SARDEGNA

Oggi lunedì 17 giugno 2024

img_3099 La manifestazione di Saccargia è solo l’inizio
17 Giugno 2024
A.P. Su Democraziaoggi
La grande mobilitazione di Saccargia non è che un momento del risveglio dei sardi contro una nuova forma di colonizzazione, quella energetica con le pale eoliche e i panelli solari. Importante anche la composizione della manifestazione. Tanto popolo, comitati, associazionj, aministrazioni locali, esperti, artisti. Le forze portanti di un movimento progressista e liberatorio.
La transizione energetica, […]
————————————————-
img_7639

Ecco il nuovo Consiglio comunale di Cagliari con Massimo Zedda Sindaco

href=”https://www.aladinpensiero.it/wp-content/uploads/2024/06/IMG_7575.jpeg”>img_7575
[in progress]
I 34 eletti
Secondo i dati provvisori (diventeranno definitivi dopo la proclamazione), il più votato è stato il presidente del consiglio comunale uscente, Edoardo Tocco (FI), già consigliere regionale, rieletto con 1.278 voti. Le donne, al momento sono 13, di cui 10 elette nel Campo largo.

img_7643Ecco la possibile composizione del nuovo Consiglio comunale, che potrebbe variare sia perché alcuni candidati hanno pochissimi voti di scarto tra loro, sia perché qualcuno potrebbe entrare nella nuova giunta di Massimo Zedda, lasciando il posto ai compagni di lista più votati.

Amministrative in Sardegna: Bene il centro sinistra. La Sardegna torna ad essere in controtendenza . Cagliari, Sassari, Alghero, Sinnai a primo acchito al centro-sinistra/campo largo.

img_7523Cagliari: ed è subito sindaco. Massimo Zedda massimo risultato.
Dico la verità: nonostante un certo scetticismo iniziale sulla riproposizione all’elettorato della candidatura di Massimo Zedda, tanto è che gli avrei preferito un altro candidato, come Davide Carta, una volta scelto dal Pd e dalla Coalizione di centro-sinistra/campo largo, non ho avuto alcuna esitazione a dichiarare che l’avrei votato, come effettivamente poi ho fatto sabato scorso.
Dicevo (e scrivevo): “ L’elettorato dimentica, ma fino a un certo punto. E invece ha dimenticato tutti i limiti di Massimo e ne ha ricordato solo le tante cose buone che ha fatto, soprattutto nel confronto con la disastrosa gestione di Paolo Truzzu.
I limiti di Massimo a parer mio sono soprattutto 1) la completa ignoranza delle modalità di partecipazione (siamo il Comune meno dotato dei necessari regolamenti di “cittadinanza attiva” e nulla è stato fatto al riguardo nelle sue amministrazioni). Massimo proprio non ci arriva. Basta considerare il suo pessimo rapporto con l’associazionismo e la sua indifferenza sulla questione degli spazi e dei beni comuni urbani inutilizzati. Per la Scuola popolare di Is Mirrionis, di cui abbiamo chiesto ripetutamente il ripristino dei locali e l’inserimento nell’ITI di Is Mirrionis, l’abbiamo avuto addiritura come avversario! 2) La scarsa capacità di visione per quanto riguarda lo sviluppo della città e il tipo di interventi strategici da promuovere. Insomma corriamo ancora una volta il rischio di avere un Sindaco prevalentemente di ordinaria amministrazione. Anche necessaria ma possiamo e dobbiamo mirare a ben altro, a molto di più. E Massimo? Ora che è stato eletto potrà cambiare? Dico di sì. Dipenderà da lui e dagli alleati della coalizione. E da diverse altre scelte. Sono fiducioso in quanto le forze della coalizione esprimono molti candidati bravi e motivati, che spero possano diventare consiglieri o anche assessori. Vedremo gli esiti delle elezioni, ormai consegnati alle urne. Tanti candidati si sono forgiati tra le fila dell’opposizione dell’ultima consiliatura e sono di qualità, come lo sono anche diversi candidati che si propongono per la prima volta. L’esito elettorale non era scontato per nessuno e Massimo Zedda e’ stato bravo a vincere al primo turno.
Complimenti e Auguri di buon lavoro signor Sindaco e Auguri ai nuovi consiglieri della coalizione vincente e di quella/e perdente/i
Franco Meloni

