Editoriale

SA DIE DE SA SARDIGNA ISMENTIGADA

pablo-e-amiche-sa-die-de-sa-sardigna_3
SA DIE DE SA SARDIGNA ISMENTIGADA e il suo significato storico e simbolico.
di Francesco Casula

A pochi giorni dalla ricorrenza del 28 aprile, in extremis si cerca di “recuperare” Sa Die de sa Sardigna, prevedendo qualche iniziativa.
In realtà SA DIE, almeno da parte della Regione Sarda e delle Istituzioni, è stata sostanzialmente azzerata, cancellata.
Probabilmente l’opera di studio, ricerca, confronto, sensibilizzazione che vi è stata nei primi anni, dopo l’istituzione nel 1993, ha spaventato soprattutto la politica.
Così la “Festa” da occasione di studio e di risveglio identitario si riduce nel tempo a rito formale e liturgia vuota: con l’Amministrazione Soru viene annacquata e svuotata dei significati storici e simbolici più “eversivi”; la Giunta di Cappellacci la stravolge del tutto: viene addirittura dedicata alla Brigata Sassari! E Pigliaru, la seppellisce definitivamente. La nuova Giunta ha altro cui pensare: equilibri di potere.
Fortunatamente, anche quest’anno – come ricorda Pesa Sardigna – “la festa del popolo sardo, sarà mantenuta viva dagli anticolonialisti e dagli indipendentisti, nonché da diverse associazioni culturali”.
Ma anche da alcune scuole: io stesso sarò il 27 a Santu Lussurgiu a parlare, agli studenti delle Medie, di Sa Die e di tre donne sarde de gabale: Eleonora d’Arborea, Grazia Deledda e Marianna Bussalai.
L’unico evento ufficiale, grazie al Comitato pro sa Die, si svolgerà a Cagliari con la Messa nella Cattedrale, presieduta dall’Arcivescovo di Cagliari monsignor Arrigo Miglio, con parti significative del rito che si terranno in lingua sarda. Dopo, la cerimonia civile nel salone del Palazzo Regio [*].

Ma ecco, a mio parere il suo significato storico e simbolico più profondo di SA DIE.
Firmaisì! E arrazza de brigungia! Arrazza ‘e onori! Sardus, genti de onori! E it’ant a nai de nosus, de totus ! Chi nc’eus bogau s’istrangiu po amori ‘e libertadi ? Nossi, po amori de s’arroba! Lassai stai totu! Non toccheis nudda! Non ddi faeus nudda de sa merda de is istrangius! Chi ddi sa pappint a Torinu cun saludi! A nosus interessat a essi meris in domu nostra! Libertadi, traballu, autonomia!
Sa-dì-de-sacciappa2-Piero-Marcialis-SDL
In sa fintzione literària e teatrale ispassiosa e galana, in “Sa dì de s’acciappa” s’iscridore Piero Marcialis faghet nàrrere gai a Frantziscu Leccis, – carnatzeri, protagonista de sa rebellìa Casteddàrja contra a sos Piemontesos – furriende·si a sos de su pòpulu chi, abenenados, cheriant assachizare sos carros, prenos de cada gràtzia de Deus, nche cheriant leare a sos dominadores chi si nche fiant furende “s’arroba” chi si nche cheriant giùghere a Torino.
E est custu – a pàrrere meu – su significadu fungudu, istòricu e simbòlicu, de su de nch’àere bogadu a foras sos Piemontesos dae Casteddu su 28 de abrile de su 1794: sos Sardos, a pustis de sèculos de acunnortadura, de abitùdine a pinnigare s’ischina, de ubidièntzia, de asservimentu e de inèrtzia, pro tropu tempus abesos a abassare sa conca, sufrende cada casta de prepotèntzias, umiliatziones, isfrutamentu e leadas in giru, cun unu motu de altivesa e fieresa natzionale e unu corfu de renes e de dignidade si ribellant e àrtziant sa conca, adderetant s’ischina e narant: bastat! In nùmene de s’autonomia e duncas, pro “essi meris in domu nostra”.
E nche bogant a foras a sos Piemontesos e a sos savojardos, non pro motivos resones ètnicas, ma ca rapresentant s’arroddu, sa prepotèntzia e su podere.
Ant naradu e iscritu chi s’est tratadu de “cosa de pagu contu”: petzi una congiura ordimingiada dae unu grustu de burghesos giacobinos, illunminados e illuministas, pro nche bogare pagas chentinas de Piemontesos. Non so de acordu.
A custa tesi, de su restu at rispostu, cun richesa de datos, documentos e argumentos, Girolamo Sotgiu.
S’istòricu sardu, connoschidore mannu e istudiosu de sa Sardigna sabauda, disputat cun grabu ma cun detzisione pròpiu cun s’interpretatzione chi ant dadu istòricos filosavoia comente a Manno o a Angius, a su 28 de Abrile, cunsideradu comente chi esseret, apuntu, una congiura.
Simile interpretazione offusca – a pàrrere de Sotgiu – le componenti politiche e sociali e, bisogna aggiungere senza temere di usare questa parola «nazionali».
Insistere sulla congiura – so mentovende semper s’istòricu sardu – potrebbe alimentare l’opinione sbagliata che l’insurrezione sia stato il risultato di un intrigo ordito da un gruppo di ambiziosi, i quali stimolati dagli errori del governo e dalle sollecitazioni che venivano dalla Francia, cercò di trascinare il popolo su un terreno che non era suo naturale, di fedeltà al re e alle istituzioni.
A pàrrere de Sotgiu custa manera de cunsiderare un’eventu cumplessu e prenu de sugestiones, non cunsentit di cumprèndere s’isvilupu reale de s’iscontru sotziale e polìticu nen de cumprèndere sa gàrriga rivolutzionària chi animaiat grustos mannos de sa populatzione de Casteddu e de s’Isula in su mamentu chi si bortaiat contra a sos chi aiant dominadu dae prus de 70 annos.
No est istadu, duncas, congiura o ribellismu improvisu: a lu nàrrere est finas Tommaso Napoli, padre iscolòpiu, iscridore ispavillu e popularescu ma finas testimòngiu atentu e atendìbile, chi at bìvidu cussos eventos in prima pessone..
A pàrrere de Napoli l’avversione della «Nazione Sarda» – narat pròpiu gai – contro i Piemontesi, cominciò da più di mezzo secolo, allorché cominciarono a riservare a sé tutti gli impieghi lucrosi, a violare i privilegi antichissimi concessi ai Sardi dai re d’Aragona, a promuovere alle migliori mitre soggetti di loro nazione lasciando ai nazionali solo i vescovadi di Ales, Bosa e Castelsardo, ossia Ampurias.
L’arroganza e lo sprezzo – sighit – con cui i Piemontesi trattavano i Sardi chiamandoli pezzenti, lordi, vigliacchi e altri simili irritanti epiteti e soprattutto l’usuale intercalare di Sardi molenti, vale a dire asinacci inaspriva giornalmente gli animi e a poco a poco li alienava da questa nazione.
———————-
[*] Stasera (24 aprile 2019) Giacomo Meloni, segretario della CSS e componente del Comitato po sa die, ci ha comunicato che questa mattina lo stesso Comitato (coordinato da Salvatore Cubeddu) ha incontrato al Palazzo della Regione i presidenti del Consiglio (Michele Pais) e della Giunta regionale (Christian Solinas) con i quali è stato concordato di modificare parzialmente il programma cagliaritano delle manifestazioni de “Sa die” così come segue: dopo la Messa in Cattedrale partirà un corteo che farà una breve sosta al Palazzo regio, successivamente percorrendo le via Lamarmora, parte della via Università, via Mazzini e via via discendendo le viuzze di Marina arriverà al Palazzo del Consiglio regionale in via Roma, dove preceduto da un saluto dei presidenti e dei capi gruppo, si continuerà sostanzialmente secondo il programma già diramato. Non appena ci perverrà provvederemo a diramare il programma definitivo.
—————————————–
Sa die de Sa Sardigna: sa lei
pablo-e-amiche-Sa die de sa Sardigna_3stemma RAS Consiglio-regionale-SardegnaLegge Regionale 14 settembre 1993, n. 44
Istituzione della giornata del popolo sardo “Sa Die de sa Sardinia”.
Il Consiglio Regionale ha approvato
Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Art.1
1. Il 28 aprile è dichiarata giornata del popolo sardo “Sa Die de sa Sardinia”.
2. In occasione della ricorrenza, la Regione Autonoma della Sardegna organizza manifestazioni ed iniziative culturali.
3. A tal fine la Giunta regionale approva annualmente, sentita la competente Commissione consiliare, uno specifico programma, predisposto dall’Assessore della pubblica istruzione anche sulla base delle iniziative indicate dagli enti locali ed associazioni senza scopo di lucro.
4. Detto programma deve mirare a sviluppare la conoscenza della storia e dei valori dell’autonomia, in particolare tra le nuove generazioni.

Art.2
(omissis)
———
La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.
E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.

Data a Cagliari, addì 14 settembre 1993

Cabras
—————————————————————

Europa, Europa

c0037e96-ca5b-42d6-972d-afe789f9a382
EUROPA. Lo spettro del sovranismo
partiti e movimenti
chi sono? e come si presentano alle elezioni europee?

Speciale di Ritanna Armeni e Andrea Gaiardoni, su Rocca.
——————————
Europa: ragioni soggetti
effetti

di Ritanna Armeni
Indigniamoci pure contro il sovranismo e il populismo. Contro l’ondata xenofoba e di destra che travolge buona parte del mondo. Preoccupiamoci di come questa possa influire sulle prossime elezioni europee. C’è da avere paura. C’è davvero uno spettro che si aggira per l’Europa e non è certo quello previsto da Karl Marx nel suo Manifesto. Poi, dopo l’indignazione, la preoccupazione, facciamoci anche delle domande e tentiamo delle risposte. Perché siamo arrivati a questo punto? Quali sono i movimenti economici che sono alla base di un cambiamento epocale? Quali gli sconvolgimenti sociali che l’hanno provocato? Quali le assenze che hanno agevolato l’emergere del mondo brutto e cattivo che abbiamo di fronte? Chi sono i «nuovi barbari» che hanno distrutto le nostre certezze nel progresso, nella modernità, nei buoni sentimenti? È quello che fa egregiamente Marco Revelli nel suo libro «Politica senza politica». Sottotitolo: «Perché la crisi ha fatto entrare il populismo nelle nostre viste».
Lo studioso torinese, sempre attento e fuori dagli schemi e dai luoghi comuni, va alle radici della situazione che si vive in tante parti del mondo. Fa un’analisi, dà una spiegazione.
Intanto chi sono i soggetti protagonisti del sovranismo? Basta guardare i dati delle ultime elezioni nel mondo per rendersene conto.

per rancore e per rabbia
Il mondo si è rovesciato quando l’America profonda e sconfinata colpita dalla crisi economica ha votato Trump, abbandonando la political correctness di Obama, negando l’illusione di una globalizzazione progressista guidata dai grandi centri finanziari, rifiutando con Hillary Clinton l’impegno per i diritti individuali ormai sganciati da sviluppo sociale del liberal americani. Sono stati i farmers delle grandi pianure abbandonate dal progresso, il ceto medio marginalizzato delle piccole e medie città degli Usa, i metallurgici delle cinture dell’acciaio, i minatori del Kentucky. In gran parte, un tempo, elettori del partito democratico che si sono uniti nel voto allo zoccolo duro del partito repubblicano. Per rancore e per rabbia più che per fiducia, per un senso di tradimento, per un residuo, solo un residuo, di speranza di rivincita e di protezione. Si capisce meglio la crisi del modello progressista americano se si tiene presente che in questi ultimi anni hanno perso la casa trenta milioni di famiglie.
Rancore, abbiamo detto. Sì rancore. Il libro di Marco Revelli ci racconta come abbia attraversato l’oceano e sia diventato la Brexit inglese. Anche in questo caso l’esame sociale dei voti al referendum dovrebbe far riflettere. Se il sì all’Europa si è registrato nella Londra della City, nei centri della economia e della finanza globale e si è ridotto a volte considerevolmente fra gli abitanti delle campagne, nei vecchi insediamenti industriali ormai distrutti delle Midland, qualche ragione ci sarà. Il partito della Brexit è ancora una volta quello segnato dalla crisi della old economy. Il tipico elettore remain – scrive Revelli – è una ragazza scozzese con educazione universitaria. Il tipico elettore leave è un lavoratore manuale maschio che ha lasciato la scuola a sedici anni.
L’analisi può continuare verificando gli stessi risultati in Francia, dove la vittoria alle presidenziali di Emmanuel Macron non deve ingannare. La legge elettorale francese non può cancellare che il partito di Marine Le Pen ha ottenuto il voto delle famiglie con reddito basso, dei non acculturati, degli abitanti delle neglette campagne francesi (quelle da cui provengono i Gilets Jaunes). Ancora una volta, il fronte sovranista e populista è sostenuto da chi ha meno, da chi è stato colpito dalla globalizzazione e emarginato dal progresso.

la politica senza la politica
Marco Revelli fornisce, numeri, date, statistiche, analisi per molti paesi. Le caratteristiche sociali, i motivi di delusione, ribellione, rabbia sono sempre gli stessi, anche se declinati in modo differente in un mix che prevede xenofobia, omofobia, tentativi di ritorno a una tradizione che rifiuta ogni progresso culturale e come sappiamo, nei paesi dell’est, in autoritarismo razzista. Victòr Orban è il rappresentante più forte del «sovranismo di Visegrad». «Il suo modus operandi – scrive Revelli – riecheggia i risentimenti di quelle che un tempo erano chiamate classi lavoratrici, amareggiate a causa della stagnazione economica e piene di rancore verso una classe politica lontana e incestuosa».
Eppure sbaglierebbe chi pensasse che le motivazioni dei nuovi barbari siano solo economiche. Loro si sentono abbandonati, traditi, defraudati. Non hanno subìto solo il ridimensionamento del reddito ma anche «un processo di erosione dell’autostima, di cancellazione dell’identità collettiva e dell’identità individuale». Si tratta di una «folla solitaria», di «un’enorme massa d’individui che si sente abbandonata».
Il vento sovranista soffia più impetuoso e distruttore perché oggi c’è un’assenza, anzi come dice lo studioso torinese, un assordante silenzio. È la politica che manca, sono i partiti e la sinistra che hanno dato forfait lasciando coloro che rappresentavano soli e in balia della disperazione e del rancore. C’è da meravigliarsi se si sono affidati a forze nuove che hanno dato risposte facili, che sembrano venire incontro a delusioni e a paure? Questo è avvenuto. «La politica senza politica», senza cioè progetti di cambiamento che coinvolgano i soggetti che la ristrutturazione del mondo del lavoro ha emarginato distruggendo condizioni economiche ambientali e culturali non può che produrre quel che abbiamo sotto gli occhi. Ridare la parola, rompere il silenzio, rinnovare una presenza non è questione elettorale. È questione, molto, ma molto, più seria e importante.
Ritanna Armeni
———————-
Tra i palazzi della politica europea
di Andrea Gaiardoni

C’è un nuovo confine in Europa. Sulle cartine non è segnato, non ancora almeno, ma sempre più sta i contorni del sovranismo assumendo i contorni di una frattura, di una profonda faglia ideologica che spacca in due il vecchio continente. Viene giù dal Mar Baltico, corre sulla frontiera tra Germania e Polonia, ingloba Repubblica Ceca, Austria, Slovenia, Croazia. E poi risale verso est, verso l’Ungheria, fino all’enormità della Russia. È l’onda sovranista, un miscuglio di nazionalismi, populismi, formazioni più o meno esplicitamente xenofobe, fieramente di destra, antieuropeiste, che strizzano l’occhio ora a Putin, ora a Trump, alla ricerca di un punto d’equilibrio che, oggi, sembra ancora lontano. Ma che esiste, a fatti e a proclami. Nel gruppone dei sovranisti si può inserire in pianta stabile, ma non ancora preponderante, anche l’Italia. O almeno così vorrebbe Matteo Salvini, leader della Lega, che ambirebbe a prenderne addirittura il timone con la fondazione di un nuovo gruppo, al termine della prossima tornata elettorale europea, alla fine di maggio.

i contorni del sovranismo
Per chiarezza: il termine «sovranismo», secondo l’enciclopedia Treccani, indica la «posizione politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovrannazionali di concertazione». Come dire: a casa nostra decidiamo noi. L’esatto opposto di un’Europa intesa come federazione di Stati, con una sintonia d’intenti economici, sociali e politici.
All’interno di questo «movimento», per così definirlo, c’è in realtà un po’ di tutto: dai partiti di governo in Polonia e in Ungheria (stati che si sono distinti in questi ultimi anni per aver attuato politiche ultraconservatrici e liberticide, e sui quali pendono procedure d’infrazione proprio da parte della Commissione Europea per violazione dei diritti umani) all’estrema destra xenofoba, dagli euroscettici (eufemismo) ai populisti.
In generale si tende a racchiudere in questo ampio recinto proprio le formazioni politiche che alzano la bandiera della chiusura dei propri confini. Come l’Ungheria di Victor Orban. Che in nome della difesa assoluta delle proprie frontiere, e di tutto ciò che al suo interno accade, ha di fatto ridotto rilevanti spazi di libertà: ha rifiutato in ogni modo l’accoglienza ai migranti, ha bloccato l’ossigeno dei finanziamenti alle Ong, ha spazzato via i vagabondi, messo la sordina ai media, condizionato l’indipendenza dei giudici, calpestato i diritti sociali con la riforma del diritto allo sciopero. Da queste parti non abita più la solidarietà.
O come il resto del cosiddetto Gruppo di Visegrad (l’alleanza politica, culturale e militare che lega, oltre all’Ungheria, la Polonia, la Repubblica Ceca e la Slovacchia). Con qualche distinguo però: il rapporto con la Russia di Putin ad esempio. Cordialissimo con Viktor Orban, mentre è pessimo con il premier polacco Mateusz Morawiecki (per motivi non soltanto politici ma economici), il quale ha invece stretto una solida alleanza con gli Stati Uniti. Il che pone un serio problema di coesistenza.

la galassia della destra radicale
Comunque sia, la frattura geografica e ideologica esiste, è reale e torna a dividere ovest ed est. Una frattura che nel breve periodo potrebbe pesare sulle elezioni che disegneranno il prossimo Parlamento Europeo. Molti slogan a effetto, titoloni sui giornali: uno spettro, a volte solo agitato, a volte fomentato, che davvero s’aggira tra i palazzi della politica europea, ma che probabilmente avrà minor impatto rispetto a quel che si teme.
Stando alle stime più ottimistiche, a oggi, l’insieme dei partiti euroscettici, sommando i potenziali seggi dei partiti più intransigenti e quelli più «soft», raccoglierebbe tra i 150 e 170 seggi al Parlamento Europeo (ma c’è anche chi accredita i sovranisti di 90 seggi e non di più), sui 705 posti disponibili, pari a circa il 20% del totale.

In questo schieramento sono compresi l’Ecr (il gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei), l’Enf (Europa delle Nazioni e delle Libertà) e l’Efdd (Europa delle Libertà e della Democrazia Diretta). Da questi raggruppamenti, dopo le elezioni, dovrebbe nascere l’Eapn (Alleanza Europea dei Popoli e delle Nazioni), promossa proprio dal leader della Lega, Matteo Salvini, in un incontro che si è tenuto alcuni giorni fa a Milano, al quale hanno partecipato varie forze politiche: dal tedesco Jorg Meuthen (Afd, Alternative für Deutschland) al finlandese Olli Kotro (Finn Party), fino al danese Andres Vistisen (Dansk Folkeparti). Salvini, al termine dell’incontro ha dichiarato sui social: «Orgoglioso della prima conferenza internazionale di quest’alleanza che parla di futuro, per riportare al centro il lavoro, la famiglia, la sicurezza, la tutela dell’ambiente. Noi guardiamo avanti, con l’obiettivo di riportare i Popoli al governo anche in Europa». Per poi aggiungere: «In questa nuova Europa non c’è spazio per i nostalgici e nemmeno per i burocrati, per i banchieri, per i buonisti». Ancor più esplicito Jörg Meuthen, portavoce federale di Afd: «Da oggi vogliamo dimostrare che le forze patriottiche e di destra hanno intenzione di non frammentarsi nel Parlamento Europeo, ma di procedere insieme con uno stesso scopo, vale a dire rivedere tutta la politica europea che oggi provoca danni a tutti i cittadini europei. Vogliamo riformare l’Unione europea e il Parlamento Europeo, ma senza distruggerli. Vogliamo portare un cambiamento radicale».
Salvini può anche contare sul sostegno del Rassemblement National di Marine Le Pen e dei sovranisti austriaci. Ma i «pesi massimi» del sovranismo ancora non si sono esposti. Fidesz, il partito del premier ungherese Orban, fa ancora parte del PPE (Partito Popolare Europeo) nonostante una minaccia di espulsione sostenuta anche dal presidente della Commissione Europea, Jean Claude Juncker: «Da almeno due anni Orban si è allontanato dai valori di fondo cristiano-democratici del Partito popolare europeo» – è il parere di Juncker. «E se Orban non condivide questi valori, il suo posto è fuori dal Ppe». Ma una decisione non è stata ancora presa. Mentre Diritto e Giustizia (Pis), partito del premier polacco Kaczynski, continua a far parte di ECR, nonostante i tentativi di corteggiamento, per così dire, di Salvini. Pochi giorni fa l’eurodeputato Ryszard Legutko, braccio destro del premier e autorevole esponente del Pis, ha definito positivi gli incontri tra Kaczynski e Salvini, ma ha bocciato l’idea della cosiddetta «opzione zero» proposta dal leghista: vale a dire cancellare i gruppi esistenti che attualmente accolgono i partiti della destra più radicale e formarne uno nuovo. L’EAPN, appunto. «Per noi questo piano è semplicemente irrealistico», ha tagliato corto Legutko. «Per noi la base del futuro dovrà continuare ad essere l’Ecr».

critiche dall’Italia
Anche gli altri partiti della destra italiana non vedono di buon occhio l’iniziativa e si collocano in ordine sparso. Stabilmente nel PPE Forza Italia, con Antonio Tajani, peraltro attuale presidente del Parlamento Europeo, che critica apertamente il vicepremier leghista: «L’alleanza con Alternative für Deutschland equivale a mettere a repentaglio l’Italia» – commenta Tajani. «È un partito che attacca il governo tedesco accusandolo di essere stato troppo morbido nei confronti della Grecia, ma anche dell’Italia e del Portogallo».
Fratelli d’Italia fa invece parte del gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei (Ecr). E anche Giorgia Meloni non è stata tenera con Salvini: «Precisiamo: i veri sovranisti siamo noi, loro sono populisti» – ha dichiarato. «Il nostro obiettivo è costruire una nuova maggioranza in Europa che vada dai popolari ai populisti con noi dei Conservatori e Riformisti a fare da ponte. Da questo punto di vista è un bene che Orban sia rimasto nel Ppe perché spinge nella nostra direzione».
Critiche sono arrivate anche dal Movimento 5 Stelle, che non si può propriamente definire formazione di destra, ma che in quest’alveo sta cercando di costruirsi una casa solida a livello europeo. «Sono preoccupato per questa deriva di ultradestra a livello europeo, con forze politiche che faranno parte del gruppo con cui si alleerà la Lega che, addirittura, in alcuni casi, negano l’Olocausto» – ha dichiarato Luigi Di Maio. Per la cronaca, il 23 gennaio scorso i deputati di Afd hanno abbandonato l’aula del Parlamento bavarese durante la commemorazione della Shoah, rispondendo così alle critiche della comunità ebraica che li aveva accusati di minimizzare i crimini nazisti e l’Olocausto. Al momento i 5 Stelle sono membri dell’EFDD, nono- stante abbiano tentato di aderire (respinti) al gruppo dei liberali Alde.
In sostanza una galassia profondamente divisa, apparentemente inconciliabile, tutti alla disperata ricerca di un «ruolo chiave» e assai poco amalgamabile attorno a un programma, a una visione che vada oltre l’assemblaggio elettorale. Che diverge non soltanto sulle alleanze, ma anche sulle prospettive. A partire da quelle economiche. Il «giocattolo» europeo fa comodo a molti Stati, soprattutto dell’Est Europa. Gli ultimi dati ufficiali, che risalgono al 2017, certificano che l’Ungheria ha versato all’Unione 820 milioni di euro, incassando 4,049 miliardi. Per restare al Gruppo di Visegrad: la Slovacchia ha versato 646 milioni di euro per riceverne 2,662 miliardi. La Repubblica Ceca 1,361 miliardi contro 4,690. Cifre ben più alte per la Polonia: 3,048 miliardi di euro versati nel 2017, con un ritorno di 11,921 miliardi. Vuol dire che a Varsavia, ogni settimana, arrivano 170 milioni di euro. Economie che, senza troppi giri di parole, non sopravvivrebbero senza gli aiuti europei. Un dato che aiuta anche a comprendere come mai alcune formazioni estremiste, da sempre critiche nei confronti dell’Ue, abbiano sfumato le loro posizioni non appena conquistato un ruolo di governo.

