News

Oggi venerdì 26 aprile 2019

26-04-19
lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211pensatoreSardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633serpi-2Anpi logo nazsdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208ape-innovativalogo76costat-logo-stef-p-c_2-2universita_cultura_e_sapere2d1c145e5-3738-4a1e-86a4-7155513d1effimg_9429
Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti————————-
cammino-nuxis-5-5-19Il 5 maggio a Nuxis nei luoghi della latitanza dell’Avv. Cadeddu, capo di Palabanda. Partecipate!
Nell’ambito delle iniziative su “Sa die de Sa Sardinia” ci rechiamo, accompagnati dalla locale Associazione Le Sorgenti, in pellegrinaggio laico nelle campagne di Nuxis nella Grotta di Conch’è Cerbu, dove l’Avv. Salvatore Cadeddu, capo della rivolta di Palabanda, trascorse alcuni mesi della sua latitanza fra la fine del 1812 e i primi mesi del 1813, […]
—————————————————————————————
CoStat: ieri in piazza, ma il nostro 25 aprile dura tutto l’anno con la Scuola di cultura politica “Francesco Cocco”
26 Aprile 2019
Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
———————————————————————————–————

W il 25 Aprile W la Costituzione Repubblicana

img_9821

Verso le elezioni per il Sindaco e il Consiglio comunale di Cagliari

Primarie del Centro Sinistra
matteo-lecis-co-pag-fb- Matteo Lecis Cocco-Ortu: il programma sul suo sito web
francesca-ghirra-foto-fb- Francesca Ghirra: la sua pagina fb.
marzia-cilloccu-fb- Marzia Cilloccu. Oggi si presenta a Cagliari, villa Vivaldi vico XII San Giovanni, 1, dalle ore 18.
marzia-cilloccu-25-apr-19img-9563
——————————————————
lampadadialadmicromicro133Con Aladinews partecipiamo alla Campagna elettorale per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Cagliari, dando spazio al dibattito di tutte le formazioni politiche e dei singoli candidati (a Sindaco e a Consigliere comunale), cercando di non parteggiare per nessuno in particolare, ma segnalando le assonanze tra i contenuti portati avanti dalla nostra News e che la caratterizzano, rispetto ai programmi delle formazioni politiche e dei candidati in lizza. Al riguardo, stante le attuali presenze sulla scena, diamo conto della contesa tra i candidati alle primarie del centro-sinistra (nell’ordine di presenza nella lista elettorale delle primarie: Matteo Lecis Cocco-Ortu, Francesca Ghirra, Marzia Cilloccu), segnalando iniziative di confronto e interventi nei media, nonché fornendo documentazione e riferimenti pertinenti.

Oggi giovedì 25 aprile 2019 Festa della Liberazione

19-04-25-manifesto-anpi-con-orari-ca-def
lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211pensatoreSardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633serpi-2Anpi logo nazsdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208ape-innovativalogo76costat-logo-stef-p-c_2-2universita_cultura_e_sapere2d1c145e5-3738-4a1e-86a4-7155513d1effimg_9429
Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti————————-

costat-logo-stef-p-c_2Abbiamo impugnato la legge elettorale sarda
20 Aprile 2019
Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
——————————————————————————————–—-
cammino-nuxis-5-5-19Il 5 maggio a Nuxis nei luoghi della latitanza dell’Avv. Cadeddu, capo di Palabanda. Partecipate!
20 Aprile 2019
Nell’ambito delle iniziative su “Sa die de Sa Sardinia” ci rechiamo, accompagnati dalla locale Associazione Le Sorgenti, in pellegrinaggio laico nelle campagne di Nuxis nella Grotta di Conch’è Cerbu, dove l’Avv. Salvatore Cadeddu, capo della rivolta di Palabanda, trascorse alcuni mesi della sua latitanza fra la fine del 1812 e i primi mesi del 1813, […]
—————————————————————————————
25 Aprile, il giorno più bello, la festa della libertà
25 Aprile 2019

Gianna Lai – Presidente dell’ANPI di Cagliari, su Democraziaoggi.
Appuntamenti
- Oggi, Corteo con inizio alle ore 9,30: dalla parte alta via Alghero a Piazza del Carmine
- Domani, dibattito ore 17,30 Hostel Marina – Scalette S. Sepolcro -”Fascismi di ieri e di oggi”, con Vincenzo Calò dell’ANPI Nazionale.
————————————————————————-

Aggiornamento Programma de Sa die de Sa Sardigna 2019

pablo-e-amiche-sa-die-de-sa-sardigna_3Programma per le celebrazioni de Sa Die de sa Sardigna, di domenica 28 aprile 2019.

Questa la sintesi della giornata:
[segue]

SA DIE DE SA SARDIGNA ISMENTIGADA

pablo-e-amiche-sa-die-de-sa-sardigna_3
SA DIE DE SA SARDIGNA ISMENTIGADA e il suo significato storico e simbolico.
di Francesco Casula