———————————————————Altri commenti
Gioia e tristezza
10 Giugno 2024
A.P. Su Democraziaoggi.
Gioia e tristezza possono convivere? Certamente! Pensate l’allegria dei cagliaritani per la rielezìone di Massimo Zedda. Rivivranno i giorni esaltanti delle sue due prime sindacature, il suo esemplare esercizio delle funzioni amministrative, la sua propulsione verso nuove forme psrtecipative. Chissà poi se Massimino non si dimetterà per candidarsi al parlamento. Non la sentite anche voi l’assenza […]
—————————————
Cagliari lancia la sfida a Massimo Zedda: essere, finalmente, un sindaco di sinistra
di Vito Biolchini
10/06
In un’Italia che resta a destra, Cagliari e la Sardegna infliggono una lezione durissima a Giorgia Meloni. Anche nell’isola Fratelli d’Italia raggiunge sì percentuali rilevanti, ma…
——————————————-
Sassari
Comunali a Sassari, Mascia è sindaco al primo turno

Vittoria schiacciante per il candidato del Campo largo: secondo Lucchi, Mariotti patisce un distacco enorme con il centrodestra
Mariotti solo terzo: «Il centrodestra non ha avuto il favore degli elettori»
Emanuele Floris Su l’Unione Sarda
——————————————————-
Raimondo Cacciotto festeggia la vittoria: è il nuovo sindaco di Alghero
Su L’Unione Sarda.
———————————————————
Amministrative, Barbara Pusceddu è la nuova sindaca di Sinnai
Su L’Unione Sarda
——————————————————-

Oggi 10 giugno 2024 lunedì

Il nuovo Sindaco di Cagliari a primo acchito o dobbiamo aspettare il ballottaggio tra quindici giorni?
img_7546
————————————————————————————————
A Cagliari potrebbe finire così? Prudenza ragazzi!
img_7547
————————————————————————————————
disperazioneEuropee 2024: intanto questo dato negativo:
Affluenza definitiva al 49,69%

Stante ai dati definitivi pubblicati dal Ministero dell’Interno, alle elezioni europee hanno votato complessivamente il 49,69% degli italiani aventi diritto. Nel 2019 il dato era 56,13%. Dunque record di astensioni!

————————————————————————-—
europa_bandiera_europeaLa sintesi dei risultati in Italia su Il sole 24 h: https://www.ilsole24ore.com/art/elezioni-europee-fdi-cresce-ancora-si-avvicina-pd-fi-alla-lega-affluenza-sotto-50percento-AG2BpDU?refresh_ce=1
——————————————————————————
img_7549

Consigli

img_7545Una bella mostra fotografica del grande e famoso fotografo Robert Capa al “Palazzo di città”, il vecchio Municipio di Cagliari, in piazza Palazzo. Tutto spiegato nel sito dedicato. Pubblichiamo una famosa foto di Capa: Picasso con la sua modella-compagna Francoise Gilot.
—————————————-
Robert Capa, Picasso e Francoise Gilot, 1948. Stampa ai sali d’argento, 50,86 x 40,69 cm. Collezione Julian Castilla © Robert Capa/ICP/Magnum Photos/Contacto

Cagliari amore mio. Alla scoperta della città (IV)

img_7531Il ferro e le parole: i muri raccontano.
Scoperta a Cagliari una scritta del ventennio in un edificio abbandonato

