Tag Archives: GLI OCCHIALI di PIERO MARCIALIS

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501414

Le domande ai saggi, Carlo Felice, Cappellacci generale Custer, la mafia…

UNA DOMANDA A SALVATORE ROSSI
Saggio dottore, capisco che la sua vita deve essere stata piuttosto incolore, per 37 anni sepolto nella Banca d’Italia, quando poi negli ultimi 10 anni decide tutto la BCE, perciò non voglio infierire sul suo grigio destino con domande cattive.

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x150141
  • Mixina antiga – Ignazio Buttitta – Una domanda a Enrico Giovannini - In ore puerum veritas… 

 

 

  • MIXINA ANTIGA
Fiore de pabanzolu.
candu giughes un oju oberi e tanca
ponimus pro culpa de un anzolu,
fagheli sas ficas a manu manca:
as a biere, cun su tempus, passat solu.

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501414

UNA DOMANDA A MARIO MAURO
Una domanda, egregio collega. Collega solo perchè Lei è dottore in filosofia, in più è saggio benchè più giovane, mentre io non lo sono. Sventatamente infatti non ho mai aderito (anzi!) a Comunione e Liberazione, dove abbonda la saggezza, nè a Forza Italia, dove la saggezza era pane quotidiano, nè al Popolo della Libertà che certo è la culla stessa della saggezza, nè a Scelta Civica, dove si perviene con uno scatto di saggezza.

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x150141
  • IL PAPA SCAVALCA A SINISTRA IL PRESIDENTE
    Papa Francesco: Le donne hanno un ruolo primario e fondamentale.
    (Il Consiglio dei Saggi, sconvolto, si nasconde dietro le poltrone.)

    UNA DOMANDA A VALERIO ONIDA
    Professore, Lei che è certamente un saggio, vista l’età (77 la settimana scorsa, auguri!) e le origini sarde, docente di Giustizia Costituzionale, già stato giudice e Presidente della Corte Costituzionale, oggi Presidente dell’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione, insomma chi meglio di Lei potrà rispondere a questa semplice domanda? A proposito della trattativa Stato-Mafia, Lei condivide la sentenza della Corte Costituzionale che le intercettazioni telefoniche non vengno rese pubbliche? è giusto? è costituzionale? è liberatorio? o condivide l’opinione del suo collega Zagrebelsky che in tale sentenza, che protegge la privacy (oh, la privacy!) del Presidente Napolitano, ha detto che la ragione politica ha prevalso sulla ragione del diritto? Dica professore, vale più il Diritto o la ragione politica?

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501414

Commissioni, Luciano Violante,  Emile Zola ed altro ancora…

METTI UNA SERA DIECI DONNE SAGGE…
Pensa che bello se 10 donne sagge si unissero in gruppo e cominciassero a fare programmi e ipotesi di buon governo, e tutti i giorni la pubblica opinione avesse motivo di riflessione sulla disastrosa supponenza degli uomini nella politica.
E invece…
UNA DOMANDA AL GIORNO
Cominciamo con il saggio senatore Gaetano Quagliarello.
Lei che in gioventù è stato repubblicano e poi radicale (molto radicale),
contro il nucleare si impegnò e fu arrestato nella marcia contro la base
americana di La Maddalena, è diventato saggio passando al PDL che vuole
le centrali nucleari?

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x150141

 

Pesci d’aprile, Aprile, Gaetano Mosca, Edgar Walles, Toshiro Mifune Tribute, Debbie Reynolds, Edmond Rostand…

ABRILE

Eo Abrile so, mes’e incantu
chi semino in sa terra ogni fiore.
In donzi coro risveglio su cantu,
in donzi anima palpitos de amore.
Mi narant sos fideles mese santu,
ch’in abrile e’ rinadu su Segnore:
donzi cosa rinaschet in abrile,
mese suave, amabile, gentile.

 

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501414

ENZO JANNACCI
E’ morto ieri 29 marzo 2013 Enzo Jannacci, nato il 3 giugno 1935, milanese di origini pugliesi. Cantautore, attore, cabarettista, lo conoscete tutti, ci ha fatto compagnia per 50 anni. Jannacci aveva un lato buffo e un lato serio. Cardiologo, si era specializzato con l’illustre dottor Barnard, l’inventore del trapianto di cuore, amava scherzare coi pazienti. Musicista e cantante, halavorato con Gaber, con Celentano, facendo il rock italiano, tante canzoni allegre, tante canzoni tristi, tante canzoni impegnate. Ha lavorato con Dario Fo, ancora tante canzoni allegre, finte allegre, serie ma scherzose.
Attore di teatro, ma anche di cinema, ha dato un’interpretazione allucinata e realistica del protagonista de L’Udienza di Marco Ferreri, reggendo il confronto con attori del calibro di Ugo Tognazzi, Alain Cuny, Vittorio Gassman, Michel Piccoli. Le sue canzoni, anche in disordine, le abbiamo tutti nella testa, con tristezza e allegria: El purtava i scarp de tennis, Sei minuti all’alba, l’Armando, Vengo anch’io no tu no, Ho visto un re, Una fetta di limone, Veronica, Bartali, Messico e nuvole…
Quando morì Gaber lui disse solo “ho perso un fratello”. Anche noi ieri.

