La storia siamo noi (i cittadini). Nessuno si senta offeso (compresi Grillo e Bersani)


La storia siamo noi
Bersani parli rivolgendosi innanzitutto agli italiani
di Aladin
Attenzione Bersani, mentre Grillo parla e parlerà verso tutti, ma fondamentalmente ai suoi (soprattutto ai parlamentari M5S), tu parla rivolgendoti a tutti (ai tuoi come agli altri e, tra questi i M5S), ma parla rivolgendoti innanzitutto agli italiani. E’ evidente che Beppe Grillo ha necessità di tenere compatta una squadra, allo stato di poca omogenità, ma sicuramente orientata maggioritariamente a sinistra e, come tale, molto probabilmente sensibile alle proposte del Pd e di Sel. Abbiamo detto che siamo in una situazione del tutto inedita. Questo non vale solo per Bersani and Co, ma anche per Grillo and Co e per tutti. Intendo dire che la proposta di dare al paese il miglior governo possibile (in questa situazione) per fortuna non dipende solo da Grillo e neppure solo da Bersani. Facciamo valere il più possibile la partecipazione dei cittadini, anche con l’utilizzo della rete e di tutte le occasioni di partecipazione in presenza. I cittadini e soprattutto i militanti (naturalmente e comprensibilmente portati alla partigianeria e spesso al settarismo) devono sempre far prevalere le ragioni dei dialogo, dei ragionamenti, del perseguire le possibili soluzioni migliori… piuttosto che le contrapposizioni di principio o, peggio, gli insulti. Solo il popolo (quello consapevole) salva il popolo (anche quello inconsapevole).
—-
La storia siamo noi (F. De Gregori)

Dedicato a… soprattutto a Bersani. Codesto solo oggi possiamo dirti, ciò che non siamo, ciò che non vogliamo. Nessun accordo con Berlusconi!

Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo
.

(Eugenio Montale)
—-
Tutta la poesia
Non Chiederci La Parola

di Eugenio Montale

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.

Ah l’uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l’ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!

Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.
—-
La poesia declamata da Gassman

2 Responses to La storia siamo noi (i cittadini). Nessuno si senta offeso (compresi Grillo e Bersani)

  1. […] PER QUESTO NON BASTA FARE. Occorre pensare e ripensare. Guardare le cose per come sono e non per come vorremmo che fossero. Misurare i nostri fallimenti. Costruire strumenti di analisi più adeguati. Perché questo mondo che non riconosciamo, non ci riconosce più… Come il Montale del 1925 (millenovecentoventicinque!) mi sentirei di dire: «Non chiederci la parola che squadri da ogni lato | l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco …. […]

  2. […] http://www.aladinpensiero.it/?p=7363 ———————————– CoStat. Mercoledì 27 febbraio alle ore 19, presso la sede della CSS in via Roma 72, riunione di valutazione degli esiti elettorali di domenica e predisposizione del ricorso contro il verbale di proclamazione degli eletti in applicazione della legge elettorale sarda. […]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>