A pochi giorni dalla ricorrenza del 28 aprile, in extremis si cerca di “recuperare” Sa Die de sa Sardigna, prevedendo qualche iniziativa.
In realtà SA DIE, almeno da parte della Regione Sarda e delle Istituzioni, è stata sostanzialmente azzerata, cancellata.
Probabilmente l’opera di studio, ricerca, confronto, sensibilizzazione che vi è stata nei primi anni, dopo l’istituzione nel 1993, ha spaventato soprattutto la politica.
Così la “Festa” da occasione di studio e di risveglio identitario si riduce nel tempo a rito formale e liturgia vuota: con l’Amministrazione Soru viene annacquata e svuotata dei significati storici e simbolici più “eversivi”; la Giunta di Cappellacci la stravolge del tutto: viene addirittura dedicata alla Brigata Sassari! E Pigliaru, la seppellisce definitivamente. La nuova Giunta ha altro cui pensare: equilibri di potere.
Fortunatamente, anche quest’anno – come ricorda Pesa Sardigna – “la festa del popolo sardo, sarà mantenuta viva dagli anticolonialisti e dagli indipendentisti, nonché da diverse associazioni culturali”.
Ma anche da alcune scuole: io stesso sarò il 27 a Santu Lussurgiu a parlare, agli studenti delle Medie, di Sa Die e di tre donne sarde de gabale: Eleonora d’Arborea, Grazia Deledda e Marianna Bussalai.
L’unico evento ufficiale, grazie al Comitato pro sa Die, si svolgerà a Cagliari con la Messa nella Cattedrale, presieduta dall’Arcivescovo di Cagliari monsignor Arrigo Miglio, con parti significative del rito che si terranno in lingua sarda. Dopo, la cerimonia civile nel salone del Palazzo Regio [*].

Ma ecco, a mio parere il suo significato storico e simbolico più profondo di SA DIE.
Firmaisì! E arrazza de brigungia! Arrazza ‘e onori! Sardus, genti de onori! E it’ant a nai de nosus, de totus ! Chi nc’eus bogau s’istrangiu po amori ‘e libertadi ? Nossi, po amori de s’arroba! Lassai stai totu! Non toccheis nudda! Non ddi faeus nudda de sa merda de is istrangius! Chi ddi sa pappint a Torinu cun saludi! A nosus interessat a essi meris in domu nostra! Libertadi, traballu, autonomia!
Sa-dì-de-sacciappa2-Piero-Marcialis-SDL
In sa fintzione literària e teatrale ispassiosa e galana, in “Sa dì de s’acciappa” s’iscridore Piero Marcialis faghet nàrrere gai a Frantziscu Leccis, – carnatzeri, protagonista de sa rebellìa Casteddàrja contra a sos Piemontesos – furriende·si a sos de su pòpulu chi, abenenados, cheriant assachizare sos carros, prenos de cada gràtzia de Deus, nche cheriant leare a sos dominadores chi si nche fiant furende “s’arroba” chi si nche cheriant giùghere a Torino.
E est custu – a pàrrere meu – su significadu fungudu, istòricu e simbòlicu, de su de nch’àere bogadu a foras sos Piemontesos dae Casteddu su 28 de abrile de su 1794: sos Sardos, a pustis de sèculos de acunnortadura, de abitùdine a pinnigare s’ischina, de ubidièntzia, de asservimentu e de inèrtzia, pro tropu tempus abesos a abassare sa conca, sufrende cada casta de prepotèntzias, umiliatziones, isfrutamentu e leadas in giru, cun unu motu de altivesa e fieresa natzionale e unu corfu de renes e de dignidade si ribellant e àrtziant sa conca, adderetant s’ischina e narant: bastat! In nùmene de s’autonomia e duncas, pro “essi meris in domu nostra”.
E nche bogant a foras a sos Piemontesos e a sos savojardos, non pro motivos resones ètnicas, ma ca rapresentant s’arroddu, sa prepotèntzia e su podere.
Ant naradu e iscritu chi s’est tratadu de “cosa de pagu contu”: petzi una congiura ordimingiada dae unu grustu de burghesos giacobinos, illunminados e illuministas, pro nche bogare pagas chentinas de Piemontesos. Non so de acordu.
A custa tesi, de su restu at rispostu, cun richesa de datos, documentos e argumentos, Girolamo Sotgiu.
S’istòricu sardu, connoschidore mannu e istudiosu de sa Sardigna sabauda, disputat cun grabu ma cun detzisione pròpiu cun s’interpretatzione chi ant dadu istòricos filosavoia comente a Manno o a Angius, a su 28 de Abrile, cunsideradu comente chi esseret, apuntu, una congiura.
Simile interpretazione offusca – a pàrrere de Sotgiu – le componenti politiche e sociali e, bisogna aggiungere senza temere di usare questa parola «nazionali».
Insistere sulla congiura – so mentovende semper s’istòricu sardu – potrebbe alimentare l’opinione sbagliata che l’insurrezione sia stato il risultato di un intrigo ordito da un gruppo di ambiziosi, i quali stimolati dagli errori del governo e dalle sollecitazioni che venivano dalla Francia, cercò di trascinare il popolo su un terreno che non era suo naturale, di fedeltà al re e alle istituzioni.
A pàrrere de Sotgiu custa manera de cunsiderare un’eventu cumplessu e prenu de sugestiones, non cunsentit di cumprèndere s’isvilupu reale de s’iscontru sotziale e polìticu nen de cumprèndere sa gàrriga rivolutzionària chi animaiat grustos mannos de sa populatzione de Casteddu e de s’Isula in su mamentu chi si bortaiat contra a sos chi aiant dominadu dae prus de 70 annos.
No est istadu, duncas, congiura o ribellismu improvisu: a lu nàrrere est finas Tommaso Napoli, padre iscolòpiu, iscridore ispavillu e popularescu ma finas testimòngiu atentu e atendìbile, chi at bìvidu cussos eventos in prima pessone..
A pàrrere de Napoli l’avversione della «Nazione Sarda» – narat pròpiu gai – contro i Piemontesi, cominciò da più di mezzo secolo, allorché cominciarono a riservare a sé tutti gli impieghi lucrosi, a violare i privilegi antichissimi concessi ai Sardi dai re d’Aragona, a promuovere alle migliori mitre soggetti di loro nazione lasciando ai nazionali solo i vescovadi di Ales, Bosa e Castelsardo, ossia Ampurias.
L’arroganza e lo sprezzo – sighit – con cui i Piemontesi trattavano i Sardi chiamandoli pezzenti, lordi, vigliacchi e altri simili irritanti epiteti e soprattutto l’usuale intercalare di Sardi molenti, vale a dire asinacci inaspriva giornalmente gli animi e a poco a poco li alienava da questa nazione.
———————-
[*] Stasera (24 aprile 2019) Giacomo Meloni, segretario della CSS e componente del Comitato po sa die, ci ha comunicato che questa mattina lo stesso Comitato (coordinato da Salvatore Cubeddu) ha incontrato al Palazzo della Regione i presidenti del Consiglio (Michele Pais) e della Giunta regionale (Christian Solinas) con i quali è stato concordato di modificare parzialmente il programma cagliaritano delle manifestazioni de “Sa die” così come segue: dopo la Messa in Cattedrale partirà un corteo che farà una breve sosta al Palazzo regio, successivamente percorrendo le via Lamarmora, parte della via Università, via Mazzini e via via discendendo le viuzze di Marina arriverà al Palazzo del Consiglio regionale in via Roma, dove preceduto da un saluto dei presidenti e dei capi gruppo, si continuerà sostanzialmente secondo il programma già diramato. Non appena ci perverrà provvederemo a diramare il programma definitivo.
—————————————–
Sa die de Sa Sardigna: sa lei
pablo-e-amiche-Sa die de sa Sardigna_3stemma RAS Consiglio-regionale-SardegnaLegge Regionale 14 settembre 1993, n. 44
Istituzione della giornata del popolo sardo “Sa Die de sa Sardinia”.
Il Consiglio Regionale ha approvato
Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Art.1
1. Il 28 aprile è dichiarata giornata del popolo sardo “Sa Die de sa Sardinia”.
2. In occasione della ricorrenza, la Regione Autonoma della Sardegna organizza manifestazioni ed iniziative culturali.
3. A tal fine la Giunta regionale approva annualmente, sentita la competente Commissione consiliare, uno specifico programma, predisposto dall’Assessore della pubblica istruzione anche sulla base delle iniziative indicate dagli enti locali ed associazioni senza scopo di lucro.
4. Detto programma deve mirare a sviluppare la conoscenza della storia e dei valori dell’autonomia, in particolare tra le nuove generazioni.

