Auguri Andrea, sacerdote, operaio, poeta!

copia-di-andrea-e-armando1andrea-e-armando2
INGENUGAU IN SA STOIA
A su scurigadroxu
candu una manta ‘e nebida
aculiat in domu
s’urtimu andaiolu
totu Armungia si imbussat
de soledadi e asseliu nuraxinu.
Ma abellu abellu una boxi si pesat
a carinnyai is umbras de sa noti:
anima circanti unu poeta
ingenugau in sa stoia
intregat a su celu
cantidus de amori
e aspètada,
s’enna scarangiada de su coru e sa menti,
ancora sa bisìta de s’amigu divinu…
E sighit a cantai a scurigau mortu
salmus de disterru
po is fradis istrangius arrefudaus in mari
caus isdalaus in bolidu
speddiendi playas
de bonacatu,
e kyriellas dolorosas
po totu is traballantis sempiri in cumbata
po un arrogu ‘e pani de dinnidadi
infustu in sanguni e sudori,
ahi sanguni nieddu,umbra de fogu
cumpangius de sa Thyssen! Poita Gesumiu!
E intra lampus e tronus
si artziat unu tzerriu chesciosu,
s’antiga pregunta
de Giobbi santu
fertu in sa carri e in s’ossu
e de is giustus
in Auschwitz e Dachau:
Deus donnu, aundi sesi?!?
De su crocifissu parau in sa stoia
ogus akiladoris
alluxentaus de amori poderosu
s’anima dd’infrissint
e una boxi sullena:
seu innoi, ancora innoi
in sa gruxi.

Armando Mura a su vicariu de Armungia
Andrea Portas predi operaiu e poeta

In ginocchio sulla mia stuoia
All’imbrunire
quando una coltre di nebbia
costringe in casa
l’ultimo vagabondo
il paese di Armungia viene avvolto
dal gran silenzio tipico del tempo nuragico.
Piano, si alza una voce
come per carezzare le ombre della notte:
l’anima questuante di un poeta
cercatore di Dio inginocchiato sulla stuoia
consegna al cielo
i suoi canti d’amore
e aspetta,
con la porta del suo cuore appena socchiusa,
la visita dell’Amico…
E continua a cantare a notte fonda
i salmi dell’esilio
per fratelli stranieri buttati in mare
come gabbiani con le ali spezzate in volo
alla ricerca di spiagge
accoglienti
e canta nenie lamentose
per gli operai sempre in lotta
per un pezzo di pane di dignità
bagnato con sangue e sudore
ahi sangue nero, ombre di fuoco
Compagni della Thyssen! Perché Gesù mio!
E tra lampi e tuoni
ora si leva un grido di protesta
è l’antica domanda rivolta a Dio
del santo Giobbe
colpito nella carne e nell’osso,
e dei giusti internati
ad Auschwitz e Dachau:
Signore Dio, dove sei?
Gli occhi di falco del crocifisso deposto sulla stuoia
lucenti di amore profondo,
penetrano l’anima del poeta
e una voce profonda gli risponde:
sono qui, ancora qui
sulla croce.

Armando Mura
per il Vicario di Armungia Andrea Portas
Prete operaio e poeta

img_2788

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>