l’ultimo sondaggio:
Ppe in calo, ma sempre in testa

Insomma, l’onda sovranista non sembra avere ancora la forza per travolgere l’Unione Europea. Secondo l’ultimo sondaggio realizzato da Eurobarometro, il 27 marzo scorso, il PPE (Partito Popolare Europeo) sarebbe in testa con 188 seggi (ne perderebbe 29 rispetto agli attuali 217), seguito da S&D (il gruppo dei Socialisti e democratici) con 142 seggi (attualmente ne ha 186, dunque un calo drastico di 44 seggi). La vera notizia è che questi due gruppi, assieme, non avranno la maggioranza dei seggi all’Europarlamento: non accadeva dal 1984. Terza forza, sempre stando alle rilevazioni di Eurobarometro, sono i liberali di Alde (72 seggi), poi l’alleanza dei Verdi (51 seggi, ne perderebbe uno soltanto) e la Sinistra Unitaria Europea (49 seggi).
E il gruppo dei sovranisti? L’Enf, il gruppo più forte, conquisterebbe 61 seggi, seguito da Ecr (53) e Efdd (30 seggi). Anche immaginando un’improbabile alleanza di questi tre gruppi si arriverebbe ai numeri di S&D.
Non proprio una spallata. Ma una presenza sì e anche di un certo peso: la destra radicale c’è e conquista spazi di consenso e di visibilità fino a poco tempo fa impensabili. I movimenti sovranisti fanno attualmente parte, con differenti gradazioni d’intensità, delle maggioranze di governo in 11 paesi dell’Unione Europea. Oltre all’Italia e alle già citate Polonia e Ungheria, c’è l’Austria, la Finlandia, la Repubblica Ceca e la Slovacchia, la Bulgaria, la Romania, la Lettonia e la Grecia.
È lecito chiedersi: i rappresentanti di questi paesi eletti a Bruxelles come si comporteranno in tema di politica estera, di accoglienza, di rispetto dei diritti umani? L’European Council for Foreign Relations, in una ricerca pubblicata pochi mesi fa, ha scritto che «i partiti antieuropeisti potrebbero bloccare il Parlamento europeo dopo le elezioni di maggio». Bloccare forse è eccessivo, ma ostacolare e condizionare certamente sì. Anche perché, nel lungo periodo, nulla esclude che il blocco sovranista possa addirittura crescere. Sottovalutare, oggi, il peso di questa presenza sarebbe un grave errore.
Andrea Gaiardoni
———————-
rocca-09-1-mag2019
———————-
Le illustrazioni sono tratte da Rocca

Per una LETTURA MESSIANICA della CRISI. Parlano i TEOLOGI.

d5d947be-bfe5-41d0-97bb-7d4bd2feba19
Cristo non è un cognome
PER UNA LETTURA MESSIANICA DELLA CRISI

I nomi da dare alle cose non a partire da sé, ma a partire dagli altri. Uno della Trinità ha patito: la sofferenza entra in Dio che si scambia con gli uomini, la prassi messianica è assumere la sofferenza e rendersi vicini all’uomo sfinito. “Il messia sono io”

di Giuseppe Ruggieri

(Relazione di Giuseppe Ruggieri all’assemblea romana del 6 aprile 2019 di “Chiesa di tutti chiesa dei poveri”).

Quella che voglio offrirvi è una meditazione teologica sulla crisi che stiamo attraversando. Il Novecento è stato percorso da crisi varie. Quella che oggi caratterizza il nostro essere in questo mondo trova la sua origine nella dissoluzione dell’Impero sovietico dal dicembre 1990 al dicembre 1991, con il conseguente trionfo dell’economia occidentale come unico vincitore rimasto sul terreno, trova la sua articolazione politica nel discorso del presidente Bush dell’11 settembre 1990 sul “nuovo ordine mondiale”, sfocia nella criminale guerra all’Iraq ad opera delle potenze occidentali, compresa la nostra, matrice vera del fondamentalismo violento dell’Islam, ma corrode anche al suo interno la cultura dell’Occidente. Lo Stato di diritto è in frantumi, le grandi dichiarazioni sulla pari dignità delle donne e degli uomini tutti, a partire da quella delle Nazioni unite del 1948 sono diventate carta straccia.[1] Di questa crisi tuttavia non dobbiamo mai occultare il vero agente, più o meno occulto e ultimo beneficiario: il capitalismo finanziario.

Il teologo non ha in proprio analisi da offrire in concorrenza con le letture sociologiche, economiche, culturali. Come diceva il vecchio Karl Barth egli è unicamente affidato alla lettura dei giornali e alla Bibbia. Ed è alla luce della Parola di Dio che cerca di comprendere il senso di quello che ci sta succedendo, di quanto raccontano i giornali e gli altri mezzi di comunicazione. Alla sorgente della Parola attinge i nomi da dare alle cose. Impresa certamente difficile, ma compito urgente e necessario per ogni scriba “divenuto discepolo del regno dei cieli, simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche” (Mt 13, 52).

Il coraggio di dare un nome alla crisi

«Così come il comandamento “non uccidere” pone un limite chiaro per assicurare il valore della vita umana, oggi dobbiamo dire “no a un’economia dell’esclusione e della inequità”. Questa economia uccide. Non è possibile che non faccia notizia il fatto che muoia assiderato un anziano ridotto a vivere per strada, mentre lo sia il ribasso di due punti in Borsa. Questo è esclusione. Non si può più tollerare il fatto che si getti il cibo, quando c’è gente che soffre la fame. Questo è inequità. Oggi tutto entra nel gioco della competitività e della legge del più forte, dove il potente mangia il più debole. Come conseguenza di questa situazione, grandi masse di popolazione si vedono escluse ed emarginate: senza lavoro, senza prospettive, senza vie di uscita. Si considera l’essere umano in se stesso come un bene di consumo, che si può usare e poi gettare. Abbiamo dato inizio alla cultura dello “scarto” che, addirittura, viene promossa. Non si tratta più semplicemente del fenomeno dello sfruttamento e dell’oppressione, ma di qualcosa di nuovo: con l’esclusione resta colpita, nella sua stessa radice, l’appartenenza alla società in cui si vive, dal momento che in essa non si sta nei bassifondi, nella periferia, o senza potere, bensì si sta fuori. Gli esclusi non sono “sfruttati” ma rifiuti, “avanzi”»[2].

Cosa dice papa Francesco in questo brano della sua esortazione “Evangelii Gaudium”? Non emette una teoria economica, non fa un’analisi sociologica. Enumera alcuni dati che sono sotto gli occhi di tutti.

Il primo tocca la prassi della comunicazione, ciò che fa notizia nei giornali e nella televisione di ogni giorno: non fa notizia il fatto che muoia assiderato un anziano ridotto a vivere per strada, mentre fa notizia il ribasso di due punti in Borsa.

Il secondo fatto si riferisce ad un costume purtroppo diffuso: si getta il cibo, quando c’è gente che soffre la fame.

A questi fatti papa Francesco dà una serie di nomi: la prassi della comunicazione nella nostra società si chiama “esclusione”, mentre lo spreco del cibo quando ci sono affamati che ne hanno bisogno, si chiama inequità. Gli altri nomi dati a questi fatti sono perifrasi di questi due: la legge del più forte, la cultura dello scarto; gli esclusi in particolare vengono chiamati rifiuti, avanzi.

I nomi che il papa dà ai fatti sono già per se stessi – attenzione! – un giudizio netto, di ordine morale, che sfocia in una pratica: non si può più tollerare il fatto, oggi dobbiamo dire no a un’economia dell’esclusione e dell’inequità. Quei nomi rivelano cioè, per il fatto stesso di essere pronunciati, l’opzione etica del papa. Non sono argomenti; dare il nome non è un argomento, è la fonte degli argomenti. Dare il nome è un atto primario, costitutivo dell’essere umano.

Qual è infatti la portata dell’atto del nominare? La Genesi, nella seconda narrazione della creazione, dice che non è Dio che dà il nome all’uomo, ma è l’uomo che riceve il potere di dare i nomi: “Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di animali selvatici e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. Così l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli animali selvatici” (Gen 2, 19-20a). E poi man mano per sempre l’uomo darà il nome ai propri figli, a cominciare da Eva. È lei che chiama il suo primogenito “Caino” perché è convinta di averlo acquistato da Dio (dal verbo qanah, in ebraico).

Nell’atto di nominare si celebra la libertà dell’uomo

Il testo della Genesi fa una distinzione che a noi può apparire strana. Dio “sta a vedere” come l’uomo chiama gli esseri viventi, non le cose inanimate. Dare il nome è un compito che ci viene affidato lì dove c’è vita. Dio ci affida questo compito e sta a vedere, per “vedere” il nome che diamo a tutto ciò che vive, nome che quindi risulta imprevedibile, proprio perché dove c’è vita c’è la libertà. Colpisce anzitutto la passività di Dio rispetto all’uomo che deve dare un nome. Perché?

Nell’atto di nominare si celebra la libertà dell’uomo. L’uomo infatti proprio allora può mentire o non mentire, dare agli esseri viventi e ai loro rapporti un nome che non corrisponda alla realtà dei fatti, ma soltanto ai propri interessi. Questa è la menzogna, radice di ogni violenza, come spiega Gesù nel vangelo di Giovanni. Gesù rimprovera i Giudei (che per lo più, nel IV vangelo, stanno come sinonimo per il mondo che non crede, non in primo luogo per il popolo dei Giudei) rimprovera coloro che non ascoltano le sue parole e li chiama così, “figli del diavolo”, perché? Perché è il diavolo che fin dall’inizio è il principio di ogni violenza e menzogna. E ciò perché egli parla a partire dalle cose che gli appartengono (Giov 8, 43-44). La menzogna è dare un nome a partire da me, da ciò che è mio, mentre la verità è dare un nome a partire dall’altro.

Noi pensiamo che l’anziano che muore assiderato non faccia notizia, perché ci voltiamo dall’altra parte e preferiamo non essere disturbati nel nostro quieto vivere; consumiamo e buttiamo via più di quanto abbiamo di bisogno perché volutamente ignoriamo la fame degli altri. Per questo nella nostra società del cosiddetto benessere non si usa dare il nome a questi fatti, come invece fa papa Francesco. O meglio diamo altri nomi. Ad esempio, gli uomini e le donne che abbandonano il loro paese perché c’è la fame o la guerra, sono invasori, mettono a rischio i nostri posti di lavoro, sono terroristi. L’ultimo, il più terribile, lo abbiamo dato a quei migranti che hanno costretto il capitano della nave a non riportarli in Libia ma a portarli verso un porto sicuro. Li abbiamo chiamati “pirati”. Ecco la menzogna.

E allora comprendiamo perché Dio sta a vedere, come uno spettatore. E comprendiamo altresì la profonda intuizione, all’inizio del Novecento, dell’ebreo Walter Benjamin, in un meraviglioso articolo pubblicato anche in italiano, “sulla lingua dell’uomo”, secondo il quale l’uomo nel dare i nomi, rivela se stesso, si rivela a sé, agli altri, a Dio[3]. Perché dare il nome implica una scelta, o quella di parlare a partire dalle cose che ci appartengono, oppure di parlare a partire dall’altro, avvicinandosi a lui, con un atto di responsabilità nei suoi confronti, ascoltandolo.

Il nome dato da Gesù

Chiediamoci allora quale fu il nome che Gesù diede a coloro che papa Francesco ha chiamato esclusi, deboli, scarto operato dall’economia che guida il nostro sistema. Per comprenderlo, dobbiamo partire dalle sue scelte, quelle che segnarono la sua esistenza pubblica. Furono tre le scelte di Gesù, fondamentali. La prima fu quella di mettersi al seguito di Giovanni Battista e forse, stando almeno alla notizia del IV vangelo (Giov 3, 22-26) si mise a battezzare come lui. Ma poi ne prese le distanze e fece una seconda scelta che, come dice il padre Nolan, il domenicano che vive in Sudafrica e ha ispirato la lotta all’ “apartheid”, è una “chiave insostituibile per comprendere la mente e le intenzioni di Gesù”. Questi ritenne che non era prioritario invitare il popolo a farsi battezzare con un battesimo di penitenza. “Egli decise che era necessario qualcosa d’altro, qualcosa che aveva a che fare con i poveri, i peccatori e i malati – le pecore perdute della casa d’Israele.”[4]

La terza scelta poi fu quella di affrontare la morte. Ma fermiamoci per ora alla seconda, perché è quella che ci fa comprendere meglio le parole di Francesco.

Chi erano coloro ai quali Gesù volse la sua attenzione? I vangeli li indicano con termini vari: poveri, ciechi, storpi, lebbrosi, affamati, quelli che piangono, peccatori, prostitute, agenti delle tasse, ossessi, perseguitati, prigionieri, affaticati e oppressi, piccoli, ultimi, folla che non conosce la legge. Secondo l’opinione dei farisei, espressa in Giov 7, 49, «questa gente che non conosce la Legge è maledetta». Per Gesù invece la folla è: “pecore che non hanno un pastore” (Mc 6, 34 = Mt 9, 36). Matteo in aggiunta sottolinea due volte che Gesù “è stato inviato alle pecore perdute della casa di Israele” (Mt 15, 24; cf. 10,6). A tutti costoro, assieme ai miti, ai puri di cuore, agli operatori di pace, ai perseguitati per la sua causa, ai quali egli si sente inviato per annunciare l’amore del Padre, Gesù dà un nome: “beati”. Non è un nome che hanno ricevuto per la posizione che occupano, né perché soffrono. No, è il nome che Gesù dà a partire dalla sua conoscenza del Padre. Il nome che Gesù dà lo può dare solo lui, perché viveva nell’intimità del Padre. Perché nelle Beatitudini “beati” significa semplicemente questo: quelli che Dio predilige nel mondo. Soffrano o non soffrano, questo è il significato; lo ha spiegato molto bene il padre Dupont nel suo grande Commentario alle Beatitudini. Questo è il significato del termine “beati”. Quelli che Dio ama.

Cosa muove allora Gesù a dar loro questo nome? I vangeli sinottici ci aprono uno spiraglio dicendoci che Gesù nei loro confronti aveva un sentimento di partecipazione alla loro sofferenza di tipo “fisico”, “corporeo”; i vangeli usano un termine che ha sempre un significato messianico: Gesù sentì “nelle viscere” – (noi abbiamo tradotto questa parola con “compassione”, non dice molto, bisogna tradurla alla lettera) – si sentì sconvolto “nelle viscere” al vedere quella gente Quello è il termine che usano i vangeli. Si tratta del verbo splanchnizomai (alla lettera: commuoversi nelle viscere), applicato esclusivamente a Gesù (con pochissime eccezioni che confermano l’uso cristologico).

Allora perché noi chiamiamo Gesù Messia? Gesù non fu come tutti i messia proclamatisi in quel tempo: chi era un sollevatore politico, chi era atteso come il condottiero che avrebbe portato la guerra contro i Romani, contro i nemici di Israele ecc. I discepoli lo chiamarono così perché il più grande dei profeti, Isaia, aveva predetto che questa figura attesa, il Servitore di Dio, si sarebbe caricato delle nostre sofferenze, uomo dei dolori che ben conosce il patire, e, mentre noi tutti eravamo come un gregge e ognuno di noi seguiva la sua strada, lui fu condotto come pecora muta al macello. Ma Dio stesso gli avrebbe dato una discendenza (cf. Is 52, 13 – 53, 12, il quarto canto del Servitore). E quindi sebbene Gesù non si fosse mai chiamato messia, i discepoli lo chiamarono prevalentemente così, senza disdegnare altri nomi (Figlio dell’uomo, Figlio di Dio, Signore, ma anche “servo” come attesta il Pastore di Erma, etc. ). Fu per questo motivo che le profezie di Isaia diventarono per i primi discepoli una griglia attraverso la quale leggere la vicenda di Gesù di Nazaret.

E allora: le vittime della crisi vengono chiamate esclusi e merce di scarto da Papa Francesco il quale proprio così dice la verità, e si rivela a sé, a noi tutti e a Dio; Gesù dà loro il nome di beati perché lui conosce i sentimenti del Padre e noi diamo a Gesù il nome di messia perché conosciamo che egli si è caricato dei nostri dolori ed è stato per questo esaltato dal Padre. Ma fin dalle origini, a partire da Antiochia nel primo secolo, noi ci chiamiamo cristiani, cioè messianici, perché Cristo significa messia, e cristiani significa messianici; ma ormai abbiamo tutti scambiato Cristo per un cognome e perciò c’è poco da fare…

Il messia sono io
(cioè noi tutti)

Emmanuel Lévinas, autore rigorosamente ebreo anche se grande amico dei cristiani, fino ad accettare di fare una conferenza sul significato filosofico dell’incarnazione (Un Dio uomo?),[5] raccolse nel 1963 una serie di testi pubblicati lungo una ventina d’anni nei quali risale alle sorgenti del pensiero ebraico, che – dice lui – l’Occidente cristiano aveva occultato. Uno di questi testi è dedicato all’identità del messia. Per spiegare quale sia questa identità (Lévinas era un ebreo, non aspettava un Messia), per spiegare chi dovesse essere considerato messia Lévinas, alla maniera di un vero e proprio maestro talmudico, citava un brano della Bibbia, quindi l’interpretazione che ne aveva dato un rabbino del passato, e quindi la sua interpretazione (lui amava fare letture dei testi del Talmud avendo appreso l’esegesi talmudica alla scuola di un grande maestro di cui non conosciamo il nome). Il brano della Bibbia commentato da un maestro del passato è quello di Geremia 30, 21, che riporta le parole del profeta sulla restaurazione futura di Israele: “Avranno come capo uno di loro, un sovrano uscito dal loro popolo; io lo farò avvicinare a me ed egli si accosterà. Altrimenti chi rischierebbe la vita per avvicinarsi a me? Oracolo del Signore”. Il maestro è un certo Nachman, un maestro talmudico vissuto in Babilonia e morto nel 320 d. C., che commentava così: Se è tra i viventi allora sono io. È scritto: «Il suo capo sorgerà dal suo interno, e il suo sovrano dai suoi ranghi».

Di questo commento di Nachmann tradizionalmente, dice Lévinas, si dava questa interpretazione: siccome lui si riteneva un discendente di David, allora se il messia è uno del suo popolo, diceva, sono io! No, non è questa l’interpretazione dice Lévinas e propone un’altra interpretazione: “il Messia è il principe che governa in maniera tale che la sovranità non sarà più sottratta a Israele. È l’interiorità assoluta del governo. C’è forse un’interiorità più radicale di questo, in cui il Me comanda a se stesso?” (Lévinas chiama l’Io “Me”, come complemento oggetto, perché l’Io si costituisce per Lévinas solo quando diventa responsabile dell’altro. Questo è l’ipseità, quando io posso dire Me a qualcuno che mi risponde e mi sta di fronte e soprattutto assumo la sua sofferenza). Continua Lévinas: “Il Messia è il re che non comanda più dal di fuori: questa idea di Geremia è condotta da Rav Nachman fino alla sua logica conclusione. Il Messia sono Me, ed essere Me è essere Messia. Si vede dunque che il Messia è il giusto che soffre, che egli ha preso su di sé le sofferenze degli altri. D’altra parte, chi è che prende su di sé le sofferenze degli altri se non colui che dice “Me”? L’ipseità è definita da questo non sottrarsi al peso che impone la sofferenza degli altri. Tutte le persone sono Messia.” [6]

Non sto a spiegare il pensiero di Lévinas e la sua filosofia della coscienza umana. Mi limito a dire, che contrariamente a tutto l’idealismo e alla stessa fenomenologia di Husserl e Heidegger, egli era convinto che noi perveniamo alla coscienza di noi stessi non nell’autoaffermazione della nostra identità rispetto a tutto ciò che è diverso da noi, ma solo nell’incontro con l’altro. L’io autentico è quello che comanda a se stesso, ma perviene a questo stato solo nella misura in cui ha preso su di sé la sofferenza degli altri. Ma è proprio questa la concezione tradizionale ebraica della figura del messia. E non a caso il capitolo centrale del libro della sua maturità, Altrimenti che essere, è dedicato proprio a questo, alla “sostituzione”, perché l’uomo che veramente arriva a se stesso è colui che si sostituisce all’altro.

Il ministero dello scambio

Per me, leggendo le sue pagine, è stata immediata la coincidenza del suo pensiero con quello di un altro grande ebreo, Paolo, sullo “scambio” come centro profondo del vangelo e del suo messaggio. Si tratta del testo di 2Cor 5, 17-21, ma tradotto da un grande teologo tedesco, Erich Przywara, tradotto anche qui alla lettera. Come io ho tradotto alla lettera lo splanchnizomai, così lui traduce alla lettera la parola katallagé di Paolo, che significa “scambio”. Noi lo traduciamo per lo più in “riconciliazione”, ed è un significato possibile perché è derivato, però il significato principale è “scambio”. Dio ci ha scambiato con se stesso in Gesù Cristo e Gesù, che non conosceva peccato, è stato fatto perfino peccato da Dio, scambiato con l’uomo peccatore, sostituito a noi, e Gesù ci ha lasciato “il ministero dello scambio”, cioè della sostituzione all’altro. Questo è l’essere messianico. È per questo che Lévinas può dire: il messia sono io, ed è per questo che se credete in Gesù potete dire – ognuno di voi – : il messia sono io. Rileggiamo pertanto in tal modo quel brano di 2Cor 5, 17-21:

«17 Se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove. 18 Tutto questo però viene da Dio, che ci ha scambiati con sé mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero dello scambio. 19 Era Dio infatti che scambiava con sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola dello scambio. 20 In nome di Cristo, dunque, siamo ambasciatori: per mezzo nostro è Dio stesso che esorta. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi scambiare con Dio. 21 Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo fece peccato in nostro favore, perché in lui noi potessimo diventare giustizia di Dio.»

Il testo della 2° ai Corinti è un testo densissimo, che contiene tutto il vangelo, e unisce in un nesso ormai inestricabile la realtà dell’uomo storicamente esistente e il Padre di Gesù. Giacché l’uomo non è natura o essenza astratta, ma è sempre carico di storia, quella del rifiuto e quella del desiderio dell’amore. Le religioni che cercano di ricostituire e mantenere il legame dell’uomo con Dio sono tutte strade di purificazione dell’uomo dal peccato, in diverso modo dal buddismo a tutte le altre. Il cristianesimo no. Il cristianesimo annuncia il perdono mentre l’uomo è peccatore, annuncia l’amore e impone di proclamare l’amore mentre l’uomo è peccatore. “In questo Dio ci ha dimostrato il suo amore per noi perché il Figlio suo, mentre eravamo peccatori, è morto per noi”.

