Monthly Archives: aprile 2014

gli occhiali di Piero su…

Giorgio Asproni fto picc10 COME LUI
Il 30 aprile 1876 muore a Roma Giorgio Asproni di Bitti.
10 come lui e la monarchia andrebbe in pezzi, così disse di lui Cavour.
Ne ho parlato il 30 aprile 2013 e anche pochi giorni fa (vedi Aladin pensiero, 30 aprile 2013 e 26 aprile 2014).

QUESTA E’ SOLIDARIETA’?
Nel 2005 quattro poliziotti ammazzano un ragazzo.
Giudicati colpevoli sono condannati a 42 mesi di carcere, ne scontano 6 e tornano in servizio, di nuovo rappresentano la legge. Il loro sindacato fa una manifestazione contro la madre dell’ucciso. Il Ministro Cancellieri chiama la madre e le esprime solidarietà, ma nessuno viene sanzionato. Al congresso dello stesso sindacato i colleghi poliziotti applaudono per cinque minuti i colleghi assassini.
Il Presidente del Consiglio Renzi esprime solidarietà alla madre dell’ucciso.
Tutto a posto? Alla prossima?
—————————–
Francesca Madrigali 1Sostiene Madry. Ma lo sapete, sì, che Federico Aldrovandi poteva essere figlio mio e vostro? Guardo la foto. Era poco più di un ragazzo. E gli altri, non potevano essere forse nostri amici, fratelli?
Loro sono morti, sono appunto soltanto delle fotografie. Gli altri sono vivi, leggo stupefatta che ricevono applausi da colleghi che così infangano tutta la loro categoria e un intero paese.
Guardo le foto, penso alle madri che hanno fatto quei figli e poi.
E poi niente, vero sgomento.
—————————-
LIBERAZIONE, FESTA IN VIETNAM
Oggi in Vietnam è la Festa della Liberazione.
Il 30 aprile 1975 l’esercito del Vietnam del Nord entra a Saigon.
Dalla città fuggono gli agenti della Cia e gli altri americani che ancora sostenevano il regime fantoccio del Vietnam del Sud, con loro i vietnamiti compromessi col regime: la più grande fuga in elicottero della storia. Il paese è riunificato, Saigon diventa Città Ho Chi Min. E’ festa nel mondo. A Bologna il 1 maggio del 1975 un omone diffonde l’Unità gridando a gran voce: La zanzara ha sconfitto l’elefante.
Non lo dimenticherò mai.
————————-
GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413
Sentenza inequivocabile della Cassazione
TUTTI A CASA
“I cittadini elettori non hanno potuto esercitare il diritto di voto personale, eguale, libero e diretto secondo il paradigma costituzionale, per la oggettiva e grave alterazione della rappresentanza democratica, a causa del meccanismo di traduzione dei voti in seggi, intrinsecamente alterato dal premio di maggioranza disegnato dal legislatore del 2005, e a causa dell’impossibilità per i cittadini elettori di scegliere i propri rappresentanti in Parlamento”.
“Il principio di continuità dello Stato non può legittimare fino alla fine della legislatura le Camere elette in violazione della libertà di voto e che sono il frutto della grave ferita inferta alla logica della rappresentanza consegnata dalla Costituzione”.
————————
Édouard Manet
30 aprile 1883: muore, a 51 anni, il grande pittore impressionista Édouard Manet.Édouard_Manet Le_Déjeuner_sur_l'herbe
——————————————–
Colazione sull’erba (1863) Musée d’Orsay

Domani 1° maggio, festa del lavoro, a Cagliari passa sant’Efisio. Preghiera: liberaci dalla nuova peste della mancanza di lavoro

