorcesco-consolidamento-e-restauro-conservativo.html
————————Oggi————————
palazzo-sorcesco-8-03-19[oggi su fb] Beni comuni urbani. Appunti per il prossimo Sindaco. Il cd Palazzo sorcesco del corso Vittorio: lavori da tempo ultimati, ma tuttora inutilizzato. Si aspetta che venga vandalizzato?
——————————————————————

Cagliari verso il voto

cag-palazzo-bacCagliari, a sinistra c’è il nodo Primarie: voto incerto, tre giorni per decidere.
Marcello Zasso su SardiniaPost
————————————————–
Cagliari, c.sinistra: tre giorni per nome sindaco condiviso
Su CagliariPad
————————————————————-
Francesca Ghirra lancia la sfida per Cagliari: “Io sindaca per continuare a migliorare la città”
Paolo Rapeanu su Casteddu online
————————————————————-
Matteo Lecis Cocco-Ortu si candida alle Primarie del centrosinistra
Su Vistanet.it
————————————————————-

Cagliari verso il voto

51e22f37-a977-47a3-9123-f219a2afef64
stemma-marmo-caQuali primarie.
di Gianni Pisanu.

Per Cagliari primarie “aperte” o quarto polo
Propenderei per la prima ipotesi. Per dare una scossa e non solo. Fossi una delle tante persone a piede libero che hanno a cuore la nostra città e hanno cultura ed esperienze, e cosa che non guasta godono di meritata stima inizierei da una riunione/assemblea estemporanea con un punto all’odine del giorno.
Punto primo e ultimo:
Tutti coloro (sardisti-autonomisti- indipendentisti e indipendenti) DI SINISTRA che non si riconoscono nelle sigle e nelle organizzazioni dell’attuale centrosinistra si diano appuntamento in una riunione – assemblea aperta da convocare immediatamente, usando tutti i mezzi di comunicazione oggi disponibili, per scegliere con metodo democratico il candidato sindaco del raggruppamento SARDISTI ecc. UNITI per partecipare poi alle primarie del centrosinistra.
[segue]

Newsletter

mosaico-trinitarilogo76Notizie da
Chiesa di tutti Chiesa dei poveri
Newsletter n. 142 del 19 marzo 2019

LO HANNO CAPITO PERFINO I RAGAZZINI

Care Amiche ed Amici,
[segue]

Cagliari verso il voto

cag-palazzo-bacQuanti saranno gli schieramenti che si presenteranno al responso delle urne il 26 maggio (o a giugno)?
Per ora almeno quattro:
1) Centro sinistra, più o meno allargato.
2) Centro destra (nella formula delle ultime elezioni regionali)
3) Movimento 5 Stelle (con possibile accordo con una o più Liste civiche)
4) Aggregazione alternativa (indipendentisti-identitari-sinistra alternativa)
————————————————-
Dalla stampa online le ultime novità
Ufficiale, Ghirra alle primarie del centrosinistra: “Tempi maturi per la prima sindaca di Cagliari”
Di Ennio Neri 19 Marzo 2019 su Casteddu online
L’esponente della giunta Zedda su facebook: “Ho deciso di accettare la sfida per la scelta del prossimo candidato sindaco”
—————————————————–
Cagliari, gli alleati Pd forzano i tempi: “Candidato sindaco solo con primarie”
Di Alessandra Carta su SardiniaPost
—————————QUALI PRIMARIE?——————
elezioniLa proposta di Gianni Loy.
Intervento pubblicato su Aladinews e su SardiniaSoprattutto.
————————————————————-
Elezioni a Cagliari: “I 5 Stelle al bivio, l’apertura alle civiche è una strada per uscire dall’angolo”, di Mario Gottardi su vitobiolchini.it (19/03/2019 alle 18:27).
L’amico e collega Mario Gottardi regala al blog questa interessante riflessione sulle elezioni comunali a Cagliari e sul futuro del Movimento 5 Stelle. Il dibattito è aperto e attende nuovi graditissimi contributi.
[segue]

Elezioni comunali a Cagliari. Paolo Matta si ripropone come Sindaco?