La prassi messianica

Dice il papa nell’intervista che dà al direttore della Civiltà Cattolica nell’agosto del 2013:
«Io vedo con chiarezza che la cosa di cui la Chiesa ha più bisogno oggi è la capacità di curare le ferite e di riscaldare il cuore dei fedeli, la vicinanza, la prossimità [7]. Io vedo la Chiesa come un ospedale da campo dopo una battaglia. È inutile chiedere a un ferito grave se ha il colesterolo e gli zuccheri alti! Si devono curare le sue ferite. Poi potremo parlare di tutto il resto. Curare le ferite, curare le ferite… E bisogna cominciare dal basso».[8]

L’immagine della Chiesa come ospedale da campo, in cui il medico di fronte alla gravità delle ferite, non sta a indugiare sulle condizioni del ferito, ma interviene immediatamente, è alquanto strana. È la negazione di qualsiasi ideologia religiosa, di qualsiasi dottrina del diritto naturale sulla quale è stata costruita la cosiddetta dottrina sociale della chiesa, di qualsiasi filosofia politica che ha guidato il cosiddetto impegno politico dei cattolici. Il papa dice che tutto ciò è secondario davanti all’impegno primario: anzitutto curare, “poi potremo parlare di tutto il resto”.

Il criterio primario

La sofferenza dell’altro diventa così il criterio primario che deve spingere la mia coscienza ad agire, mi deve rendere responsabile. Nel libro di Giobbe c’è a tal proposito un testo bellissimo che io amo forse più di tutti gli altri testi della Bibbia. Dice: “All’uomo sfinito è dovuta pietà/hesed dagli amici, anche se si fosse allontanato dal timore di Dio” (6, 14). Davanti all’uomo sfinito non c’è religione, non c’è nulla, c’è semplicemente da rendersi vicini a lui, con l’hesed, che indica pietà, solidarietà, misericordia. La distretta umana – anche quella del peccato – esige comunque la pietà/hesed, termine che nell’AT comprende quello di misericordia. La sofferenza per il vangelo di Gesù è più di un sacramento. Come dice papa Francesco nella Evangeli Gaudium è la stessa “carne sofferente di Cristo nel popolo”.[9]

La Trinità ha patito

Se non comprendiamo tutta la portata teologica e umana della sofferenza, ogni discorso sulla prassi dei cristiani, cioè dei messianici, diventa profondamente falsata. La portata teologica della sofferenza la dobbiamo leggere nella stessa storia della fede in Gesù come Messia. I discepoli all’inizio rifiutarono quella che ho chiamato la terza scelta di Gesù: la disponibilità ad affrontare la morte. Nel modo più realistico e crudo ce lo dice il vangelo di Marco che nota, al momento dell’arresto di Gesù, come “tutti allora abbandonandolo fuggirono” (Mc 14, 50). Quando i discepoli superarono lo choc e cominciarono a sperimentare il Crocifisso risorto ancora presente in mezzo a loro, dovettero accettare che la sua morte coinvolgeva la volontà stessa di Dio che, proprio per il dono totale che egli aveva fatto della sua vita, lo aveva esaltato. Da quel momento coloro che credettero e continuano ancora adesso a credere in Gesù sono obbligati a comprendere il nesso tra sofferenza e Dio. Il IV vangelo formula chiaramente il nodo che le generazioni seguenti dovevano sciogliere: “È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. È questa la gloria del Figlio sulla croce, perché la gloria del Figlio, nel IV vangelo, è quella che appare sulla croce. Gesù nel quarto Vangelo risorge sulla croce. La gloria del Padre (anzi,stando al significato originale del termine kabod, che significa “pesantezza”), la pesantezza di Dio che irraggia la gloria del Padre si manifesta in colui che adempiendo la sua volontà accetta fino in fondo di donare la propria vita. Ma questo significa riportare la sofferenza del Crocifisso dentro Dio stesso. Ed è proprio qui che inizia il travaglio della mente dei cristiani. Giacché questo implica che la storia di Gesù, figlio di Dio, sia assunta all’interno della vita stessa di Dio, di un Dio che allora “patisce”, anzi “muore”, come Tertulliano enunciava già con semplicità e senza approfondimenti in Adversus Marcionem II, 16. E il nodo viene sciolto in qualche modo nel VI secolo con la cosiddetta formula teopaschita, sostanzialmente accolta da papa Ormisda nel 521: “Unus de Trinitate passus est”, e poi confermata nel 553 dal Costantinopolitano II che ci chiede di credere che “al Verbo di Dio incarnato e fatto uomo, appartengono sia i miracoli che le sofferenze che volontariamente ha sopportato nella sua carne”.[10]

La Trinità ha patito, la sofferenza entra in Dio. Ovviamente c’è tutto un approfondimento teologico che si è misurato su questo, ed è uno dei temi più forti della teologia attuale. Ma questo è il punto: Deus patiens, un Dio che patisce, la sofferenza entra nella sfera propria di Dio. Ma alla luce di questo possiamo comprendere il detto di Giobbe: l’uomo che soffre, sia religioso o no, si sia allontanato o no dal timore di Dio, ha diritto alla nostra partecipazione, al nostro hesed che sta a significare “magnanimità, disponibilità dell’umano a rinunciare a se stessi ed essere per l’altro”[11]. La sofferenza è lo strato più profondo dell’umano, quello che richiede una solidarietà assoluta, senza condizioni. Nella sofferenza dell’altro, così com’è, nella sua cruda realtà, senza nessuna spiegazione aggiunta, neppure di ordine religioso, l’uomo è chiamato a rispondere di se stesso all’altro. È la sofferenza dell’altro che ci detta allora la prassi adeguata.

Questa fu la prassi messianica di Gesù davanti alle ferite non solo fisiche, ma anche morali della gente che incontrava. Ai peccatori e alle prostitute, emarginati dalla società religiosa del suo tempo, Gesù offre immediatamente la sua vicinanza, come prossimità dell’amore misericordioso di Dio. Al popolo della terra, am ha aarez, che egli percepisce come un gregge disperso egli si sente vicino in modo viscerale, si preoccupa della sua sussistenza, comanda ai discepoli di distribuire quel poco che hanno: non di moltiplicare i pani ma di distribuire quel poco che hanno, ciò da cui verrà la sovrabbondanza. Al lebbroso emarginato dalla società civile e religiosa, con gli stessi sentimenti, offre la possibilità di reintegrarsi subito nella società religiosa.

La lacerazione del 1789 determinò una svolta nella prassi dei cristiani. La chiesa si sentì estromessa dal nuovo assetto sociale e culturale. Quando cominciò lentamente, nel corso dell’800, a invitare i cristiani ad assumere la loro responsabilità nella società considerata nemica della Chiesa, lo fece in nome di una dottrina sociale che un grande storico e teologo al tempo stesso, come il padre Chenu, considerò una ideologia orientata al controllo delle dinamiche sociali.[12] Una ideologia che prendeva le distanze dalle altre concorrenti, come il liberalismo da una parte e il socialismo dall’altra, innalzando così steccati secondari rispetto alla prima urgenza, rappresentata dalla sofferenza delle vittime, e causando un enorme esodo del mondo operaio.

La prassi messianica non prende posizione di fronte alle ideologie. Parafrasando un detto di Gesù, potremmo dire che “Dio sa che avete bisogno di tutte queste cose”, il pane e tutto il resto. Ma il primato resta ad altro, al Regno di Dio annunciato alle vittime del sistema che ogni volta condiziona brutalmente il nostro essere nel mondo. Il cristiano, come Gesù resta un “apocalittico”, per lui “passa lo schema di questo mondo”, egli vive nella apokaradokia della creazione. Apokaradokia significa disperazione. È nella disperazione che la creazione attende la liberazione e la gloria dei figli di Dio (cf. Rom 8, 19-21), perché è stata sottomessa controvoglia al male, alla caducità. L’urgenza del cristiano è un’altra, curare le ferite, senza chiedere a nessuno chi sia, ma sapendo che egli resta amato da Dio, “beato”.

Questa non è una condanna delle ideologie e della politica che ad esse si alimenta. È soltanto il faro che il vangelo del messia Gesù accende sulle vicende della storia. E del resto a ben guardare cosa accomuna i politici più lungimiranti del secolo passato, pur così diversi gli uni dagli altri: da Gramsci, a Rodano, a Berlinguer, da Dossetti a La Pira, a Moro, se non la preoccupazione di alleviare le sofferenze delle vittime del nostro sistema? Ma qui, sulla politica, il discorso diventa diverso e non sta a me il parlarne.

Giuseppe Ruggieri

[1] Articolo 13:

Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato.

Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese.

Articolo 14:

Ogni individuo ha il diritto di cercare e di godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni.

Questo diritto non potrà essere invocato qualora l’individuo sia realmente ricercato per reati non politici o per azioni contrarie ai fini e ai principi delle Nazioni Unite.

[2] Evangelii Gaudium 53: 24 novembre 2013.

[3] “… l’uomo comunica la sua propria essenza spirituale nella sua lingua. Ma la lingua dell’uomo parla in parole. L’uomo quindi comunica la propria essenza spirituale (in quanto essa è comunicabile) nominando tutte le altre cose. … Non si obietti che non conosciamo altra lingua al di fuori di quella dell’uomo: che non è vero. Solo nessuna lingua denominante conosciamo oltre quella dell’uomo … L’essenza linguistica dell’uomo è quindi di denominare le cose.” Walter Benjamin scrisse il suo saggio Sulla lingua in generale e sulla lingua dell’uomo nel 1916. Adesso in W. Benjamin, Opere complete I. Scritti 1906-1922, 281-301. La citazione a p. 281.

[4] A. Nolan, Jesus before Christianity, London 1992, 27

[5] Lévinas pronunciò quel testo alla Semaine des intellectuels catholiques sul tema Qui est Jésus Christ (Bruxelles 6-13 marzo 1968), su invito dello storico René Rémond che allora presiedeva il Centro cattolico degli intellettuali francesi. La sessione in cui prese la parola Lévinas era presieduta da Claude Bruaire.

[6] E. Lévinas, Difficile liberté,4 Paris 2006, 120.

[7] Prossimità è un’altra delle parole chiave di Lévinas per dire chi è il Messia.

[8] È il cuore del messaggio contenuto nella lunga intervista (ben 29 pagine della rivista) che Papa Francesco ha concesso al direttore di «La Civiltà Cattolica», padre Antonio Spadaro. Un colloquio di sei ore avvenuto il 19, il 23 e il 29 agosto 2013.

[9] Evangelii Gaudium, 24

[10] Conciliorum oecumenicorum denegeraliumque decreta 1, Turnhout 2006, 178.

[11] H.J. Stoebe, E. Jenni-Cl. Westermann, Theologisches Handwörterbuch zum Alten Testament, 1, Gütersloh 2004, 611.

[12] M.-D. Chenu, CHENU (M.D.) La Doctrine sociale de l’Eglise comme idéologie, Paris 1979

—————————
Cristo non è un cognome
PER UNA LETTURA MESSIANICA DELLA CRISI
16 APRILE 2019 / EDITORE / DICONO I TEOLOGI / su chiesadituttichiesadeipoveri
.

FORUM DISUGUAGLIANZE: una nuova stagione di giustizia sociale

dfd498d8-364f-410e-8c45-350e103dcc7d
di Fiorella Farinelli, su Rocca.

E’ al presidente Mattarella – a chi altri, in questa fase della politica italiana? – che il 20 marzo scorso sono state consegnate le «15 proposte per la giustizia sociale» elaborate dal Forum Diseguaglianze Diversità, promosso da Fabrizio Barca, economista ed ex ministro del governo Monti. Due anni di lavoro intenso, finanziato tra gli altri da Fondazione Con il Sud, Fondazione italiana Charlemagne, Fonda- zione Uniplus, cui hanno partecipato oltre cento ricercatori e, in decine di seminari e di incontri, organizzazioni della società civile come Action Aid, Caritas italiana, Cittadinanza Attiva, Dedalus Cooperativa Sociale, Fondazione Basso, Legambiente, Uisp.
Il risultato è un ponderoso (ma lo stile comunicativo è fluido e brillante) Rapporto di 160 pagine, fatto di analisi scientifiche puntuali e di proposte. Alcune più prevedibili e altre radicalmente innovative, come quella di far partecipare alla gestione delle imprese non solo le rappresentanze dei lavoratori (come avviene da tempo in Germania) ma anche quelle dei consumatori e dei territori coinvolti, o quella di distribuire a tutti i diciottenni «un’eredità di cittadinanza» di 15.000 euro, senza alcun vincolo di utilizzo. Obiettivo dichiarato, incidere sul dibattito pubblico e sui programmi e sull’azione dei partiti politici.
A convergere sul senso della proposta dichiarando il proprio impegno, i segretari generali di Cgil Maurizio Landini e Cisl Annamaria Furlan, un grappolo di assessori al sociale e al lavoro di città come Napoli, Palermo, Milano, Bologna e di sindaci, professori e rettori, amministratori di imprese, esperti nei diversi ambiti scientifici.

Per lo più positivi anche i commenti comparsi su autorevoli organi di informazione. Della carta stampata – da Espresso e Avvenire, che sono partners dell’iniziativa, al Fatto Quotidiano e al mensile cattolico Vita – e del web, che nelle «15 proposte» hanno riconosciuto una base possibile o un nuovo punto di partenza per la costruzione di un programma di una forza politica di sinistra. Ma quale?

il prisma della diseguaglianza
Sono indubbiamente di sinistra, comunque, la natura e il profilo politico del Rapporto. L’idea che non basti denunciare le diseguaglianze e che sia necessario agire. Che non si possa farlo intervenendo soltanto a valle, con dispositivi risarcitori o redistributivi, ma cambiando le condizioni a monte che hanno prodotto e continuano a produrre l’esplosione delle diseguaglianze. Che un’alternativa esiste e che bisogna costruirla per trasformare i sentimenti di rabbia e di rancore in una nuova stagione di emancipazione che sviluppi la giustizia sociale. Contrastando non una sola faccia del prisma della diseguaglianza – quella delle differenze di reddito – ma le molte che la compongono e che la generano. Le differenze nell’accesso all’istruzione e alla conoscenza, alla sanità, al lavoro. Le disparità di genere. Quelle che riguardano l’aspettativa di vita, la possibilità di ricorrere a farmaci e terapie, il rapporto con le tecnologie. Quelle che, nell’Italia fatta da due Italie, derivano dall’essere nati e risiedere in un territorio piuttosto che in un altro, o dall’essere figli di italiani o di genitori venuti da altri paesi, o dal subire maggiori o minori danni dalle crisi e dai disastri ambientali, o dall’appartenere a una generazione invece che a un’altra.
Perché se è vero che negli ultimi trent’anni a livello globale le diseguaglianze sono significativamente diminuite per l’uscita dalla povertà di centinaia di milioni di cinesi, indiani e di altri paesi in via di sviluppo (ma ci sono ancora più di 30 anni di differenza nell’aspettativa di vita tra un italiano e un abitante del Ghana), nello stesso periodo in Italia e in tutta Europa si sono bloccati i processi di riduzione della forbice iniziati dopo la fine della seconda guerra mondiale. Con addirittura un’inversione di tendenza nel nostro paese, dove siamo tornati a una diseguaglianza di redditi analoga a quella che avevamo negli anni Settanta (e in più, secondo Eurostat, con un indice di diseguaglianza di genere al 43,7 contro il 39,7 della media europea).
In estrema sintesi, se nel 1995 il 10% più ricco degli italiani (pari a 5 milioni di adulti) deteneva metà della ricchezza del paese, nel 2016 ne possiede una quota superiore al 60%. I numeri parlano chiaro. Nel 2017 le persone a rischio di povertà o di emarginazione sociale erano il 29% circa della popolazione, il 12% in condizioni di grave deprivazione materiale, il 14% di povertà relativa. Una cifra doppia rispetto agli anni 80, e con uno spiccato coinvolgimento dei giovani, delle famiglie composte di stranieri, di residenti nelle aree meridionali. E poi, a cascata, le diseguaglianze nell’accesso al lavoro, i differenziali di risultati scolastici, di accesso alla cultura, di capacità di utilizzo delle nuove tecnologie e via andare.

strategia d’intervento
Ma nel documento del Forum l’obiettivo non è fare le pulci, come succede altrove, ai provvedimenti dell’attuale governo, da «quota 100» al «reddito di cittadinanza». Lo sguardo è molto più profondo e più lungo, e il punto di vista presenta un profilo decisamente strategico. Le 15 proposte sono raggruppate in tre campi tematici. Il primo, dedicato a tecnologie, ricerca, innovazione. Il secondo al lavoro. Il terzo all’equità intergenerazionale.
È il primo campo quello che contiene il maggior numero di proposte (10), tutte accomunate dalla necessità di realizzare una maggiore giustizia sociale nell’accesso all’informazione, all’istruzione, al sistema sanitario e ai farmaci; e di tutelare le fasce deboli rispetto non solo all’innovazione tecnologica ma anche a politiche ambientali indifferenti al loro impatto sociale. Evidente, sul tema degli investimenti e degli incentivi ecologici, l’imperativo di renderli sostenibili – conciliando giustizia sociale e ambientalismo – per chi è in situazione economica più svantaggiata. Sono i jilets jaunes ad indicare che politiche anche corrette, come quelle che disincentivano la mobilità stradale basata sugli inquinanti carburanti tradizionali, sono destinate ad essere fortemente contrastate se quel cambiamento finisce col peggiorare le condizioni di vita di settori ampi della popolazione. Analogamente, non si può pensare di sviluppare l’efficientamento energetico degli alloggi, senza incentivi ecologici che siano modulati sulle diverse disponibilità economiche di chi deve sostenerne la spesa.
Ma ricadono in questo ambito anche proposte più complesse e di più difficile attuazione se non in un contesto sovranazionale condiviso, come quelle che puntano a tagliare le unghie ai grandi big del digitale, riducendone la possibilità di esercitare il dominio sulla vita della popolazione. Un dominio economico e culturale tanto più forte quando si esercita su chi ha meno capacità di padronanza culturale e di pensiero critico.

le proposte sul lavoro
Nel secondo campo trovano posto le proposte sul lavoro. Fuori da ogni subalternità alla logica unilaterale del profitto capitalistico, il succo è che si propone di restituire potere ai lavoratori. Con lo sviluppo della contrattazione e l’estensione a tutti i lavoratori delle tutele e garanzie definite dai contratti nazionali. Con l’introduzione di un salario minimo non inferiore a 10 Euro l’ora. Con la democratizzazione del governo e della gestione dell’impresa tramite la partecipazione agli organi di direzione non solo dei rappresentanti dei lavoratori ma anche di tutti i soggetti a vario titolo coinvolti dagli effetti delle attività produttive, da quelle dei consumatori a quelle dei territori di riferimento. Italsider, Taranto, e mille altri casi insegnano.

equità tra le generazioni
Il terzo campo è dedicato all’equità tra le diverse generazioni («Una generazione lasciata indietro») ed è qui che si trovano le proposte più innovative e anche le più controverse, come emerge da queste prime settimane di discussione. La più importante comporta una riforma dell’imposta di successione, eliminata dal secondo governo Berlusconi e solo parzialmente ripristinata dai governi di centrosinistra (e tuttora significativamente più bassa tra quelle previste nella maggior parte dei paesi ricchi) con cui disporre delle risorse in grado di assicurare una sorta di «eredità di cittadinanza» in forma di 15.000 euro netti ad ogni diciottenne nato in Italia. Universalistica e senza vincoli di utilizzo «per pagare qualsiasi attività in grado di accrescere la libertà sostanziale». La libertà di istruzione non vincolata al luogo di residenza dei genitori, di investire in progetti imprenditoriali costruiti con altri, di «conoscere il mondo per imparare culture e lingue diverse nel solo modo possibile», per avere le chances di crescita e di responsabilizzazione rispetto al proprio futuro che oggi sono solo dei figli delle famiglie privilegiate. Un dispositivo rigorosamente universalistico proprio per convincere a contribuirvi i più abbienti. E per cominciare a restituire alle generazioni più giovani quello che le politiche degli ultimi decenni hanno tolto loro.

una possibile rigenerazione della sinistra politica
Va da sé che questa come altre proposte, più o meno radicali, disegnano un terreno di rigenerazione della sinistra politica proprio perché impongono una svolta netta rispetto al progressivo accomodamento a un esistente che si è finito col considerare come oggettivo e sostanzialmente immodificabile. Ripercorrendo, nel mutato mondo di oggi, i valori dell’eguaglianza, della solidarietà, della giustizia sociale. Di una democrazia dinamica, di una politica orientata non all’accettazione ma alla trasformazione della realtà. Quello che serve per ridefinire, oltre alle politiche programmatiche, un’identità politica riconoscibile e attrattiva. Ma, mentre il Rapporto del Forum Diseguaglianze comincia ad essere conosciuto e dibattuto in molti luoghi della società provocando commenti, interventi, proposte di integrazione e di modifica che vengono inviati ai suoi promotori, si è ancora in attesa di reazioni esplicite da parte dei suoi destinatari principali. Che non sono, come è evidente, il solo presidente Mattarella.
Fiorella Farinelli
————————————-
rocca-09-1-mag2019

Preghiera per noi, per tutte e tutti: un cammino per tornare umani e restare umani. Buona Pasqua a tutte e a tutti!

d5d947be-bfe5-41d0-97bb-7d4bd2feba19
lampadadialadmicromicro13Il 6 aprile u.s. si è tenuta a Roma un’assemblea intitolata RIUNIRE I POPOLI FRANTUMATI. Questi in sintesi i contenuti: “Il grido dei popoli, il grido dei poveri, il grido della terra perchè la storia continui, nell’assemblea romana di Chiesa di tutti Chiesa dei poveri. Una lettura messianica della crisi. Le urgenze maggiori: l’unità umana, nessuno straniero; il denaro suddito, non sovrano; la Terra onorata come madre, custodita, mantenuta feconda; il ritorno del volto; disimparare l’arte della guerra”. All’inizio dei lavori è stata coralmente recitata una preghiera, coinvolgente e ricca di vitali significati. La riproponiamo fuori da quel contesto, per celebrare l’odierna domenica di Pasqua di Resurrezione.
logo-ok-chiesa-ranieroDio Vivente. Dio dai molti nomi.
Il tuo vero nome è superiore ad ogni conoscenza,
ma sei venuto a mostrarti a noi nell’uomo Gesù di Nazareth,
che è immagine visibile e trasparente dell’invisibile tuo volto.

Dio, nostro Padre e Madre,
che in molti modi, in molti tempi e luoghi,
hai parlato ai popoli tramite profeti,
manda il tuo Spirito in noi qui radunati.

Mandaci luce per vedere e intraprendere,
insieme ad ogni persona di buona volontà,
il cammino della grande necessaria impresa
che questo tempo richiede alle nostre coscienze,
con urgenza e insistenza:

un cammino per tornare umani e restare umani,
donne e uomini, vecchi e giovani, di ogni casa e paese,
e della casa comune, questo nostro pianeta;

un cammino per riunire i popoli frantumati all’interno
da un vivere feroce, come rivali e non come soci;
popoli divisi tra loro da visioni che immiseriscono
l’unica umanità, bella nella sua varietà,
immagine multipla dei tuoi molti nomi e luci;
- umanità offesa e deturpata
dal peccato di dominio, violenza e sfruttamento;
- umanità violata dalle guerre volute e progettate,
con armi studiate e vendute per erigere torri di denaro;
- umanità venduta, vittima per vittima,
sul mercato del dolore e della morte;
- umanità la cui casa comune, il pianeta,
è pericolante nel suolo e nell’aria;
- umanità divisa nella carne dell’uomo e della donna,
fatta merce e peccato, invece di onore, pace e gioia;
- umanità che nega ai giovani speranze e progetti
proponendo nichilismi e astuzie.

Oggi ti ringraziamo perché,
in questo nostro tempo profondamente turbato e pericoloso,
riconosciamo che non ci fai mancare luci sul cammino,
come è stato in modo speciale il Concilio di mezzo secolo fa,
e la sua ripresa oggi nella Chiesa
che vuole essere sinodale, fraterna,
ecumenica, operatrice di pace, assetata di giustizia e misericordia,
in cordiale solidarietà con tutta l’umanità,
in dialogo e collaborazione con tutte le religioni
e spiritualità umane.