Giuseppe Pellizza da Volpedo Quarto_Stato
.
ape-innovativaDomani 1° maggio è la Festa del Lavoro e quindi la Festa dei Lavoratori. Cade in una situazione di crescente disagio dei lavoratori, specie di quelli che in numero crescente il lavoro lo hanno perso o non lo hanno mai avuto. Ha ragione Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil a sostenere che sarà un Primo Maggio “caratterizzato dal lavoro che non c’è, soprattutto per i giovani: è la festa della disoccupazione più che del lavoro”. Il lavoro è la prima emergenza, il diritto al lavoro per tutti è principale obbiettivo a cui devono mirare le politiche e i politici che le devono attuare. L’obbiettivo è certo difficile, ma al di là delle parole non crediamo vi sia un conseguente impegno concreto da parte dei politici e di quanti possono e devono impegnarsi su questo versante. Davanti a tanta inadeguatezza occorre battersi per cambiare politiche e politici. In questo quadro quasi disperante ogni iniziativa che miri alla creazione del lavoro, del buon lavoro – che per noi significa lavoro stabile e duraturo – va rispettata, difesa, esaltata. Tra queste iniziative comprendiamo anche le preghiere per il lavoro, da quelle di papa Francesco a tutte le altre, come la “Veglia di preghiere per il lavoro” organizzata per oggi dalla Diocesi di Cagliari. Parlando di preghiere per il lavoro non possiamo non segnalare quella ideata da sant_efisio CagliariFrancesca Madrigali e rivolta a San’Efisio (Preghiera a Sant’Efisio per la mia generazione, riportata sulla sua news on line Madrigopolis). Francesca si rivole amichevolmente al santo guerriero e martire più venerato in Sardegna, perchè ripeta l’antico miracolo e liberi lei (Francesca) e la sua generazione (quella dei 30-40enni) dalla nuova peste, di altro tipo: “la precarietà che ha infettato le nostre vite fin nel midollo, che ha cambiato i valori e gli schemi della società in cui viviamo, che ha fatto della flessibilità il suo dio, che pensa che pagare poco e male le persone sia normale”. Continua Francesca: “Qua ci vuole un miracolo: per svegliare chi sta dormendo mentre il tempo passa e la vita non aspetta, punire chi ci strumentalizza, darci il tempo e le forze per ribellarci a questa ingiustizia e riacquistare speranza”.
.
Francesca Madrigali 1
Francesca Madrigali
——————————————-
———–
.
.
.
—————————————————————
Sassari: sei i candidati alla carica di sindaco
¡Y ahora a la lucha bruta!

