News

Oggi martedì 19 febbraio 2019

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x21111321e5b-e74c-4969-9968-0a44e1a8a0217fe0c287-1d52-4f4e-8451-2a5f7e5e6268Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x15014137bd10200-1683-4e2a-96e2-ac8d1f0c4010filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633Anpi logo nazcostat-logo-stef-p-c_2-2serpi-2sdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208universita_cultura_e_sapere2ape-innovativa
————-Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti———————

Candidau istimau, Candidau a Presidente de sa Regione nostra.

34daa360-827f-4fbc-b3bd-ce30f19e3115
Candidau istimau, Candidau a Presidente de sa Regione nostra,

di Michele Podda,

a perdonare si ti dao istrobbu in custa casione de impinnu e contipizu, ma narrer ti lu depo. SA LIMBA SARDA, de custu ti cheria dimandare a facher carchi cosa, da chi tue podes esser, cando a deghe dies, su chi at aer in possa su Guvernu de totu sos Sardos.
M’as a narrer chi jai bi nd’at aer ateru de pessare, si no a sa limba: zovanos chene triballu e ateros fuindesinde; zente manna chi totu in d-unu s’azzapan chene triballu e chene pensione tenende puru familiedda; operas chene dissinias e ateras chene mancu comizzadas; biddas intreas isparindesiche dassande domos boidas carrigas de amentos e de istoria; e tando su pastoriu, cussa zenia de Sardos chi semus totus, ca tue puru che a mie ses naschidu dae sa erbeghe, e bi ses creschiu e fatu a mannu, ca sa Sardinna est da issa chi s’est mantesa semper libera, binta o binchidora chi esseret.

Zustu tando, pessa prima a su pastoriu, a totu sos Sardos chi sun in apretu; ma chene dassare cussu, dae una betada ‘e ocru puru a sa limba sarda, ca cussa puru est che a sa erbeghe etotu, ca nos at pesau dae minores totu cantos, ca cussa fit sa limba de mamas nostras, e de babbos, jajos e jajas, mannois e babbais, e de totu sos mannos de milli e mill’annos. Si tue cumandas, ater podet facher s’ordiminzu, su dovere chi tocat po non che la dassare morrer, ca jai l’ischis chi est dae tempus meda chi non campat e nen morit, continu a filipende. Tue cumanda, dae s’ordine chi dae ocannu, DERETU in su mese ‘e capidanni, in donzi iscola de Sardinna bi siat unu argumentu novu: LIMBA SARDA. Totu cantos, dae sa materna a sas iscolas artas, sos pizzinnos minores o mannitos chi sian, TOTUS ISTUDIEN DE OBBRIGU SA LIMBA SARDA.

M’as a narrer chi non solu sos Sardos ma puru sa limba nois la tenimus a trabessu, cumente sas chentu concas … NO EST ABBERU, tenimus una limba solu, mantesa in donzi bidda, cadiuna cun su colore suo ma semper sa matessi, ca semper sos sardos l’an chistionà e si cumprendian a pare unu cun s’ateru, in Capu ‘e Susu e in Capu ‘e Josso, innubesisiat. E tando non bi nd’at ite irballiare: in s’iscola s’imparat SA LIMBA DE MAMA, cumente faghen in totu su mundu. Apusti de annos si podet mezorare, currezire, cambiare carchi cosa, ma si non si comizzat non si faghet nudda, e sa limba si ch’andat.

M’as a torrare chi cheret dinare meda, chi sos de Roma no l’aprobban e chi cheret mastros novos chi si depen istruire issos puru …NO EST ABBERU, nd’agatas cantu nde cheres, in donzi bidda, in s’iscola etotu, in sas familias de sos pizzinnos; nd’agatas mannos e bonos, cumente li ruet. Si tenes bolontade prova, arriscu de dannos non bi nd’at; como lu podes promiter, tando apustis intrau a Presidente lu faghes e as a bier chi totus, TOTU SOS SARDOS po custu t’an a torrare grassias, como etotu e semper, ca custa cosa, amentatilu, at a abbarrare in s’istoria de Sardinna.

Pro unu cussizu ti doe custu libritu “Su sardu totunu” iscritu cun sa mente ma galu prus cun su coro; ma si b’at bisonzu deo puru, e ateros mille istudiaos e capassos, semus a cumandu tuo po dare una manu ‘e azudu.

E tando promiti e mantene, e pone in parte puru sos ateros Candidaos a Presidente, ca PARIS SI FAGHET PRUS E MENZUS, po sa Sardinna.

Oggi lunedì 18 febbraio 2019

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x21111321e5b-e74c-4969-9968-0a44e1a8a0217fe0c287-1d52-4f4e-8451-2a5f7e5e6268Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x15014137bd10200-1683-4e2a-96e2-ac8d1f0c4010filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633Anpi logo nazcostat-logo-stef-p-c_2-2serpi-2sdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208universita_cultura_e_sapere2ape-innovativa
————-Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti———————
Aggittoriu! Siamo alla fascistizzazione gialla dello Stato! Si può prendere un caffè con un grillino?
disperazione Aladin17 Febbraio 2019
Amsicora su Democraziaoggi.
—————————————————————-
sardegna-dibattito-si-fa-carico-181x300Pastorizia: resiste da millenni eppure i pastori perdono 14 centesimi a litro. Costa più l’acqua del latte. In Sardegna non possiamo non dichiararci tutti pastori!
18 Febbraio 2019
Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
————————————————————-
Di latte e di diversificazione, ancora una volta [di Nicolò Migheli]
By sardegnasoprattutto/15 febbraio 2019/ Economia & Lavoro/
——————————————————————————————–——————————
bandiera-SardegnaEuropa1
ELEZIONI EUROPEE lo spartiacque della politica italiana
di Roberta Carlini, su Rocca, ripreso da Aladinews.
————————————————————

Che succede?