Riconosciamo con gratitudine
che, tra le angosce e del momento presente,
Gesù Cristo ci ripete: “Ma viene un tempo ed è questo…”
in cui “adorarti in Spirito e verità” (Gv 4,23),
cioè intimamente, sinceramente e fattivamente.
Oggi ci siamo riuniti a lavorare sui
nostri compiti attuali,
aiutaci a vedere, volere e fare
ciò che è giusto e buono per amore del mondo.

———————————————
La fatica e il coraggio di essere uomini.
di Salvatore Loi, Guamaggiore 1971.
Mi hanno sempre colpito due frasi del Vangelo: una è di San Luca “ma il Figlio dell’uomo, alla sua venuta, troverà forse la Fede sulla terra?” (Lc. 18,8) e l’altra è di San Matteo “per il moltiplicarsi dell’iniquità si raffredderà la carità di molti” (Mt. 24,12).
A pensar bene sono due frasi drammatiche: sembra che Gesù veda con amarezza tempi in cui fede e amore entreranno in agonia. E l’agonia della fede e dell’amore coincide con l’agonia di Dio nel mondo, ma anche con l’agonia dell’uomo.
Forse oggi essere uomini significa vivere accettando la terrificante condizione umana senza lasciarsene vincere.
Se abituassimo i nostri occhi a superare le barriere dell’apparenza e il nostro cuore ad avere il coraggio di guardare fino in fondo anche ciò che non vorremmo vedere, ci accorgeremmo che siamo povera gente presa dalla paura di tutto.
Il peggio è che questo tutto te lo senti di fronte e di spalle e di fianco e non riesci ad afferrarlo, te lo senti in fondo al cuore e non sai che sia.
Siamo spesso come il povero ebreo errante che sente su di sè il peso di una vita che non riesce a portare, come il pellegrino in viaggio verso una terra che desidera e teme. Gente seduta alla porta di casa a sognare e mentre sogna si accorge che arriva la fine e che il sogno finisce.
La nostra esperienza non è stata voluta per uscire dalla condizione di ogni uomo: guai a coloro che per essere cristiani dimenticano di essere uomini.
È stata voluta come un momento in cui insieme potessimo ricuperare dal fondo del nostro essere quella nostalgia di fede e di amore che ci facessero sperare che è ancora possibile essere uomini veri, con Dio e in Dio.
Il mistero dell’uomo, ha scritto il Concilio Vaticano II, trova spiegazione alla luce del mistero di Cristo. Perciò abbiamo cercato di porre Cristo al centro della nostra esperienza: la sua Parola, il suo Sacrificio e la sua Carità.
Non è che la sua presenza abbia reso la nostra vita più superficialmente tranquilla.
Io non mi so dire perché Dio preferisca piangere con l’uomo piuttosto che dargli una gioia che l’uomo non ha la felicità di costruirsi, ma so, voglio sapere che Dio non è tanto occupato da non ascoltare il pianto di chi non sa ricevere, come di chi non sa dare.
La presenza di Dio: ora consolante e ora sconvolgente, però tale che non ci toglierà la fatica di essere uomini.
Ci darà solo il coraggio di esserlo fino in fondo, se noi vorremo.

Buona Pasqua

Europa, Europa

img_9757L’euro e la necessità di un’”altra Europa”

di Gianfranco Sabattini

“A vent’anni dalla sua creazione l’euro e l’eurozona sono sempre più oggetto di accesi dibattiti e di duri scontri politici”; se si volesse fare un bilancio, il meno che si posa dire, afferma Enrico Grazzini, giornalista economico ed autore dell’articolo “Perché l’euro prima o poi crollerà” (apparso su Micromega n, 2/2019), è che la moneta unica europea, adottata nel 1999 da undici Stati membri dell’Unione, cui si sono aggiunti negli anni successivi altri otto Paesi, “non ha mantenuto le aspettative”: rafforzare il mercato interno europeo, rilanciare il processo di integrazione politica attraverso la costruzione di una struttura istituzionale federalista, far convergere nella crescita e nello sviluppo i sistemi economici e le società dei Paesi aderenti e creare un’area valutaria alternativa a quella del dollaro. Per tutte queste ragioni, è impossibile non riconoscere il “fallimento” della moneta unica, che si è mostrata fragile, dopo alcuni anni dalla sua adozione, con l’inizio della Grande Depressione del 2007/2008.
L’euro, perciò, secondo Grazzini, “sembra essere un chiaro esempio di eterogenesi dei fini con conseguenze ampiamente inaspettate e molto diverse rispetto alle annunciate intenzioni iniziali”, e soprattutto molto diverse dalle finalità indicate da chi, scrivendo il “Manifesto di Ventotene”, indicava la necessita di unire l’Europa per il perseguimento di “un’equità sociale condivisa, non per una moneta unica”.
Grazzini ricorda che molti economisti, fuori e dentro l’Italia, sia di destra che di sinistra, hanno affermato, dopo lo scoppio della crisi globale del 2007/2008, che l’euro “non poteva funzionare nel lungo periodo e in caso di shock”; lo avevano detto a chiare lettere economisti premi Nobel, quali Joseph Stiglitz e Amartya Sen, e in Italia, Luciano Gallino, assieme a molti altri intellettuali ed economisti, come Paolo Savona; questi ultimi, però, pur costituendo una trascurabile minoranza, sono sempre rimasti inascoltati e, come dice Grazzini considerati “blasfemi” dall’establishment dominante.
Al riguardo, si ricorderà il rifiuto del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di nominare Savona Ministro dell’Economia, solo perché, benché non contrario all’Unione europea, era accusato di aver formulato un “Piano B” per il ritorno alla lira nel caso in cui l’euro fosse andato incontro ad una crisi irreversibile. Tutto ciò è accaduto, malgrado fosse noto il fatto che altri Paesi europei si fossero dotati di tutto quanto sarebbe stato necessario per tornare alla loro valuta originaria e che, in Germania, si discutesse apertamente (imperando il severo Ministro delle Finanze Wolfgang Schäuble) della possibilità che l’Italia fosse espulsa dall’area-euro.
In verità, una critica contro l’adozione di una moneta unica nel processo di integrazione europea era stata formulata tanti anni prima della fatidica data del 2007/2008; tra il 1958 e il 1961, all’inizio quindi dell’attuazione del “progetto europeo”, Tibor Scitovsky e Robert Alexander Mundell avevano messo in evidenza le insidie delle quali potevano essere portatori il processo di integrazione economica e il corretto funzionamento dei meccanismi sottostanti il governo dell’area valutaria conseguente al processo di integrazione sopranazionale.
Secondo Tibor Scitovsky, il processo di integrazione economica europea, oltre che vantaggi, poteva creare ostacoli di natura “tecnica” che, se non preventivamente eliminati, avrebbero potuto impedire il successo dell’integrazione. Da questo punto di vista, veniva rilevato il rischio che l’integrazione delle singole economie nazionali potesse generare svantaggi, se le economie avessero presentato, originariamente, strutture produttive completamente differenti. Malauguratamente, questa previsione è prevalsa sull’attesa dei vantaggi, a causa del fatto che il risultato principale della loro distribuzione tra i vari Paesi, conseguente alla liberalizzazione del commercio all’interno dell’area integrata, è stato solo l’incremento della capacità competitiva che l’integrazione, in misura differente tra i vari Paesi, ha determinato nei confronti dell’esterno.
E’ accaduto infatti che l’integrazione economica di strutture produttive differenti non abbia tardato a rivelare le difficoltà cui i singoli Paesi sono andati incontro nella gestione interna del loro sistema produttivo (in particolare, riguardo all’impiego della forza lavoro); difficoltà, queste, che si sarebbero potute rimuovere, solo se fosse stato possibile adottare una politica monetaria e fiscale comune, sorretta dall’integrazione di natura politica, oltre che economica, dei Paesi aderenti al progetto europeo. Non essendo stata realizzata preventivamente la prima, è accaduto che l’aumentata competitività, resa possibile dall’integrazione economica, abbia promosso la propensione di alcuni Paesi, come la Germania, ad orientare la propria struttura produttiva verso le esportazioni, sino a diventare un attore economico globale, e a caratterizzare il proprio sistema economico in termini di avanzo strutturale della propria bilancia commerciale; il che ha dato origine ai mancati benefici economici attesi da parte dei restanti Paesi.
Infatti, la persistenza dell’avanzo commerciale del Paese divenuto dominante all’interno dell’area europea, quindi la sua volontà a non porvi rimedio, hanno impedito che la distribuzione dei vantaggi di natura liberoscambista tra i singoli Paesi dell’Unione Europea fosse realizzata attraverso gli automatismi monetari, secondo quanto era plausibile prevedere in base alla teoria dell’ottimalità delle aree valutarie, esposta nella sua forma più completa nel 1961 da Robert Alexander Mundell.
Secondo questa teoria, l’esperienza storica era valsa a consolidare il fatto che gli squilibri delle bilance commerciali dei Paesi operanti all’interno di un’area di libero scambio sono destinati a tradursi in una crisi del “sistema dei pagamenti internazionali”, se la fissità dei tassi di cambio e la rigidità dei salari e dei prezzi all’interno dei Paesi liberoscambisti impediscono alle ragioni di scambio di svolgere il loro ruolo riequilibratore nei processi di aggiustamento delle bilance commerciali.
Per evitare le difficoltà cui sfortunatamente possono andare incontro i Paesi che decidono di organizzarsi in un’area di libero scambio, attraverso l’adozione di un sistema di valute nazionali collegate tra loro mediante tassi di cambio flessibili, oppure attraverso l’adozione di un’unica valuta, i singoli Stati devono necessariamente rispettare le “regole del gioco” che presiedono al corretto funzionamento dell’area valutaria comune; Nel caso contrario, la crisi dei loro sistemi interstatali di pagamento può trasformarsi in ostacolo, non solo alla stabilità e alla crescita dei Paesi con bilance in deficit, ma anche, più in generale, a quelle dell’intera area di libero scambio. Perché quest’ultima possa configurarsi come ”area valutaria ottimale”, occorre che, all’interno dei singoli Stati, la loro Banca Centrale (nel caso di tassi di cambio flessibili) o la Banca Centrale istituita per l’intera area valutaria (nel caso dell’adozione di un’unica valuta) svolgano la funzione di regolare la quantità di moneta circolante, provvedendo ad allargare o a restringere la circolazione, a seconda della posizione della bilancia commerciale di ogni singolo Stato nei confronti degli altri.
Ciò implica che le Banche Centrali, in entrambi i casi ipotizzati, agiscano in modo tale da consentire ai Paesi in disavanzo di ridurre la propria circolazione, al fine di diminuire il livello generale dei prezzi interni (guadagnando per tale via in competitività), quindi di aumentare le esportazioni; per contro, all’interno dei Paesi con bilancia commerciale in avanzo, le Banche Centrali devono provvedere ad immettere nuova moneta, al fine di aumentare il livello generale dei prezzi interni, promuovendo una diminuzione delle esportazioni. Così, nel tempo, le “regole del gioco” cui devono attenersi nel governo della politica monetaria le Banche Centrali, stimolando l’operatività degli automatismi di mercato, favorirebbero l’aggiustamento delle bilance commerciali di tutti i Paesi integrati all’interno dell’area valutaria comune.
Sino agli anni Settanta del secolo scorso sono del tutto mancate nell’agenda dei Paesi europei, possibili ipotesi di accordo in ambito politico. Queste hanno cominciato ad essere avanzate allorché, a causa della crisi globale dei mercati monetari e di quelli energetici, ha preso forma, nel 1978, la realizzazione del Sistema Monetario Europeo (il cui scopo è stato quello di assicurare una maggiore stabilità monetaria, una riduzione dell’inflazione e tassi di cambio meno variabili, attraverso una maggiore cooperazione tra gli Stati membri); successivamente, con gli anni Ottanta, si è giunti alla decisione di compiere passi in avanti verso l’integrazione, oltre che economica, anche politica dell’Europa, attraverso la creazione di un mercato unico interno.
Solo qualche anno più tardi, ha preso il via il processo di unificazione, con la sottoscrizione dell’”Atto Unico Europeo” (entrato in vigore nel 1987), col quale è stata decisa la realizzazione del mercato unico interno; uno spazio che, mediante l’eliminazione di barriere fisiche, tecniche e fiscali, garantisse la libera circolazione di persone, merci e capitali, in modo da prefigurare l’Europa come un solo Stato.
Per il perseguimento di tale obiettivo si è giunti alla firma, nel 1992, del Trattato di Maastricht, che ha stabilito, da un lato, la nascita di una Banca Centrale Europea (BCE), per la gestione della politica monetaria, e dall’altro lato, le “regole” che avrebbero disciplinato la circolazione della moneta unica (l’euro), da adottarsi entro la fine del millennio.
In presenza degli squilibri nelle bilance commerciali dei singoli Stati, e mancando un accordo comune che ne favorisse il risanamento, il processo di sviluppo dell’integrazione europea e la nascita dell’Unione Economica e Monetaria hanno reso più che mai attuale il dibattito sulla teoria delle aree valutarie ottimali; dibattito che si è protratto sino al sopraggiungere della Grande Recessione del 2007/2008, per continuare negli anni successivi, focalizzando l’attenzione sui motivi per cui non hanno potuto funzionare gli automatismi monetari compensativi.
Sulle ragioni di questa disfunzione, si sono affermate due posizioni contrapposte: da un lato, la crisi della mancata rimozione degli squilibri delle bilance commerciali è stata considerata il risultato delle politiche sociali (in particolare, delle politiche di welfare) di alcuni Stati membri poco “virtuosi”, che avrebbero provocato un effetto negativo a cascata sull’intera area valutaria dell’euro, amplificando le difficoltà determinate dal sopraggiungere della crisi del 2007/2008; dall’altro lato, gli squilibri delle bilance sono stati ricondotti all’ipotesi che alcuni Stati membri fossero vittime, non tanto del loro atteggiamento poco virtuoso e dell’inadempimento degli obblighi comunitari, quanto dei difetti strutturali presenti nelle istituzioni (in particolare, nella BCE) preposte alla gestione dell’eurozona.
Le fasi seguite alla crisi del 2007/2008 hanno polarizzato, fuori e dentro l’Italia, il consenso di molti intellettuali ed economisti (rimasti però inascoltati) sulla seconda posizione, cioè su quella che riconduceva il mancato funzionamento degli automatismi compensativi alla insufficiente azione della Banca Centrale Europea; in particolare, al fatto che tale azione fosse impedita dai Paesi con bilance commerciali in avanzo, i quali, adducendo ragioni ideologiche a difesa dei loro sistemi produttivi, non hanno mai accettato che i rapporti reciproci di debito e credito dei Paesi dell’area-euro potessero essere regolati attraverso l’instabilità dei propri prezzi interni. In altre parole, tali Paesi non hanno voluto che si procedesse sulla via dell’integrazione politica, per cui – come afferma Grazzini – “con Maastricht si è deciso che la creazione e la gestione della moneta – la potestà monetaria – fossero affidate a una banca centrale formalmente e completamente indipendente dai governi e dalla politica (e quindi anche dalle scelte democratiche)”.
Sta di fatto che – coninua Grazzini – alla Banca Centrale Europea è stato assegnato “un potere enorme” che ha esercitato unicamente per controllare l’inflazione, senza essere condizionata e influenzata dalla politica dei singoli Paesi aderenti all’area valutaria comune; la conseguenza di tale status istituzionale della BCE è stata il suo impedimento a svolgere una politica monetaria che, da un lato, realizzasse più equilibrati rapporti tra le strutture produttive dei diversi, e dall’altro, promuovesse la crescita dell’intera area e quella dell’occupazione, attraverso un’incisiva politica della domanda aggregata europea. I Paesi, tra i quali l’Italia, che hanno patito maggiormente gli effetti negativi della Grande Recessione, con la politica deflativa imposta dall’Europa, hanno subito le conseguenze di un minor saggio reale di sviluppo e di una maggiore disoccupazione, a causa della mancata possibilità, dopo l’adesione all’eurozona, di coordinare la loro politica monetaria con la politica fiscale, per via del vincolo di subordinare la seconda alla prima. Questa situazione ha creato la paralisi di Paesi con eccesso di debito, aggravata dal “mancato riciclo” sulla domanda dei rilevanti avanzi di bilancia corrente estera da parte di Paesi come l’Olanda e la Germania.
E’ questo il motivo per cui, se non sarà realizzata un’”altra Europa”, fondata su una reale unificazione politica e sull’azione di una Banca Centrale dotata di poteri e risorse per l’attuazione di interventi democraticamente legittimati, attraverso i quali contrastare le divergenze economiche e sociali esistenti, non solo tra gli Stati membri dell’eurozona, ma tra tutti gli Stati membri dell’Unione, diventerà reale la previsione di Grazzini, che vuole che l’euro prima o poi debba crollare.

ue-futuro

Che cosa ci sta succedendo? Τί εμοί καί σοί, γύναί?

d5d947be-bfe5-41d0-97bb-7d4bd2feba19
IL MESSIA CHE RIMANE
16 APRILE 2019 / EDITORE / CONVEGNI E ASSEMBLEE / su chiesadituttichiesadeipoveri

logo76La parola ed il grido. Che cosa ci può salvare? L’intera famiglia umana è il soggetto portatore delle promesse e speranze messianiche, non nella astrazione rarefatta del concetto, ma come una vera comunità politica capace di instaurare un nuovo ordine mondiale

di Raniero La Valle

Intervento introduttivo all’Assemblea di Chiesa di Tutti Chiesa dei poveri del 6 aprile 2019.

Ringraziamo quanti sono venuti, in tanti e da tutte le parti, a questa assemblea, e soprattutto diamo il benvenuto ai giovani, che questa volta sono così numerosi, e prenderanno la parola, secondo l’impegno che ci eravamo dati: mai più un’assemblea senza i giovani. E tanto meno questa può essere senza giovani perché non è un’assemblea come tutte le altre. Essa non è su un tema da svolgere con delle belle relazioni e una tranquilla conclusione da trarre, ma è convocata su una domanda. E la domanda è: che cosa ci sta succedendo?

E non è una domanda qualsiasi, è la madre di tutte le domande. Perché a questa domanda è appeso il futuro, il nostro futuro, o se si vuole, il destino.

Che cosa ci sta succedendo? Τί εμοί καί σοί, γύναί? È la domanda che si legge nella Bibbia, al versetto 4 del 2° capitolo di Giovanni, è la domanda che Gesù fa alla madre alle nozze di Cana, che le nostre Bibbie traducono: “Donna, che vuoi da me?”, ma che letteralmente vuol dire: “Che cosa sta succedendo a me e a te, donna?”

È a partire da questa domanda che cambia tutto. Cambia la condizione della Madre, non più solo la fidanzata, sposa e mamma della oleografia mariana, cambia la condizione del Figlio, che esce allo scoperto, è venuta la sua ora; e cambia l’epoca, cambia la storia, perché Dio ci entra dentro, entra nella storia, da quella piccola porta, in Cana di Galilea.

Quella domanda è di nuovo cruciale: che cosa sta succedendo a me e a voi, oggi? Che cosa ci succede, quando ci sembra di non riconoscere più il mondo in cui abbiamo vissuto, quando la bontà, detta buonismo, viene punita come reato, e allora, come dice Alberto Melloni, tutta la Conferenza episcopale dovrebbe costituirsi? Che cosa ci sta succedendo quando i figli non ci capiscono, non si battezzano, e nemmeno più ci conoscono, anche nelle scelte che sono state dirimenti nella nostra vita? Che cosa ci sta succedendo quando il naufrago finalmente avvista la terra, ma la terra lo respinge, gli dice: “hai voluto prendere il mare, affogaci”? E proprio ieri all’oltraggio si è unita la beffa, si è aggiunto il dileggio: “Andate a Berlino! Sbarcate a Berlino!” Che cosa ci succede quando una donna non può partorire perché sul barcone non c’è spazio per allargare le gambe? O quando gli evasi dai campi di tortura vi vengono riportati a forza per un accordo tra governi? Che cosa ci sta succedendo quando il mondo è finalmente unito, globale, basta un clic per entrare nella Borsa di Tokio, le due Americhe hanno le stesse scuole di polizia, le stesse centrali dove si organizzano colpi di Stato e governi, si riapre la via della seta e merci e commerci fioriranno, quando insomma tutto si unisce nel mondo globale, ma mai i popoli sono stati più frantumati e divisi, carne spezzata per il sacrificio ma senza alcun miraggio di una comunione? Che cosa ci sta succedendo quando si costruiscono muri perfino a separare le corsie, per arabi ed ebrei, sulle autostrade in Palestina? Che succede se si alzano muri sui confini, e li si concepiscono più alti della torre di Babele, ma con la stessa ottusa arroganza? Che ci succede quando un ricco ha metà di tutte le ricchezze della terra e i poveri, come ai tempi di Amos profeta, sono venduti per un paio di sandali, anzi di infradito? E quando per un euro di salario che prende un operaio, il suo capo azienda ne prende 400? Che ci succede quando invece di fermare le catastrofi del clima, come orma ci chiedono perfino i ragazzini, si investe denaro per conviverci, per competere ed aumentare il PIL con le catastrofi? Che cosa ci sta succedendo quando creiamo un’intelligenza artificiale che non sente, non ama, non piange, non ride, non si cura di essere uomo o donna, però è un’intelligenza sterminata, non ha il nostro limite, e perciò le permettiamo tutto, la deleghiamo a tutto, le chiediamo di fare tutto?

Che cosa sta succedendo. Quello che sta accadendo è un cambio d’epoca. Cambia lo scenario, come quando si scoprì la lente convessa, e col telescopio scoprimmo l’infinitamente grande, e col microscopio l’infinitamente piccolo, ed ora col digitale scopriamo l’infinitamente complesso; però questo complesso non lo possiamo dominare; abbiamo sì la scienza dell’infinitamente calcolabile, però le resta estraneo il calcolo della vita, della libertà, della grazia, del dono.

Noi siamo sulla porta da cui passa questo cambiamento. Ne vediamo i pericoli, ma che cosa possiamo fare? Non abbiamo partiti, né leader, né dottrine politiche, né economie alternative; abbiamo invece al governo, sparsi nel mondo, degli apprendisti stregoni, e qualche dottor Stranamore.

Che cosa allora ci può salvare? Non siamo i primi a chiedercelo.

Quando già si profilava la crisi di questo passaggio d’epoca, a tre quarti del 900, un grande filosofo tedesco affermò, non in una lezione universitaria ma in un’intervista destinata al grande pubblico, sullo Spiegel, che ormai solo un Dio ci poteva salvare. “Ormai”. Ormai voleva dire per lui che l’uomo era sotto scacco da parte della tecnica, la quale “nella sua essenza è qualcosa che l’uomo di per sé non è in grado di dominare”, e che non può stare nelle regole di alcun sistema politico. La tecnocrazia è diventata così potente che nessun sistema politico conosciuto le può rispondere, le può dare una regola, la può ricondurre a una norma. E di fronte a un mondo e a una società determinati dalla strapotenza planetaria della tecnica, disse, né la filosofia né alcun altra mera impresa umana potrà produrre alcuna modificazione dello stato attuale del mondo, ma lo potrà fare solo l’eccedenza della poesia, dell’inedito, del non ancora pensato; e perciò concludeva, l’unica possibilità era di predisporsi all’apparizione oppure alla “contumacia” di Dio.

Più tardi, quando si profilava la fine del comunismo e il mondo sprofondava sempre più in un sistema di dominio e di guerra, un grande intellettuale nostro, Claudio Napoleoni, percepiva che un’uscita per via puramente politica dalla crisi era impossibile, e poneva la domanda se non fosse valida quella sentenza di Heidegger, che ormai solo un Dio ci può salvare.