Art.2
(omissis)
———
La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.
E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.

Data a Cagliari, addì 14 settembre 1993

Cabras
—————————————————————

Nostra Signora di Bonaria. Una storia di fede, di fascino e di mistero.

bonariadi Raffaele Deidda

Il 24 aprile si celebra ogni anno una delle tre feste solenni in onore della Madonna di Bonaria, patrona della Sardegna e protettrice della gente di mare. Fu il 24 Aprile 1870, in occasione del quinto centenario dell’arrivo della Madonna, che il Simulacro della Vergine fu incoronato durante una solenne cerimonia. In tale occasione il papa San Pio X inviò la sua benedizione apostolica, stabilendo così che quello fosse il giorno liturgico per la celebrazione della festa di Nostra Signora di Bonaria.

E’ davvero affascinante la storia di questa Madonna con Bambino, che le diverse fonti storiche rendono misteriosa.

Nel maggio 2013 Papa Francesco aveva comunicato ad un gruppo di pellegrini sardi la sua intenzione di recarsi in Sardegna per visitare il santuario della Vergine di Bonaria a Cagliari, da cui discenderebbe il nome della capitale dell’Argentina, Buenos Aires. Il Santo Padre aveva parlato di un’antica fratellanza fra Buenos Aires e Cagliari, riferendo che: “Quando venne fondata la città di Buenos Aires, il fondatore voleva chiamarla Ciudad de la Santísima Trinidad, però i marinai che lo avevano accompagnato fin lì erano sardi e volevano si chiamasse Ciudad de la Virgen de Bonaria. Ci fu una discussione e alla fine arrivarono ad un compromesso, ma il nome della città risultò molto lungo: Ciudad de la Santísima Trinidad y Puerto de Nuestra Señora de Bonaria’. Era talmente lungo che rimasero solo le ultime parole: Buenos Aires, Bonaria. In ricordo della vostra Vergine di Bonaria”.
Secondo la dottrina cattolica Il Papa è infallibile quando conferma, propone all’attenzione e alla fede del popolo cristiano verità di fede e di morale. Quando parla, cioè, come Dottore Universale della Chiesa. In questo caso, trattandosi solo di una ricostruzione di eventi storici piuttosto dibattuti e controversi, può non essere riconosciuta al Papa italo-argentino l’infallibilità in merito alle motivazioni che hanno originato la denominazione della capitale del Paese, il cui nome è già un equivoco. Deriva infatti da argento, metallo che in realtà non si è mai trovato in abbondanza in Argentina. Riportano le fonti che quando il veneziano Sebastiano Caboto passò nel 1526 nella foce del fiume Uruguay cercando di arrivare all’Oceano Atlantico, lo chiamò Río de la Plata. Forse ingannato dal metallo che notò in mano di alcuni indigeni, i quali lo avevano ricevuto dai marinai di una precedente spedizione.
Il Papa si riferiva certamente al ritrovamento nel 1370, sulla spiaggia di fronte al colle di Bagnara (nome datogli dai Pisani, sconfitti nel 1324 dall’Infante Alfonso IV d’Aragona), di una statua lignea di Madonna col Bambino, che successivamente prese il nome di Nostra Signora di Bonaria e divenne la patrona dei marinai. Alfonso aveva infatti deciso di rinominare il colle di Bagnara in Bonaria, in virtù delle gradevoli brezze marine e dell’aria pura che vi si respirava.
[segue]