municipio di SS
di Vanni Tola
Conclusa la procedura di presentazione delle liste per le elezioni amministrative osserviamo gli schieramenti in campo. Emerge intanto un notevole numero di liste partecipanti, ben 22 con circa 700 candidati. I concorrenti alla carica di sindaco sono sei. Vediamo i raggruppamenti fra le liste. Il candidato sindaco del centro-sinistra è Nicola Sanna, vincitore delle primarie con un vantaggio molto limitato. Lo sostiene il Partito Democratico, un partito uscito profondamente diviso dalla prova delle primarie nel quale – dietro un’apparente nuova unità intorno al candidato di bandiera – persistono le divisioni, i rancori e la rabbia dei notabili dell’apparato che fanno riferimento all’area Spissu-Ganau-Giagu, risultati sconfitti alle primarie di qualche settimana fa. La ritrovata unità fra le componenti intorno alla candidatura Sanna è, in realtà, una sorta di “tregua armata” suggellata con l’impegno di dividere equamente il peso delle componenti nella scelta dei candidati. La coalizione di Centro- Sinistra sarà supportata da ben undici formazioni politiche (in alcuni casi quasi liste condominiali sorte per l’occasione) che, in cambio del loro appoggio attendono naturalmente un’adeguata rappresentanza in Giunta. Difficilmente gli elettori riusciranno a individuare i punti programmatici comuni tra formazioni cosi eterogenee e spesso distanti fra loro quali il Centro Democratico, l’Italia dei Valori, l’IRS (Indipendentzia Repubrica de Sardigna), La Base, Libertà di Movimento (ex Grillini), Ora sì, Partito dei Sardi, Rossomori, Sassari Bella Dentro, Sel (Sinistra Ecologia e Liberta) e UPC (Unione provinciale cristiana). E, d’altra parte, di contenuti programmatici si è parlato abbastanza poco stante anche la notevole eterogeneità delle forze che compongono la coalizione che avrebbe reso problematica la definizione di un programma comune non limitato all’esposizione di una generica lista di buoni proponimenti. Se il centro sinistra dovesse vincere le elezioni, il candidato sindaco Nicola Sanna e il suo staff dovranno avere infinite capacità di mediazione per mettere insieme i punti di vista di forze politiche e organizzazioni politicamente e culturalmente molto differenti e distanti fra loro. Trasformare questa sorta di “armata Brancaleone” in stabilità politica nell’ Amministrazione comunale futura sarà impresa ardua. Ma il candidato sindaco è ottimista. “Grazie al percorso delle primarie ci presentiamo all’appuntamento uniti e determinati” ha dichiarato Nicola Sanna. Se è cosi, tanti auguri.
Il Centro-Destra invece candida una donna, Rosanna Arru, dirigente scolastica. La Arru, sarà sostenuta da Forza Italia, Udc (Unione di centro), Fratelli d’Italia e la lista civica “Sassari Progetto comune”. “ Sto cercando di creare una lista civica formata da persone rappresentative di tutta la società sassarese, senza distinguo dovuti a partiti o aree politiche di appartenenza”, spiega la dirigente scolastica. «Io non pongo veti a nessuno, chiunque si riconoscerà nella mia proposta di amministrazione della città sarà il benvenuto. La mia candidatura e la lista civica che comporremo vogliono offrire un’alternativa a tutti coloro i quali non si riconoscono nei programmi, nei metodi, nelle idee e nella figura del candidato sindaco del Pd». Progetto lodevole che non è però riuscito ad evitare la “rottura “ a destra e la nascita di Progetto Centrista, una forte lista concorrente nella medesima area politica. Il candidato sindaco di Progetto Centrista è Nicola Lucchi, avvocato, già assessore nella giunta guidata tra il 2000 e il 2005 dal sindaco Nanni Campus. Lucchi è proposto da Riformatori, Unidos, il movimento che fa capo al parlamentare Mauro Pili, e dalla lista civica «Sassari è».
Il Psd’Az, falliti i tentativi di apparentamento con i raggruppamenti maggiori, sceglie di correre da solo con una propria lista che vede candidato per la carica di sindaco Antonio Cardin, consigliere comunale e capogruppo del PSd’Az. L’indicazione fondamentale è quella sancita recentemente dal partito che può essere riassunta con lo slogan “nessuna alleanza, né a destra, né a sinistra, ma con uno spiraglio al Centro”.
Partecipa anche alla composizione elettorale il Fronte Indipendentista Unidu che candida alla carica di sindaco Cristiano Sabino, docente di 34 anni, che insegna filosofia e storia nei Licei di Sassari dove lavora come precario. È militante della sinistra indipendentista dalla fondazione del movimento “A Manca pro s’Indipendentzia” di cui è stato portavoce fino allo scorso febbraio. Sostiene il candidato Sabino il Movimento per il lavoro, i diritti e l’ambiente di cui fanno parte Alba e Azione Civile.
L’ultimo schieramento in campo, quello che potrebbe rappresentare la “sorpresa” di queste elezioni, è il Movimento Cinque Stelle che ha ufficializzato la candidatura alla carica di Sindaco di Maurilio Murru, 42 anni, dipendente amministrativo in un’azienda privata di Porto Torres. Coerentemente con la linea del M5S nazionale, anche per le amministrative di Sassari il movimento non ipotizza alcuna alleanza. Ha da spendere un credito considerevole che gli deriva dall’aver ottenuto in città il 31,5% dei voti nelle ultime elezioni politiche. Il programma, naturalmente disponibile in rete, è concentrato in undici “azioni” di intervento politico indicate come portatrici di originalità e innovazione, idee nuove per una città nuova. Con lo slogan #vinciamonoi il Movimento propone la riscoperta e rivitalizzazione del centro storico tramite residenze universitarie diffuse, attività mercatali, fiscalità di vantaggio, rivisitazione della Ztl, e la rottura del muro che divide il paese reale dai propri amministratori. Propone inoltre il question time comunale per offrire ai cittadini l’opportunità di dialogare settimanalmente col sindaco incontrandolo nella sala del consiglio comunale, ma anche il referendum sugli atti di grande interesse collettivo, e l’idea dell’istituzione di una consulta dei Gremi, presieduta dal sindaco e nella quale i rappresentanti dei Gremi tratteranno i temi di maggiore interesse della città. Ma le proposte non finiscono qui. Si prosegue con politiche sociali e abitative più incisive (tra le varie iniziative spicca per originalità la figura dell’infermiere di quartiere). La “carta delle culture” e il perseguimento dell’obiettivo rifiuti zero, l’acqua pubblica, il Puc partecipato, la mobilità sostenibile, e azioni dedicate all’agro e alla periferia, l’agenda digitale e un intero capitolo dedicato allo sport. “Si tratta di idee nuove – dichiara Murru – che mettono i sassaresi al centro della propria città. L’innovazione sta proprio in questo, nella partecipazione diretta dei cittadini al governo del proprio quartiere o della propria borgata. L’idea di fondo è che non si cambia la città costruendo l’ennesimo litigioso carrozzone elettorale ma avendo il coraggio di portare avanti i temi e non le poltrone”. Un programma che potrebbe avere grande ascolto nell’area degli indecisi e di coloro che si orientavano per l’astensionismo.
Difficile formulare pronostici sulla tornata elettorale, ci limiteremo quindi ad alcune brevi considerazioni di carattere generale. Molto elevato numero delle liste e dei candidati. Come generalmente accade per le consultazioni amministrative, è prevedibile una partecipazione elevata dei cittadini al voto e, conseguentemente, un calo dell’astensionismo che potrebbe perfino contribuire a estendere la partecipazione alla consultazione europea che si svolgerà nella stessa giornata. La frammentazione e l’eterogeneità delle forze politiche che costituiscono gli schieramenti di Centro-Sinistra e Centro-Destra, la scarsa attenzione ai programmi per privilegiare le strategie di aggregazione tra componenti delle coalizioni, potrebbero rivelarsi penalizzanti per i due maggiori schieramenti a tutto vantaggio di altre formazioni e in particolare del M5S che – al di là di quello che si può pensare nel merito della loro proposta politica – ha il grosso vantaggio di presentarsi come una compagine unita e determinata, con un programma chiaro, ben definito e di cambiamento radicale. Nello scontro tra centro-sinistra e centro-destra diversi osservatori tendono a vedere in vantaggio lo schieramento di centro-sinistra. Ma non è da escludere, anzi è molto probabile che il risultato della votazione determini la necessità del ballottaggio e che questo possa avvenire tra uno dei due schieramenti maggiori e il M5S. Se ciò accadesse, la possibilità che la seconda città della Sardegna possa vivere l’esperienza di un Sindaco e di una Giunta a cinque stelle, non è poi cosi remota.