serieta-signoric3dem_banner_04IL GOVERNO CHE NON GOVERNA
17 Febbraio 2019 by Forcesi | Su C3dem.
.
Un’analisi severa del governo gialloverde: Sabino Cassese, “Il motore inceppato” (Corriere della sera). Sargio Fabbrini, “Un paese che non cresce non può proteggere” (Sole 24 ore). Romano Prodi, “Italia isolata in Europa, e la Spagna le ruba il ruolo” (Messaggero). Guido Tabellini, “Italia peggio del 2011” (Il Foglio). Andrea Manzella, “Il Parlamento come antidoto al veleno” (Repubblica). Federico Geremicca, “Le istituzioni che frenano i gialloverdi” (La Stampa). Stefano Passigli, “I ministri non sono al di sopra della legge” (Corriere della sera). Paolo Lambruschi, “Accolti e accoglienti: è l’altra Italia” (Avvenire). Massimo Calvi, “I giovani ci scuotono” (Avvenire). Luca Gambardella, “Il Mediterraneo tra Italia Libia e Malta ora è un buco nero” (Il Foglio). Il debutto dell’erede di Angela Merkel, Annegret Kramp-Karrenbauer: “Giusto tenere i confini aperti” (intervista a La Stampa). Pier Carlo Padoan, “Serve un assegno universale per i figli” (intervista all’Avvenire).
lampadadialadmicromicro133Riprendiamo il passaggio finale dell’intervista a Pier Carlo Padoan. Contiene una riflessione positiva, in larga parte condivisibile, laddove sostiene addirittura il vero “reddito di cittadinanza”, cioè quello universale e incondizionato. Distante anni luce dalle bischerate e dalle posizione strumentali che uniscono il Pd di Renzi alla destra italiana (Forza Italia e Fratelli d’Italia in primis) decisamente contro ogni forma di reddito di cittadinanza, a partire da quella assai blanda varata dal Governo Conte su impulso del M5S. Ecco il passaggio dell’intervista del giornale cattolico a Padoan. Domanda. “A proposito dei problemi di inclusione, il Reddito di cittadinanza incorporerà di fatto il Rei. Giusto mettere lì 9 miliardi?” Risposta.
“La vera arma contro la disuguaglianza è il lavoro, non i sussidi. Per aiutare le famiglie e le imprese, oltre al Rei, lo strumento più appropriato, i 9 miliardi li destinerei a un assegno universale per i figli, cui avrebbero diritto anche i lavoratori autonomi e gli incapienti. L’Italia ha un enorme problema demografico: è un Paese che invecchia e anche per questo non può crescere. Sarebbe uno strumento inclusivo che ridarebbe fiducia a imprese e famiglie.”

Giordano Bruno

“Quei che manco intendono,
credono di sapere di più,
e quei che sono del tutto pazzi,
pensano di sapere tutto.”
[Giordano Bruno,
messo al rogo dall'inquisizione della Chiesa cattolica
il 17 febbraio del 1600]
——
Fece la fine de l’abbacchio ar forno
perché credeva ar libbero pensiero,
perché si un prete je diceva: – E’ vero -
lui risponneva: – Nun è vero un corno! -

Co’ quel’idee, s’intenne, l’abbruciorno,
pe’ via ch’er Papa, allora, era severo,
mannava le scommuniche davero
e er boja stava all’ordine der giorno.

Adesso so’ antri tempi! Co’ l’affare
ch’er libbero pensiero sta a cavallo
nessuno pô fa’ più quer che je pare.

In oggi, co’ lo spirito moderno,
se a un Papa je criccasse d’abbruciallo
pijerebbe l’accordi còr Governo
.

 Trilussa

————
- Su Aladinews del 17 febbraio 2013.
Giordano Bruno. Il 17 febbraio 1600 un frate domenicano, filosofo, fu portato a Campo dei Fiori a Roma, con un chiodo sulla lingua perchè non potesse parlare, legato ad un palo e fatto bruciare vivo.
In quel periodo a Roma comandava il papa Clemente VIII.
Il cardinale inquisitore era Roberto Bellarmino, che la Chiesa Cattolica ha proclamato santo.
Il 18 febbraio 2000 Giovanni Paolo II ha espresso “rammarico per la morte atroce di Giordano Bruno”.
GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x15014131 Piero [rubrica gli occhiali di Piero] su Aladinews del 17 febbraio 2013.

Europa, Europa!

bandiera-SardegnaEuropa1
ELEZIONI EUROPEE
lo spartiacque della politica italiana

di Roberta Carlini, su Rocca.

«Se ne parlerà dopo le Europee». Che sia la manovra-bis, la resa dei conti tra gli alleati di governo, la Tav, le trivelle nel mare, le nomine o qualsiasi altra cosa importante ma spinosa per la vita politica italiana, è frequente sentire il rinvio a dopo la fatidica data, il 26 maggio. Invece per altre scelte, importanti ma portatrici di consenso, la dinamica è stata opposta: un’accelerazione, spesso con sfida al buon senso e alle capacità dell’amministrazione, per arrivare prima delle Europee. È il caso del reddito di cittadinanza, la cui entrata in vigore è stata accelerata e forzata, senza tener conto dei problemi dell’amministrazione, della mancanza di personale nei centri, e di altre carenze che potrebbero mettere a rischio tutta la tenuta del sistema congegnato con quella legge: si vuole far arrivare qualcosa – almeno una promessa formale – nelle case dei più poveri entro la data del voto.