Verso le elezioni municipali di Cagliari

lampadadialadmicromicro133Con Aladinews parteciperemo alla Campagna elettorale per l’elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Cagliari, dando spazio al dibattito di tutte le formazioni politiche e dei singoli candidati (a Sindaco e a Consigliere comunale), cercando di non parteggiare per nessuno in particolare, ma segnalando le assonanze tra i contenuti portati avanti dalla nostra News e che la caratterizzano rispetto ai programmi delle formazioni politiche e dei candidati in lizza. Al riguardo, stante le attuali presenze sulla scena, diamo conto della contesa tra i candidati alle primarie del centro-sinistra (nell’ordine di presenza nella lista elettorale delle primarie: Matteo Lecis Cocco-Ortu, Francesca Ghirra, Marzia Cilloccu), segnalando iniziative di confronto e interventi nei media, nonché fornendo documentazione e riferimenti pertinenti.
primarie-ca-2019
- Iniziativa venerdì 26 aprile: Confronto tra i candidati organizzato dal Circolo Pd di La Palma.
Documentazione. Elezioni regionali 2019: dati della città di Cagliari
[Fonte: RAS]
sardegnaelezioniregionali [segue]

Che succede?

c3dem_banner_04I CRISTIANI E LA STRAGE NELLO SRI LANKA
23 Aprile 2019 by Forcesi | su C3dem.
Jason Burke, “In Asia l’ultima frontiera del terrore islamista” (Repubblica). Alberto Melloni, “La religione delle vittime” (Repubblica). Andrea Riccardi, “Coraggio e viltà” (Corriere della sera). Franco Cardini, “L’odio per la croce” (Quotidiano nazionale). Marco Impagliazzo, “Mai ci abbiano in ostaggio” (Avvenire). Claudio Cerasa, “Il terrore di essere cristiani” (Foglio).
—————————————-

Oggi mercoledì 24 aprile 2019

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211pensatoreSardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633serpi-2Anpi logo nazsdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208ape-innovativalogo76costat-logo-stef-p-c_2-2universita_cultura_e_sapere2d1c145e5-3738-4a1e-86a4-7155513d1effimg_9429
Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti————————-

cammino-nuxis-5-5-19Il 5 maggio a Nuxis nei luoghi della latitanza dell’Avv. Cadeddu, capo di Palabanda. Partecipate!
20 Aprile 2019
Nell’ambito delle iniziative su “Sa die de Sa Sardinia” ci rechiamo, accompagnati dalla locale Associazione Le Sorgenti, in pellegrinaggio laico nelle campagne di Nuxis nella Grotta di Conch’è Cerbu, dove l’Avv. Salvatore Cadeddu, capo della rivolta di Palabanda, trascorse alcuni mesi della sua latitanza fra la fine del 1812 e i primi mesi del 1813, […]
—————————————————————————————
Il 25 aprile del capitano verde a Corleone
24 Aprile 2019
Carlo Dore jr., su Democraziaoggi.
—————————————————

Oggi giovedì 24 aprile 2019

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211pensatoreSardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633serpi-2Anpi logo nazsdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208ape-innovativalogo76costat-logo-stef-p-c_2-2universita_cultura_e_sapere2d1c145e5-3738-4a1e-86a4-7155513d1effimg_9429
Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti————————-

cammino-nuxis-5-5-19Il 5 maggio a Nuxis nei luoghi della latitanza dell’Avv. Cadeddu, capo di Palabanda. Partecipate!
20 Aprile 2019
Nell’ambito delle iniziative su “Sa die de Sa Sardinia” ci rechiamo, accompagnati dalla locale Associazione Le Sorgenti, in pellegrinaggio laico nelle campagne di Nuxis nella Grotta di Conch’è Cerbu, dove l’Avv. Salvatore Cadeddu, capo della rivolta di Palabanda, trascorse alcuni mesi della sua latitanza fra la fine del 1812 e i primi mesi del 1813, […]
—————————————————————————————

Spazi civici a Cagliari: il problema ( che non si vuole affrontare) è la gestione