————————–
Sassari: sei i candidati alla carica di sindaco
¡Y ahora a la lucha bruta!

Y ahora a la lucha bruta
***************************************************************
NOTE
DA REPUBBLICA ON LINE DEL 30 APRILE 2014
La disoccupazione resta al top al 12,7%.
Ma c’è un rimbalzo degli occupati

L’Istat diffonde i dati provvisori per marzo, con il tasso di disoccupazione che resta ai massimi delle serie storiche. Rivisti al 12,7% anche i dati di gennaio e febbraio. Tra i giovani il tasso di disoccupazione è al 42,7%. Segnale positivo dalla ripresa degli occupati, 73mila in più del mese precedente con un tasso che sale al 55,6%

MILANO – Il decreto legge sul lavoro voluto dal ministro Giuliano Poletti ha iniziato il suo iter parlamentare, non senza giochi di forza all’interno della maggioranza, ad esempio sul tema dei rinnovi per i contratti a termine. Intanto i dati mostrano quanto l’emergenza occupazionale resti a livelli record per l’Italia: secondo l’Istat, il tasso di disoccupazione a marzo è risultato al 12,7%, in calo di 0,1 punti in termini congiunturali ma in aumento di 0,7 punti nei dodici mesi. Al netto degli arrotondamenti decimali, si può affermare che il tasso resta ai livelli massimi sua dall’inizio delle serie mensili (2004) che da quelle trimestrali (1977). Dati che permettono a Susanna Camusso di dire che sarà un Primo Maggio “caratterizzato dal lavoro che non c’è, soprattutto per i giovani: è la festa della disoccupazione più che del lavoro”.

A favore dell’ottimismo gioca invece il fatto che per la prima volta in questa fase della crisi si registra un’inversione di tendenza nell’andamento dell’occupazione. A marzo gli occupati sono infatti 22 milioni 356 mila, in aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente (+73 mila), ma pur sempre in diminuzione dello 0,6% su base annua (-124 mila). Il tasso di occupazione, pari al 55,6%, aumenta di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali ma diminuisce di 0,2 punti rispetto a dodici mesi prima. Risalendo le serie storiche, per ritrovare una precedente variazione positiva del tasso di occupazione bisogna arrivare al giugno 2013 (+0,1 punti percentuali), mentre
il livello di occupazione aveva rimbalzato l’ultima volta nel febbraio del 2013. Scendono di contro i disoccupati, a 3 milioni 248 mila, in calo dello 0,2% rispetto al mese precedente (-5 mila) ma in aumento del 6,4% su anno (+194 mila).

L’Istituto di statistica, che ha diffuso i dati provvisori, ha rivisto i dati destagionalizzati dei mesi di gennaio e febbraio, portandoli al 12,7% di tasso di disoccupazione, a seguito di una revisione del modello statistico di riferimento. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni – sempre a marzo – è al 42,7%, sostanzialmente stabile rispetto al mese precedente ma in aumento di 3,1 punti nel confronto annuo. Anche nel caso dei giovani, gli economisti hanno rivisto i dati destagionalizzati di gennaio e febbraio, indicando rispettivamente il 42,9% e il 42,8% come tasso di disoccupazione. In cerca di occupazione sono in 683mila, che significa l’11,4% sul totale della popolazione in quella fascia di età.

Segnale positivo anche dal fatto che il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuisce dello 0,5% rispetto al mese precedente e dell’1,2% rispetto a dodici mesi prima. Il tasso di inattività, pari al 36,2%, diminuisce di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,3 punti su base annua. Il numero di giovani inattivi è pari a 4 milioni 393 mila, in diminuzione dello 0,6% nel confronto congiunturale (-25 mila) e dello 0,5% su base annua (-21 mila). Il tasso di inattività dei giovani tra 15 e 24 anni, pari al 73,3%, scende di 0,4 punti percentuali nell’ultimo mese mentre sale di 0,1 punti nei dodici mesi.