aspettando le Europee
Le Europee sono dunque diventate lo spartiacque della politica italiana, a solo un anno dalla grande svolta che ha mandato in pensione i partiti tradizionali della destra e della sinistra e lanciato l’inedita e imprevista alleanza tra la destra naziona-
lista della Lega e il movimentismo populista, che si dice «né di destra né di sinistra», del M5S. Un’alleanza che finora ha premiato l’astro sorgente di Salvini e la sua Lega, e penalizzato il primo e più giovane partito italiano, adesso guidato da Di Maio. Alle Europee, tra le tante cose, si misure- rà anche la tenuta di questa alleanza, che è così deteriorata, dopo soli nove mesi di governo, che qualcuno pensa che potrebbe anche deflagrare prima del 26 maggio. Tutto ruota attorno al voto con cui manderemo i nostri rappresentanti a Bruxelles: strano destino, per due partiti che sono contro l’Europa, che fanno campagna, con diverse ma convergenti motivazioni, contro la burocrazia di Bruxelles ma anche le sue istituzioni; che volevano uscire dall’euro, salvo rimangiarsi questi fieri propositi nel fotofinish della campagna elettorale; che hanno impostato tutta la loro prima manovra economica sulla sfida ai limiti e ai paletti della Commissione europea, anche qui poi rimangiandosi la dichiarazione di guerra; che attribuiscono all’Europa anche tutte le colpe dell’arrivo dei migranti, oltre che dello scaricabarile sull’immigrazione ai danni dell’Italia.
Si dirà: proprio per questo le elezioni europee sono importanti, i nostri partiti di governo, protagonisti di una rivoluzione nell’atteggiamento dell’Italia rispetto all’Europa, vogliono conquistare l’Unione per cambiarla. Aprirla come una scatoletta di tonno, per seguire l’immagine usata dai Cinque Stelle per il parlamento italiano. Ma allora diventa determinante sapere come, e con chi. Ma purtroppo più di un indizio porta a credere che né Lega né Cinque Stelle sappiamo come vogliono cambiare la politica e le istituzioni dell’Unione Europea, e soprattutto con quali alleanze.

euro sì euro no!
Una cosa è chiara. Anche per queste elezioni, la bandiera della lira non tornerà. Per quanto rimanga negli argomenti dei nostri attuali governanti, e soprattutto nell’umore di una fascia anziana dei loro elettori, l’idea che il declino italiano sia iniziato venti anni fa con l’euro, e che con la vecchia lira e le relative svalutazioni ricorrenti staremmo tutti meglio, pare proprio che questo argomento non sia destinato a diventare tema di campagna elettorale. Ed è un peccato: confinato nel limbo del «vorrei ma non posso», per i costi legati alle turbolenze sui mercati e a una transizione che non prevede regole certe, l’argomento continua ad aleggiare nell’aria, senza essere seriamente discusso ed even- tualmente demolito. Invece sarebbe bene,
e a questo punto della storia possibile, tracciare un bilancio dei benefici che la moneta unica ha portato – in primis, con l’entrata in un’area di stabilità monetaria e bassi tassi di interesse, cruciali per un Paese che ha da pagare una montagna di debiti – e dei costi economici, politici e sociali pagati negli ultimi anni per l’adesione all’area e alla politica dell’Eurogruppo. Si potrebbe distinguere la moneta dalle politiche che l’hanno governata; capire chi sarebbe beneficiato, e chi punito, da un cambiamento dell’una e delle altre; insomma discutere laicamente e non nel generico chiacchiericcio che alimenta lo scontento ma non cerca né trova soluzioni.
bilanci nazionali e bilancio europeo
Se l’euro resterà fuori dalla campagna elettorale, saranno però ben presenti altri temi economici: a partire, per l’Italia, dall’osservazione e i vincoli di Bruxelles sui bilanci nazionali; per passare poi al bilancio europeo, quello che potrebbe essere destinato a una politica comune, adesso microscopico e oggetto di proposte di riforma. E sarà presente il grande tema dell’immigrazione, quello su cui davvero l’Unione ha fallito, non riuscendo a dare una risposta comune e solidale a una pressione migratoria che è sì crescente ma ancora in proporzioni gestibili per un continente esteso, potente e ricco come quello in cui viviamo.

contro l’austerità, ma come?
Sulla politica di bilancio, sia pure in modo confuso e contraddittorio, è abbastanza chiara la visione gialloverde: è contro l’austerità, la linea di rigore sui conti imposta da Bruxelles che è tra le cause, dicono, dell’impoverimento e della precarietà della vita degli italiani. Senza discutere qui nel merito di questa connessione (se ne è parlato tante volte, anche su Rocca, e quel che si può dire ora è che in molti ambienti mainstream, e anche nella stessa presidenza della Commissione, si sono diffuse la critica e l’autocritica per la politica dell’austerità europea negli anni più duri della crisi), certo è che con questa linea i due partiti interpretano il mandato e il messaggio che hanno avuto dal moto di popolo che li ha portati al governo.
Ma adesso che al governo dell’Italia ci sono da un po’, e aspirano a conquistare la maggioranza politica in Europa, è tempo di dire: con quali proposte? Tra i critici dell’austerità così come decisa e interpretata dall’élite europea degli anni Dieci, c’è chi chiede più flessibilità e discrezionalità dei bilanci nazionali, chi un rafforzamento di quello europeo, che passo dopo passo porti a un vero e proprio bilancio federale. Per natura, cultura e storia, né i Cinque Stelle né la Lega ambiscono a un bilancio europeo: la seconda è federalista in casa propria, ma non certo per l’Europa. Nella loro sfida sulla manovra italiana, nei giorni più caldi dello scontro con la Commissione, i governanti italiani hanno detto più o meno apertamente: tanto a maggio cambia tutto, Juncker e soci hanno i mesi contati. Ma in una nuova Commissione «sovranista» gli interessi dei Paesi come l’Italia, che chiederà ancora più flessibilità e ricorso al deficit, saranno più tutelati?