palazzo-sorcesco-8-03-19La vicenda del “palazzo sorcesco”. Ristrutturazione (sa fabbrica de Sant’Anna) e il problema (mai affrontato adeguatamente) della gestione*. Oggi su L’Unione Sarda. Aladinews ne parla da tempo.
eb98d80e-a534-4551-aeca-a79368faf998
* lampadadialadmicromicroPer la gestione di questo come di altri spazi/edifici occorre un apposito regolamento che il Comune di Cagliari non ha ancora adottato (nonostante le promesse anche a fronte delle nostre sollecitazioni**), dovendo ricorrere pertanto quando necessario a regolamentazioni ad hoc, che si prestano a critiche in fatto di dubbia imparzialità nelle scelte dei contraenti. Siamo fiduciosi che la prossima Amministrazione affronterà questa problematica non appena insediata. Al riguardo chiediamo che i candidati Sindaci inseriscano questo impegno nei programmi con i quali si presentano e chiedono il voto agli elettori (Francesca Ghirra e Matteo Lecis Cocco-Ortu conoscono bene l’argomento, che era stato oggetto di un incontro con l’Osservatorio dei beni comuni della Sardegna). Ne terremo conto. Noi assicuriamo fin d’ora la nostra collaborazione.
——————————————-
UN ESERCIZIO GIAPPONESE. Città di Cagliari. REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA, LA GESTIONE CONDIVISA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI[Aladinews 4 marzo 2017]
BC Viale Merellolampada aladin micromicroAbbiamo preso il Regolamento di Torino e l’abbiamo letteralmente ricopiato sostituendo a Città di Torino Città di Cagliari. E’ solo un esercizio alla “giapponese”, come si diceva un tempo perché erano i giapponesi i maestri del ricopiare/imitare. Oggi, invece, sono considerati tali soprattutto i cinesi. A prescindere, in questo caso vogliamo solo sostenere che a redigere un regolamento sui beni comuni urbani, di cui la Città di Cagliari è priva, basta poco: basta appunto copiare intelligentemente dalle migliori regolamentazioni (a cui corrispondano buone pratiche) conosciute. Noi vorremmo però arrivare all’approvazione formale di un regolamento (da parte del Consiglio comunale) attraverso un percorso di condivisione con i cittadini attivi e le loro organizzazioni associative. Spetta al Comune e, in particolare ai consiglieri comunali (tutti: di maggioranza e di minoranza) e, ovviamente, al Sindaco e alla Giunta, di avviare questo percorso partecipativo per arrivare rapidamente alla meta. Al riguardo il Laboratorio sulla Sussidiarietà (www.labsus.org) guidato dal prof. Gregorio Arena fornisce ogni necessario e qualificato supporto. Spetta poi all’Amministrazione comunale di dotarsi di un’adeguata organizzazione di carattere gestionale perché tutto venga concretamente attuato nel migliore dei modi. (Franco Meloni direttore di Aladinews e componente dell’Osservatorio Beni Comuni della Sardegna).

Europa, Europa

c0037e96-ca5b-42d6-972d-afe789f9a382
EUROPA. Lo spettro del sovranismo
partiti e movimenti
chi sono? e come si presentano alle elezioni europee?

Speciale di Ritanna Armeni e Andrea Gaiardoni, su Rocca.
——————————
Europa: ragioni soggetti
effetti

di Ritanna Armeni
Indigniamoci pure contro il sovranismo e il populismo. Contro l’ondata xenofoba e di destra che travolge buona parte del mondo. Preoccupiamoci di come questa possa influire sulle prossime elezioni europee. C’è da avere paura. C’è davvero uno spettro che si aggira per l’Europa e non è certo quello previsto da Karl Marx nel suo Manifesto. Poi, dopo l’indignazione, la preoccupazione, facciamoci anche delle domande e tentiamo delle risposte. Perché siamo arrivati a questo punto? Quali sono i movimenti economici che sono alla base di un cambiamento epocale? Quali gli sconvolgimenti sociali che l’hanno provocato? Quali le assenze che hanno agevolato l’emergere del mondo brutto e cattivo che abbiamo di fronte? Chi sono i «nuovi barbari» che hanno distrutto le nostre certezze nel progresso, nella modernità, nei buoni sentimenti? È quello che fa egregiamente Marco Revelli nel suo libro «Politica senza politica». Sottotitolo: «Perché la crisi ha fatto entrare il populismo nelle nostre viste».
Lo studioso torinese, sempre attento e fuori dagli schemi e dai luoghi comuni, va alle radici della situazione che si vive in tante parti del mondo. Fa un’analisi, dà una spiegazione.
Intanto chi sono i soggetti protagonisti del sovranismo? Basta guardare i dati delle ultime elezioni nel mondo per rendersene conto.

per rancore e per rabbia
Il mondo si è rovesciato quando l’America profonda e sconfinata colpita dalla crisi economica ha votato Trump, abbandonando la political correctness di Obama, negando l’illusione di una globalizzazione progressista guidata dai grandi centri finanziari, rifiutando con Hillary Clinton l’impegno per i diritti individuali ormai sganciati da sviluppo sociale del liberal americani. Sono stati i farmers delle grandi pianure abbandonate dal progresso, il ceto medio marginalizzato delle piccole e medie città degli Usa, i metallurgici delle cinture dell’acciaio, i minatori del Kentucky. In gran parte, un tempo, elettori del partito democratico che si sono uniti nel voto allo zoccolo duro del partito repubblicano. Per rancore e per rabbia più che per fiducia, per un senso di tradimento, per un residuo, solo un residuo, di speranza di rivincita e di protezione. Si capisce meglio la crisi del modello progressista americano se si tiene presente che in questi ultimi anni hanno perso la casa trenta milioni di famiglie.
Rancore, abbiamo detto. Sì rancore. Il libro di Marco Revelli ci racconta come abbia attraversato l’oceano e sia diventato la Brexit inglese. Anche in questo caso l’esame sociale dei voti al referendum dovrebbe far riflettere. Se il sì all’Europa si è registrato nella Londra della City, nei centri della economia e della finanza globale e si è ridotto a volte considerevolmente fra gli abitanti delle campagne, nei vecchi insediamenti industriali ormai distrutti delle Midland, qualche ragione ci sarà. Il partito della Brexit è ancora una volta quello segnato dalla crisi della old economy. Il tipico elettore remain – scrive Revelli – è una ragazza scozzese con educazione universitaria. Il tipico elettore leave è un lavoratore manuale maschio che ha lasciato la scuola a sedici anni.
L’analisi può continuare verificando gli stessi risultati in Francia, dove la vittoria alle presidenziali di Emmanuel Macron non deve ingannare. La legge elettorale francese non può cancellare che il partito di Marine Le Pen ha ottenuto il voto delle famiglie con reddito basso, dei non acculturati, degli abitanti delle neglette campagne francesi (quelle da cui provengono i Gilets Jaunes). Ancora una volta, il fronte sovranista e populista è sostenuto da chi ha meno, da chi è stato colpito dalla globalizzazione e emarginato dal progresso.