(30 aprile 2014)

Chi aiuta i giovani a fare impresa?

CROWD28AP14
di Franco Meloni
Al termine del Seminario sul crowdfunding mi ha avvicinato Luca: “Senta, io ho un’idea d’impresa, abbastanza definita, in cui credo molto e voglio concretizzare. Ma non voglio fare sciocchezze. Prima di spendere denari (quei pochi che ho) ed evitare di buttarli dalla finestra, ho bisogno di parlarne con esperti che mi diano buoni consigli, che mi aiutino… A chi mi posso rivolgere? Bella domanda. Mentre ci penso, Luca incalza: “Per esempio a chi mi posso rivolgere in Camera di Commercio?”. Non lo so proprio, dico io, ma è una domanda che porrò al presidente della Camera. “Addiritura! – dice Luca – C’è bisogno di scomodare il vertice più alto”. Sì, rispondo io convinto: perchè questo è veramente uno dei problemi più seri che abbiamo rispetto alla lotta contro la disoccupazione, specie dei giovani. - segue -

gli occhiali di Piero

Lenepveu Jeanne d'Arc aus iège d'OrléansGIOVANNA D’ARCO
Il 29 aprile 1429 Giovanna D’Arco entra ad Orleans, la città assediata dagli inglesi con 11 fortezze intorno ad essa. La città è stremata, nell’unica sortita tentata dal Bastardo di Orleans (soprannome di Jean de Dunois, figlio illegittimo di Luigi d’Orleans, il fratello del re) i francesi sono stati sconfitti. Giovanna rianima il popolo e dieci giorni dopo gli inglesi, che avevano deriso l’invito della Pulzella ad arrendersi, vengono clamorosamente sconfitti.
.
.

Giovanna-darco-LiseiCosì racconta il cane Arnault, fedele compagno di Giovanna, nel libro “La casa dello Strego” di Licia Lisei e Piero Marcialis:
“… la poveretta, nascosta in una credenza, vide la sorella violentata e uccisa dagli inglesi. Aveva solo 13 anni. Cominciò a parlare con angeli e santi: San Michele e Santa Caterina e che so io. Voi direte che era matta. Forse, ma anche voi lo sareste se vi capitasse una cosa del genere. E parlereste con angeli e santi, visto che non serve a nulla parlare con gli uomini…”

Si discute d’Europa

bandiera-SardegnaEuropaOggi, dalla ore 17,15, sede Fondazione Luca Raggio piazza Martiri 4 a Cagliari, dibattito sul futuro dell’Europa in vista delle elezioni del 25 maggio.

il catalogo di Licia

Alexandre Cabanel (1823-1889) - La nascita di Venere
IL CATALOGO. Alexandre Cabanel (1823-1889): La nascita di Venere. Nello stesso “salon” dove aveva frustato la “Sorgente” di Courbet, era esposta questa Venere.
Come si vede, anche questa nuda e, direi, lascivamente abbandonata sull’onda… eppure, non solo quest’immagine non suscitò scandalo o riprovazione ma addirittura piacque così tanto all’imperatore che la acquistò per la sua collezione personale. Dunque Courbet aveva ragione: faceva scandalo la rappresentazione della realtà, non il nudo se questo apparteneva alla “tradizione”…

Crowdfunding… solo un aperitivo, un buon aperitivo!

crowd6crowd4
crowd2
———
Franco per start upUlteriori informazioni sulla pagina fb dell’evento

ll catalogo di Licia

Gustave Courbet (Ornans 1819 - Svizzera 1877) - Donna che gioco con un pappagallo
IL FAMOSO CATALOGO. Gustave Courbet (Ornans 1819- Svizzera 1877): Donna che gioca con un pappagallo. . Ne abbiamo già parlato su Aladinews, ma giova ricordare che Courbet è il fondatore della Scuola del Realismo la cui finalità essenziale è la ricerca della Verità e della rappresentazione oggettiva della realtà, senza idealizzazioni, in modo “rispecchiante”. Devo dire che non sempre riuscì ad essere coerente, ma proprio questo lo rende interessante. Fu un artista scomodo e incompreso e pagò duramente la sua partecipazione alle vicende della Comune di Parigi.
————
Gustave Courbet (1868) La Sorgente.IL FAMOSO CATALOGO. Gustave Courbet (1868) La Sorgente. A proposito di scandalo, fu questo dipinto a suscitare un grosso scandalo per la sua lontananza dai canoni della bellezza ideale (non perchè fosse rappresentato un nudo). Si dice che l’imperatore Napoleone III il “piccolo” ( non di statura ) in visita alla Mostra nella quale era esposto tra molti altri, di fronte ad esso, colto da un attacco di rabbia e preso il frustino del suo attendente, lo abbia fustigato con veemenza, tra imprecazioni e minacce. (Immaginiamoci che cosa avrebbe fatto di fronte a “l’ Origine del mondo”…).
——————————————————-
Di Gustave Coubert Aladinews si è occupato altre volte.