e con quali alleati?
Tutto fa pensare di no. Spesso nelle discussioni sulla tenuta dei conti italiani i «falchi» più agguerriti sono stati proprio i rappresentanti dei governi più vicini all’attuale maggioranza di governo, a partire dalla destra nazionalista del «gruppo di Visegrad» (Polonia, Ungheria, Repubblica ceca, Slovacchia). Non è un caso, ma la conseguenza di quello che è un paradosso logico: l’alleanza tra sovranisti, o tra nazionalisti, si può fare su un obiettivo comunque, possibilmente esterno. Ma appena c’è una posta in gioco comune, ecco che ognuno penserà solo a massimizzare il proprio vantaggio nazionale, a scapito degli altri. Il ministro ceco sarà pure più vicino, per cultura politica e nostalgie nazionaliste, al suo omologo italiano; ma, per quanto riguarda i cordoni della borsa, trova più simpatia con il collega di tavolo tedesco, della cui ortodossia monetaria si sente parte. La falla logica di un «patto» tra nazionalisti è già emersa, in tutta la sua evidenza, a ogni sbarco e discussione sull’immigrazione, con gli alleati di Salvini in prima linea nel negare ogni possibilità di farsi carico, anche in piccolissima parte, dei problemi che si presentano sulla costa italiana. Senza alcuna contropartita sulla condivisione dei problemi italiani, Salvini sta consegnando il suo partito (e, probabilmente, tutto il centrodestra se lo seguirà) a una compagnia politica che in alcuni Paesi – Polonia e Ungheria – è già sotto accusa per la violazione dei diritti politici e democratici fondamentali. Ma almeno la Lega – che non sa bene cosa vuole fare dell’Europa – sa con chi vuole allearsi. I Cinque Stelle invece non sanno né cosa né con chi. Né è prova la casuale e sconclusionata ricerca di alleati, che è passata all’inizio dalla destra nazionalista inglese di Nigel Farage agli ipereuropeisti del gruppo Alde (Alleanza dei democratici e dei liberali per l’Europa, nel cui gruppo nel Parlamento europeo i Cinque Stelle chiesero, a un certo punto, di entrare, ricevendo in risposta un sonoro «no»), fino ad approdare tra pezzi sparsi dei Gilet Gialli francesi, realtà sociale interessante e turbolenta ma senza ancora alcuna strutturazione né chiara visione politica. Finora la cosa più chiara che i Cinque Stelle hanno detto sulle elezioni è che vogliono abolire la sede di Strasburgo del Parlamento europeo, perché inutile e costosa, concentrando tutti i lavori sulla sede di Bruxelles: un po’ poco, per un movimento che vorrebbe scrivere un’altra storia dell’Europa partendo dal basso, dai cittadini e dalla democrazia diretta.
Le settimane che ci separano dal voto europeo sono ancora lunghe. Converrà passarle guardando bene a tutte le dichiarazioni, frasi, impegni, indizi su cosa davvero potrà succedere nella politica europea, piuttosto che restare chiusi in quella italiana.
Roberta Carlini
——————————–
rocca-5-2019-mini_01

Cattolici e Politica. Il dibattito galoppa

rocca-5-2019-mini_01b3124d6a-2a1f-4b60-8241-adfa5813e279 DIBATTITI. Un nuovo partito dei cattolici?.
lampadadialadmicromicro133 Articoli di Ritanna Armeni e di Giannino Piana, su Rocca, ripresi da AladinewsEditoriali.
———————————————————————————

Oggi domenica 17 febbraio 2019

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x21111321e5b-e74c-4969-9968-0a44e1a8a0217fe0c287-1d52-4f4e-8451-2a5f7e5e6268Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x15014137bd10200-1683-4e2a-96e2-ac8d1f0c4010filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633Anpi logo nazcostat-logo-stef-p-c_2-2serpi-2sdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208universita_cultura_e_sapere2ape-innovativa
————-Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti———————
Autonomia differenziata: niente allarmismi, se tutti, Regioni, Governo e Parlamento, esercitano con rigore i propri poteri.
17 Febbraio 2019
Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
———————————————————————–
Autonomia differenziata. Aggiornamenti. POLITICA | Di F. Q. (Il FattoQuotidiano). [segue]

E’ online il manifesto sardo duecentosettantotto

pintor il manifesto sardoIl numero 278
Il sommario
Il nuovo numero 278 Governo: la tentazione del potere assoluto (Ottavio Olita), Autonomia o secessione? (red) La secessione dei ricchi (Massimo Dadea), Un comitato in difesa dell’unità nazionale e contro la secessione dei ricchi (red), Un centralismo regionale con il vestito di Arlecchino (Massimo Villone), Agitazione permanente per il diritto all’aborto (Gianfranca Fois), Siamo qui (Graziano Pintori), Venezuela. Petrolio e non solo (Matteo Matteuzzi), Turchia e dintorni. Essere omosessuale nella Turchia di Erdoğan (Emanuela Locci), L’ipocrisia e il cinismo al potere (Amedeo Spagnuolo), Le “professioni senza senso” nel nuovo capitalismo globale (Gianfranco Sabattini), Aggressione all’assemblea degli studenti. I fascisti difendono il governo con la violenza (red).

Solidarietà alle lotte dei pastori sardi: “Pastore non t’arrendas como” I tentativi storici di decapitare il pastore (Francesco Casula) Sardegna, latte e dintorni (Stefano Deliperi), Semus totus pastores (Valeria Casula), La soluzione dei problemi dei pastori sardi secondo la Lega Coop Sardegna (Michael Pontrelli).

Dedichiamo questo nuovo numero del nostro quindicinale alla lotta dei pastori sardi e alle mobilitazioni contro la secessione dei ricchi. (red)
—————————————————————

Cattolici e Politica

b3124d6a-2a1f-4b60-8241-adfa5813e279
DIBATTITI
Un nuovo partito dei cattolici?
di Ritanna Armeni, su Rocca