la politica senza la politica
Marco Revelli fornisce, numeri, date, statistiche, analisi per molti paesi. Le caratteristiche sociali, i motivi di delusione, ribellione, rabbia sono sempre gli stessi, anche se declinati in modo differente in un mix che prevede xenofobia, omofobia, tentativi di ritorno a una tradizione che rifiuta ogni progresso culturale e come sappiamo, nei paesi dell’est, in autoritarismo razzista. Victòr Orban è il rappresentante più forte del «sovranismo di Visegrad». «Il suo modus operandi – scrive Revelli – riecheggia i risentimenti di quelle che un tempo erano chiamate classi lavoratrici, amareggiate a causa della stagnazione economica e piene di rancore verso una classe politica lontana e incestuosa».
Eppure sbaglierebbe chi pensasse che le motivazioni dei nuovi barbari siano solo economiche. Loro si sentono abbandonati, traditi, defraudati. Non hanno subìto solo il ridimensionamento del reddito ma anche «un processo di erosione dell’autostima, di cancellazione dell’identità collettiva e dell’identità individuale». Si tratta di una «folla solitaria», di «un’enorme massa d’individui che si sente abbandonata».
Il vento sovranista soffia più impetuoso e distruttore perché oggi c’è un’assenza, anzi come dice lo studioso torinese, un assordante silenzio. È la politica che manca, sono i partiti e la sinistra che hanno dato forfait lasciando coloro che rappresentavano soli e in balia della disperazione e del rancore. C’è da meravigliarsi se si sono affidati a forze nuove che hanno dato risposte facili, che sembrano venire incontro a delusioni e a paure? Questo è avvenuto. «La politica senza politica», senza cioè progetti di cambiamento che coinvolgano i soggetti che la ristrutturazione del mondo del lavoro ha emarginato distruggendo condizioni economiche ambientali e culturali non può che produrre quel che abbiamo sotto gli occhi. Ridare la parola, rompere il silenzio, rinnovare una presenza non è questione elettorale. È questione, molto, ma molto, più seria e importante.
Ritanna Armeni
———————-
Tra i palazzi della politica europea
di Andrea Gaiardoni

C’è un nuovo confine in Europa. Sulle cartine non è segnato, non ancora almeno, ma sempre più sta i contorni del sovranismo assumendo i contorni di una frattura, di una profonda faglia ideologica che spacca in due il vecchio continente. Viene giù dal Mar Baltico, corre sulla frontiera tra Germania e Polonia, ingloba Repubblica Ceca, Austria, Slovenia, Croazia. E poi risale verso est, verso l’Ungheria, fino all’enormità della Russia. È l’onda sovranista, un miscuglio di nazionalismi, populismi, formazioni più o meno esplicitamente xenofobe, fieramente di destra, antieuropeiste, che strizzano l’occhio ora a Putin, ora a Trump, alla ricerca di un punto d’equilibrio che, oggi, sembra ancora lontano. Ma che esiste, a fatti e a proclami. Nel gruppone dei sovranisti si può inserire in pianta stabile, ma non ancora preponderante, anche l’Italia. O almeno così vorrebbe Matteo Salvini, leader della Lega, che ambirebbe a prenderne addirittura il timone con la fondazione di un nuovo gruppo, al termine della prossima tornata elettorale europea, alla fine di maggio.

i contorni del sovranismo
Per chiarezza: il termine «sovranismo», secondo l’enciclopedia Treccani, indica la «posizione politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovrannazionali di concertazione». Come dire: a casa nostra decidiamo noi. L’esatto opposto di un’Europa intesa come federazione di Stati, con una sintonia d’intenti economici, sociali e politici.
All’interno di questo «movimento», per così definirlo, c’è in realtà un po’ di tutto: dai partiti di governo in Polonia e in Ungheria (stati che si sono distinti in questi ultimi anni per aver attuato politiche ultraconservatrici e liberticide, e sui quali pendono procedure d’infrazione proprio da parte della Commissione Europea per violazione dei diritti umani) all’estrema destra xenofoba, dagli euroscettici (eufemismo) ai populisti.
In generale si tende a racchiudere in questo ampio recinto proprio le formazioni politiche che alzano la bandiera della chiusura dei propri confini. Come l’Ungheria di Victor Orban. Che in nome della difesa assoluta delle proprie frontiere, e di tutto ciò che al suo interno accade, ha di fatto ridotto rilevanti spazi di libertà: ha rifiutato in ogni modo l’accoglienza ai migranti, ha bloccato l’ossigeno dei finanziamenti alle Ong, ha spazzato via i vagabondi, messo la sordina ai media, condizionato l’indipendenza dei giudici, calpestato i diritti sociali con la riforma del diritto allo sciopero. Da queste parti non abita più la solidarietà.
O come il resto del cosiddetto Gruppo di Visegrad (l’alleanza politica, culturale e militare che lega, oltre all’Ungheria, la Polonia, la Repubblica Ceca e la Slovacchia). Con qualche distinguo però: il rapporto con la Russia di Putin ad esempio. Cordialissimo con Viktor Orban, mentre è pessimo con il premier polacco Mateusz Morawiecki (per motivi non soltanto politici ma economici), il quale ha invece stretto una solida alleanza con gli Stati Uniti. Il che pone un serio problema di coesistenza.

la galassia della destra radicale
Comunque sia, la frattura geografica e ideologica esiste, è reale e torna a dividere ovest ed est. Una frattura che nel breve periodo potrebbe pesare sulle elezioni che disegneranno il prossimo Parlamento Europeo. Molti slogan a effetto, titoloni sui giornali: uno spettro, a volte solo agitato, a volte fomentato, che davvero s’aggira tra i palazzi della politica europea, ma che probabilmente avrà minor impatto rispetto a quel che si teme.
Stando alle stime più ottimistiche, a oggi, l’insieme dei partiti euroscettici, sommando i potenziali seggi dei partiti più intransigenti e quelli più «soft», raccoglierebbe tra i 150 e 170 seggi al Parlamento Europeo (ma c’è anche chi accredita i sovranisti di 90 seggi e non di più), sui 705 posti disponibili, pari a circa il 20% del totale.

