L’Università di Cagliari presenta un progetto in sintonia con le esigenze della partecipazione dei cittadini alla gestione dei beni comuni urbani

is-mirr-e-colle-san-michele-25-nov19immaginedicaar1bBONAS NOAS. Rispondendo alle esigenze e accogliendo le richieste dell’associazionismo di base il Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura dell’Università degli Studi di Cagliari (DICAAR) diretto dal prof. Giorgio Massacci, ha presentato alla Fondazione di Sardegna un progetto denominato: “NeighborHub: riconoscimento, riuso e gestione condivisa dei beni comuni urbani. Un modello per la creazione di distretti socio-culturali diffusi a partire dai quartieri di edilizia popolare”. Il progetto – che prevede la realizzazione di un modello di gestione dei beni comuni urbani a partire dai quartieri di edilizia popolare e di partecipazione dei cittadini all’amministrazione del territorio – trova perfetta corrispondenza nelle linee di ricerca-azione del DICAAR, specificamente seguite dal prof. Ivan Blečić e dalla dott.ssa Valeria Saiu (referente del progetto). Il progetto inoltre è sostenuto da numerose associazioni socio-culturali; in particolare fanno parte del partenariato [segue] il Comitato Casa del quartiere di Is Mirrionis, l’Associazione socioculturale Aladinpensiero, l’Associazione Sarditinera Onlus, l’Istituto Gramsci della Sardegna, l’Associazione Natural’mente, l’Associazione TDM 2000. Ovviamente facciamo tifo perché il progetto sia valutato positivamente e conseguentemente finanziato, a vantaggio di tutta la cittadinanza (l’area di intervento parte da Cagliari e dai paesi della cinta urbana per estendersi potenzialmente – sulla base delle risorse che saranno messe a disposizione dal progetto e da nuovi co-finanziatori – fino a tutta l’area della Città metropolitana). Nel proseguo del tempo daremo conto in modo puntuale del progetto, che sarà anche presentato dai proponenti in apposite iniziative pubbliche.

One Response to L’Università di Cagliari presenta un progetto in sintonia con le esigenze della partecipazione dei cittadini alla gestione dei beni comuni urbani

  1. […] —————————————– – Su Giornalia: ripetere giova. Spazi civici a Cagliari: il problema ( che non si vuole affrontare) è la gestione. Dall’esame di un caso concreto (il persistente inutilizzo del cd palazzo sorcesco, recentemente ristrutturato) al problema generale di carenza regolamentare del Comune di Cagliari. ——————————————- – Su Aladinpensiero online: Beni comuni urbani: perché non si utilizza il palazzo sorcesco? ——————————————- – Beni comuni urbani: l’Università in campo. L’Università di Cagliari presenta un progetto in sintonia con le esigenze della partecipazione de…. […]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>