Oggi lunedì 28 aprile 2014 CROWDFUNDING

Cagliari, Palazzo dei Congressi in Fiera, sala D, ore 16-20, ingresso gratuito dal piazzale Coni.
crowdfunding in Fiera
———-
La pagina fb dell’evento

Piero e Sa die de sa Sardigna – Alcuni appuntamenti de sa die

sadiedesasardignaSa die 2009 Piero Marcialis28 APRILE 1794
Sono 28 anni che parlo di questa storica giornata.
Oggi, se permettete, starò zitto. Parlate voi.
Piero
——–
- Vi spiego Sa die, di Francesco Casula
——–
- Procurade ‘e moderare
———————————————————————————-
Altri appuntamenti
(Dalla sala stampa del Consiglio Regionale) Alle 11 il Consiglio regionale si riunirà in seduta solenne per celebrare “Sa Die de sa Sardigna”. La seduta sarà preceduta da un concerto della Banda della Brigata Sassari e dei tenores di Neoneli. La seduta solenne si aprirà con l’intervento del Presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau. Seguiranno gli interventi di maggioranza e opposizione. Chiuderà i lavori il Presidente della Regione Francesco Pigliaru. Dopo la seduta si esibiranno il suonatore di launeddas Andrea Pisu e i tenores di Neoneli. I lavori del Consiglio regionale riprenderanno alle ore 16. (R.R.)
———————————————————————————
Cagliari Cilloco- Alle ore 17.30, presso il lounge bar “7 vizi”, all’interno della Mediateca Comunale di Via Mameli 164/F Francesco Casula parlerà di “Francesco Cilocco, un eroe dimenticato”.
————————
- Sa Die de sa Sardinia: da chi scommiatarci oggi? Andrea Pubusa su Democraziaoggi

i capolavori del catalogo di Licia

A. Canova Paolina.Paolina del Canova
IL CATALOGO: A. Canova, Paolina. (Paolina Borghese come Venere vincitrice).
Quando il nudo è neoclassico. Ovvero classico al quadrato. La domanda è: quanto c’è di Paolina e quanto c’è di Venere? Si sa che Paolina era una donna bella e di gran fascino (e di costumi… liberi). Poichè la tradizione voleva che Venere fosse rappresentata nuda (da Prassitele in poi), niente poteva impedire di rappresentare Paolina nuda dal momento che la sua bellezza era paragonabile a quella della Dea.

la tavolozza, e non solo, di Licia. Il catalogo

Canova Le tre grazieIL FAMOSO CATALOGO (dei nudi femminili più belli…). Antonio Canova (Possagno 1757-Venezia 1822): Le tre Grazie. Ovvero quando la Bellezza è Neo-classica… cioè classica al quadrato! Le Grazie sono fanciulle bellissime che si abbracciano o danzano insieme: sono le divinità del corteo di Venere-Afrodite e nel mito greco aiutano l’umanità primordiale a uscire dalla selva e divenire civile. Per questo motivo sono così frequenti nell’arte tra ’700 e ’800, nell’epoca dei Lumi, perchè rappresentano allegoricamente l’idea di progresso e ingentilimento della stirpe umana (ma anche il Botticelli le rappresentò, sul finire del ’400, nella famosa “Primavera”).
———————
Busto Fonseca Musei CapitoliniLa donna, in età giovanile, volge decisamente il capo alla sua sinistra. L’ovale del viso, allungato, risulta dominato dal taglio a mandorla degli occhi e dalle labbra, piccole, carnose e ben delineate.
I capelli seguono la moda delle acconciature ancora di età flavia: al di sopra della fronte, essi sono organizzati in serie parallele di boccoli “a cavatappi” ben ordinati, desinenti sulla fronte con punte “a fiammella”.