In questo schieramento sono compresi l’Ecr (il gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei), l’Enf (Europa delle Nazioni e delle Libertà) e l’Efdd (Europa delle Libertà e della Democrazia Diretta). Da questi raggruppamenti, dopo le elezioni, dovrebbe nascere l’Eapn (Alleanza Europea dei Popoli e delle Nazioni), promossa proprio dal leader della Lega, Matteo Salvini, in un incontro che si è tenuto alcuni giorni fa a Milano, al quale hanno partecipato varie forze politiche: dal tedesco Jorg Meuthen (Afd, Alternative für Deutschland) al finlandese Olli Kotro (Finn Party), fino al danese Andres Vistisen (Dansk Folkeparti). Salvini, al termine dell’incontro ha dichiarato sui social: «Orgoglioso della prima conferenza internazionale di quest’alleanza che parla di futuro, per riportare al centro il lavoro, la famiglia, la sicurezza, la tutela dell’ambiente. Noi guardiamo avanti, con l’obiettivo di riportare i Popoli al governo anche in Europa». Per poi aggiungere: «In questa nuova Europa non c’è spazio per i nostalgici e nemmeno per i burocrati, per i banchieri, per i buonisti». Ancor più esplicito Jörg Meuthen, portavoce federale di Afd: «Da oggi vogliamo dimostrare che le forze patriottiche e di destra hanno intenzione di non frammentarsi nel Parlamento Europeo, ma di procedere insieme con uno stesso scopo, vale a dire rivedere tutta la politica europea che oggi provoca danni a tutti i cittadini europei. Vogliamo riformare l’Unione europea e il Parlamento Europeo, ma senza distruggerli. Vogliamo portare un cambiamento radicale».
Salvini può anche contare sul sostegno del Rassemblement National di Marine Le Pen e dei sovranisti austriaci. Ma i «pesi massimi» del sovranismo ancora non si sono esposti. Fidesz, il partito del premier ungherese Orban, fa ancora parte del PPE (Partito Popolare Europeo) nonostante una minaccia di espulsione sostenuta anche dal presidente della Commissione Europea, Jean Claude Juncker: «Da almeno due anni Orban si è allontanato dai valori di fondo cristiano-democratici del Partito popolare europeo» – è il parere di Juncker. «E se Orban non condivide questi valori, il suo posto è fuori dal Ppe». Ma una decisione non è stata ancora presa. Mentre Diritto e Giustizia (Pis), partito del premier polacco Kaczynski, continua a far parte di ECR, nonostante i tentativi di corteggiamento, per così dire, di Salvini. Pochi giorni fa l’eurodeputato Ryszard Legutko, braccio destro del premier e autorevole esponente del Pis, ha definito positivi gli incontri tra Kaczynski e Salvini, ma ha bocciato l’idea della cosiddetta «opzione zero» proposta dal leghista: vale a dire cancellare i gruppi esistenti che attualmente accolgono i partiti della destra più radicale e formarne uno nuovo. L’EAPN, appunto. «Per noi questo piano è semplicemente irrealistico», ha tagliato corto Legutko. «Per noi la base del futuro dovrà continuare ad essere l’Ecr».

critiche dall’Italia
Anche gli altri partiti della destra italiana non vedono di buon occhio l’iniziativa e si collocano in ordine sparso. Stabilmente nel PPE Forza Italia, con Antonio Tajani, peraltro attuale presidente del Parlamento Europeo, che critica apertamente il vicepremier leghista: «L’alleanza con Alternative für Deutschland equivale a mettere a repentaglio l’Italia» – commenta Tajani. «È un partito che attacca il governo tedesco accusandolo di essere stato troppo morbido nei confronti della Grecia, ma anche dell’Italia e del Portogallo».
Fratelli d’Italia fa invece parte del gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei (Ecr). E anche Giorgia Meloni non è stata tenera con Salvini: «Precisiamo: i veri sovranisti siamo noi, loro sono populisti» – ha dichiarato. «Il nostro obiettivo è costruire una nuova maggioranza in Europa che vada dai popolari ai populisti con noi dei Conservatori e Riformisti a fare da ponte. Da questo punto di vista è un bene che Orban sia rimasto nel Ppe perché spinge nella nostra direzione».
Critiche sono arrivate anche dal Movimento 5 Stelle, che non si può propriamente definire formazione di destra, ma che in quest’alveo sta cercando di costruirsi una casa solida a livello europeo. «Sono preoccupato per questa deriva di ultradestra a livello europeo, con forze politiche che faranno parte del gruppo con cui si alleerà la Lega che, addirittura, in alcuni casi, negano l’Olocausto» – ha dichiarato Luigi Di Maio. Per la cronaca, il 23 gennaio scorso i deputati di Afd hanno abbandonato l’aula del Parlamento bavarese durante la commemorazione della Shoah, rispondendo così alle critiche della comunità ebraica che li aveva accusati di minimizzare i crimini nazisti e l’Olocausto. Al momento i 5 Stelle sono membri dell’EFDD, nono- stante abbiano tentato di aderire (respinti) al gruppo dei liberali Alde.
In sostanza una galassia profondamente divisa, apparentemente inconciliabile, tutti alla disperata ricerca di un «ruolo chiave» e assai poco amalgamabile attorno a un programma, a una visione che vada oltre l’assemblaggio elettorale. Che diverge non soltanto sulle alleanze, ma anche sulle prospettive. A partire da quelle economiche. Il «giocattolo» europeo fa comodo a molti Stati, soprattutto dell’Est Europa. Gli ultimi dati ufficiali, che risalgono al 2017, certificano che l’Ungheria ha versato all’Unione 820 milioni di euro, incassando 4,049 miliardi. Per restare al Gruppo di Visegrad: la Slovacchia ha versato 646 milioni di euro per riceverne 2,662 miliardi. La Repubblica Ceca 1,361 miliardi contro 4,690. Cifre ben più alte per la Polonia: 3,048 miliardi di euro versati nel 2017, con un ritorno di 11,921 miliardi. Vuol dire che a Varsavia, ogni settimana, arrivano 170 milioni di euro. Economie che, senza troppi giri di parole, non sopravvivrebbero senza gli aiuti europei. Un dato che aiuta anche a comprendere come mai alcune formazioni estremiste, da sempre critiche nei confronti dell’Ue, abbiano sfumato le loro posizioni non appena conquistato un ruolo di governo.