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x150141

VENERDI’ SANTO
Appuntamento in parrocchia alle 8 del mattino.
Dopo l’arrivo delle confraternite si parte, con la statua della Madonna, attraverso le vie del paese per la Via Crucis.
Le stazioni vengono raffigurate da una croce, appesa al muro esterno di una casa, adorna di fiori e con un drappo bianco intorno.
Ad ogni stazione ci si ferma, il parroco legge la stazione, si risponde in coro.
Si canta e si prega fino alla stazione successiva, per un totale di 14 stazioni.
Si torna in parrocchia dove si conclude la Via crucis con le preghiere di rito.
I confratelli si riuniscono insieme ad altri invitati per un pranzo magro che è composto da: pane, fave, sardine e vino nero.
(I riti della settimana santa a Gesturi, di Usai e Marcialis, ed. Condaghes, 1997).
Francesco Guccini Venerdì Santo

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x150141

GIOVEDI’ SANTO 

La messa odierna commemora l’ultima cena di Gesù Cristo con gli apostoli, nella quale fu istituita l’Eucarestia. Il sacerdote, dopo la liturgia della parola e prima dell’offertorio, lava i piedi ai confratelli delle due confraternite – sei confratelli de Is Biancus e sei confratelli de Is Nieddus – che rappresentano i dodici apostoli.In tale circostanza si fa uso de “is mucculleddus”, mazzolini di fiori, uno per ciascun confratello, che si porgono al sacerdote perchè, bagnati nell’acqua del catino, li faccia scorrere sui piedi come se li lavasse.(da “I riti della settimana santa a Gesturi”, di Maria Nicoletta Usai e Piero Marcialis, Ed. Condaghes, 1997.)

 GIOVEDì SANTO su Aladinews

GLI OCCHIALI di PIERO

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501414

QUENTIN TARANTINO
Nato il 27 marzo 1963, attore, sceneggiatore, regista, produttore, ha compiuto la straordinaria impresa di promuovere in serie A i film di serie B, rifacendoli a modo suo con la partecipazione di attori di grande prestigio. Palma d’oro a Cannes con Pulp Fiction, ha vinto due Oscar e due Golden Globe per Pulp Fiction e per Django Unchained. Il suo più bel film, però è forse Kill Bill, in 2 volumi, con Uma Thurman.
Nel riquadro in basso Bomeluzo ispirato da Pulp Fiction.

GLI OCCHIALI di PIERO MARCIALIS

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x150141

STERLING HAYDEN
Nato il 26 marzo 1916, uno degli attori simbolo del cinema americano. Protagonista di film memorabili, quali: Giungla d’asfalto, di John Huston; Johnny Guitar di Nicolas Ray; Rapina a mano armata, di Stanley Kubrick.

GLI OCCHIALI di PIERO MARCIALIS

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501414

NUOVE PIAZZE ITALIANE
Piazza della Non Vittoria.
Piazza della Repubblica Terza e Ultima.
Piazza della Discesa in Campo .
Piazza Unità d’Italia Salvo Complicazioni.
Piazza Maggiore o Meglio Proporzionale.
Piazza del Duomo in faccia.
Piazza del Popolo a 10 euro.
Piazza Indipendenza o Federalismo Democratico.
Piazza Pulita o Della Macchina del Fango.
Piazza dei Cavalieri o del Legittimo Impedimento.
Piazza dei Miracoli o Della Restituzione dell’Imu.
Piazza del Mercato o dell’Acquisto di Senatori.
Piazza Marinai d’Italia o della Trasferta in India.

LA RIVOLTA DI ALGHERO
25 marzo 1821. E’ sera. Dopo anni di carestia che li aveva ridotti alla fame, i popolani di Alghero assistono al passaggio verso il porto di carri e cavalli carichi di grano destinato al Continente. Il malcontento diventa rivolta: non solo si scaricano i carri e i cavalli, ma anche il grano già caricato sulla nave. Si assaltano anche i depositi. Il grano viene venduto a prezzo politico alla gente che accorre.
Invano il Regio Delegato e il Governatore con un manipolo di soldati cercano di sedare la rivolta. La mattina del 26 marzo, i rivoltosi, guidati dai fratelli Canellas, bloccano gli ingressi della città.
I commercianti, assediati in casa, cedono le chiavi dei magazzini. Le autorità non tollerano oltre. Scorre il sangue, la repressione è feroce. Di quelle due giornate si è voluto cancellare persino il ricordo.