Busto Fonseca @ Musei Capitolini: http://bit.ly/1hsCYXL
———————-

oggi lunedì 28 aprile Sa die de sa Sardigna

Sardegna-bomeluzo22

Sassari: sei i candidati alla carica di sindaco

¡Y ahora a la lucha bruta!
municipio di SS
di Vanni Tola
Conclusa la procedura di presentazione delle liste per le elezioni amministrative osserviamo gli schieramenti in campo. Emerge intanto un notevole numero di liste partecipanti, ben 22 con circa 700 candidati. I concorrenti alla carica di sindaco sono sei. Vediamo i raggruppamenti fra le liste. Il candidato sindaco del centro-sinistra è Nicola Sanna, vincitore delle primarie con un vantaggio molto limitato. Lo sostiene il Partito Democratico, un partito uscito profondamente diviso dalla prova delle primarie nel quale – dietro un’apparente nuova unità intorno al candidato di bandiera – persistono le divisioni, i rancori e la rabbia dei notabili dell’apparato che fanno riferimento all’area Spissu-Ganau-Giagu, risultati sconfitti alle primarie di qualche settimana fa. La ritrovata unità fra le componenti intorno alla candidatura Sanna è, in realtà, una sorta di “tregua armata” suggellata con l’impegno di dividere equamente il peso delle componenti nella scelta dei candidati. La coalizione di Centro- Sinistra sarà supportata da ben undici formazioni politiche (in alcuni casi quasi liste condominiali sorte per l’occasione) che, in cambio del loro appoggio attendono naturalmente un’adeguata rappresentanza in Giunta. Difficilmente gli elettori riusciranno a individuare i punti programmatici comuni tra formazioni cosi eterogenee e spesso distanti fra loro quali il Centro Democratico, l’Italia dei Valori, l’IRS (Indipendentzia Repubrica de Sardigna), La Base, Libertà di Movimento (ex Grillini), Ora sì, Partito dei Sardi, Rossomori, Sassari Bella Dentro, Sel (Sinistra Ecologia e Liberta) e UPC (Unione provinciale cristiana). E, d’altra parte, di contenuti programmatici si è parlato abbastanza poco stante anche la notevole eterogeneità delle forze che compongono la coalizione che avrebbe reso problematica la definizione di un programma comune non limitato all’esposizione di una generica lista di buoni proponimenti. Se il centro sinistra dovesse vincere le elezioni, il candidato sindaco Nicola Sanna e il suo staff dovranno avere infinite capacità di mediazione per mettere insieme i punti di vista di forze politiche e organizzazioni politicamente e culturalmente molto differenti e distanti fra loro. Trasformare questa sorta di “armata Brancaleone” in stabilità politica nell’ Amministrazione comunale futura sarà impresa ardua. Ma il candidato sindaco è ottimista. “Grazie al percorso delle primarie ci presentiamo all’appuntamento uniti e determinati” ha dichiarato Nicola Sanna. Se è cosi, tanti auguri.
Il Centro-Destra invece candida una donna, Rosanna Arru, dirigente scolastica. La Arru, sarà sostenuta da Forza Italia, Udc (Unione di centro), Fratelli d’Italia e la lista civica “Sassari Progetto comune”. “ Sto cercando di creare una lista civica formata da persone rappresentative di tutta la società sassarese, senza distinguo dovuti a partiti o aree politiche di appartenenza”, spiega la dirigente scolastica. «Io non pongo veti a nessuno, chiunque si riconoscerà nella mia proposta di amministrazione della città sarà il benvenuto. La mia candidatura e la lista civica che comporremo vogliono offrire un’alternativa a tutti coloro i quali non si riconoscono nei programmi, nei metodi, nelle idee e nella figura del candidato sindaco del Pd». Progetto lodevole che non è però riuscito ad evitare la “rottura “ a destra e la nascita di Progetto Centrista, una forte lista concorrente nella medesima area politica. Il candidato sindaco di Progetto Centrista è Nicola Lucchi, avvocato, già assessore nella giunta guidata tra il 2000 e il 2005 dal sindaco Nanni Campus. Lucchi è proposto da Riformatori, Unidos, il movimento che fa capo al parlamentare Mauro Pili, e dalla lista civica «Sassari è».
Il Psd’Az, falliti i tentativi di apparentamento con i raggruppamenti maggiori, sceglie di correre da solo con una propria lista che vede candidato per la carica di sindaco Antonio Cardin, consigliere comunale e capogruppo del PSd’Az. L’indicazione fondamentale è quella sancita recentemente dal partito che può essere riassunta con lo slogan “nessuna alleanza, né a destra, né a sinistra, ma con uno spiraglio al Centro”.
Partecipa anche alla composizione elettorale il Fronte Indipendentista Unidu che candida alla carica di sindaco Cristiano Sabino, docente di 34 anni, che insegna filosofia e storia nei Licei di Sassari dove lavora come precario. È militante della sinistra indipendentista dalla fondazione del movimento “A Manca pro s’Indipendentzia” di cui è stato portavoce fino allo scorso febbraio. Sostiene il candidato Sabino il Movimento per il lavoro, i diritti e l’ambiente di cui fanno parte Alba e Azione Civile.