l’ultimo sondaggio:
Ppe in calo, ma sempre in testa

Insomma, l’onda sovranista non sembra avere ancora la forza per travolgere l’Unione Europea. Secondo l’ultimo sondaggio realizzato da Eurobarometro, il 27 marzo scorso, il PPE (Partito Popolare Europeo) sarebbe in testa con 188 seggi (ne perderebbe 29 rispetto agli attuali 217), seguito da S&D (il gruppo dei Socialisti e democratici) con 142 seggi (attualmente ne ha 186, dunque un calo drastico di 44 seggi). La vera notizia è che questi due gruppi, assieme, non avranno la maggioranza dei seggi all’Europarlamento: non accadeva dal 1984. Terza forza, sempre stando alle rilevazioni di Eurobarometro, sono i liberali di Alde (72 seggi), poi l’alleanza dei Verdi (51 seggi, ne perderebbe uno soltanto) e la Sinistra Unitaria Europea (49 seggi).
E il gruppo dei sovranisti? L’Enf, il gruppo più forte, conquisterebbe 61 seggi, seguito da Ecr (53) e Efdd (30 seggi). Anche immaginando un’improbabile alleanza di questi tre gruppi si arriverebbe ai numeri di S&D.
Non proprio una spallata. Ma una presenza sì e anche di un certo peso: la destra radicale c’è e conquista spazi di consenso e di visibilità fino a poco tempo fa impensabili. I movimenti sovranisti fanno attualmente parte, con differenti gradazioni d’intensità, delle maggioranze di governo in 11 paesi dell’Unione Europea. Oltre all’Italia e alle già citate Polonia e Ungheria, c’è l’Austria, la Finlandia, la Repubblica Ceca e la Slovacchia, la Bulgaria, la Romania, la Lettonia e la Grecia.
È lecito chiedersi: i rappresentanti di questi paesi eletti a Bruxelles come si comporteranno in tema di politica estera, di accoglienza, di rispetto dei diritti umani? L’European Council for Foreign Relations, in una ricerca pubblicata pochi mesi fa, ha scritto che «i partiti antieuropeisti potrebbero bloccare il Parlamento europeo dopo le elezioni di maggio». Bloccare forse è eccessivo, ma ostacolare e condizionare certamente sì. Anche perché, nel lungo periodo, nulla esclude che il blocco sovranista possa addirittura crescere. Sottovalutare, oggi, il peso di questa presenza sarebbe un grave errore.
Andrea Gaiardoni
———————-
rocca-09-1-mag2019
———————-
Le illustrazioni sono tratte da Rocca

Martedì 23 aprile 2019

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211pensatoreSardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633serpi-2Anpi logo nazsdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208ape-innovativalogo76costat-logo-stef-p-c_2-2universita_cultura_e_sapere2d1c145e5-3738-4a1e-86a4-7155513d1effimg_9429
Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti————————-

costat-logo-stef-p-c_2Abbiamo impugnato la legge elettorale sarda
20 Aprile 2019
Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
——————————————————————————————–—-
cammino-nuxis-5-5-19Il 5 maggio a Nuxis nei luoghi della latitanza dell’Avv. Cadeddu, capo di Palabanda. Partecipate!
20 Aprile 2019
Nell’ambito delle iniziative su “Sa die de Sa Sardinia” ci rechiamo, accompagnati dalla locale Associazione Le Sorgenti, in pellegrinaggio laico nelle campagne di Nuxis nella Grotta di Conch’è Cerbu, dove l’Avv. Salvatore Cadeddu, capo della rivolta di Palabanda, trascorse alcuni mesi della sua latitanza fra la fine del 1812 e i primi mesi del 1813, […]
—————————————————————————————
La Costituzione nata dalla Resistenza è ormai l’unica arma di “resistenza” contro il dilagante degrado
23 Aprile 2019
Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
————————————————————————————————

Sa die de Sa Sardigna. Domenica 28 aprile 2019

pablo-e-amiche-sa-die-de-sa-sardigna_3
Sa die de Sa Sardigna
Domenica 28 aprile 2019 – Edizione 2019
Programma delle manifestazioni a Cagliari