Paolo VI

7666d516-5471-4ab2-b813-774f6c83f806Riceviamo dalla Comunità di San Rocco e volentieri pubblichiamo.
QUARANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI PAOLO VI
Accadde tutto quel giorno… era la domenica del 6 agosto 1978. Il Papa Paolo VI, a Castel Gandolfo, non tenne l’Angelus. Nessuno poteva pensare che da quella finestra non si sarebbe più affacciato. Infatti, alle 21,40 dello stesso giorno morì.
Era la solennità della Trasfigurazione del Signore…
Impressiona quanto ha affermato Giovanni Paolo II su papa Montini: recava nel suo cuore la luce del Tabor, e con quella luce camminò sino alla fine, portando con gaudio evangelico la sua croce.
Paolo VI viveva la gioia, -la gioia velata- che coniugava con l’alfabeto del dolore, dell’interrogazione pensosa, dello stupore che evita inesorabilmente il chiasso e lo sguardo distratto.
Un uomo di Dio. Paolo VI aveva il senso di Dio, il senso del Padre che ha misericordia per tutti e che inchina il suo cuore verso ogni vita. Questa forte percezione religiosa lo portava a essere un contemplativo, un uomo immerso nel silenzio del Mistero. Eppure, egli non è stato un monaco, ma un uomo di missione, un Pastore fervido e insonne per le sorti della Chiesa.
L’umanità di Paolo VI. (Segue) E’ noto lo stereotipo che lo voleva freddo e distaccato, anche perché sobrio e misurato, e non sempre si è saputo scoprire il prezioso tesoro di una umanità delicata, raffinata e discreta… Egli non amava parlare di sé; coltissimo non creava intorno a sé nemmeno in minima misura, quell’insopportabile strascico lasciato da chi possiede una erudizione spocchiosa. Si presentava sempre concentratissimo, umile, ma allo sguardo acuto dei suoi occhi grigio azzurri, mobilissimi ed espressivi, non sfuggiva nessuna cosa, nessuna persona che coglieva in profondità fino alle sfumature.
Questi alcuni pensieri sparsi che ho colto dai Notiziari dell’Istituto Paolo VI di Brescia, centro di studi e documentazione.
Con la speranza di poter approfondire – a più mani – la vita e il magistero di Paolo VI, prossimo Santo, negli incontri della comunità di San Rocco.
( Armando Mura )

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>