Cagliari oggi 8 mar 16la-quintaa-loghettolaquintaa-foto
[la quintaA paolo matta sindaco, pagina fb] Dove eravamo rimasti? A questa bella foto, scattata alla vigilia delle ultime elezioni comunali. Un piccolo gruppo di “incoscienti” riuscito però a ottenere un insperato risultato, sfiorando per una manciata di voti il “colpo” di piazzare un consigliere comunale.
Le dimissioni del sindaco Zedda aprono nuovi, interessanti, persino intriganti scenari.
Butto il classico sasso nello stagno?
Cosa ne pensate? Qual è oggi la vostra visione del Comune di Cagliari? Pensate che il lavoro svolto possa/debba avere una continuazione?
Per il momento, un caro saluto in amicizia
paolo
————————————————–
lampada aladin micromicroUn commento del direttore.
Caro Paolo e amici della Quinta A. L’esperienza della Lista, al netto degli errori compiuti (peraltro previsti), non va affatto buttata a mare. A mio parere può essere ripercorsa e riproposta a certe condizioni: 1) non presentarsi in solitario, ma in una coalizione che ne accetti il programma (senza necessariamente condividerlo in toto); 2) il candidato Sindaco deve partecipare alle “primarie della coalizione”, di una coalizione possibilmente aperta a tutto lo schieramento progressista (auspicabilmente senza eccezioni), se vince è il candidato Sindaco di tutta la coalizione, se perde è il candidato capolista della Lista.
A questo punto occorre approfondire, verificando le disponibilità di tutti. I tempi sono stretti. Mi sembra che comunque il dibattito sia aperto. Saluti a tutti e a presto su questa e altre pagine fb, sui blog amici (il mio è Aladinews http://www.aladinpensiero.it) e, ovviamente, di persona. Al riguardo segnalo un’interessante iniziativa “I cattolici e l’impegno in Politica”, che si terrà lunedì primo aprile alle ore 17 presso lo Studium Francescano, a Cagliari in via Principe Amedeo 20.
—————Dibattito—————————————————
Cagliari oggi 8 mar 16Basta ”Ora tocca a noi”: ora tocca a tutti. Cagliari ha bisogno di un civismo vero: chi riuscirà a interpretarlo?
di Vito Biolchini
17/03/2019 alle 16:45 su vitobiolchini.it
[segue]

Verso le Elezioni del Sindaco e del Consiglio comunale di Cagliari

Cagliari oggi 8 mar 16lampada aladin micromicroAladinews si impegna per la massima diffusione di un DIBATTITO indispensabile per la città capoluogo e per la Sardegna.
——————————————————————————-
Zedda continua nella sua ricostruzione della sinistra, consegnando le chiavi di Cagliari …al centrodestra
15 Marzo 2019
A.P. su Democraziaoggi.
———————————————————–
Lecis Cocco Ortu: “Per il dopo-Zedda, subito le Primarie del centrosinistra”.
Su Il Risveglio della Sardegna (13 marzo 2019).
———————————————————–