Quello che si aggira per l’Italia non è, come diceva il vecchio Marx, «un fantasma», ma un dibattito vero, sentito, appassionato che ha trovato spazio soprattutto sulle colonne dell’Avvenire, giornale dei vescovi, ma che agita concretamente il grande mondo dell’associazionismo e della cultura cattolica, grande, articolato e diffuso. Come può contare di più oggi, in questa società, in questa situazione politica? Diciamo subito che non è un caso che il dibattito sia esploso ora, proprio ora che i cattolici si chiedano come intervenire nuovamente, in quanto tali, nella politica italiana. L’anniversario del discorso di Don Sturzo «sui liberi e forti» dal quale nacque il Partito popolare, è stata solo un’occasione, importante, ma pur sempre un’occasione. Come un’occasione è stato il recente discorso – pure molto politico e teso al risveglio dei cattolici – del Cardinale Bassetti, presidente della Cei.
Se oggi si parla di nuovo di partito o meglio della necessità di un intervento organizzato dei cattolici e dei loro valori nella società è perché appare evidente che la politica – gran parte della politica che si svolge nei palazzi del governo e dei mag- giori partiti – sta andando in direzione opposta, che temi e valori proposti e diffusi su accoglienza e migrazioni, non solo non sono coincidenti con quelli della Chie- sa, ma ne appaiono lontani e in contrasto. Il dibattito è particolarmente vivo e interessante perché, malgrado le spinte antisolidaristiche della politica, in Italia permane una presenza cattolica diffusa e ancora oggi importante. Non è un caso che i promotori del dibattito siano quei giornali, Avvenire e Famiglia Cristiana, che in questi ultimi mesi si sono battuti con più convinzione e fermezza, non temendo di fare scandalo contro la deriva portata avanti dai partiti di governo, in primis la Lega di Matteo Salvini. L’esigenza di una nuova organizzazione che raccolga, rafforzi, metta dei paletti, distingua, faccia battaglia, nasce in genere quando i valori della società in cui si vive appaiono incompatibili con quelli che si sostengono, anzi questi ultimi sono in pericolo e rischiano di essere travolti. E per ripararsi dalla tempesta delle nuove e nocive tendenze politiche e culturali non basta evidentemente la presenza di cattolici nelle alte cariche della politica – in Italia ce ne sono molti dal presidente della Repubblica in giù – e neppure l’associazionismo che continua a essere forte, variegato, propulsivo ed efficace. Non bastano neppure i gesti esemplari, gli interventi controcorrente, le testimonianze quotidiane, le iniziative parrocchiali, gli interventi autorevoli di uomini della Chiesa. Persino le parole di Francesco sempre chiare, nette, inequivocabili riescono a scalfire il muro della diffidenza, dell’odio per il diverso, per l’altro, della paura che pare oggi dominare la società italiana.

Allora – e in questo caso si può citare il vecchio Lenin – «Che fare?». Un partito omogeneo, dichiaratamente cattolico come fu agli inizi del secolo il Partito popolare di Don Sturzo e poi la Democrazia cristiana di Alcide De Gasperi che raccolga e dia forza a chi l’ha evidentemente perduta e riconduca a sé quei cattolici che per paura o incertezza o confusione hanno scelto par- titi che non li rappresentano?
Non è una via senza dubbi. Oggi, in partiti che non si ritengono rappresentativi dei valori della Chiesa, di cattolici ce ne sono molti e pensano di essere nel giusto. Il cattolico che vota Lega non pensa di essere incoerente con i valori della Chiesa, pensa di essere realista o ritiene di essere debole e di doversi difendere. Oppure ritiene che il suo voto non sia in contrasto con i suoi valori: una cosa è la politica un’altra è la morale o la fede.
Non appare ormai efficace neppure quella «movimentista», dei cento fiori fioriscano (e qui la citazione è di Mao Tze Tung) perché di fiori ce ne sono già tanti. L’associazionismo cattolico è fiorente, sono centinaia le organizzazioni, i gruppi che ogni giorno praticano la solidarietà, portano avanti progetti di fratellanza, proclama- no la necessità di un’alternativa alla società consumista e feroce nella quale ci troviamo a vivere. I movimenti possono fermarsi – e lo stanno sperimentando – di fronte ad una soglia o meglio a un vento contrario che, non basta ad annientarli, ma è sufficiente perché non vadano avanti, perché, in poche parole, l’iniziativa sociale non diventi politica, non incida nelle scelte di fondo.
Nascono allora le «terze vie»: costruire gli «Stati generali» dei movimenti, oppure dar vita a un Movimento politico che non sia un partito ma che gli assomigli. E così via. È difficile scendere nel merito delle singole proposte. Soprattutto per chi, come me, di questo mondo non fa parte anche se, nella sinistra, ha vissuto un dibattito analogo e ahimè finora senza risultato. Due cose però mi sembrano evidenti.
La prima. Nel mondo cattolico c’è un sentimento di resilienza forte. Il fatto che per il momento non incida nella politica dei partiti e del governo o incida poco, non intacca il colossale «preferirei di no» di melvilliana memoria che ancora oggi è ripetuto. La seconda. Il passato non è riproducibile. Il partito popolare, la Dc, Sturzo. De Gasperi, ma anche Moro e Zaccagnini, fa parte di una storia che può insegnare ma che non si ripete. Alla Balena Bianca manca l’acqua nella quale nuotare, non c’è più l’Italia del dopoguerra con le sue speranze e timori. E neppure quella ottimista e propulsiva degli anni sessanta e settanta. Oggi le speranze e i timori sono altri. Con questi occorre confrontarsi. Anche a costo di essere minoranza. Anzi con l’orgoglio di esserlo.

Ritanna Armeni
—————————

I CATTOLICI E LA POLITICA
quale presenza e operatività?
di Giannino Piana, su Rocca.

Da alcuni mesi la questione della presenza dei cattolici in politica è al centro del dibattito ecclesiale (e non solo). A sollevarla sono stati una serie di interventi sia di papa Francesco che della Cei – il presidente card. Bassetti è più volte intervenuto in proposito – nonché del quotidiano cattolico «Avvenire», il quale ha ospitato una serie di interventi di vari esponenti della cultura e dell’associazionismo cattolico che hanno recato un importante contributo al dibattito, con l’offerta di significativi apporti tanto all’analisi dell’attuale situazione di crisi e delle cause che l’hanno prodotta, quanto all’individuazione delle vie da percorrere per contribuire alla sua soluzione.
A conferire particolare rilievo a questo vivace confronto ha poi concorso, in misura consistente, la celebrazione il 19 gennaio scorso del centenario dell’appello «A tutti gli uomini liberi e forti» di don Luigi Sturzo, il manifesto da cui è nato il Partito popolare. Un evento storico, quest’ultimo, di grande importanza, perché non ha segnato soltanto la fine del non expedit, ma ha soprattutto inaugurato una nuova stagione (purtroppo breve per l’avvento poco dopo del fascismo) di presenza dei cattolici in politica con un programma di profondo significato morale e civile, che conserva tuttora grande attualità.