Questa domanda, nel senso in cui egli la poneva, non voleva dire volgersi all’attesa di un miracolo, ma significava che per rovesciare tutto un corso storico giunto a questi esiti distruttivi, occorrevano “degli atti, delle operazioni di apertura verso la divinità, di eccezionale fervore nei confronti degli altri, degli atti, insomma, che non sono degli atti politici normali, sono degli straordinari atti di amore e di sacrificio, all’infuori dei quali da questa situazione storica non si viene fuori”.

Questo rovello che la cultura ha piantato nel cuore del corso storico alla vigilia del III millennio, in cui siamo entrati, precipita qui ora nella nostra assemblea, e legittima la questione che in essa viene posta, se non debba darsi una lettura messianica della crisi. Perché i beni che abbiamo perduto o che non riusciamo a conseguire sono così importanti per noi che fin dalle profondità della storia furono considerati beni messianici – la pace, la giustizia, l’unità umana – e furono oggetto di promesse messianiche. Oggi però sono finiti i messianismi ideologici e politici del Novecento, e questo nuovo messianismo del capitalismo realizzato sta spiantando la terra. E non ci sono da aspettarsi altri Messia.

Che fare dunque? Se davvero scopriamo le carte, noi possiamo dire che c’è un messia che rimane. Non è vero che non c’è. È l’intera famiglia umana questo soggetto messianico, ma non nella astrazione rarefatta del concetto, bensì nella sua concretezza come una vera comunità politica; l’unità umana come un ordinamento; non è il populismo, è il sovrano popolo di Dio che nello stesso tempo è anche una comunità ministeriale e profetica, come il cristianesimo l’ha svelato, l’ha annunziato.

Tuttavia, come il vero Messia, noi, l’umanità istituita, siamo un messia disarmato. Però una risorsa l’abbiamo. Abbiamo la parola.

La parola è coeva al mondo, è nata con lui, stava in principio, l’ha tenuto in vita, l’ha raccontato nella sua evoluzione. Con la parola abbiamo dato nome alle cose, cioè le abbiamo fatte esistere per noi. Con la parola ci siamo promessi fedeltà, come sposi, ma anche come popoli che si sono dati un patto, hanno scritto Costituzioni e leggi.

La parola è potente, governa, ci può perdere con i suoi editti, ma anche salvare.

Voglio farvi una confidenza, soprattutto ai più giovani. Io mi sono chiesto più volte che cosa ha salvato la mia vita, che cosa l’ha resa così lunga e benedetta. Fino a ieri io rispondevo: sono state le due vestali, le due forze della mia vita: il lavoro e l’amore. Dall’inizio e fino ad ora. Ma ora mi sono accorto che è stata la parola. Ho lottato perché non mi fosse tolta la parola. Ho vissuto per ascoltare, per dire, per scrivere la parola. Ho capito che quello che salva, che crea, che mantiene in vita, è la parola. È perché si abbia la parola che la vita è data, è quando si toglie la parola che la vita è tolta. Don Milani aveva capito che doveva dare la parola a quelli che non l’avevano, perché fossero uomini, fossero cittadini; e quando noi neghiamo la parola alle donne nella chiesa, o non gliela facciamo scrivere, sull’ “Osservatore Romano”, noi neghiamo il loro esserci per sé, e pretendiamo che esse siano solo per noi, per servire, “ratione servitutis”, come fu la motivazione della loro esclusione dai ministeri.

La parola si è fatta mettere in croce pur di non tacere, non solo quel giorno sul Golgota, ma fino ad oggi. La parola è quella che non solo descrive le cose, ma le decifra, e se le decifra, le salva.

È questo che facciamo oggi, mettiamo in campo la parola. perché non si perda la speranza.

Eppure sentiamo quanto la nostra parola sia debole, quanto sia inascoltata.

Però questa parola non resta sola. La parola si incontra col grido. Col grido dei popoli, col grido dei poveri, col grido della terra, col grido dell’immagine di Dio che si scolora sul volto della donna e dell’uomo, col grido delle vittime di tutte le armi, di tutte le guerre, il grido di tutte le madri che, come cantava Quasimodo, vanno ”incontro al figlio crocifisso sul palo del telegrafo”.

Ebbene, noi sappiamo che questo grido è efficace. «Questo povero grida e il Signore lo ascolta», come dice il Salmo (34,7), ripreso dal papa nel suo messaggio per la “giornata mondiale dei poveri”. Se fu la parola creatrice a far nascere i mondi, a separare la luce dalle tenebre, a porre dei luminari nel cielo e a mettere il chiavistello al mare, perché fino a quel punto giungesse e li infrangesse per sempre l’orgoglio delle sue onde (come dice il libro di Giobbe, 38, 10) è stato invece il grido dei poveri, il grido degli oppressi che ha avuto il potere di tirare giù Dio dal cielo, di fargli dire chi fosse, di far manifestare al mondo il Sé di Dio, e con il Sé di Dio il “Me” di ogni umana creatura,

Infatti, come racconta il libro dell’Esodo, all’udire il grido del suo popolo prigioniero in Egitto, Dio non solo mandò Mosè, il balbuziente, a liberarlo, ma fece ben di più, rivelò se stesso agli uomini. Perché gli uomini fossero liberati Dio si chiamò per nome, disse l’ “Io sono”, e così farà Gesù nel Vangelo di Giovanni, fondando, come dicono i filosofi[1], “l’Ipseità assoluta del soggetto”, cioè l’insuperabilità di ogni persona umana, irriducibile al mondo, ma ciascuno cercando il volto dell’Altro, dimorando l’uno nell’altro, amando e vivendo nell’altro.

Tale è la potenza del grido. Ascoltando questo grido, assumendolo nella potenza della parola, perfino delle nostre parole, forse oggi possiamo dire che la salvezza è più vicina di quanto mai possiamo pensare. I dominatori di questo mondo hanno la Tecnica, hanno il Denaro. Noi abbiamo la parola. La parola muove le montagne. Nella lunga notte, come nella lotta di Giacobbe con l’Angelo, è la Parola che vince. La speranza è vicina. L’oggetto di questa speranza può sembrare iperbolico; eppure è il nucleo stesso del messaggio cristiano. È la soluzione messianica della crisi. È il papa in Campidoglio, non i voltagabbana vestiti da guerrieri.

Raniero La Valle

[1] François Jullien, Risorse del cristianesimo, Ponte alle Grazie 2019.
————————————-

Ormai “solo un Dio ci può salvare”

d5d947be-bfe5-41d0-97bb-7d4bd2feba19
logo76
Vegliare e assumere la sofferenza dell’altro
di Raniero La Valle, su fb.

La popolazione di Parigi ha vegliato la lunga agonia della cattedrale di Notre Dame che precipitava nella morte, è stata la vera veglia di Pasqua. Così dovremmo tutti vegliare Parigi, l’Europa, il mondo, perché non entrino in agonia, perché non siano provati col fuoco a causa delle nostre distrazioni, a causa delle nostre politiche assassine, a causa degli effetti collaterali dell’odio che abbiamo seminato a piene mani sulla terra.
Ciò ci riporta alla nostra assemblea di “Chiesa di tutti Chiesa dei poveri” che il 6 aprile scorso a Roma ha cercato di ascoltare il grido dei popoli impauriti del futuro. Non è possibile trarre già ora delle conclusioni da tale assemblea. “Conclusioni” si potrebbero trarre, come è stato detto alla fine dei lavori, se fossimo in grado di dare una risposta alla vita devastata di Stella, la ragazza nigeriana la cui tragedia è piombata tra di noi nel racconto dei “casi concreti” di cui i giudici ci hanno parlato: violentata, mutilata, come è stata, tacitata fin dai suoi tredici anni, triturata negli ingranaggi del sistema che noi stessi abbiamo creato e difendiamo con accanimento per mare e per terra. Potremmo trarre “conclusioni” se fossimo in grado di fondare un’alternativa per tutte le Stelle che non avranno né pace né sorte se non ci convertiamo, se non cambiamo dalle sue fondamenta questo nostro governo del mondo.
Però in quell’assemblea abbiamo fatto una cosa rara, se non unica in questi tempi di domande inevase; abbiamo evocato e avviato una lettura messianica della crisi, e ne abbiamo tratto una lezione, analoga ci sembra a quella proclamata nella bufera da papa Francesco; e la lezione, espressa da Giuseppe Ruggieri, è quella di portare la sofferenza umana dentro Dio stesso, che patisce e muore nel crocefisso, e di riconoscere nella sofferenza lo strato più profondo dell’umano, che richiede una solidarietà assoluta, senza condizioni. A questo siamo chiamati, quando non c’è un’uscita puramente politica dalla crisi, né essa sta in qualsiasi ideologia religiosa, dottrina sociale o partito cattolico, ma sta primariamente nell’assumere la sofferenza dell’altro e da questo dolore farsi dettare la prassi adeguata a un processo di liberazione e di salvezza. Questa è per l’appunto la “Chiesa ospedale da campo” ripensata da papa Francesco, preannunciata dal Concilio del Novecento, osteggiata dalle Curie prigioniere del passato.
Tradotto nella sfera pubblica ciò significa, secondo la proposta folgorante formulata da Luigi Ferrajoli, fare del popolo dei migranti il popolo costituente e del diritto di emigrare il potere costituente di un nuovo ordine mondiale, basato sull’effettiva uguaglianza di tutti gli esseri umani. Anzi occorre procedere oltre su questa strada, fare dell’intera famiglia umana il soggetto costituente del nuovo ordine mondiale, e fare di tutti i diritti negati, non solo del diritto di migrare, il potere costituente di una nuova comunità internazionale di diritto di giustizia e di pace.
Sarebbe questa comunità umana universale, costituita in comunità politica, ministeriale e profetica, a raccogliere l’eredità delle promesse messianiche, sarebbe questo ”il messia che rimane” come il misterioso “discepolo che rimane” di cui Gesù ha detto a Pietro, nell’ultima pagina del vangelo di Giovanni: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, che importa a te?”.
E se è stato detto che ormai “solo un Dio ci può salvare” è pur vero che c’è un Dio salvato dall’uomo, un Dio che deve molto all’umano, perché se non avesse creato e non fosse entrato nella carne dell’uomo, spogliando se stesso e facendosi simile agli uomini, sarebbe stato un Dio per nessuno, sarebbe stato un Dio della legge, non dell’amore, sarebbe stato un Dio senza storia.
Ed ora è solo l’uomo che può salvare Dio nel mondo, anche nel “mondo senza Dio” tracimante negli incubi dell’ex papa Ratzinger; è l’uomo che può salvare Dio dalla cattura degli idoli, liberandolo dai fraintendimenti e dalle false rappresentazioni che si fanno di Lui, dal “carico di errate preghiere”, come cantava David Maria Turoldo, dalla violenza esercitata in suo nome, e da tutti i Costantino che su di lui pretendono fondare il loro trono.
——————————————
nd-quirinale
Incendio Notre-Dame. Mattarella: «L’Italia intera si stringe con sincera amicizia e vivissima partecipazione al popolo francese»

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al Presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron, il seguente messaggio:

«Seguo con angoscia le notizie dell’incendio che sta devastando in queste ore la Cattedrale di Notre-Dame, tesoro storico che nei secoli ha custodito un eccezionale patrimonio artistico di immenso significato per la Francia, per l’Europa e per la cultura del mondo.
In queste ore drammatiche l’Italia intera si stringe con sincera amicizia e vivissima partecipazione al popolo francese. Il nostro pensiero va a quanti in queste ore si stanno adoperando, a tutti i livelli, per domare le fiamme e preservare, nella misura del possibile, questo straordinario simbolo di Parigi.
Le giungano, Signor Presidente, le espressioni della solidarietà degli Italiani tutti e mia personale»
.

Roma, 15/04/2019
——————————

Che cosa ci succede?

altan-poverta
Tre miliardi di poveri diavoli, tre miliardi di Geppetti
di Guglielmo Ragozzino
sbilanciamoci
Su Sbilanciamoci.12 Aprile 2019 | Sezione: Apertura, Società.

La vita costruisce una piramide che vede al fondo tre miliardi di padri e madri senza il necessario per crescere i figli. Politici ed economisti non sanno che fare per loro. Riflessione a un convegno a Matera sulla biodiversità bancaria.

Al convegno nazionale indetto dalla Fondazione Interesse Uomo, (nata per la lotta contro l’usura e presieduta da don Marcello Cozzi) e organizzato a Matera il 29 e il 30 marzo 2019, con il titolo Etica, cultura e bellezza. Le strade per una nuova economia, la seconda sessione aveva per titolo Biodiversità bancaria e finanza etica: quali argini all’indebitamento e all’usura. Quello che segue è il testo del mio intervento, ricostruito con l’aiuto di un Power Point.

Molte divisioni tra i viventi

Alla vigilia del convegno in una delle tante occasioni di Matera 2019, alla Casa Cava, era stato possibile ascoltare la splendida e commovente relazione di Eva Cantarella sul Mediterraneo come spazio comune e legame tra le persone del mondo, luogo per accogliere, conoscere gli stranieri. Per imparare che le divisioni si superano andando avanti insieme, imparando lingue, riti, religioni gli uni dagli altri, con fiducia reciproca.

Nella vita di ogni giorno, però, il 29 marzo, nel Convegno, è ricominciato il ritornello: le persone umane si dividono e lo fanno in molti modi, prima di trovare una soluzione, utilizzando la storia antica e il diritto greco e romano insegnati da Cantarella. Le persone si dividono tra dentro e fuori, sopra e sotto, noi e voi (io e voi), maschi e femmine, sani e ammalati, giovani e diversamente giovani, saggi e diversamente saggi, lavoratori e disoccupati, banchieri e clienti, ricchi e poveri. Delle ultime due partizioni abbiamo inteso occuparci.

Banchieri e clienti

Biodiversità bancaria e clientela più o meno organizzata. Gli istituti di credito sono grandi e piccoli e appartengono agli azionisti oppure ai soci. Si decide contando le azioni oppure applicando la regola che uno vale uno. In un caso s’intende garantire il credito con strutture forti per evitare bancarotte e disordine economico. Nell’altro caso s’intende offrire il credito secondo i bisogni. A conti fatti, solo chi offre garanzie avrà il credito. Prevale la tendenza a erigere istituti di credito sempre più grandi e in teoria più affidabili; il rischio di tracolli disastrosi per grandi complessi bancari spinge a costruirne sempre più solidi. In passato si sono separate le attività di credito commerciale da quelle d’investimento.

Negli anni Novanta il sistema bancario in Italia era prevalentemente pubblico: c’erano le tre (o quattro) banche d’interesse nazionale, BIN, che facevano capo all’IRI guidato da Romano Prodi, e almeno altre sei banche come Sicilia o Napoli, spesso di origine prerisorgimentale. Si decise, in linea con le scelte della Comunità-Unione europea di privatizzare tutto. Fu Giuliano Amato, prima da ministro del Tesoro di Ciampi e poi da primo ministro ad assumersene la responsabilità.

Ora è rinata la confusione; la regola prevalente, nel capitalismo bancario dell’Unione Europea, è quella di avere istituti di grandezza appropriata, inseguendo quelli americani e cinesi. La Banca d’Italia, e di conserva la BCE, chiede per i nostri istituti un attivo minimo di otto miliardi di euro, ciò che obbliga le banche popolari e cooperative a chiudere, o a farsi assorbire, oppure a mettersi insieme con altre popolari, anche di altre parti del Paese, per raggiungere quella soglia. La conoscenza della vita reale, dei bisogni reali, dell’attività economica locale è così sacrificata. L’usura, sempre in agguato, sostenuta dai poteri mafiosi locali, si rafforza tanto che nel 1996 il Parlamento vota una legge contro l’usura che in teoria dovrebbe costituire un baluardo, a furia di grida e rigidi massimali. La vita si svolge però diversamente, come sapeva già Shakespeare ai tempi del Mercante di Venezia.

Banca Etica tenta di fare qualcosa con il Microcredito, l’informazione diffusa e con i suoi banchieri ambulanti.

Ricchi e poveri a Davos

Ogni anno in gennaio i ricchi si riuniscono in un Cantone svizzero (Davos, nei Grigioni). Tutto è perfetto, esclusivo, desiderabile, elegante. Tutto è scalabile (e molto costoso). I ricchi chiamano a riferire economisti di prima scelta e reggitori mondiali, per far spettacolo. Intanto parlano tra loro e fanno affari. Oxfam, una ONG inglese, tiene conto di quanti ricchi ci vogliano per pareggiare il conto di tutti i poveri. Il record attuale è che tre ricchi, (Gates, Bezos e un altro, variabile) bastano a pareggiare tre miliardi di poveri. (Domanda: se Bezos crolla in Borsa, si tagliano cento milioni di poveri? ) Oxfam sta dalla parte dei poveri, sinceramente, e fa un notevole lavoro d’informazione, ma a ben vedere fa anche della pubblicità alle formidabili imprese di Lor signori. Inoltre raccoglie tra i ricchi i proventi per agire. In sostanza è un’altra prova del fatto che il mondo è proprio così e non può cambiare senza che ce la si metta tutta.
piramide3-01-1024x886

La Piramide degli averi

Poche persone sono ricche e molte di più sono povere. Quante sono e come si contano le diverse categorie? Per esempio si può disegnare una piramide, con i ricchi in alto, i poveri in basso e in mezzo tutti gli altri. I vari modi per disegnare la figura, allungando lo schema oppure facendolo molto tozzo, o schiacciato verso il basso, sono a ben vedere altrettante proposte politiche.

Gli adulti di Credit Suisse

La banca svizzera Credit Suisse ha disegnato una sua speciale piramide e l’ha messa al centro del suo Rapporto sulla ricchezza globale. L’attenzione è rivolta agli adulti, tra gli umani viventi, trascurando gli altri. Gli adulti presi in considerazione sono 5,014 miliardi, mentre i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze di ogni età, poco meno di tre miliardi, non sono tenuti in conto. In effetti la gran banca suggerisce di non puntare su persone aleatorie come i bambini: non si sa se arriveranno a essere grandi e clienti-contribuenti, quindi è meglio lasciarli stare, fintanto che non sarà chiarita la loro intenzione di sopravvivere, oppure di lasciarsi perdere. Non si può che lodare l’intelligenza previsionale del Banchiere. Ecco dunque la ripartizione per censo dei cinque miliardi di adulti.

La Piramide svizzera degli adulti nel mondo è la seguente:

42 milioni di persone con più di un milione di $ (dollari americani); essi sono lo 0,8% degli adulti e detengono 142 mila miliardi di $ pari al 44.8% di tutta la ricchezza mondiale;

segue lo strato borghese costituito da 436 milioni di persone con almeno 100 mila $. Si tratta dell’8,7% della popolazione adulta e insieme dispongono di 124,7 mila miliardi di $ pari al 39,3% del totale;

il terzo strato o ceto medio è di 1.325 milioni di persone pari al 26,6% del totale con almeno 10mila $ di ricchezza. Si tratta del 26,6% della popolazione con 44 mila miliardi di $, pari al 13,9% della ricchezza complessiva;

3.211 milioni di persone adulte con meno di 10mila $ costituiscono la popolazione povera, con 6,2 mila miliardi complessivi. Essi detengono l’1,9% delle ricchezze. In compenso sono i due terzi dei viventi.

Alla base della Piramide

La sigla internazionale per base della piramide è BOP Bottom of the Pyramid. Le persone che ne fanno parte equivalgono al 63,9% del totale dei viventi adulti. Ciò significa che due terzi di essi hanno comunque meno di 10 mila dollari annui pari a 27 dollari al giorno. Non tutti sono così fortunati. La maggior parte, interi continenti di poveri, ha meno di dieci, meno di cinque dollari al giorno. Poco, come è facile capire. Meglio dare un aiuto, meglio lasciar stare, lasciar fare, intervenire il meno possibile? Organizzare i poveri? Lasciare che si organizzino da sé? Come evitare che finiscano in mano agli usurai? Su altri piani, è una discussione che ricorre da secoli; nel mondo comunista vi fu Lenin che si proponeva nel Che fare? di organizzare le masse dall’esterno, portando da fuori i suggerimenti e gli attivisti; Marx invece era convinto che i poveri (la classe operaia) avrebbe dovuto e saputo ricavare da sé la forza per essere classe di completo rinnovamento. Più di recente, se si trascura l’elemosina in ogni forma propugnata dalla Banca Mondiale e dalle sue varie agenzie, si confrontano le opinioni di Mohammad Yunus e C.S.Prahalad. I due studiosi, bangladese l’uno, indiano dell’ovest l’altro, hanno suggerito modi opposti di intervento. Da un lato è possibile organizzare la produzione di beni di sopravvivenza anche sul fondo della piramide, aumentando almeno in parte sicurezza di sé e capacità di rispondere alla povertà; oppure è possibile trasformare gli ultimi in consumatori, mobilitando perfino le imprese multinazionali come anche gli altri attori della società.

Detto altrimenti, prese tutte insieme le persone del BOP, due terzi degli adulti mondiali, i loro pochi averi e le loro inesauribili speranze, sono a disposizione ricchezze complessive pari a oltre seimila miliardi di dollari. Possono fare gola a qualcuno, oppure possono servire come leva per aiutarli a tirarsi su?

Povertà di una madre di famiglia

In giro per il mondo, i capofamiglia senza ricchezza, senza lavoro, senza aiuto, senza prospettive, senza via di fuga, al fondo della Piramide, son molto spesso donne. Si può pensare che le madri (o le figlie) dell’elenco siano complessivamente tra uno e due miliardi?

Spesso le donne, africane o asiatiche o sudamericane, o perfino europee, al fondo della Piramide, sono anche analfabete. Questo significa che la società e anche la famiglia non si è occupata di loro o non ha potuto farlo. Essere analfabete cinquanta o cento anni fa, in una società di braccianti parigrado era sopportabile, era vita comune, miseria uguale per tutti. Italo Calvino ci ha insegnato che Lucia Mondella (come anche Renzo Tramaglino) era analfabeta. Oggi però, sotto il tiro incrociato di televisione e telefono smart, il disagio di non leggere e non scrivere è anche maggiore.

Se ne è reso conto, con una lodevole intuizione, Mohammad Yunus, premio Nobel per la pace del 2006. Yunus ha capito che doveva scontare la debolezza culturale delle sue donne del Bangladesh e partire dai loro bisogni, per costruire un nucleo, tanti piccoli nuclei di donne simili tra loro e capaci di aiutarsi, controllarsi, proteggersi. Molte donne impararono a parlare, a chiedere prestiti, a fare i conti. Per questa rivoluzione a Yunus, economista, non venne dato dall’Accademia il premio all’economista, ma si premiò il filantropo, l’uomo buono (ma con la testa tra le nuvole). Yunus era pericoloso per i banchieri con i suoi prestiti senza garanzie, e fuori gioco per quegli schizzinosi degli altri economisti, consacrati a Harvard e a Cambridge, o, nell’altro caso, alla fucina dei Chicago boys.

Povera Italia

Sono 5.058 mila secondo l’Istat i concittadini in povertà assoluta, pari a 1.778 mila nuclei familiari. Le famiglie sono pari al 6,9% del totale, mentre le persone singole arrivano all’8,4%. Si distingue per età, tra Nord e Sud e tra città e campagna: stabilite le differenze del caso, una persona anziana sarebbe povera con meno di 965 euro al mese, tutto compreso (per esempio l’abitazione), un giovane solo 1.226 euro, due anziani conviventi 1.270 insieme. I conteggi precedevano l’avvento di Giancarlo Blangiardo alla presidenza dell’Istat. Considerato sovranista, il nuovo presidente è soggetto a qualche forma di pregiudizio.

Povera Italia 2°

Altri dati sono quelli della Banca d’Italia e per questo si è usato il condizionale.

Per la Banca d’Italia sarebbe povero chi ha meno del 60% del reddito mediano. Nel 2016 si trattava, tutto compreso, di 830 euro mensili. Il numero dei poveri italiani è in crescita in ogni caso: dal 20% calcolato nel 2006 si è passati al 23% sull’insieme della popolazione. Il reddito di cittadinanza, cui hanno aderito 700.000 domande, in una prima fase, meno del previsto, non offre invece spunti utilizzabili.