Verso le Elezioni del Sindaco e del Consiglio comunale di Cagliari

Cagliari oggi 8 mar 16lampada aladin micromicroAladinews si impegna per la massima diffusione di un DIBATTITO indispensabile per la città capoluogo e per la Sardegna.
Riprendiamo dal suo sito un intervento di Vito Biolchini che propone dieci domande su cui raccogliere le riflessioni di chiunque abbia qualcosa da dire sia per fare un bilancio dell’amministrazione uscente sia per prospettare un possibile futuro per la gestione della città.
————————————————————————————-
2011-2019, Zedda sindaco di Cagliari: dieci domande per fare un bilancio e aprire il dibattito
di Vito Biolchini
14/03/2019 alle 20:55 su vitobiolchini.it
A Cagliari l’era Zedda è finita. Sindaco per otto anni, dal 2011 al 2019. Il primo di sinistra a guida di una amministrazione di centrosinistra: un caso mai avvenuto, praticamente la prima volta dal secondo dopoguerra.
Un’elezione giustamente ritenuta storica, dunque. Ma lo è altrettanto l’eredità di questa non breve stagione di governo? E’ confrontabile ad esempio con quella lasciata da due memorabili sindaci cagliaritani Ottone Bacaredda e Luigi Crespellani? Pure quest’ultimo lasciò il Comune per la Regione, diventandone Presidente.
La sinistra non brilla da tempo per capacità di analisi, tanto meno in Sardegna (dove ancora stiamo aspettando una lettura, una qualunque, della sconfitta di Renato Soru nel 2009).
Stavolta dovrebbe essere diverso e, se vogliamo, più facile. Perché non c’è nessuna sconfitta da elaborare (Zedda si è dimesso e sceglie di andare in Consiglio regionale come consigliere di minoranza) e perché l’ormai ex sindaco di Cagliari è circondato da una generale e benevola considerazione, da una stampa locale e nazionale mai critica, benché ciò non gli abbia evitato la brutale sconfitta delle ultime elezioni regionali (110 mila voti di distanza dal vincitore Solinas; cinque anni fa Pigliaru prevalse su Cappellacci per 17mila voti, dieci anni fa Cappellacci batté Soru per 87 mila voti, quindici anni fa Soru batté Pili per 93 mila voti).
Ora comunque nessuno deve fare più i conti con il consenso, ogni considerazione è scevra da strumentalità politica. Una fase si è chiusa ed è consegnata alla storia di questa città. Facciamo dunque uno sforzo di astrazione e proviamo ad aiutare chi, fra qualche decennio, proverà a capire in che modo una amministrazione di sinistra ha cambiato Cagliari tra il 2011 e il 2018.
La questione è semplice: la città che Zedda lascia è migliore di quella che ha trovato nel 2011? E se sì, perché?
Domanda suggestiva ma, se posta in questi termini, profondamente fuorviante. Bisognerebbe infatti che il giudizio fosse ancorato a degli elementi oggettivi, o quanto meno articolato per ambiti, e soprattutto riferito al criterio di continuità-discontinuità rispetto a quanto fatto in precedenza dalla destra.
E allora cerchiamo di individuare dieci questioni cruciali sulle quali era atteso un significativo cambio di rotta dopo i 17 anni di amministrazione Delogu–Floris. La mia è chiaramente una articolazione soggettiva di temi, ognuno può fare altre scelte. Ma io penso che sia necessario condividere il metodo.
[segue]

“CATTEDRALI DI SARDEGNA. L’ADEGUAMENTO LITURGICO DELLE CHIESE MADRI NELLA REGIONE ECCLESIASTICA SARDA”

cattedrali-di-sardegna-coverCONFERENZA EPISCOPALE SARDA
PRESENTAZIONE DEL VOLUME “CATTEDRALI DI SARDEGNA. L’ADEGUAMENTO LITURGICO DELLE CHIESE MADRI NELLA REGIONE ECCLESIASTICA SARDA”
A Cagliari sabato 16 marzo, h. 10,30, nella Sala Convegni de L’Unione Sarda, P.zza dell’Unione Sarda.
Interverranno S.E. Monsignor Arrigo Miglio, Arcivescovo di Cagliari e Presidente della Conferenza Episcopale Sarda, S.E. Monsignor Sebastiano Sanguinetti, vescovo delegato Patrimonio Ecclesiastico, don Valerio Pennasso, Direttore Ufficio Nazionale BCE ed EDC e il dott. Fabio Ardau, curatore dell’Opera.
Gli interventi saranno moderati dal giornalista Paolo Matta. [segue]

Newsletter

logo-ok-chiesa-ranieroNotizie da
Chiesa di tutti Chiesa dei poveri.
Newsletter n. 141 del 12 marzo 2019

RATIONE SERVITUTIS?

Care amiche ed amici,
[segue]

Newsletter

logo76Scegliete oggi chi volete servire (Gs 24,15)
Notizie da
Chiesa di tutti Chiesa dei poveri
Newsletter n. 140 del 5 marzo 2019
IL GRIDO
Care amiche ed amici, [segue]

Newsletter

logo76Notizie da
Chiesa di tutti Chiesa dei poveri
Newsletter 139 del 26 febbraio 2019

L’IRA DI DIO

Care amiche ed amici,
[segue]

Dibattito

divano-rossoCiò che la sinistra non ha fatto
LA VERA NATURA DEL REDDITO DI CITTADINANZA

Il suo scopo non è di far sopravvivere una platea più o meno ristretta di persone che cercano e non trovano lavoro, ma di garantire il diritto all’esistenza di tutti, e la loro autodeterminazione, come prima responsabilità di uno Stato sociale, quando milioni di persone sono in povertà assoluta.
di Giuseppe Bronzini
(da “Volere la luna”)

Finalmente ha visto la luce il decreto legge istitutivo di un “reddito di cittadinanza” voluto dal Movimento 5Stelle come elemento “identitario” della sua partecipazione all’attuale governo.
[segue]