le ragioni del ritorno di una domanda
La sollecitazione ad interrogarsi su tale presenza non è tuttavia ai nostri giorni legata a fattori contingenti o di semplice memoria storica. È, più radicalmente, motivata dalla preoccupazione per una congiuntura politica particolarmente difficile (persino drammatica), che non può non interpellare chi ha a cuore le sorti del Paese, in particolare quelle delle categorie più deboli. La gravità dei fenomeni in corso (non solo in Italia) è ben documentata dal messaggio di papa Francesco per la celebrazione della 52° giornata della pace; messaggio in cui vengono messi in luce i vizi della politica «che indeboliscono l’ideale di un’autentica democrazia, sono la vergogna della vita pubblica e mettono in pericolo la pace sociale». Un lungo elenco, quello del papa, che comprende: «la corruzione – nelle sue molteplici forme di appropriazione indebita dei beni pubblici o di strumentalizzazione delle persone – , la negazione del diritto, il non rispetto delle regole comunitarie, l’arricchimento illegale, la giustificazione del potere mediante la forza col pretesto artificioso della ‘ragion di Stato’, la tendenza a perpetuarsi nel potere, la xenofobia e il razzismo, il rifiuto di prendersi cura della terra, lo sfruttamento illimitato delle risorse naturali in ragione del profitto immediato, il disprezzo di coloro che sono stati costretti all’esilio» (La buona politica è al servizio della pace, 1 gennaio 2019, n. 4).
Un quadro fosco e allarmante, dunque, che trova riscontro anche nel nostro Paese, dove ai mali delineati si aggiungono le spinte nazionaliste e populiste e il farsi strada di forme di vero e proprio razzismo – si pensi alla chiusura dei porti e allo smantellamento di alcuni centri di accoglienza dei migranti –, fino all’avanzare di una forma di antipolitica, che trova espressione in un dilettantismo superficiale e nel rifiuto della competenza – tutto è lasciato all’improvvisazione – nonché nel rifiuto, in nome della democrazia diretta, di ogni forma di intermediazione.

il significato di un coinvolgimento
Non si possono certo ignorare le cause che hanno prodotto tale situazione: dal disagio sociale provocato dalla crisi economica, che ha accentuato le diseguaglianze e dilatato l’area delle povertà, al crescente sviluppo tecnologico che sottrae posti di lavoro e determina il venir meno di garanzie sociali per i lavoratori; dalla paura, dovuta agli sviluppi del fenomeno migratorio, spesso artificiosamente alimentata dai media – la percezione della consistenza di tale fenomeno è di gran lunga superiore alla realtà – alle forti spinte individualiste e corporative che alimentano la lacerazione del tessuto sociale, fino agli atteggiamenti di diffidenza e di sospetto nei confronti della classe politica tradizionale per il distacco (purtroppo spesso reale) dalla vita della gente.
Alla radice di tutto non è tuttavia difficile scorgere il venir meno di una proposta etico-culturale e ideologica, che consenta di fornire all’azione politica una visione progettuale capace di suscitare un consenso sempre più ampio e di concorrere alla co- struzione di una democrazia partecipata e solidale. Una proposta per la cui attuazione si esige il coinvolgimento di forze sociali e politiche di diversa estrazione, che concorrano con il loro apporto specifico – come è avvenuto in occasione della redazione della Carta costituzionale – a fornire i tasselli di un mosaico largamente rappresentativo. In questo quadro diviene comprensibile l’insistenza con cui i cattolici vengono sollecitati all’assunzione di una particolare responsabilità. Dopo una lunga stagione di presenza diretta attraverso il partito della Democrazia cristiana – dal dopoguerra agli inizi degli anni ’90 del secolo scorso – la presenza dei cattolici in politica si è progressivamente attenuata. Il venir meno del partito cattolico, a seguito della vicenda di Tangentopoli, e la poca consistenza dei tentativi fatti in seguito per risuscitarlo, sia pure sotto forma diversa, hanno finito per generare uno stato di frammentazione del mondo cattolico in ambito politico, con la conseguente scarsa visibilità provocata anche da una incapacità di comunicare, in modo efficace, le proprie convinzioni.

un approccio laico alle questioni sociali e legislative
L’importanza della politica, che papa Francesco non ha esitato a definire, ricuperando una formula coniata a suo tempo da Paolo VI, «una forma eminente di carità» (ibidem, n. 2), è fuori discussione. La possibilità di farsi carico, in termini strutturali, dei bisogni sociali implica infatti l’impegno diretto nelle istituzioni pubbliche, tanto a livello amministrativo che strettamente politico. Ma il problema che affiora riguarda le condizioni secondo le quali tale impegno va esercitato.
La prima di esse è senza dubbio la laicità. Essa non comporta soltanto il rifiuto della ricostituzione del partito cattolico – il che risulterebbe oggi un anacronismo –; implica, più radicalmente, un approccio «laico» alle questioni sociali e legislative, nel rispetto del pluralismo delle diverse posizioni etico-culturali presenti nella società e nell’offerta del proprio contributo mediante il ricorso ad argomentazioni razionali, con il riferimento dunque a un’ispirazione cristiana non confessionale. Ad essere richiesta è, in altri termini, una forma di laicità, che si oppone tanto al clericalismo quanto a un laicismo di matrice radicale che non riconosce il ruolo sociale della religione. Una laicità che ha le proprie radici nel messaggio evangelico e il cui obiettivo è la costruzione di un progetto riformatore incentrato sui valori della libertà, della giustizia e della pace.
La seconda condizione è la relativizzazione della politica. In questo consiste (forse) il contributo più significativo del cristianesimo. La convinzione che non si dà un sistema perfetto di società libera infatti la politica – come scrive Marta Cartobbia – «da ogni teologia politica di schmittiana memoria, dall’irrazionalità dei miti politici e dalla pretesa salvifica delle cose mondane» (Introduzione a: Francesco Occhetta, Ricostruiamo la politica. Orientarsi nel tempo del populismo, San Paolo 2018); la mette, in altre parole, al riparo dalla tentazione di una totalizzazione ideologica che, oltre ad avere come esito l’affermarsi di regimi assolutistici di cui conosciamo le tragiche conseguenze, apre la strada al suo inserimento entro un quadro più ampio in cui entrano in gioco fattori quali le attività sociali, culturali e ricreative, che costituiscono un ineludibile fonte di arricchimento per la crescita umana.