Povertà e lavoro nell’Unione Europea

Prendendo per parametro il salario minimo garantito nell’Unione Europea, ne risultano quattro classi. Sono otto i Paesi dell’Unione che prevedono un salario minimo inferiore ai 500 euro. Sono: Bulgaria, Lituania, Lettonia, Romania, Ungheria, Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia. Sette Paesi hanno un salario minimo superiore ai 500 e inferiore a 1.000 euro mensili. Sono: Estonia, Polonia, Portogallo, Grecia, Malta, Slovenia, Spagna. Sette Paesi hanno salario minimo mensile superiore a 1.000 euro. Sono: Germania, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Irlanda, Lussemburgo, Regno Unito. Sei Paesi infine non hanno salario minimo garantito. Sono: Italia, Austria, Svezia, Danimarca, Finlandia, Cipro.

Muhammad Yunus

Microcredito per chi ha bisogno, senza esigere garanzie, per consentire un lavoro autonomo o per superare bisogni emergenti: è questa in sintesi la scelta della Grameen Bank costruita in Bangladesh da Yunus e poi esportata altrove; perfino negli Usa, con l’appoggio dei Clinton. Gli aspetti principali del sistema di microcredito à la Yunus sono nessuna garanzia, forte tasso d’interesse, altissimo tasso di restituzione. Sufficiente è un controllo sociale tra donne amiche, fiduciose e pari tra loro. Si evitano così, almeno in parte, mafie e usura. Lontano da Matera, a Iesi nelle Marche, esiste una cooperativa di donne mediorientali che costruiscono insieme turbanti. “Sai la novità: donne mediorientali, turbanti….”. Solo che il modello imitato è quello di Emma Bonino, l’idea di turbante è sua. I turbanti servono per altre donne, in cura e che hanno perduto i capelli.

C. K. Prahalad (1941-2010)

La base della piramide deve avere fiducia in se stessa, anche se è indispensabile un aiuto esterno (grandi imprese che sono capaci di vendere al mercato, ruolo pubblico, sindacati, cultura, informazione). “Un dirigente dipende, non tanto dalle risorse, quanto dall’immaginazione”, assicura Prahalad. Occorre che la base della piramide possa entrare nel mondo delle merci, in un circuito adatto a una popolazione povera. Importante è conoscere e farsi conoscere, decisivo avere una rete di contatti sicuri per sconfiggere l’usura e la prepotenza di un mercato ristretto. Per le persone del BOP ogni prodotto deve essere conosciuto, utilizzabile per l’esistenza di elettricità, acqua corrente, collegamenti o altro, conveniente quanto al prezzo, disponibile nel tempo e nello spazio. Prahalad pensava che una grande impresa, financo una multinazionale, sarebbe stata in grado di servire anche quelli del BOP.

I poveri fanno quasi compassione. Pinocchio e Mangiafoco
img_9515

“Come si chiama tuo padre/Geppetto/ E che mestiere fa?/Il povero/ Guadagna molto? /Guadagna tanto, quanto ci vuole per non avere mai un centesimo in tasca. Si figuri che per comprarmi l’abbecedario della scuola dové vendere l’unica casacca che tra toppe e rimendi era tutta una piaga./ Povero diavolo! Mi fa quasi compassione! Ecco qui cinque monete d’oro. Vai subito a portargliele e salutalo da parte mia”/

Mangiafoco è un padrone che frusta e appende per il collo chi lavora per lui: i burattini, amici di Pinocchio. Ecco fotografato un padrone degli anni Ottanta dell’ottocento, anche se non sembra che il calco si sia perduto. E’ ricco, Mangiafoco, incapace di essere buono. Quando si commuove (e gli viene il singhiozzo) sa solo fare l’elemosina e neppure troppo bene; un po’ come i signorotti di Davos, i magnati di sempre. Da notare che l’abbecedario per la scuola corrisponde all’inizio della scuola pubblica obbligatoria in Italia. Un passaggio necessario per Collodi, socialista d’antan.

MIGRAZIONI INTERNAZIONALI

global-compsct-for-migration-logo
CONTRO IL CAOS
di Pietro Greco, su Rocca*

Cinque milioni di italiani sono emigrati all’estero. Cinque milioni di stranieri sono emigrati in Italia. In fatto di migrazioni, l’Italia è un paese di mezzo. Sarebbe, dunque, particolarmente interessato a quel Global Compact sulle migrazioni firmato da 164 paesi, in sede di Nazioni Unite, a Marrakech, in Marocco tra il 10 e l’11 dicembre scorso. Eppure, tra quei 164 paesi firmatari, l’Italia non c’è.
Il governo ha voluto prendere tempo. Ma intanto il Parlamento ha deciso. Lo scorso 27 febbraio è passata a maggioranza una mozione proposta dai Fratelli d’Italia che lo impegna, il governo, sia a «non sottoscrivere il Global Compact» sia «a non contribuire in alcun modo al finanziamento del relativo trust fund». La mozione ha avuto una storia non usuale: è stata approvata con soli 112 voti favorevoli dei gruppi appartenenti a due partiti di opposizione (Forza Italia, oltre che i Fratelli d’Italia), ha ottenuto 102 voti contrari (dei deputati degli altri partiti di opposizione, Pd e Leu), mentre ha visto astenersi ben 262 parlamentari (i membri dei gruppi appartenenti ai partiti di maggioranza, M5S e Lega). Il governo, che pure dovrebbe firmare il Global Compact, non si è pronunciato.

un testo quadro
Ora non entriamo nella vicenda politica. Non è compito nostro. Diciamo solo che il Global Compact di cui stiamo parlando è un testo quadro non vincolante che tende a mettere ordine nel caos delle migrazioni internazionali. A regolarle. A vantaggio sia dei paesi di partenza sia dei paesi di arrivo, oltre che – s’intende – dei migranti stessi.
Non firmare il testo di Marrakech è quanto meno strano. Soprattutto se si è partecipato alla sua elaborazione. Ma tant’è. E sulle scelte politiche non vogliamo entrare.
Dobbiamo, tuttavia, misurarci con il fenomeno delle migrazioni. Che è un fenomeno strutturale, anche ai nostri giorni. Ma non solo ai nostri giorni. D’altra parte Homo sapiens è nato in Africa, oltre 200.000 anni fa è si è diffuso per il pianeta con una serie di migrazioni. Ma non parliamo dei tempi antichi. E non parliamo solo degli africani (alcuni dei quali sono lontani bisavoli delle popolazioni, ora bianche, d’Europa). Prendiamo il caso del nostro paese, dell’Italia. Nel suo primo secolo di unità – tra il 1861 e il 1961 – ha visto migrare all’estero 25 milioni di persone: 700 al giorno, in media, per 36.500 giorni consecutivi. Oggi la situazione non è molto cambiata. Ogni anno – negli ultimi anni – hanno lasciato l’Italia 200.000, soprattutto giovani spesso laureati: 550 al giorno, in media. Non c’è dubbio da oltre 150 anni siamo un popolo di migranti. E stabilire regole internazionali che proteggano questi giovani italiani sarebbe cosa buona e giusta. Naturalmente non si fa una legge interna- zionale per tutelare solo i migranti italia- ni. Se ne fa una per tutelare tutti i migranti, attraverso procedure ordinate che tengano conto tanto dei paesi di partenza quanto di quelli di arrivo.

tre fattori incrociati
Stiamo parlando di migranti in generale, senza distinguere tra migranti per cause di guerre e persecuzioni (chiamati refugees nella giurisprudenza internazionale), per cause ambientali (il deserto e la siccità spinge a migrare più dei conflitti armati) o per cause economiche. I tre fattori, d’altra parte, sono quasi sempre intrecciati. Non a caso la gran parte degli africani che oggi lasciano il continente e tentano di raggiungere l’Europa vengono dalla fascia del Sahel, dove le condizioni ambientali sono in rapido deterioramento a causa dei cambiamenti del clima (il lago Ciad si è quasi essiccato) e nel mare di povertà imperversano gruppi terroristici.
Già, l’Africa. Nel 1950 il continente nero era abitato da 180 milioni di persone. Oggi siamo a 1,2 miliardi e fra trent’anni saranno 2,5 miliardi. È inevitabile che con i cambiamenti del clima e in mancanza di una robusta crescita economica, una parte sterminata di africani sarà costretta a lasciare la casa dove è nato. La quasi totalità cercherà dimora e lavoro all’interno dell’Africa stessa. Ma una parte di quei migranti per necessità cercherà di raggiungere l’Europa.
È inutile cercare di elevare mura. Non solo perché, come dice papa Francesco, a restare intrappolati in quelle mura saremo noi europei. Ma perché la storia ha dimostrato che le mura e le muraglie servono a poco quando la pressione è davvero alta. Né i Romani né i Cinesi, con le loro mura e muraglia, sono riusciti a contenere l’arrivo di quei migranti dall’esterno che entrambi chiamavano «barbari».

il problema demografico
È inutile cercare di elevare mura. Ma neppure conviene. Come rilevano Stefano Allievi e Gianpiero Dalla Zuanna nel loro libro dal titolo Tutto quello che non vi hanno mai detto sull’immigrazione dal 1975 in poi in Italia si registra un calo delle nascite. E il fenomeno demografico ora è diventato anche un problema economico: gli italiani nati nell’ultima tratto del secolo scorso sono giunti in età da lavoro. E poiché sono sempre meno, c’è un buco nella popolazione in età da lavoro (20-64 anni: nei prossimi venti anni i potenziali lavoratori passeranno da 36 a 29 milioni. Un calo netto, difficile da sostenere per l’economia (e anche per la società). Ora, dicono Allievi e Dalla Zuanna, per tentare di mantenere costante questa popolazione nella fascia di età da lavoro nel prossimo ventennio dovrebbero entrare in Italia 325.000 stranieri in età da lavoro.
Riassumendo. L’Africa sta andando incontro a un formidabile aumento demografico che in cento anni (dal 1950 al 2050) la porterà da 180 milioni a 2.500 milioni di abitanti. Già oggi gli africani sono più di 1.200 milioni. I cambiamenti climatici stanno rendendo e renderanno vieppiù molte aree nel continente nero inabitabili. La spinta a migrare sarà irresistibile.
Di converso, l’Italia (ma potremmo parlare di buona parte dell’Europa) è in una fase di decrescita demografica accompagnata da un aumento della popolazione anziana. Per mantenere costante la popolazione attiva avremmo bisogno di 7 milioni di lavoratori stranieri nei prossimi venti anni.

un African Compact
A questo punto logica vorrebbe che se l’Africa offre lavoratori e l’Italia domanda lavoratori, l’offerta e la domanda si incontrassero. In maniera ordinata, nel pieno rispetto delle leggi e della dignità. Occorrerebbe, appunto, un African Compact per la migrazione.
Si dice: «non possiamo accoglierli tutti». E, infatti, nessuno pensa di trasferire in Europa 2,5 miliardi di africani. Ma sarebbe auspicabile (anche perché sarà pressoché impossibile da evitarlo) che una piccola quota parte di migranti africani trovi un’ordinata accoglienza. Dice: «meglio aiutarli a casa loro». Giusto. Ma quel è il modo migliore di aiutarli a casa loro, oltre a intensificare gli sforzi di prevenzione dei cambiamenti climatici?
Le modalità sono due. E non sono alternative. Il primo è che l’Unione Europea dia seguito a molte intenzioni dichiarate e mai realizzate per proporre un grande «Piano Marshall per l’Africa»: un massiccio piano di investimenti in grado di creare lavoro nel continente nero. Lo sta facendo, per certi versi, la Cina. Anche se il piano europeo dovrebbe essere non solo più generoso, ma anche più rispettoso delle tradizioni e delle libertà dei popoli che abitano il continente nero.
Ma un altro modo, ripetiamo complementare e non alternativo, per «aiutarli a casa loro» è ammettere in Italia (e in Europa) una quantità non elevata, ma nep- pure infinitesima, di lavoratori africani. Sono le rimesse dei migranti che aiuterebbero – che stanno già aiutando – gli africani a casa loro. Sono circa 70 miliardi l’anno le rimesse dei migranti che raggiungono l’Africa. Molto più degli aiuti internazionali, Cina inclusa. E sono soldi, come nota ancora il sociologo Stefano Allievi, nel suo nuovo libro (Immigrazione. Cambiare tutto) che non sono intercettati da politici e burocrati corrotti, ma arrivano direttamente nelle tasche delle famiglie africane. Sono soldi che stanno contribuendo a quella crescita economica che, tra mille contraddizioni e differenze tra gli oltre 50 paesi del continente, sta interessando finalmente l’Africa.
Certo, il Global Compact sulle migrazioni firmato lo scorso mese di dicembre a Marrakech da 164 paesi non è sufficiente a «cambiare tutto». Tuttavia quell’accordo è necessario. È la premessa indispensabile per trasformare le migrazioni da minaccia e occasioni di conflitto in opportunità per tutti.

Pietro Greco
——————————————
ROCCA 15 APRILE 2019
Rocca – Cittadella 06081 Assisi
e-mail rocca.abb@cittadella.org
rocca-08-15-apr-2019
————————————————

E’ online Rocca: “Intelligenza artificiale e futuro dell’uomo”

robot3-bomeluzolampadadialadmicromicro13E’ online il numero 8 (del 15 aprile 2019) della rivista Rocca, che, come è noto anticipa di alcuni giorni l’edizione cartacea. Su autorizzazione del direttore, che ringraziamo, pubblichiamo due articoli (di Daniele Doglio e di Giannino Piana) che si riferiscono all’argomento centrale dello stesso numero “Intelligenza artificiale e futuro dell’uomo”
——————————————

G5 a che serve e in mano a chi?
di Daniele Doglio, su Rocca.

Davvero George sai tutto quello che c’è dentro N? «Potremmo cominciare sostituendo con la sigla G5 (in inglese, 5G in italiano) il caffè promosso dal più amato dalle donne fra i divi di Hollywood, in perenne trasferta pubblicitaria nel nostro spazio televisivo. Oppure citando una rivista secondo cui la tecnologia 5G è pronta a rendere ancora più eccitante la vita dei grandi utenti di telefonia mobile «ma può anche essere sfruttata per spiare e pianificare terribili attacchi digitali».
Per quelli della mia generazione il primo G5 fu Franco&G5, band modenese che avrebbe poi accompagnato Caterina Caselli con il nome più rassicurante di Gli Amici; poi è arrivato l’acronimo del primo Club di potenze economiche del mondo, il Group5, che diventò G7 quando insieme al Canada ci entrammo anche noi «quinta potenza economica mondiale», pensa te! Per gli appassionati di fisica il G misura la velocità di accelerazione gravitazionale e più recentemente esprime in milioni di unità (byte e hertz) la velocità dei sistemi informatici e la larghezza di banda nello spettro elettromagnetico.
Oggi è un altro palindromo G5/5G a rappresentare l’ultima (per il momento) frontiera della innovazione tecnologica. Ma forse anche il segnale di un attacco alla privacy. O addirittura una minaccia geo-politica, strumento di penetrazione che porterà il diabolico complotto «globalista» dentro le linee di difesa nazionali tramite accordi commerciali (vedi Memorandum d’intesa Belts&Roads o Nuova Via della Seta firmato a metà marzo dal duo Conte-Di Maio con la Cina), come pensano Trump e Salvini, e come lascerebbe temere l’arresto del direttore finanziario (nonché figlia del proprietario) della cinese Huawei, avvenuto qualche mese fa in Canada su mandato Usa.

innovazione collegamenti mobili internet
Tanta roba per una lettera e un numero. E allora di che si tratta? Risparmiando i dettagli tecnici più complessi (che poi ne sono la vera essenza), trattasi di un insieme di micro-innovazioni, protocolli e «standard» tecnologici che costituisce la prossima Generazione (la 5a, appunto) dei collegamenti mobili internet. Tutto comincia nel 2012 quando l’International Telecommunication Union, organo delle Nazioni Unite con sede a Ginevra che governa l’utilizzo sovranazionale dello spettro elettromagnetico e lo sfruttamento delle onde radio per finalità di servizio pubblico e commerciale, definisce i fattori che dovranno caratterizzare l’offerta di reti e servizi a partire dal 2020. Grazie ai continui miglioramenti nell’uso dello spettro radio-elettrico prevede che molti più «dispositivi» (fino a 1 milione per Km quadrato) potranno accedere contemporaneamente a Internet da mobile con velocità di caricamento-dati 20 volte superiori alle attuali, una copertura di rete molto ampia, collegamenti più stabili. E soprattutto una «latenza» (il tempo che ci mettono i dispositivi senza fili a comunicare fra loro) drasticamente ridotta rispetto a quanto accade oggi sulle reti più avanzate, ovvero quelle contrassegnate dalla sigla 4G LTE, che sta per Long Term Evolution, espressione assai ottimistica essendo ancora in via di introduzione in molti paesi mentre c’è già il 5G ad alitargli sul collo. Lanciato quest’anno in Qatar (per via dei discussi Mondiali di Calcio del 2022) con tecnologia cinese, 5G dovrebbe partire a fine anno in Corea del Sud, mentre è in avanzata sperimentazione in Cina, Stati Uniti, Giappone. Entro il 2021-2022 arriverà anche in Gran Bretagna, Germania, Francia, forse in Italia, anche se alcune compagnie telefoniche stanno già facendo i loro test. E qualcuna non è ancora del tutto convinta causa costi di sviluppo e di implementazione molto elevati. La velocità raggiungibile effettiva dipende infatti da quanto investi in tralicci e trasmettitori e da quale banda dello spettro l’operatore decide di scegliere. Lo standard 5G può utilizzarle tutte e tre (bassa, media, alta) ma di solito lo si associa a quelle ad altissima frequenza (da 3.5 a 26 GHz e oltre) che hanno grande capacità di trasporto ma lunghezze d’onda molto corte che coprono distanze infe- riori ai segnali di oggi e vengono facilmente bloccate dagli oggetti fisici come gli edifici. Aspettiamoci quindi di vedere nelle città raggruppamenti di antenne telefoniche più piccole, posizionate vicine al suolo, che trasmettono onde cosiddette «millimetriche» fra un gran numero di trasmettitori e ricevitori con densità di utilizzazione molto maggiore di quella attuale. Non solo per i cellulari, ma per sensori di movimento, video-camere di sorveglianza, sistemi di illuminazione stradale intelligente. Ma abbiamo davvero bisogno di tutto ciò?
E per fare cosa? Domande pleonastiche ovviamente, perché la innovazione tecnologica ha una tendenza autistica a crescere su se stessa, talvolta intercettando una domanda latente nella società, talvolta prescindendone del tutto, più spesso generando domanda attraverso l’offerta. Ora è vero che il mondo è diventato sempre più «mobile», ogni anno consumiamo sempre più dati, soprattutto adesso che buona parte dell’intrattenimento audio e video arriva in streaming dalla rete, e le bande dello spettro radioelettrico tendono a congestionarsi. Come nel traffico urbano all’ora di punta, se un numero crescente di persone cerca di accedere contemporaneamente in una determinata area agli stessi servizi questi tendono a collassare, provocando rallentamenti sempre più frequenti, soprattutto nelle aree metropolitane di molte città. Problema non da poco che le nuove infrastrutture di rete e i nuovi dispositivi dovrebbero rendere obsoleto in pochi anni perché il 5G aggiunge grandi quantità di spettro in bande non utilizzate finora per il traffico commerciale.

meglio e più velocemente
Preparatevi quindi a sostituire per l’ennesima volta i vostri smartphone. Potrete fare tutto quello che fate adesso, ma meglio e più velocemente. Guardare istantaneamente i video, scaricare in meno di un minuto un film in alta definizione, video-chiamare senza disturbi di fondo. Magari a voi importa poco, ma per centinaia di milioni di appassionati di videogame che passano ore a giocare con lo smartphone un minor ritardo (latenza) fra premere un bottone e vederne l’effetto sullo schermo fa differenza eccome. E non solo, quel che eccita i partigiani del 5G sono tutti i nuovi servizi che potremo costruire e di cui non abbiamo ancora idea. Perché cambierà il modo di interagire quotidianamente con la tecnologia, e man mano che le reti 5G entreranno in funzione vedremo sempre più veicoli autonomi comunicare con altri veicoli leggendo mappe e fornendo informazioni alle altre auto sulle condizioni del traffico o ai proprietari e alle case automobilistiche sulla propria efficienza. Se un’auto frena all’improvviso la vostra lo saprà in tempo per evitare tamponamenti. Salvando molte vite. Così come faranno gli stormi di droni in contatto fra loro per missioni di ricerca e salvataggio, per valutare estensione e velocità di propagazione degli incendi, per monitorare il traffico. Migliorerà l’efficienza delle infrastrutture urbane perché chi gestisce servizi (acqua, gas, elettricità ecc.) potrà controllarne i consumi da lontano, e dall’ufficio tramite sensori potrà vedere eventuali rotture che richiedono interventi manuali, mentre i Comuni potranno installare telecamere di sorveglianza a costi molto bassi, dotate di riconoscimento facciale utile anche alle forze dell’ordine.
Grazie alla ridottissima latenza sarà possibile controllare a distanza macchinari pesanti (utile per la sicurezza degli operatori che lavorano in ambienti a rischio) e consentire a tecnici specializzati di controllarli in qualsiasi parte del mondo si trovino. Anche i servizi per la salute potrebbero trarne giovamento. Grandi miglioramenti si attendono in tele-medicina, terapie fisiche da remoto grazie all’impiego di Realtà Aumentata, riabilitazioni e interventi chirurgici a distanza. Grazie alle reti di sensori e a dispositivi indossabili gli ospedali potranno monitorare a distanza i pazienti intervenendo in casi di emergenza, i medici controllare gli effetti delle terapie, e le società assicurative accertarsi che gli assistiti stiano seguendo i trattamenti concordati dalle loro polizze.
E poi c’è il cosiddetto IoT (Internet delle cose), che sempre grazie a velocità e ridotta latenza del 5G farà comunicare con noi e fra loro gli elettrodomestici e tutti gli altri strumenti elettronici che abbiamo in casa o in ufficio, senza reti fisse e senza consumare troppa capacità di banda come ora.

protagonisti industriali
Per far funzionare il 5G c’è bisogno di enormi investimenti. Sia per produrre dispositivi e infrastrutture di rete, sia per le frequenze che gli attuali operatori di telefonia utilizzano per i nuovi servizi. Nel primo caso le manifatture digitali con la capacità di innovazione necessaria si contano sulle dita di una mano, un pugno di aziende che lavorano su mercati interni molto avanzati e affamati di innovazione. Come l’americana Qualcomm (possiede 15 brevetti indispensabili per il 5G) o le cinesi Huawei (22 licenze commerciali 5G in tutto il mondo nonostante lo stop in Usa, Australia e i dubbi della Germania) e Zte, o la coreana Samsung. In questo gruppo l’Europa è ben posizionata con la finlandese Nokia che sta già costruendo reti 5G in Gran Bretagna, Germania e ha vinto l’appalto per la città di Tokio in vista delle Olimpiadi 2020, e la svedese Ericsson che lavora con Volvo (proprietà cinese) nel campo dei veicoli senza pilota. Aziende che talvolta collaborano (come Qualcomm e Samsung), talvolta si scontrano sui mercati e nei tribunali dei brevetti (Qualcomm ha appena vinto una causa da 30 milioni contro Apple per i chip dell’IPhone). Nel secondo caso i governi hanno cominciato a mettere all’asta nuove porzioni di spettro. Una idea degli investimenti? Anche in funzione 5G Vodafone, Tim, Iliad, WindTre, Fastweb, Open Fiber e Linkem si sono appena impegnate a pagare oltre 6 miliardi allo Stato italiano per le nuove frequenze. Sono 4 miliardi in più della cifra minima fissata in Legge di Bilancio.

rischi privacy e salute
E i rischi per la privacy? Come quelli di adesso. Vedi recentissimo scandalo italiano, migliaia di cittadini spiati elettronicamente per l’errore (?) di un hacker di Stato nell’uso di software che le Procure usano per sorvegliare i criminali. Solo un po’ peggio, perché difendersi da un’orda di strumenti è più difficile che tenere sotto con- trollo uno smartphone. Se sentite un brivido di sorveglianza alla Grande Fratello e non siete contenti, ricordatevi di non abboccare a tutte le offerte che arrivano dalla rete e siate meno generosi con i vostri dati, che sono la moneta di scambio di quello che chiamano ormai capitalismo della sorveglianza.
E i rischi per la salute? Come quelli di adesso, solo un po’ peggio per la concentrazione delle onde elettromagnetiche sempre più alta e l’inquinamento sempre più forte. Anche se ci saranno nuove regole e sistemi a protezione.

colonizzazione geo-politica?
E i rischi di colonizzazione geo-politica? Beh la posta in gioco per realizzare la nuova frontiera scatena il conflitto fra i colossi industriali del chip e delle reti, e non stupisce l’uso della pressione politica nazionale e internazionale. Considerando l’approccio cinese al mercato, la tendenza a installarsi in modo coloniale nei mercati dove riesce a imporsi, è abbastanza ragionevole valutare con prudenza le loro offerte. D’altra parte Lady Huawei è ancora ai domiciliari in Canada, ma intanto la sua azienda ha sfondato i dollari 100 miliardi di fatturato, come finora solo Google, Microsoft e Apple. Non è pensabile che ogni paese possa cavarsela da solo. L’Europa con Nokia e Ericsson è ben posizionata, pensiamo anche a questo prima di votare alle Europee di maggio.
E allora George? Da quel che si capisce nello spot Clooney non sa nulla del suo caffè preferito. Ma ha senso porsi il problema?, non basta forse fidarsi del marchio?
Daniele Doglio
———————————————————
Roboetica
L’intelligenza artificiale e il futuro dell’uomo

di Giannino Piana, su Rocca.