L’ultimo schieramento in campo, quello che potrebbe rappresentare la “sorpresa” di queste elezioni, è il Movimento Cinque Stelle che ha ufficializzato la candidatura alla carica di Sindaco di Maurilio Murru, 42 anni, dipendente amministrativo in un’azienda privata di Porto Torres. Coerentemente con la linea del M5S nazionale, anche per le amministrative di Sassari il movimento non ipotizza alcuna alleanza. Ha da spendere un credito considerevole che gli deriva dall’aver ottenuto in città il 31,5% dei voti nelle ultime elezioni politiche. Il programma, naturalmente disponibile in rete, è concentrato in undici “azioni” di intervento politico indicate come portatrici di originalità e innovazione, idee nuove per una città nuova. Con lo slogan #vinciamonoi il Movimento propone la riscoperta e rivitalizzazione del centro storico tramite residenze universitarie diffuse, attività mercatali, fiscalità di vantaggio, rivisitazione della Ztl, e la rottura del muro che divide il paese reale dai propri amministratori. Propone inoltre il question time comunale per offrire ai cittadini l’opportunità di dialogare settimanalmente col sindaco incontrandolo nella sala del consiglio comunale, ma anche il referendum sugli atti di grande interesse collettivo, e l’idea dell’istituzione di una consulta dei Gremi, presieduta dal sindaco e nella quale i rappresentanti dei Gremi tratteranno i temi di maggiore interesse della città. Ma le proposte non finiscono qui. Si prosegue con politiche sociali e abitative più incisive (tra le varie iniziative spicca per originalità la figura dell’infermiere di quartiere). La “carta delle culture” e il perseguimento dell’obiettivo rifiuti zero, l’acqua pubblica, il Puc partecipato, la mobilità sostenibile, e azioni dedicate all’agro e alla periferia, l’agenda digitale e un intero capitolo dedicato allo sport. “Si tratta di idee nuove – dichiara Murru – che mettono i sassaresi al centro della propria città. L’innovazione sta proprio in questo, nella partecipazione diretta dei cittadini al governo del proprio quartiere o della propria borgata. L’idea di fondo è che non si cambia la città costruendo l’ennesimo litigioso carrozzone elettorale ma avendo il coraggio di portare avanti i temi e non le poltrone”. Un programma che potrebbe avere grande ascolto nell’area degli indecisi e di coloro che si orientavano per l’astensionismo.
Difficile formulare pronostici sulla tornata elettorale, ci limiteremo quindi ad alcune brevi considerazioni di carattere generale. Molto elevato numero delle liste e dei candidati. Come generalmente accade per le consultazioni amministrative, è prevedibile una partecipazione elevata dei cittadini al voto e, conseguentemente, un calo dell’astensionismo che potrebbe perfino contribuire a estendere la partecipazione alla consultazione europea che si svolgerà nella stessa giornata. La frammentazione e l’eterogeneità delle forze politiche che costituiscono gli schieramenti di Centro-Sinistra e Centro-Destra, la scarsa attenzione ai programmi per privilegiare le strategie di aggregazione tra componenti delle coalizioni, potrebbero rivelarsi penalizzanti per i due maggiori schieramenti a tutto vantaggio di altre formazioni e in particolare del M5S che – al di là di quello che si può pensare nel merito della loro proposta politica – ha il grosso vantaggio di presentarsi come una compagine unita e determinata, con un programma chiaro, ben definito e di cambiamento radicale. Nello scontro tra centro-sinistra e centro-destra diversi osservatori tendono a vedere in vantaggio lo schieramento di centro-sinistra. Ma non è da escludere, anzi è molto probabile che il risultato della votazione determini la necessità del ballottaggio e che questo possa avvenire tra uno dei due schieramenti maggiori e il M5S. Se ciò accadesse, la possibilità che la seconda città della Sardegna possa vivere l’esperienza di un Sindaco e di una Giunta a cinque stelle, non è poi cosi remota.
——————-
Sant_Eligio_bio Gremio SS
————————–
¡Y ahora a la lucha bruta!
Y ahora a la lucha bruta
————————–
GM ANGIOY A SS

gli occhiali di Piero su…

Antonio GramsciANTONIO GRAMSCI
Il 27 aprile 1937 a 46 anni muore Antonio Gramsci, distrutto dal carcere.
Di questo grande sardo parliamo spesso (vedi specialmente Aladin Pensiero del 22 gennaio 2014) e ancora ne parleremo.
—————————————-
Dal suo insegnamento: “Pessimismo dell’intelligenza, ottimismo della volontà”