quali prospettive
per un contributo costruttivo
Ma, accertate le condizioni che ne rendono corretta la presenza, quale contributo i cat- tolici possono offrire al rinnovamento della politica nel nostro Paese? La risposta coinvolge due diversi versanti: quello etico e culturale, nel quale sono in gioco i valori di fondo sui quali la politica va radicata, e quello della proposta operativa, dove è necessario fare i conti con la situazione reale ed individuare le priorità su cui intervenire, nonché le modalità degli stessi interventi.

il versante etico-culturale
Sul primo versante – quello etico e culturale – esiste una tradizione di pensiero del mondo cattolico, che è venuta consolidandosi nel tempo e che è riconducibile a un’antropologia – quella del personalismo sociale –, in cui personale e politico sono tra loro integrati così da superare tanto le derive individualiste che quelle collettiviste. A questa antropologia si è anzitutto rifatto il popolarismo di Sturzo, al centro del quale vi era una concezione limitata dello Stato rispettosa della persona umana e degli organismi naturali – famiglia, classi e comuni –; un popolarismo pertanto che, contrariamente all’odierno populismo incentrato sul modello della «democrazia diretta» che è la negazione della mediazione politica, si identificava – è Pierluigi Castagnetti a rilevarlo – «con il protagonismo del popolo e la capacità della politica di sentirsene espressione» (Come servire il popolo senza mai servirsene. La lezione sturziana a cento anni dall’appello ai liberi e forti, in: Avvenire, 18 gennaio 2019, p. 3).
Questa linea di tendenza, pur con gli inevitabili aggiustamenti (e alcune discutibili limitazioni), è stata, nell’immediato dopoguerra, posta al centro dell’azione politica del partito della Democrazia cristiana – è sufficiente ricordare il contributo offerto alla stesura della Carta costituzionale –, ma si è poi – purtroppo – progressivamente attenuata con il trascorrere degli anni. Ad essa occorre tornare, vincendo la tentazione di inseguire soluzioni di piccolo cabotaggio, motivate da ragioni meramente elettorali, e avviando processi di cambiamento ispirati a valori irrinunciabili e insieme capaci di incidere concretamente sulla realtà.
Molti sono gli ambiti in cui il mondo cattolico può dare in proposito un importante contributo, attingendo alle risorse del proprio patrimonio etico e civile e facendosi catalizzatore di energie morali, di competenze professionali e di esperienze particolarmente significative. Obiettivo fondamentale di tale azione deve essere la ricostruzione del tessuto sociale, favorendo la crescita di un sistema plurale di enti intermedi, capaci di rappresentare esigenze e interessi di parti diverse della società e di farle convergere verso il bene comune. Il che comporta l’instaurarsi di nuovi rapporti tra comunità civile e comunità politica, mediante lo sviluppo, da un lato, di una corretta applicazione del principio di sussidiarietà, e, dall’altro, della creazione di luoghi nei quali dare vita a un dibattito costruttivo sui temi pubblici.

proposta operativa
Il secondo versante – quello della proposta operativa – rende necessaria l’individuazione delle priorità concrete alle quali occorre dare risposta, considerando la diversa gravità delle situazioni nelle quali sono in gioco diritti soggettivi e diritti sociali e, più radicalmente, la dignità della persona umana. Muovendo da questo assunto un posto di primo piano va oggi assegnato alle questioni del lavoro e dell’occupazione, all’intervento pubblico a sostegno della famiglia, all’inserimento degli immigrati nel tessuto sociale attraverso i processi di integrazione e di interazione, alla lotta contro le crescenti diseguaglianze, al tema della sicurezza e al ridimensionamento delle paure spesso indotte dall’enfasi con cui i media dipingono la situazione. E l’elenco potrebbe continuare. Tutto questo senza trascurare le questioni più squisitamente politiche, sia di politica interna – si pensi alla questione della partecipazione democratica e della scelta della rappresentanza in una società dominata da poteri forti come quello economico-finanziario e quello della comunicazione – sia di politica internazionale, dove un ruolo di prim’ordine va assegnato al tema della pace, di cui – come ci ha ricordato papa Francesco – «la buona politica deve essere al servizio».
Queste sono, in definitiva, le modalità dell’impegno che il mondo cattolico deve fare proprie. Un impegno che, stante la situazione di difficoltà che la politica attraversa, diviene un dovere ineludibile, se si vogliono ricostruire le basi di una convivenza civile partecipata e solidale.

rocca-5-2019-mini_01
—————-

AladinewsEditoriali

3fdc1b2d-7e91-4812-b724-b1f3f71d0e0c I torti degli economisti di Gianfranco Sabattini su Aladinews.
—————————————————
6f7823e3-9b02-4886-b50f-fe0ea090a942E’ possibile un governo democratico della globalizzazione? di Gianfranco Sabattini su Aladinews.
—————————————————————-

Che succede?