Tra le innovazioni in atto nell’ambito della odierna ricerca tecnologica una vera rivoluzione è oggi costituita dall’intelligenza artificiale, che ha fatto negli ultimi decenni enormi progressi e la cui
ricerca è stata (ed è) fatta oggetto di grandi finanziamenti, anche a scapito – secondo alcuni – dell’intervento in altri importanti settori della vita sociale. Numerosi e di grande rilevanza sono i campi di applicazione di questa conquista tecnologica. Si va infatti dal potenziamento dell’umano – basti pensare alla possibilità di manipolare il corpo umano per superare limiti fisici o mentali considerati tuttora invalicabili, mediante la sostituzione di parti di esso con organi elettronici e meccanici – alla produzione e all’uso di armi completamente autonome, che agiscono cioè indipendentemente dall’intervento dell’uomo, fino alla analisi di dati strettamente personali (e delicati) di un individuo (abitudini, preferenze, idee politiche e religiose, ecc.) allo scopo di predirne o condizionarne il comportamento.
Gli scenari nuovi che si aprono chiamano dunque in causa l’uomo e il suo destino, e sollevano inevitabili interrogativi di carattere etico. Accanto agli indubbi effetti positivi, che è possibile si registrino in vari ambiti della vita, esistono – come risulta evidente da quanto accennato – possibili ricadute negative di grave entità, che esigono pertanto l’esercizio di una preventiva vigilanza e di un costante controllo. Sono state proprio queste potenziali ricadute negative
a sollecitare la nascita di un nuovo filone della riflessione etica, la cosiddetta roboetica, che si propone, da un lato, di inserire le conquiste che in questo ambito sono avvenute (e avvengono) entro un orizzonte umanistico e di fornire, dall’altro, una serie di regole che consentano il loro utilizzo in direzione di un’autentica umanizzazione.

l’esigenza di una nuova alleanza tra umanesimo e tecnica
Alla fine dello scorso febbraio l’Assemblea plenaria della Pontificia Accademia per la vita svoltasi a Roma ha dedicato i propri lavori a questa nuova disciplina. Intervenendo a tale summit, Mons. Vincenzo Paglia, responsabile del dicastero vaticano organiz- zatore dell’incontro, ha messo l’accento sull’ambivalenza della situazione attuale, osservando che «se da una parte si lavora al progetto di potenziare il soggetto umano grazie alle tecnologie, dall’altra si concretizza il rischio di esonerare l’umano dalla cabina di regia della potenza della tecnica», e sottolineando, di conseguenza, la necessità «perché la tecnica sia umana, di rimanere umani e di mantenere la signoria dell’intelligenza umana sull’umano» (Avvenire, 26 febbraio 2019, p. 15).
Il messaggio che è venuto da quell’autorevole assise di esperti si può condensare nell’offerta di una duplice sollecitazione: apertura nei confronti di tecniche che possono senz’altro rappresentare utili strumenti per la promozione umana ed esigenza di vigilare affinché non abbia il sopravvento la tentazione della ybris prometeica con gravi conseguenze per la vita dei singoli e della collettività. Si tratta, in altri termini, di dare vita a una nuova alleanza tra umanesimo e tecnica o – come qualcuno ha suggerito con una formula suggestiva – di sviluppare una forma di «nuova intelligenza», capace di interpretare e di affrontare correttamente le nuove prospettive emergenti.

l’importanza di criteri adeguati di valutazione
I grandi indirizzi orientativi, ispirati a una istanza umanistica, per quanto necessari, tuttavia non bastano. Si rende necessaria anche l’individuazione di precise normative, che rendano efficaci gli obiettivi perseguiti. A tale riguardo, l’Unione europea ha elaborato lo scorso anno una proposta per definire l’approccio all’intelligenza artificiale e alla robotica avanzata. La proposta, che mette al centro la promozione dei valori umani, fornisce una serie di linee-guida, con l’indicazione di criteri di valutazione dei processi indotti dall’innovazione in corso; criteri che hanno come base la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione. L’approccio etico, che persegue l’affidabilità tecnica dei prodotti e che si preoccupa che le persone sentano di potersi fidare, si propone di creare le condizioni perché – come si legge nel documento – «lo sviluppo e l’uso dell’intelligenza artificiale non debbano essere percepiti come fine in sé, ma con lo scopo di aumentare il benessere dei cittadini». Partendo da tali presupposti il testo europeo fissa cinque principi fondamentali – quattro dei quali non sono altro che la ripresa dei principi della bioetica formulati in origine da T. L. Beauchamp e J. F. Childress (Principles of Biomedical Ethics, New York 1983) e divenuti successivamente classici – i quali vanno applicati alle diverse sperimentazioni sulla e alle diverse utilizzazioni della intelligenza artificiale.
I primi due principi sono il principio di «beneficenza» (Beneficiency) e di «non maleficenza» (Non-malefiency); essi implicano che gli sviluppi della ricerca e l’applicazione dei suoi risultati avvengano nel segno della promozione del benessere degli individui e della società, favorendo crescita economica, equità sociale e tutela ambientale; e che – in questo consiste la non-maleficenza – ci si preoccupi di evitare manipolazioni alterative dell’identità dell’umano, non solo a livello individuale ma anche a riguardo della specie e delle generazioni future, e che si ponga un robusto argine nei confronti di ogni forma di discriminazione.
Entro questo quadro, che segna, da un lato, il limite e definisce, dall’altro, le finalità secondo le quali l’intera attività che ruota attorno all’intelligenza artificiale va attuata, si inseriscono il principio di «autonomia» (Autonomy) e quello di «giustizia» (Justice). Scopo del primo è la salvaguardia di un bene fondamentale che rischia di essere gravemente minacciato, quello della libertà della persona, la garanzia cioè della possibilità di essere protetta dalla subordinazione e dalla coercizione di un sistema che ha un forte potere di condizionamento; mentre il secondo – la giustizia – ha come obiettivo l’attenzione a fare i conti con la corretta distribuzione dei costi e dei benefici; a verificare, in una parola, che essi vengano equamente ripartiti tra i cittadini, senza privilegi per nessuno e per nessuna categoria sociale. Accanto a questi importanti indicatori che – come si è ricordato – sono desunti direttamente dalla bioetica, sia pure con una riformulazione adeguata alle caratteristiche proprie dell’intelligenza artificiale, un posto particolare (e qualificante) va riservato al principio (l’ultimo) di «comprensibilità» (Explicability), che riguarda tanto la possibilità di fruire di una piena comprensibilità dei procedimenti usati dal sistema quanto l’esigenza di trasparenza e di controllo del business soggiacente. L’importanza di tale principio è strettamente connessa alla sempre maggiore complessità del sistema informatico e alla difficoltà di comprendere i processi ad esso connessi e le ricadute positive e negative della loro concreta applicazione. Di qui la necessità di una costante interfaccia tra scienza e opinione pubblica, in modo di giungere, attraverso un vero dialogo, a una conoscenza sempre maggiore degli effetti dei vari interventi, e di rendere perciò possibile l’esercizio effettivo del controllo.
L’insieme dei principi ricordati, che vanno evidentemente bilanciati tra loro per trovare, di volta in volta, il giusto equilibrio tra i valori della libertà, del bene personale e della giustizia esigono, da un lato, la messa in atto di un sistema di conoscenze indispensabili per potersi accostare con consapevolezza alle innovazioni in corso – sistema che comporta, per avere effetti positivi, il coinvolgimento delle diverse agenzie educative, della scuola in particolare –; e, dall’altro, la creazione di appositi comitati etici, che intervengano nei processi in atto con la produzione di norme adeguate a tutelare la libertà degli individui e a definire i limiti invalicabili della sperimentazione e dell’uso dell’intelligenza artificiale nell’interesse generale dell’intera umanità.

un atteggiamento corretto di approccio
Al di là dei giudizi sulle singole operazioni, è tuttavia importante assumere un atteggiamento corretto nei confronti dell’approccio alla questione. Le ambivalenze ricordate impongono infatti la capacità di un discernimento della situazione e l’esercizio di una precisa responsabilità da parte di tutti. La tensione è oggi tra gli entusiasti, che mettono in
evidenza gli effetti positivi di tale innovazione, cioè i cambiamenti radicali da essa indotti in grado di allungare la vita, di ridimensionare il lavoro e di formare esseri umani migliori; e i pessimisti, che mettono l’accento, talora con toni apocalittici, sulla possibilità che si produca la crisi della organizzazione sociale, con il rischio che si determini la fine della attuale civiltà.
L’uno e l’altro di questi atteggiamenti va superato. È importante fare proprio un atteggiamento di disponibilità e di vigilanza, di apertura alle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie, ma anche di costante attenzione ai risvolti negativi che possono derivare dal loro uso incontrollato e della necessità di non farsi soverchie illusioni sulla loro illimitata applicazione o sulla capacità di sostituire totalmente l’intelligenza umana. Lo mette bene in luce Marc Mézard, direttore della prestigiosa Ecole Normal Supérieure di Parigi, il quale scrive: «L’intelligenza artificiale rappresenta certamente una sfida tecnologica importantissima. Nuove macchine saranno capaci di prendere decisioni e di aiutarci a farlo. E saranno necessarie una serie di nuove regole per controllarne la funzione. La loro esistenza influenzerà la nostra vita nel bene e nel male. Ma – e questo mi pare essenziale – sarà difficile che possano essere considerate ‘intelligenti’» (La lettura, 27 gennaio 2019, p. 13). Quest’ultima osservazione ci mette realisticamente di fronte alla consapevolezza che, al di là delle importanti prestazioni che può offrire, l’intelligenza artificiale non è in grado di sviluppare comportamenti veramente «intelligenti»; ciò che essa può fornire è infatti una risposta a funzioni caratterizzate da una semplificazione della realtà all’interno di un quadro definito. Il che rende indispensabile (e lo renderà anche in futuro) il ricorso all’intervento umano, al quale, in definitiva, occorrerà fare sempre riferimento, sia per definire gli obiettivi da perseguire nello sviluppo dei processi tecnologici, sia per controllare concretamente l’uso degli strumenti a disposizione, sia per provvedere laddove occorre, agli eventuali correttivi. Anche questa nuova conquista del progresso tecnologico non può essere perciò lasciata a se stessa, ma ha bisogno – come si è detto – se si vogliono evitare le pesanti ricadute negative accennate, di essere sottoposta al vaglio del giudizio etico. Un giudizio che non può (e non deve) limitarsi a mettere in guardia dalle gravi conseguenze che possono aver luogo. Deve soprattutto indirizzare l’agire umano verso il perseguimento di obiettivi che accrescano il benessere degli individui e della comunità umana, e che rendano possibile la conquista della felicità.
Giannino Piana
————————–
rocca-08-15-apr-2019
Rocca – Cittadella 06081 Assisi
e-mail rocca.abb@cittadella.org

Online “politicainsieme.com”

gente-roma
lampadadialadmicromicro133Salutiamo con simpatia una nuova iniziativa editoriale di cattolici italiani in politica: è online da pochi giorni la testata “Politica insieme” [www.politicainsieme.com], che si propone come uno strumento delle persone al fine di “rispondere alle esigenze di partecipazione attiva e organizzata alla vita dell’Italia e dell’Europa”. L’editoriale dell’esordio – che di seguito riproduciamo integralmente – ci fornisce concetti che condividiamo, che per quanto ci riguarda lasciano intravedere possibili sinergici percorsi di collaborazione.
—————————————————————-
NASCE POLITICA INSIEME. LA VOGLIA DI PARTECIPARE
Apr 3, 2019
“Politica Insieme” nasce per rispondere ad una esigenza di partecipazione attiva ed organizzata alla vita dell’Italia e dell’Europa. Un progetto che richiama ad un’assunzione di responsabilità personale e collettiva.

Ci riferiamo ai problemi del Paese, ma anche alle sue potenzialità. Della politica e delle istituzioni vediamo tutti i ritardi, le carenze e le contraddizioni. Al tempo stesso, siamo consapevoli che è possibile fare molto per cambiare le cose, per ridurre i divari e gli squilibri, operare per sostenere l’occupazione e l’impresa, aprirci alle innovazioni, salvaguardare l’ambiente.

Tra tutti coloro che guardano alle cose della vita sulla base di una ispirazione cristiana emergono libere ed autonome dinamiche, è crescente l’intenzione di essere presenti per rimediare ad una situazione di grave degrado politico e sociale in cui siamo precipitati.

Non basta, però, l’impegno solo di parti della società italiana e, certamente, non c’è alcuna intenzione di operare in un’ottica integralista o clericale.

Anzi, vogliamo riallacciare rapporti e relazioni attorno alle aree vitali e critiche che ci riguardano con tutti coloro intenzionati a segnare una novità nel riscoprire il gusto dell’impegno pubblico e solidale. Sappiamo che una gran parte degli italiani, anche quelli con adesione ad altri filoni di pensiero, vive le nostre stesse speranze e preoccupazioni.

Il nostro coinvolgimento politico intende richiamare all’attenzione verso il bene comune tutti gli uomini di buona volontà, indipendentemente dal loro credo religioso e dai riferimenti culturali e politici. Intendiamo, infatti, superare un recinto delimitato perché abbiamo delle proposte concrete da suggerire per la soluzione dei problemi degli italiani e degli europei, uscendo dalle dinamiche di una politica che guarda ai luoghi comuni, ai facili slogan e che continua a mobilitarsi sulla base di schieramenti precostituiti, come hanno confermato le recenti, accese discussioni attorno al Congresso mondiale sulla famiglia, organizzato a Verona.

L’ispirazione cristiana che ci sorregge guarda, insieme, alla difesa e completa applicazione della Costituzione e al Pensiero sociale della Chiesa con l’obiettivo di mettere al centro di ogni analisi e scelta politica, sociale, economica, culturale e scientifica la dignità della Persona, la Giustizia sociale, lo spirito della Solidarietà e quello della Sussidiarietà.

E’ la situazione complessiva dell’Italia a scuotere le coscienze e a far emergere l’ineluttabilità di un’assunzione di responsabilità.

Sempre più diffuso è il convincimento che devono essere avviate, anche velocemente, nuove efficaci e più originali politiche in grado di rispondere alle spinte disgregative e ai tanti “egoismi” che si diffondono e definire in maniera diversa la spesa pubblica con il fine di reperire, così, le risorse da destinare agli investimenti necessari ad una effettiva ricrescita del Paese.

Vogliamo partecipare ad una politica concreta per reagire alla crisi dell’occupazione, affrontare adeguatamente le trasformazioni in atto nel mondo produttivo e del lavoro, delineare un nuovo modello di sviluppo per rispondere alla sfida lanciata dalla ricerca scientifica e dalle nuove applicazioni tecnologiche. Sulla base del riferimento alla “Laudato si’”, e in convinta adesione allo spirito ed alla sostanza dell’Agenda 2030, si può contrastare il degrado ambientale, lottare contro le povertà in modo più moderno ed efficace.

Il futuro delle nuove generazioni spaventa e le spaventa. Dobbiamo cominciare a “risarcire” i giovani per quanto è loro già sottratto in termini economici, di occupazione, di mancato ascolto, di disinteresse verso la loro educazione, di depauperamento del patrimonio naturale.

Temiamo per quanto si sta trasformando in negativo nelle relazioni internazionali. Continui sono i limiti posti alla volontà e alla capacità di negoziare ed il conseguente, inevitabile ritorno alle contrapposizioni economiche e alla corsa verso gli armamenti nucleari, chimici, biologici e convenzionali. Eppure, a tutto ciò si può rispondere positivamente, con fiducia.

Sempre più difficile appare giungere ad una distinzione tra l’oggettivo stato di difficoltà afferente la sfera pubblica e quella più intima, esistenziale, etica di ciascuno di noi che richiama la salvaguardia dell’essere umano, il rispetto della sua dignità materiale e spirituale e di quelle libertà destinate a dispiegarsi pienamente sin dal momento del concepimento, indipendentemente dalla sua religione, dal colore della pelle, dalle tradizioni e culture di riferimento.

L’ispirazione cristiana porta inevitabilmente ad impegnarci “per” e non “contro” qualcuno o qualcosa. Anche se ben chiari abbiamo i responsabili dei pericoli portati alle libertà, agli assetti democratici, agli equilibri tra le istituzioni, ad una piena ed effettiva partecipazione.

Siamo di fronte a sfide con una forte carica innovativa e di potenziale arricchimento spirituale, scientifico e materiale e si deve, pertanto, contrastare ogni tendenza al mero disfattismo o abbandonarsi solo a sentimenti di impotenza o di rabbia. Il “nuovo” che avanza può, infatti, rafforzare i processi democratici, ridurre gli squilibri, portarci ad uno sviluppo sostenibile e, dunque, creare un mondo migliore.

I liberali, i popolari e cattolici democratici, i socialisti hanno ricostruito il Paese, nel rispetto delle libertà, hanno allargato la sua base partecipativa, concepito un sistema di equilibri tra poteri, istituzionali e non, ridotto il divario economico e sociale con le realtà internazionali più avanzate, concorso al dispiegarsi del percorso europeo consentendo al Paese di raggiungere condizioni di vita altrimenti impensabili.

Queste storiche forze ideali, in un momento delicato e particolare, devono ritrovare la forza ed il coraggio di rimettersi all’opera puntando nuovamente sulla ricostruzione e sulla ricomposizione, le quali non possono che trovare un fondamento su di un rinnovato spirito di collaborazione, di confronto e di dialogo.

Siamo consapevoli che la nostra, anche se i suoi sbocchi non sempre ci piacciono, è divenuta una democrazia compiuta. Nel senso che la gestione del bene pubblico non è più interpretata in relazione a contrapposte visioni ideologiche o in conseguenza di pregresse, vincolanti vicende storiche.

Siamo pure consapevoli che il populismo si sviluppa sulla base di istanze inattese; trova giustificazione nel divario tra classi dirigenti e la gente fatta di carne ed ossa e nel perpetuarsi di politiche ispirate più dagli interessi di chi opera per la “cattiva finanziarizzazione dell’economia”, piuttosto che da chi ricerca il bene comune; trova linfa in un modello educativo non basato sulla centralità degli esseri umani cui è diretto ed anche in una comunicazione preoccupata più di condizionare i processi decisionali piuttosto che in essi far confluire indipendenti motivi di riflessione, analisi obiettiva, valutazione ragionevole della sostenibilità di proposte e di progetti.

Per noi il popolarismo significa oggi contribuire ad una soluzione dei problemi partendo dall’essere umano, dalla famiglia, dai gruppi sociali intermedi, dall’insieme delle autonomie amministrative che dovrebbero ridurre le distanze da uno Stato vissuto come “avversario” piuttosto che come strumento per operare a favore del bene comune.