di Carla Deplano

3daf0c89-d196-4a7c-b179-6f14c3caf0a3Sarà capitato un po’ a tutti di notare la scritta – seppur parziale e molto deteriorata – che campeggia a caratteri cubitali sul lato del Palazzo Onnis Bellegrandi (ex Chapelle) prospettante sulla piazzetta Mafalda di Savoia in Castello. Si tratta di un frammento del discorso tenuto dal balcone di Palazzo Venezia di fronte alla folla riunita per l’occasione con cui Mussolini il 9 maggio 1936 proclamò la nascita dell’impero italiano all’indomani dell’entrata ad Addis Abeba delle truppe di Badoglio. Il testo recita “IL POPOLO ITALIANO HA CREATO IL SUO SANGUE L’IMPERO, LO FECONDERÀ COL SUO LAVORO, LO DIFENDERÀ CONTRO CHIUNQUE CON LE SUE ARMI. MUSSOLINI”.
L’altra scritta d’epoca fascista, meno popolare ma in perfetto stato di conservazione, appare in via Sassari sulla parete di un’unità condominiale sovvenzionata edificata tra il 1925 e 1928 per i lavoratori dipendenti delle Ferrovie dello Stato. Nonostante la destinazione residenziale per una categoria sociale ed economica di medio livello, l’immobile si distingue per l’equilibrio compositivo e il pregio architettonico affidato ai dettagli, come i rivestimenti a punta di diamante, i mascheroni, le semicolonne che incorniciano le luci sormontate da una porzione di paramento murario che nell’insieme richiamano l’architrave del tempio greco e al contempo i bastoni scomposti del fascio littorio. È qui che si legge a chiare lettere profilate in basso rilievo il motto “SAVIEZZA GOVERNA, LAVORO OPERA, GIOIA RICOMPENSA, FEDELTÀ CONSERVA”.
img_7532

Un voto per Ilaria Salis. Una sarda al Parlamento europeo

img_7517Comunicato stampa
Appello del Comitato sardo per l’elezione di Ilaria Salis al Parlamento europeo
L’annuncio della candidatura della giovane antifascista sarda Ilaria Salis alle elezioni europee tra le fila della lista Alleanza Verdi e Sinistra può determinare una concreta possibilità della sua liberazione da quelle condizioni di arresto e detenzione al limite dell’inumano da parte di un regime autoritario, reazionario e amico dei fascisti.
Per questo motivo, a Cagliari si è costituito il Comitato sardo per l’elezione di Ilaria Salis composto da singole personalità, movimenti, partiti e organizzazioni sindacali e sociali che ritengono che il trattamento riservato alla Salis nell’Ungheria di Viktor Orbán sia lo stesso riservato a chiunque si opponga ai rigurgiti di rinascita delle estreme destre xenofobe e neofasciste in tutta Europa.

Elezioni, elezioni

elezioniRiflessioni sulle scadenze elettorali e sul ruolo delle autonomie territoriali e della “capitale” della Sardegna.

di Franco Meloni

Le elezioni, come gli esami, non finiscono mai. Abbiamo votato il 25 febbraio per il rinnovo del Consiglio regionale e eletto Alessandra Todde prima presidente donna della storia dell’Autonomia Sarda, mentre nella scadenza unificata dell’8 e 9 giugno siamo chiamati alle urne per il rinnovo dei rappresentanti italiani nel Parlamento europeo, nonché in 27 Comuni sardi per le elezioni amministrative (374.412 elettori). Le elezioni europee sono cruciali per il futuro dell’Unione Europea, che vorremo sempre più entità politica dei popoli e delle persone, non solo comunità economica. Le elezioni amministrative sono importanti per il rinnovo gestionale di tutti i paesi interessati, ma è evidente come l’attenzione dei media e del mondo politico sia puntata soprattutto su Cagliari e Sassari, le due principali città sarde (Cagliari con 133.499 elettori, Sassari con 107.073 elettori), che potrebbero andare ciascuna al ballottaggio tra i due candidati più votati, il 23 e 24 giugno. Così come per le città più piccole con più di 15000 abitanti: Alghero, Monserrato e Sinnai. Il grosso degli elettori si concentra dunque nelle Città metropolitane di Cagliari e di Sassari, che hanno soppiantato sostanzialmente le due vecchie Province, affiancandosi alle restanti sei, con la ridefinizione dei relativi confini. Gli statuti di queste entità intermedie tra Regione e Comuni non prevedono attualmente l’elezione diretta degli organi di governo da parte dei cittadini, nonostante le leggi istitutive lo consentano, limitandosi alla nomina dei rappresentanti da parte dei Comuni: un sistema francamente anti democratico da superare quanto prima.
Una riflessione sembra opportuna sulla recente istituzione della Città metropolitana di Sassari, dopo quella di Cagliari: questo nuovo assetto territoriale contribuisce a togliere ogni ragione di rivalità tra le due più grandi città sarde, frutto di antiche vicende che appartengono al passato, piuttosto che problema reale dei rispettivi abitanti. Certo è che per Cagliari le elezioni ripropongono il dibattito sul suo ruolo rispetto alla Sardegna. Noi sardi nell’intimo serbiamo un sentimento nazionalitario e a prescindere dalle appartenenze politiche, ci sentiamo sardi prima che Italiani ed Europei. Consideriamo la nostra regione quasi uno stato indipendente, non per niente godiamo di un’Autonomia Speciale nell’ambito dello Stato Italiano. Ecco perché nonostante l’attribuzione amministrativa di Cagliari sia “capoluogo” regionale, preferiamo definirla come “capitale” della Sardegna. img_6679E’ un titolo prestigioso, che merita nella misura in cui realizza una missione di servizio nei confronti della Sardegna intera,img_6656 che ritroviamo declinata nelle iscrizioni sulle facciate laterali del Palazzo municipale di Cagliari: “Fortitudo totius insulae” (Coraggio di tutta l’isola), “Insulae decor” (Bellezza dell’isola), “Insulae clavis et robur” (Chiave e forza dell’isola). Ne deriva un impegno programmatico di ampio respiro per il Sindaco metropolitano e gli amministratori comunali di Cagliari, nonché per gli altri Sindaci e amministratori sardi, tra i quali quelli espressi dalle prossime elezioni amministrative.
————————————————-
img_6779
—————————————————-
img_7507