c3dem_banner_04SE LE AUTONOMIE DIFFERENZIATE AUMENTANO LE DIFFERENZE
.
15 Febbraio 2019 by Forcesi | su C3dem.
Non è facile districarsi nel pasticcio della questione dell’autonomia regionale. Non drammatizza ma chiede che se ne parli in Parlamento Valerio Onida, in un’intervista a Repubblica (“La coesione sociale non è messa in discussione”) e in una al Mattino (“Sbagliato non aprire la discussione in Parlamento”). Cauto anche il punto di vista di Marco Olivetti sull’Avvenire (“Un’occasione da usare bene”), affiancato da un articolo più critico, di Francesco Gesualdi (“Un boccone avvelenato”). Critici altri giuristi: Michele Ainis su Repubblica (“La fiera degli egoismi”) e Massimo Villone sul Manifesto (“Non solo questione di soldi, in ballo c’è molto di più”). Soppesa il giudizio un altro giurista, Francesco Clementi, sul Sole 24 ore (“L’aumento delle differenze e i contrappesi da prevedere”). Tra gli economisti sono critici Massimo Bordignon, su lavoce.info (“La posta in gioco con l’autonomia del Nord”), Gianfranco Viesti, il principale accusatore del regionalismo differenziato (“Lo spacca-Italia fa pagare al Sud la quota del fisco che resta al Nord”), Il Messaggero, (“Sono solo Zaia e soci a guadagnarci, e dopo non si torna indietro”, Il Fatto), e Adriano Giannola, presidente della Svimez (“Bloccare tutto o la secessione verrà fatta dal Sud d’Italia”, La Stampa). Quanto al Pd, Stefano Ceccanti e Luigi Marattin parlano di un grande equivoco (“Dieci punti sull’autonomia regionale”), Enrico Letta sembra assai critico (“E’ una secessione mascherata”, Quotidiano nazionale), alcuni presidenti di regione sono a favore: Sergio Chiamparino (“Io dico sì, il Nord non toglie risorse al Sud”, Il Sole 24 ore), e (“Io favorevole ma nessuna regione può tenersi le tasse”, Repubblica), Stefano Bonaccini (“L’Emilia non minaccia l’unità del Paese”, Corriere della sera); altri meno: Enrico Rossi, (“Si sfascia il paese per fondare staterelli egoisti”, Repubblica).
————————————————————–
fgfmwzaxclwywda-800x450-nopad- La campagna per il NO di Gianfranco Viesti.
———————————————————————

Oggi sabato 16 febbraio 2019

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x21111321e5b-e74c-4969-9968-0a44e1a8a0217fe0c287-1d52-4f4e-8451-2a5f7e5e6268Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x15014137bd10200-1683-4e2a-96e2-ac8d1f0c4010filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633Anpi logo nazcostat-logo-stef-p-c_2-2serpi-2sdgs-make-europe-sustainable-for-all-300x208universita_cultura_e_sapere2ape-innovativa
————-Avvenimenti&Dibattiti&Commenti&Appuntamenti———————
Autonomia differenziata: non serve la difesa dell’esistente
16 Febbraio 2019
Tonino Dessì su Democraziaoggi.
Continuiamo la riflessione sul tema caldo dell’autonomia differenziata con questo contributo, come sempre fuori dal coro, di Tonino Dessì.
———————————————————————————————————————————————–—-
Autonomia, ora lo scontro è sul ruolo del Parlamento. Fico e Conte: “Sia centrale”. Ma la Lega: “E’ ora di concludere”. Da Il Fatto quotidiano.
Il presidente M5s della Camera e il premier in difesa del ruolo dell’Aula nella discussione dei ddl: le bozze circolate nelle scorse ore erano state definiti inemendabili, ovvero non modificabili, dai parlamentari. Il Carroccio però spinge per chiudere la partita in fretta. Ora anche la Campania ha fatto domanda per l’autonomia differenziata per ambiti che vanno dal lavoro al commercio con l’estero passando per tributi e istruzione.
—————————————————-
linkiesta logo
L’autonomia delle regioni del Nord è l’ennesima patacca gialloverde (ma il Sud piange lo stesso). Di Francesco Cancellato, direttore de LINKIESTA.
No, Lombardia e Veneto non avranno mai risorse aggiuntive. No, il Sud non ci perderà mai un centesimo. Eppure, Zaia esulta e i governatori meridionali si preparano alla guerra. Cronache da un Paese in cui il dibattito è sempre più avulso dalla realtà.
———————————————–

Oggi a Selegas: presentazione del libro di Enrica Stroscio

enrica-chi_est-218x300Chi est lìllu géi infrórit. Proverbi di Selegas di Enrica Stroscio
edizioni_grafica_parteolla_logo
Il libro di Enrica Stroscio “Chi est lìllu gèi infròrit” verrà presentato stasera alle 18 nei locali Sa Ziminera di Selegas. Insieme all’autrice, interverranno Maurizio Virdis, docente di linguistica sarda dell’Università di Cagliari, il sindaco Alessio Piras, il presidente della Pro loco Michele Fadda e l’editore Paolo Cossu (Grafica del Parteolla).
[Dal catalogo della Casa Editrice Parteolla] L’autrice ha raccolto direttamente dalla voce dei compaesani oltre 500 tra proverbi e modi di dire. (segue)

Quando i cittadini giustamente pretendono equità e rispetto dalla Pubblica amministrazione.

admin-ajaxTutti i programmi politici da tempo immemore e in tutte le scadenze elettorali (ovviamente anche quella prossima sarda) individuano tra gli obbiettivi prioritari quello di ridurre drasticamente il carico burocratico sui cittadini, sulle imprese, sulle associazioni. Nei fatti nulla si fa, anzi la selva di regole e regolette aumenta sempre più, così come aumentano le “sanzioni” che in misura perversa colpiscono i cittadini, le imprese, le associazioni che per un motivo o per un altro le hanno violate. Il meccanismo di tali normative è perverso in quanto punisce in misura apparentemente uguale tutti i “trasgressori”, in realtà in modo pesante solo i più deboli. E, come diceva don Lorenzo Milani per altre circostanze, ma qui pertinenti “Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali”. Per uscire dal generico, ci riferiamo a una sanzione inflitta al titolare di una micro-impresa, reo di aver depositato con circa sei mesi di ritardo il bilancio aziendale presso la Camera di Commercio e per questo “condannato” a pagare una sanzione di 284,66 euro. Così come risulta precisamente in base alla normativa di riferimento per queste vicende, come a lui comunicato dalla Camera di Commercio a due mesi dalla data riscontrata della violazione, la sanzione amministrativa prevista da 137,33 a 1.376,00 euro, è stata fissata in 274,66 euro, a cui si aggiungono le spese di notifica fino appunto a un totale di 284,66 euro. Ora il nostro amico artigiano dovrebbe pure ringraziare per tale “sconto”, pagare e chiuderla qui. Cosa che farà senz’altro, da buon cittadino e imprenditore, che paga tutte tutte le tasse, le imposte e gli oneri sociali. Ma lo fa lamentandosi del fatto che la dura norma lo costringe a versare all’Erario una somma per lui enorme, che deve sottrarre ai magri ricavi della sua micro-impresa. (Segue)