E’ quindi doveroso puntare alla ricomposizione sociale ed alla collaborazione tra generazioni, tra istituzioni, tra le persone per ritrovarsi attorno a quegli interessi condivisi che fanno evolvere una società sempre più in una comunità capace di suscitare volontà di partecipazione e richiamare nuove energie.
———-

Che ci succede? Alghero: l’uccisione di Alberto ci rivela un mondo brutto e alla deriva, ma non è un esito inarrestabile

muro
di Vanni Tola*

Alghero è una città che amo da sempre. Per oltre un decennio è stata la sede della mia attività di insegnante presso la scuola media del quartiere La Pietraia. In quegli anni sono entrato in contato con una umanità reale e sincera, molto problematica. La tragica scomparsa di un diciottenne lascia sgomenti, tristi, addolorati. La cronaca dei quotidiani locali e il chiacchiericcio della gente si sviluppano secondo un copione più volte recitato. La difficile condizione degli adolescenti, il rapporto con la violenza, le armi, la cultura dello sballo, la incomunicabilità, a mio avviso più presunta che reale, con il mondo degli adulti. Si spegneranno anche questa volta i riflettori dei media e tutto tornerà come prima o quasi. Nessuno ha ricette miracolistiche da proporre, la questione giovanile è certamente una priorità assoluta nella nostra società. Servono occhiali nuovi per leggere questa parte di mondo, quello giovanile, che troppo spesso non abbiamo saputo comprendere. Parlare di incomunicabilità, mancanza di valori, incoerenza dei giovani fa a pugni col fatto che molti giovani e giovanissimi sono attualmente in prima fila nella lotta per la difesa contro i cambiamenti climatici, nel volontariato, nella reazione alle violazioni delle fondamentali regole della democrazia messe in discussione da nuove forze politiche di ispirazione fascista. Sono loro, i giovani, che cominciano a porre con forza l’esigenza di un nuovo ordine mondiale. E’ giusto quindi auspicare analisi e riflessioni sulla questione giovanile con un obiettivo ben preciso. Individuare iniziative reali e concrete, programmi, credibili e realizzabili per modificare significativamente le condizioni esistenziali di coloro che rappresentano il futuro. Attivare una campagna generalizzata per il disarmo della società e il rifiuto della violenza armata quale strumento per difendere le proprie ragioni. Dare vita a una seria campagna contro la logica dello “sballo” come unico ed esclusivo percorso per raggiungere una pseudo felicità temporanea nei fine settimana che spesso si concludono al pronto soccorso. L’uso responsabile dei mezzi di trasporto. La pratica di comportamenti virtuosi di convivenza pacifica tra gli individui.
*Con questa prospettiva riprendiamo l’intervento pubblicato in facebook dall’amico Antonio Budruni, insegnante di diritto, storico e saggista e invitiamo i componenti il gruppo “Lettori” a intervenire nella discussione [https://www.facebook.com/groups/LettVT/permalink/2175854782493905/]. (V.T. su fb)
—————————–

UN COLPO DI PISTOLA
Antonio Budruni
su fb, 6 aprile alle ore 10:51

Alberto Melone è stato mio alunno, qualche anno fa. No, non era studioso e neppure tranquillo. Aveva qualcosa dentro che sembrava bruciargli l’anima. Piccolo, seduto al secondo banco a destra, cappellino calato sugli occhi. Occhi che guardavano lontano, altrove. Ma aveva 14 anni, tutta una vita davanti. Poi, le nostre strade si sono divise. Un cambio di sezione, nuovo insegnante di diritto. Ecco, l’insegnante di diritto. Ha un ruolo importante nella formazione dei ragazzi, soprattutto negli istituti professionali dove, nel biennio, si insegna la Costituzione. Mi sono sempre detto che i ragazzi dei professionali e dei tecnici sono, per certi versi, fortunati proprio perché hanno la possibilità di apprendere la Costituzione. Certo, il livello di profondità non può essere quello universitario, naturalmente, ma imparano i principi fondamentali, che rappresentano le colonne su cui poggia il nostro stato democratico. Imparano che l’Italia si fonda sul lavoro, che la solidarietà è un dovere, che tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge, che gli stranieri hanno diritto di asilo, che l’Italia rifiuta la guerra.
Alberto sembrava avere altri interessi, altre passioni: quelle di tutti gli altri suoi compagni di classe. Solo, appariva un po’ più triste della media.
L’insegnante di diritto diventava un punto di riferimento, però, nei momenti di bisogno.
Quando qualcuno veniva “caricato”, nel linguaggio dei ragazzi significa fermato dalle forze dell’ordine o arrestato, allora ti chiedevan consigli, ti giuravano che non lo avrebbero fatto più, che avevano capito, che non ne valeva la pena. Eppure, questo mondo di adolescenti, in crisi di indentità, è considerato poco interessante da chi dovrebbe occuparsi di loro. Certo, le famiglie in primo luogo, gli insegnanti, ma anche chi dovrebbe investire su di loro che rappresentano il futuro prossimo del Paese e delle città e dei piccoli centri.
Tutti sanno che l’erba circola, quasi con normalità, all’interno delle scuole, ma anche negli altri ambienti di aggregazione dei ragazzi. L’atteggiamento degli adulti è spesso contradditorio: oscilla tra l’allarmismo esagerato e il menefreghismo. “Se ti scopro con la roba ti tronco le ossa”. Oppure: “Che sarà mai una canna? Sono ragazzi, poi cresceranno“. “Non stiamogli troppo addosso”. “Io devo lavorare, non posso stargli appresso dalla mattina alla sera”. Ecco questi ragazzi, figli nostri, avvertono a pelle il clima sociale: tutti di corsa a fare ciò che è più importante E cioè: lavorare, riposarsi, divertirsi. E loro succhiano questo humus, si convincono che le cose importanti della vita siano quelle che sono importanti per tutti, o, almeno, per la stragrande maggioranza delle persone con le quali si rapportano.
Questi sono i valori dominanti! Già, i valori. Quelli che un tempo trovavi in famiglia, in parrocchia e a scuola. Oggi, la famiglia fatica a orientarsi, la parrocchia è in crisi profonda e la scuola non è più, da tempo, il veicolo unico attraverso il quale i valori vengono proposti e accolti dalle giovani generazioni. Si dice che il dialogo intergenerazionale sia stato interrotto da un po’. Si dice che i due mondi, quello giovanile e quello degli adulti, non siano più in grado di comunicare. Tutte scuse. I ragazzi, come da sempre nella storia dell’umanità, hanno un bisogno vitale di valori. Ma di valori veri, forti, nei quali riconoscersi. Di valori che si trasmettono con l’esempio, non con la parola.
E l’esempio che oggi viene trasmesso ai giovani trasuda odio, indifferenza, egoismo sfrenato. E allora non resta che lo sballo, la coltivazione dell’odio, dell’egoismo e dell’indifferenza.
E tutti quei valori, scolpiti sulla pietra della nostra Costituzione, spiegati dall’insegnante di diritto, ma non praticati nella società, sembrano prediche, richiami a cose inesistenti, lontane dal senso comune.
Guardiamoci allo specchio, noi adulti: forse stiamo contribuendo a bruciare le nostre generazioni più giovani. Ma, per fortuna e ad onta del nostro tentativo di autodistruzione, arrivano segnali incoraggiati dagli adolescenti. Nonostante noi, un futuro ci sarà.
Che ti sia lieve la terra, Alberto.
—————————————–
Una iniziativa che condividiamo promossa dai nostri amici Vanni Tola e Tonino Budruni
“Mai più un’arma in tasca”
Perché il gruppo “Mai più un’arma in tasca”? I recenti, e sempre più frequenti, fatti di cronaca ci spingono a reagire. Reagire come possiamo: con l’esempio,con la parola, creando alleanze tra di noi. Mai più un’arma in tasca, è l’obiettivo intorno al quale vorremmo creare un gruppo su facebook per inviare un segnale forte a tutti, in primo luogo ai ragazzi, ma anche ai genitori, agli educatori, ai “politici” e a tutti quelli che influenzano le scelte quotidiane delle giovani generazioni. Mai più un’arma in tasca, per indicare un modo di essere, di ritrovarsi. Per non correre rischi e non farne correre agli altri. Mai più un’arma in tasca, perché la civiltà può e deve farne a meno. Mai più un’arma in tasca, perché è possibile, sempre, agire diversamente. La parola, l’esempio, la comprensione, la solidarietà, il senso di umanità, sono caratteristiche che ci contraddistinguono. Usiamole: con generosità.
Link: https://www.facebook.com/groups/266930177592924/?hc_location=group_dialog
mai-piu-un-arma-in-tasca-vt
——————-

I cattolici s’impegnino maggiormente in politica, ispirandosi al Vangelo e alla Dottrina sociale della Chiesa. Non c’è bisogno di un nuovo partito cattolico. Prosegue in Italia e in Sardegna un vasto e appassionato dibattito.

d5d947be-bfe5-41d0-97bb-7d4bd2feba19
di Franco Meloni

«La politica è una delle forme più alte della carità». Questa frase di Paolo VI è al momento la più gettonata nell’ambito del cattolicesimo italiano impegnato nel sociale. Le ragioni? Sicuramente perché in molte occasioni l’ha rilanciata Papa Francesco nelle sue esortazioni: “Un cattolico può e deve immischiarsi in politica. Dai il meglio, fai politica: ti farà soffrire, forse ti farà peccare, ma il Signore è con te”. Ma anche perché rappresenta la sintesi della motivazione profonda che deve animare ogni buon cattolico nella realtà in cui vive.

Su questa tematica si è sviluppato nel Paese un vasto e appassionato dibattito ospitato soprattutto sulla stampa cattolica. Il punto è questo: in quale modo il grande mondo dell’associazionismo cattolico può contare di più nella società? I cattolici si chiedono in sostanza come intervenire in quanto tali nella politica italiana.
Il dibattito odierno è stato favorito dall’anniversario del discorso di Don Sturzo «sui liberi e forti» che dette origine al Partito popolare agli inizi del ’900 e ancor di più è sollecitato dalla Conferenza dei Vescovi italiani (e, per quanto ci riguarda, dalla Conferenza dei Vescovi sardi), perché i cattolici si assumano maggiori responsabilità in politica.

Oggi tutto ciò è necessitato dal fatto che gran parte della politica che si svolge nei palazzi istituzionali e nei maggiori partiti stia andando in direzione opposta ai valori propri del cattolicesimo (ma potremo dire semplicemente umani). Basti pensare alla problematica su accoglienza e migrazioni, dove si assiste a uno scontro con le posizioni della Chiesa. Ma constatiamo, più globalmente, che il mondo è ormai egemonizzato da un’economia neoliberista che produce disuguaglianze e povertà sempre più marcate, o pensiamo alla progressiva distruzione del pianeta, così bene descritta e audacemente contrastata dalla Laudato si’ di Papa Francesco.

Prendiamo felicemente atto che in Italia permane una importante presenza cattolica, articolata e diffusa, la quale mostra insofferenza rispetto alla negazione dei valori cristiani nelle scelte politiche concrete, al di la delle enunciazioni formali. La politica da arte nobile diventa quindi imbroglio e sotterfugio, favorita in questa involuzione dalla comunicazione distorta e dal venir meno dell’etica collettiva.

Come contrastare questa deriva e, se possibile, come invertire la rotta? E perché non basta, anzi a volte è quasi irrilevante, l’attuale presenza di cattolici nelle formazioni politiche e nelle istituzioni?

E non basta l’associazionismo che pure sviluppa poderosi ed efficaci interventi sul sociale, dal volontariato alle iniziative parrocchiali, nella pratica dei principi di sussidiarietà, di cattolica impostazione, ora giustamente costituzionalizzati.

E non basta neppure il magistero di Papa Francesco, in perfetta armonia e a completamento della Dottrina sociale della Chiesa, con le esortazioni scolpite nei documenti papali e ripetute nei quotidiani pedagogici interventi. Purtroppo non si riesce a contrastare l’ondata di xenofobia, dell’odio per il diverso, del clima di paura… che ha preso la società italiana.

E allora: quale è la risposta dei cattolici, che si delinea nel dibattito in questione? Sul campo ci sono diverse proposte, tra le quali riportiamo quelle prevalenti

- Un partito dichiaratamente cattolico sulla traccia dell’esperienza del Partito popolare e della Democrazia cristiana, che rappresenti senza ambiguità i cattolici?
Certo non si può riprodurre il passato, che costituisce solo un riferimento alto e da cui trarre ispirazione e insegnamento. Parliamo della storia di quei partiti e con riferimento al dopoguerra pensiamo a persone di vaglia come De Gasperi, Dossetti, La Pira, Moro, Tina Anselmi, Zaccagnini e tanti altri, che seppero trovare i giusti raccordi con le forze democratiche di diversa ispirazione: comunisti, socialisti, azionisti, liberaldemocratici… per realizzare la grande intesa che portò alla Carta costituzionale della Repubblica Italiana.
Certo, sarebbe una scelta legittima, ma non pare percorribile anche tenendo conto che non gode del favore né della maggioranza dell’Episcopato italiano né del Papa – che peraltro non vuole immischiarsi nelle scelte politiche concrete degli italiani – e perché rischierebbe di essere minoritaria e poco influente una volta che detto partito si cimentasse nella contesa elettorale. Non dimentichiamo infatti che i cattolici italiani votano per una pluralità di partiti, tra questi (purtroppo) anche partiti programmaticamente contrastanti con i valori della Chiesa, non avvertendo contraddizioni tra la politica e la fede. E che pertanto non trasferirebbero facilmente il loro consenso sul nuovo partito.

- Apparirebbe più efficace e da preferire la scelta di stimolare le tante isole dell’impegno cattolico perchè si impegnino a raccordarsi fino a costituire un vasto arcipelago, reale e virtuale. Al riguardo qualcuno parla di «Stati generali» dei movimenti o, come il cardinal Gualtiero Bassetti, presidente della CEI, di un «Forum civico permanente», aperto alla società, tra tanti impegnati nei territori. Le priorità incombono, come ad esempio «il lavoro precario e la disoccupazione e il fortissimo decremento delle nascite» e, potremo aggiungere: la tutela dell’ambiente, lo spopolamento dei paesi, le povertà, le periferie, la partecipazione…

Allo stato forse di più non si può fare, se non impegnarsi a moltiplicare le occasioni di incontro e a promuovere robuste e non episodiche attività formative che sappiano coinvolgere i giovani.
————————-
cattolici-e-impegno2
Di queste questioni si sta parlando anche in Sardegna, nella stampa diocesana e non solo, e nei dibattiti come quello che si è tenuto il primo aprile a Cagliari sul tema “Cattolici e impegno in Politica”, su cui torneremmo nelle pagine del nostro periodico.
——————-

Questo intervento è apparso sul periodico Nuovo Cammino della Diocesi di Ales-Terralba in distribuzione da domenica 7 aprile 2019.
img_9663
—————
img_9685
—————–

Che fare?

d1c145e5-3738-4a1e-86a4-7155513d1eff
sbilanciamoci
Abbattere le diseguaglianze, la ricetta di Barca
Rachele Gonnelli

27 Marzo 2019 | Si Sbilanciamoci – Sezione: Apertura, Società
Dal salario minimo orario alla dotazione di 15 mila euro agli studenti fino alle nuove norme per le fabbriche rigenerate dagli operai: sono 15 in tutto le proposte del ForumDD messo in piedi dall’economista Fabrizio Barca dopo due anni di elaborazione per “invertire la rotta”.

Parte dall’insopportabilità delle diseguaglianze, non tanto etica, in questo caso, quanto piuttosto sociale, economica e persino istituzionale, visto che la democrazia stessa viene messa a rischio dalla brusca frenata delle opportunità di miglioramento di vita delle persone, il nuovo lavoro condotto dall’economista Fabrizio Barca. Un lavoro in verità collettivo, anzi collegiale, che ha visto coinvolti circa cento tra professori universitari, ricercatori e attivisti delle associazioni attraverso un percorso durato oltre due anni, dall’ottobre 2017 a marzo 2019.

La discussione e l’elaborazione è avvenuta dall’interno di un Forum Diversità Diseguaglianze (o ForumDD), a partire da una piattaforma condivisa, e alla fine ha prodotto 15 proposte per “invertire la rotta”, cioè per ridare corpo alla giustizia sociale affrontando i nodi più attuali, dalla gig-economy al vivere all’epoca dei Big data e della profilazione sempre più totale delle persone, con le nuove diseguaglianze ed esclusioni sociali condotte ora anche attraverso algoritmi e customizzazione dei servizi offerti o negati, e poi ancora dalla de-industrializzazione al cambiamento climatico, dalla riduzione del peso dei corpi intermedi al diffondersi di modelli politici e sociali sostanzialmente autoritari e di iper-sorveglianza, che riducono la povertà a una negligenza dell’individuo e riservano l’accesso alle professioni ai figli di professionisti, con ciò paralizzando l’ascensore sociale e svuotando la scuola e l’università di funzioni pubbliche di valorizzazione del merito.

Il rapporto del ForumDD, pubblicato a fine marzo (integrale qui), ha seguito come fari la Costituzione, in particolare l’articolo 3 della Carta, e il recente libro dell’economista britannico Antony Atkinsons “Inequality. What can be done?” .

Oltre a dati e analisi della situazione italiana e mondiale, il lavoro del ForumDD si incardina su 15 proposte( incluso un salario minimo orario di almeno 10 euro e una “eredità. universale” o dotazione di 15 mila euro a studente) che ora vengono lanciate per essere sottoposte al confronto con la società italiana e nei territori, per tentare di trovare soluzioni concrete e riagganciare la dinamica che per trent’anni, dopo la seconda guerra mondiale, ha ridotto il divario sociale senza opprimere le differenze, senza bisogno di capri espiatori per come ora vengono usati i migranti, “mantenendo un equilibrio dei poteri”.

La sintesi delle 15 proposte:

Proposta n. 1. La conoscenza come bene pubblico globale: modificare gli accordi internazionali e intanto farmaci più accessibili

Si propongono tre azioni che mirano ad accrescere l’accesso alla conoscenza. La prima azione riguarda la promozione, attraverso l’UE, di una modifica di due principi dell’Accordo TRIPS che incentivi la produzione e l’utilizzo della conoscenza come bene pubblico globale. Le altre due azioni riguardano il campo farmaceutico e biomedico; si propone, sempre attraverso l’UE, di arrivare a un nuovo accordo per la Ricerca e Sviluppo, in sede di Organizzazione Mondiale della Sanità, che consenta di soddisfare l’obiettivo del “più alto livello di salute raggiungibile” e, contemporaneamente di rafforzare l’iniziativa negoziale e strategica affinché i prezzi dei farmaci siano alla portata dei sistemi sanitari nazionali e venga assicurata la produzione di quelli per le malattie neglette.

Proposta n. 2. Il “modello Ginevra” per un’Europa più giusta

Si propone di promuovere a livello europeo degli “hub tecnologici sovranazionali di imprese” che si occupino di produrre beni e servizi che mirino al benessere collettivo, partendo dalle infrastrutture pubbliche di ricerca esistenti ed estendendo il loro ambito di azione dalla fase iniziale della catena di creazione di valore a quelle successive. L’obiettivo è quello di sfruttare il successo di forme complesse e autonome di organizzazione per rendere accessibili a tutti i frutti del progresso scientifico e affrontare il paradosso attuale per cui un patrimonio di open science prodotto con fondi pubblici viene di fatto appropriato privatamente da pochi grandi monopoli.

Proposta n. 3. Missioni di medio-lungo termine per le imprese pubbliche italiane

Si propone di assegnare alle imprese pubbliche italiane missioni strategiche di medio lungo periodo che ne orientino le scelte, in particolare tecnologiche, verso obiettivi di competitività, giustizia ambientale e giustizia sociale. I punti di forza della pro- posta sono: l’identificazione di un presidio tecnico; la trasparenza della responsabilità politica; il monitoraggio dei risultati; la garanzia della natura di medio-lungo termine degli obiettivi; e il rafforzamento delle regole a tutela dell’autonomia del management.

Proposta n. 4. Promuovere la giustizia sociale nelle missioni delle Università italiane

Si propongono quattro interventi integrati per riequilibrare gli attuali meccanismi che inducono le Università a essere disattente all’impatto della ricerca e dell’insegnamento sulla giustizia sociale: introdurre la giustizia sociale nella valutazione della terza missione delle Università; istituire un premio per progetti di ricerca che accrescono la giustizia sociale; indire un bando per progetti di ricerca che mirano a obiettivi di giustizia sociale; valutare gli effetti dell’insegnamento universitario sulla forbice di competenze generali delle giovani e dei giovani osservata all’inizio del percorso universitario.

Proposta n. 5. Promuovere la giustizia sociale nella ricerca privata

Si propone di introdurre, nei criteri per l’allocazione dei finanziamenti pubblici alla ricerca privata, parametri che inducano le imprese a tener conto degli effetti delle loro scelte sulla giustizia sociale e che le sollecitino a promuoverla.

Proposta n. 6. Collaborazione fra Università, centri di competenze e piccole e medie imprese per generare conoscenza

Si propone di valorizzare, sviluppare e diffondere in modo sistematico le esperienze in corso in alcune parti del territorio italiano, che vedono reti di PMI collaborare con le Università e con altri centri di competenza per superare gli attuali ostacoli derivanti dalla concentrazione della conoscenza e produrre conoscenza condivisa che consenta un recupero della loro competitività.

Proposta n. 7. Costruire una sovranità collettiva sui dati personali e algoritmi

Si propone che l’Italia compia un salto nell’affrontare i rischi che derivano dalla concentrazione in poche mani del controllo di dati personali e dalle sistematiche distorsioni insite nell’uso degli algoritmi di apprendimento automatico in tutti i campi di vita. La strada è segnata dalle esperienze e dalla mobilitazione che altri paesi stanno realizzando su questo tema: mettere alla prova il Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati che fissa principi all’avanguardia sul piano internazionale; rea- lizzare un ampio insieme di azioni, specie attorno ai servizi urbani, che vanno da una pressione crescente sui giganti del web alla sperimentazioni di piattaforme digitali comuni; rimuovere gli ostacoli allo sviluppo delle comunità di innovatori in rete.

Proposta n. 8. Strategie di sviluppo rivolte ai luoghi

Si propone di disegnare e attuare nelle aree fragili del paese e nelle periferie strategie di sviluppo “rivolte ai luoghi” che traggano indirizzi e lezioni di metodo dalla Strategia nazionale per le aree interne; strategie che, attraverso una forte partecipazione degli abitanti, combinino il miglioramento dei servizi fondamentali con la creazione delle opportunità per un utilizzo giusto e sostenibile delle nuove tecnologie.

Proposta n. 9. Gli appalti innovativi per servizi a misura delle persone

Si propone di promuovere con diversi strumenti il ricorso da parte delle amministrazioni, soprattutto locali, agli appalti innovativi per l’acquisto di beni e servizi, che consentono (come mostrano le poche ma positive esperienze italiane) di orientare le innovazioni tecnologiche ai bisogni delle persone e dei ceti deboli. In particolare, gli strumenti proposti sono: formazione dei funzionari pubblici; rimozione degli ostacoli alla partecipazione; campagna pubblica di informazione; ricorso a consultazioni pubbliche per il disegno del bando.

Proposta n. 10. Orientare gli strumenti per la sostenibilità ambientale a favore dei ceti deboli

Si propongono tre linee d’azione che possono orientare gli interventi per la sostenibilità ambientale e il contrasto al cambia- mento climatico a favore della giustizia ambientale, condizione perché quegli stessi interventi possano essere attuati: rimodulazione dei canoni di concessione del demanio e interventi fiscali attenti all’impatto sociale; rimozione degli ostacoli ai processi di decentramento energetico e cura degli impatti sociali dei processi di smobilizzo delle centrali; modifiche dell’Ecobonus per l’incentivazione delle riqualificazioni energetiche degli edifici ed interventi sulla mobilità sostenibile in modo favorevole alle persone con reddito modesto.

Proposta n. 11. Reclutamento, cura e discrezionalità del personale delle PA

Si propone che in tutti i livelli amministrativi coinvolti dalle singole strategie di giustizia sociale proposte nel Rapporto venga attuata la seguente agenda di interventi: a) forte e mirato rinnovamento (anche disciplinare) delle risorse umane; b) politica del personale che elimini gli incentivi monetari legati ai risultati e li sostituisca con meccanismi legati alle competenze organizzative; c) restituzione della funzione di strumento di confronto fra politica, amministrazione e cittadini alla valutazione dei risultati; d) forme sperimentali di autonomia finanziaria della dirigenza; e) interventi che incentivino gli amministratori a prendere decisioni mirate sui risultati, non sulle procedure.

Proposta n. 12. Minimi contrattuali, minimi legali e contrasto delle irregolarità

Si propone di realizzare un intervento integrato e simultaneo che aumenti i minimi salariali per tutte le lavoratrici e i lavoratori, indipendentemente dalla natura del contratto e composto da tre parti non separabili: estendere a tutti i lavoratori e tutte le lavoratrici di ogni settore l’efficacia dei contratti firmati dalle organizzazioni sindacali e datoriali rappresentative di quel setto- re; introdurre un salario minimo legale, non inferiore a 10 euro, senza distinzioni geografiche o di ruolo, il cui aggiornamento nel tempo è deciso da una Commissione composta da sindacati, tecnici, politici; dare più forza alla capacità dell’INAIL e degli altri enti ispettivi di contrastare le irregolarità e costruire forme pubbliche di monitoraggio.

Proposta n. 13. I Consigli del lavoro e di cittadinanza nell’impresa

Si propone di realizzare l’obiettivo di una partecipazione strategica di lavoratori e lavoratrici alle decisioni delle imprese at- traverso l’introduzione di una forma organizzativa in uso in altri paesi, il Consiglio del Lavoro, che valuti strategie aziendali, decisioni di localizzazione, condizioni e organizzazione del lavoro, impatto delle innovazioni tecnologiche su lavoro e retribuzioni. Nei Consigli (che sarebbero quindi anche “della cittadinanza”) siederebbero anche rappresentanti di consumatrici e consumatori e di persone interessate dall’impatto ambientale delle decisioni.

Proposta n. 14. Quando il lavoro controlla le imprese: più forza ai Workers Buyout

Si propone di realizzare alcuni interventi mirati che consentano allo strumento dei Workers Buyout (WBO) – l’acquisto dell’impresa in crisi o in difficile transizione generazionale da parte dei suoi lavoratori e lavoratrici – di essere utilizzato in maniera più diffusa in Italia: rafforzare la formazione dei lavoratori e lavoratrici nel momento dell’assunzione del nuovo ruolo; agevolare fiscalmente i mezzi finanziari investiti da lavoratori e lavoratrici; accelerare l’opzione WBO al primo manifestarsi dei segni di crisi.

Proposta n. 15. L’imposta sui vantaggi ricevuti e la misura di eredità universale

Si propone un intervento integrato per riequilibrare la ricchezza su cui ragazze e ragazzi possono contare nel momento del passaggio all’età adulta e che esercita una forte influenza sulle loro opzioni e scelte di vita: da un lato, prevedere che, al compimento dei 18 anni, ogni ragazza o ragazzo riceva una dotazione finanziaria (o “eredità universale”) pari a 15mila euro, priva di condizioni e accompagnata da un tutoraggio che parta dalla scuola; dall’altro, una tassazione progressiva sulla somma di tutte le eredità e donazioni ricevute (al di sopra di una soglia di esenzione di 500mila euro) da un singolo individuo durante l’arco di vita.