Elezioni

di Giorgio Gaber
Generalmente mi ricordo
una domenica di sole
una mattina molto bella
un’aria già primaverile
in cui ti senti più pulito

Anche la strada è più pulita
senza schiamazzi e senza suoni
chissà perché non piove mai
quando ci sono le elezioni

Una curiosa sensazione
che rassomiglia un po’ a un esame
di cui non senti la paura
ma una dolcissima emozione

E poi la gente per la strada
li vedo tutti più educati
sembrano anche un po’ più buoni
ed è più bella anche la scuola
quando ci sono le elezioni

Persino nei carabinieri
c’è un’aria più rassicurante
ma mi ci vuole un certo sforzo
per presentarmi con coraggio

C’è un gran silenzio nel mio seggio
un senso d’ordine e di pulizia
democrazia

Mi danno in mano un paio di schede
e una bellissima matita
lunga sottile marroncina
perfettamente temperata

E vado verso la cabina
volutamente disinvolto
per non tradire le emozioni

E faccio un segno
sul mio segno
come son giuste le elezioni

E’ proprio vero che fa bene
un po’ di partecipazione
con cura piego le due schede

e guardo ancora la matita
così perfetta e temperata
io quasi quasi me la porto via
democrazia.
———————————
https://www.google.com/url?q=https://m.youtube.com/watch%3Fv%3DV5vQTVYFl9E&sa=U&ved=2ahUKEwjVgLSt9ciGAxWdhv0HHUSCJjoQwqsBegQIFBAG&usg=AOvVaw0tfIFu1blUugdxip5SHMnp
————————————————————-
img_7535

Per l’elezione di Ilaria Salis al Parlamento Europeo

img_7488Comunicato stampa
Artiste e artisti per Ilaria Salis
Martedì 4 giugno al Teatro di Sant’Eulalia a Cagliari in Vicolo Collegio 2 alle ore 18.00 si svolgerà una nuova iniziativa politica a sostegno della candidatura di Ilaria Salis al parlamento europeo organizzata dalla lista dell’Alleanza verdi e sinistra, dal Comitato sardo per l’elezione di Ilaria Salis con il coinvolgimento delle artiste e degli artisti della Sardegna a sostegno della candidatura della giovane insegnante antifascista Ilaria Salis.

