Tag Archives: zone franche che fare? aladin aladinews aladinpensiero

Attivazione zone franche: c’è un piano, piano, piano…

calzolaio (1)IL CIABATTINO PIGLIARU (della zona franca). Durante la prima guerra mondiale un soldato sardo portò ad aggiustare i propri stivali ad un ciabattino di Asiago, il quale, dopo averne valutato lo stato e l’entità delle riparazioni da fare, disse: “Va bene, torna tra quindici giorni”. E li ripose in uno scaffale alle sue spalle. Il soldato se ne andò soddisfatto, ma non tornò dopo quindici giorni, avendo dimenticato i suoi stivali, forse perché impegnato a salvare la pelle, come per fortuna gli riuscì. Se ne ricordò d’un tratto ben tre anni dopo, quando, a guerra finita, tornato ad Asiago, questa volta in visita turistica, mentre passeggiava nella città riconobbe la bottega del calzolaio. Entrò, si presentò e chiese dei suoi stivali. “Mi ricordo benissimo”, disse il calzolaio, tirando fuori dallo scaffale gli stivali impolverati, esattamente nello stato in cui il soldato glieli aveva consegnati tre anni prima. “Ma non ricordo cosa le avevo promesso”. “Beh – disse l’ex soldato – mi aveva detto di ripassare dopo quindici giorni che me li avrebbe consegnati tornati a nuovo”. “Ah! Ora mi ricordo” – disse il calzolaio. “E allora?” – chiese l’ex soldato. “Esattamente come le avevo promesso – rispose il ciabattino – Torni tra quindici giorni”.
————————————————
lampada aladin micromicroAlcuni accesi sostenitori della zona franca integrale all’indomani della notizia sull’adozione di alcune delibere in materia di istituzione di zone franche da parte della Giunta regionale avevano esultato, parlando perfino di data storica per la Sardegna. Noi prima di esprimere qualsiasi giudizio abbiamo prudentemente aspettato la pubblicazione di dette delibere, in verità con una certa diffidenza, legittimata dalla poca chiarezza del comunicato stampa della Giunta regionale e dalle dichiarazioni del presidente Pigliaru, anch’esse, come in altre occasioni, abbastanza criptiche, tali comunque da non farci capire che cosa la Giunta regionale avesse precisamente deliberato. Abbiamo pertanto aspettato la pubblicazione delle delibere, da cui si capisce che la Giunta regionale non avesse fino al 15 aprile precisa cognizione dell’argomento zona franca e che finalmente è giunto il momento di cominciare ad interessarsene seriamente. Come? Innanzitutto studiandolo essa stessa e chiedendo ai Comuni di fare altrettanto, per poi formulare le proposte dei relativi piani attuativi. Di preciso quindi un sostanziale rinvio delle decisioni da assumere al fine di dare realizzazione alle previsioni statutarie, con l’eccezione dell’istituzione immediata della zona franca di Olbia, con la modalità “non interclusa” e, forse, della zona franca di Portovesme. Allo stato sembrerebbe però che solo la zona franca di Olbia possa effettivamente realizzarsi, nel caso che la progettazione e le procedure fino ad oggi attuate o da attuare dal Comune di Olbia e dalla Regione consentissero di considerarla effettivamente avviata entro il 1° giugno 2016 (non 1° maggio 2016, come riportato nell’allegato della deliberazione regionale) data in cui entra in vigore il divieto dell’Unione Europea di costituzione di zone franche non intercluse, quale appunto quella prevista per Olbia. Da segnalare come la Giunta giustamente avvii l’iter di abrogazione della demagogica legge regionale 2 agosto 2013, n. 20, frettolosamente approvata da un Consiglio regionale nella fase conclusiva della consiliatura, che contribuiva solo ad aumentare la confusione e a paralizzare le iniziative già in attuazione. Incomprensibile invece il silenzio sullo stato di attuazione della zona franca doganale di Cagliari, unica iniziativa realmente avviata.
Complessivamente emerge pertanto una posizione della Giunta caratterizzata da eccessiva prudenza e esasperante lentezza attuativa, soprattutto con riferimento a quanto già da molto tempo si poteva fare, come nel caso della zona franca di Cagliari. Della serie: “Scusateci, non avevamo capito che la questione fosse tanto complessa; studiate e studiamo come fare queste zone franche previste dallo Statuto sardo. In particolare ci dicano i Comuni cosa vogliono, considerati i limiti imposti dalla normazione europea”. E davvero poco, non credete? E poi, la domanda clou, quella che sta alla base della credibilità dell’operato in materia della Giunta regionale: che cosa si sta facendo per la zona franca doganale di Cagliari? E’ dovere della Giunta regionale darne conto con urgenza!
———————————————–
DOCUMENTAZIONE
- Il comunicato stampa della Giunta regionale del 15 aprile 2016.
- DELIBERAZIONE N. 21/3 DEL 15.4.2016
con l’allegato.
- DELIBERAZIONE N. 21/4 DEL 15.4.2016
con gli allegati. – segue –