MINA
Oggi Mina compie 73 anni. Auguri a un’interprete di 1.400 canzoni in oltre 50 anni di carriera, voce che ha accompagnato più di una generazione. Intelligenza superiore, quanto la voce è superiore a tante imposteci dal mercato discografico.

GLI OCCHIALI di PIERO MARCIALIS

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501414

PREAMBOLI DELLA RIVOLUZIONE SARDA
24 marzo 1780. In seguito a una carestia vengono a mancare a Sassari il pane e la carne. Scoppiano tumulti popolari. I capi della rivolta vengono severamente puniti.
Numerosi sassaresi per sfuggire la repressione fuggono verso le camapgne della Nurra. Tali eventi sono considerati storicamente come le prime avvisaglie del periodo rivoluzionario sardo. Esso durerà dal 1794 al 1812.

ANTONIO ROSMINI
24 marzo 1797. Nasce a Rovereto il sacerdote e filosofo Antonio Rosmini Serbati, venerato dalla Chiesa come beato. Fu amico del Manzoni che lo considerò “una delle sei o sette intelligenze che più onorano l’umanità” e lo assistette sul letto di morte.
Fondatore della Congregazione religiosa dell’Istituto della Carità, detta dei Rosminiani da cui la Congregazione delle Suore della Provvidenza Rosminiane, presente anche a Cagliari. Morì a Stresa, dove è sepolto, il 1 luglio 1855.

DARIO FO ha compiuto oggi 87 anni. Felice compleanno. Auguri.

Piero Marcialis

GLI OCCHIALI di PIERO MARCIALIS

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x150141

VINCENZO PORRU
23 marzo 1836. Muore a Cagliari il sacerdote Vincenzo Raimondo Porru. Nato a Villanovafranca nel 1773, studioso e docente di lettere classiche, bibliotecario all’Università di Cagliari, filologo, autore del Nou Dizionariu universali sardu-italianu. Definito dal Siotto Pintor “il legislatore della lingua sarda”, il suo dizionario, riferisce Giacomo Zanella, “era nello scrittoio di Alessandro Manzoni quando morì, e tuttora vi si conserva”. “il sardo idioma (…) è ricco quanto altri d’immaginazione di energia di locuzioni; ha proprietà di idiotismi, vivacità di frasi, verecondia di traslati; sostiene gravità di stile, nobil dicitura, e in bocca alle persone colte è capace d’atteggiar graziosamente anche le cose comuni, colorirle con armonia, ed esprimerle con nobiltà” (Prefazione dell’Autore al Dizionariu sardu-italianu, 1832).
——
AKIRA KUROSAWA
Non si chiude la giornata senza ricordare Akira Kurosawa (23 marzo 1910 – 6 settembre 1998)
gigante della cinematografia mondiale, discendente da una famiglia di nobili samurai, autore di film memorabili, copiati in Italia (La sfida del samurai – Per un pugno di dollari) e negli USA (I sette samurai – I magnifici sette), o inimitabili come Ran, Derzu Usala, Kagemusha, Sogni.

Akira Kurosawa – Seven Samurai (Shichinin no Samurai) (1954)
Seven Samurai is frequently described as one of the greatest and most influential films ever made, and is one of a select few Japanese films to become widely…

GLI OCCHIALI di PIERO MARCIALIS

OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501
GIOVANNI MARIA ANGIOY
1808, 22 marzo, muore (altri dice 22 o anche 23 febbraio) Giovanni Maria Angioy, in esilio volontario a Parigi dopo il fallimento della rivolta antifeudale del 1796.
Era nato a Bono il 21 ottobre 1751, famiglia di piccola nobiltà terriera. Studia a Sassari e a Cagliari, qui diverrà docente universitario, ricco imprenditore, giudice portavoce della Reale Udienza, salito alle più alte cariche, divenne eroe della rivoluzione sarda. Muore in miseria, sequestrati i suoi beni, assistito dalla vedova Dupont. Non si conosce il sito della sua sepoltura, forse una fossa comune.
DUE MARO’
Ora sì, ora no, ora sì, ora no,
te li do, non te li do, te li do.
ora no, ora sì, ora no, ora sì…
Governo italiano è fatto così.