Ricordando Franco Oliverio, medico, amico, testimone del nostro tempo. Intervento di Gennaro Pinna

img_7473img_7449Successo di partecipazione attenta e coinvolta all’evento-ricordo di Franco Oliverio, organizzato da e a La Collina di Serdiana giovedì 30 maggio u.s. Ben più di una replica dell’iniziativa del 22 marzo scorso a vent’anni esatte dalla morte del nostro indimenticabile amico. A causa di complicazioni tecnologiche la manifestazione ha subito un significativo ritardo, a 7c650edd-6863-43d4-a809-5170f0408202discapito del dibattito che è risultato penalizzato. Giocoforza non si è potuto dare lo spazio che meritava agli interventi, nonostante quelli programmati siano stati autoridotti dalle stesse persone in locandina. Rimediamo, come abbiamo promesso e ci siamo impegnati a fare, dando conto degli interventi effettivamente tenutisi e disponibili per resoconto o rielaborazione da parte degli interessati. E dando spazio a interventi scritti di quanti non sono potuti intervenire. Trovate i materiali sul sito web, pagine fb e whatsapp de La Collina e di Aladinpensiero. Un’ultima proposta: stiamo pensando di realizzare un numero speciale cartaceo di Gulp/La Collina/AladinPensiero, che riporti tutti i materiali dei due eventi e qualcosa in aggiunta. Chiediamo la collaborazione di tutti, magari con l’anticipato acquisto della pubblicazione. Chiudiamo ringraziando tutti per la partecipazione, con speciale menzione, per gli artisti (Cristina Maccioni, l’attrice narratrice, Antonello Giuntini, il cantadore, Sergio Lecis, il musicista e maestro di lsuneddas) e alla famiglia Oliverio: Francesca De Magistris, Stefano e Andrea Oliverio. Un grazie scontato, quanto doveroso e piacevole agli autori (in primis Gianni Loy, autore della piece teatrale) e agli organizzatori (cena compresa) de La Collina. Saludos.
Ettore Cannavera, Gianni Loy, Franco Meloni.

Oggi a La Collina di Serdiana

img_7449

Il MEIC per la Città di Cagliari

meic-conf-stampaAi Candidati/e Sindaci e Consiglieri
LL. SEDI
Lettera-aperta su impegni e programmi per Giustizia sociale, Cultura e partecipazione alla vita della città di Cagliari
Opportunamente i vostri programmi elettorali si caratterizzano per le “cose” che intendete realizzare nella gestione della città per trasformare sicuramente in meglio Cagliari: più pulita, sicura, ordinata nel traffico, vivibile, abitabile, turistica e molto altro ancora. Tutto questo è bello e onorevole per quanti intendono mettersi al servizio dei cittadini.
Il MEIC ( Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) ha un particolare legame con Cagliari, dove è stato fondato nel 1932 ad opera di alcuni giovani cattolici della nostra città – Antonio Dessì, Aurelio Espis, Gigi Fantola, Enrico Carboni, Giovanni Dore, Angela Mari, solo per citarne alcuni – insieme con monsignor Giovanni Battista Montini (futuro papa Paolo VI). Anche in virtù di questo forte legame il Meic ritiene opportuno, anzi doveroso, proporre ai candidati sindaci e a tutti i candidati consiglieri alcune linee d’impegno che potranno dare più senso e significato alla loro “missione” di amministratori della città, nei compiti di governo come quelli di opposizione. Siamo consapevoli che in tanta parte i nostri punti programmatici ricalcano i vostri, ma ci piace ribadirli anche per avere la legittimazione di esercizio di un’attività di collaborazione/controllo sull’effettiva realizzazione degli stessi.

Tessera più tessera per comporre il mosaico della Laurea ad honorem a Claudio Ranieri

laurea-ad-h-cr-abbd8aab-e2ca-4573-a40a-e6f2a70d0480
SulcisIglesiente
——————————————
5fd2ccf4-f4c1-4bb5-9552-ae7c4267518a
Il Portico

Oggi martedì 27 maggio 2024

Oggi a Sant’Elia
img_7455

Oggi domenica 26 maggio 2024

img_3099 Carbonia. Nelle campagne rottura del latifondo, ma le cooperative dei decreti Gullo cessano di esistere. Il movimento contadino diviso, non danno esito i tentativi di sconfiggere familismo e sfiducia
26 Maggio 2024
Gianna Lai su Democraziaoggi
Più dura la repressione nelle campagne, “data la maggior forza del movimento operaio rispetto a quello contadino”, dove la lotta per la terra si concluderà insieme al varo della Legge stralcio. Dice Vittorio Foa che, se la riforma agraria rompe il latifondo e apre all’azienda capitalistica, dà tuttavia origine “a medio termine, all’esodo di […]
—————————————————————-