POLITICA

Oggi 29 maggio 2024 mercoledì

img_3099FESTA-EUROPA-BOMELUZO-2016Elezioni europee: occorre votare contro la guerra
29 Maggio 2024
A.P. su Democraziaoggi.
La posta in gioco alle elezioni europee è molto alta. A ben vedere, si vota per la guerra o per la pace. I leaders occidentali stanno irresponsabilmente soffiando sul fuoco e parlano ormai apertamente di guerra contro la Russia ventilando l’invio di contingenti militari in Ucraina e l’utilizzo di armi offensive di lunga gittata. Dal campo […]

Martedì 28 maggio con Sinistra futura per Cagliari

img_7420

Ricordando Franco Oliverio

img_7444COMUNICATO STAMPA

A 20 anni dalla morte, la Comunità “La Collina” organizza, il prossimo 30 maggio, una serata per ricordare Franco Oliverio. Un cittadino straordinario che tanto ha dato alla città di Cagliari.
Franco Oliverio – che ha ispirato e aiutato anche la nascita della nostra comunità – ha seguito con coerenza una vocazione che lo ha portato a guardare alla salvezza delle persone, a partire dai più bisognosi, da Sant’Elia, dai ghetti, dalle periferie, dai tossicodipendenti, scontrandosi, non di rado, con lo stesso ambiente cattolico e borghese che l’aveva cresciuto, quando ce n’è stato bisogno, rischiando di persona.
Franco, apprezzato medico, primario di gastroenterologia al Brotzu di Cagliari, oltre alla competenza professionale, possedeva una straordinaria capacità di dispensare amicizia. Voleva bene ed amava chi ne aveva bisogno, quindi, spesso, i più diseredati. Per tantissimi è stato un baluardo, a volte l’ultima risorsa per chi non sapeva più dove sbattere la testa e necessitava aiuto.
Ancora oggi in tanti lo ricordano con affetto e commozione.
La Comunità lo ricorderà in una serata che sarà aperta da una breve pièce per ricordare la sua figura, seguita dal ricordo di alcuni dei sui tanti amici e dagli interventi di tutti coloro che vorranno portare una testimonianza personale.

L’iniziativa avrà inizio alle 18.30 nella Comunità La Collina di Serdiana, secondo il programma che si allega.

Oggi martedì 27 maggio 2024

Oggi a Sant’Elia
img_7455

Oggi domenica 26 maggio 2024

img_3099 Carbonia. Nelle campagne rottura del latifondo, ma le cooperative dei decreti Gullo cessano di esistere. Il movimento contadino diviso, non danno esito i tentativi di sconfiggere familismo e sfiducia
26 Maggio 2024
Gianna Lai su Democraziaoggi
Più dura la repressione nelle campagne, “data la maggior forza del movimento operaio rispetto a quello contadino”, dove la lotta per la terra si concluderà insieme al varo della Legge stralcio. Dice Vittorio Foa che, se la riforma agraria rompe il latifondo e apre all’azienda capitalistica, dà tuttavia origine “a medio termine, all’esodo di […]
—————————————————————-

Oggi sabato 25 maggio in mattinata con i bambini

img_7424

Si allarga il dibattito per il conferimento della laurea honoris causa a Claudio Ranieri

img_7414
https://www.lanuovasardegna.it/sport/2024/05/23/news/cagliari-proposta-per-claudio-ranieri-una-laurea-honoris-causa-1.100525944
————————————
img_7415
https://www.centotrentuno.com/news/una-laurea-per-ranieri-il-meic-si-unisce-fatto-un-capolavoro-di-psicologia-sportiva/
————————————
img_7418
https://www.123scommesse.it/news/proposta-di-laurea-honoris-causa-per-claudio-ranieri-emoziona/

—————

Sì, c’è ancora domani

Forza Giuan l’idea non è morta.
di Gianni Loy
Venne maggio e fu speranza … cantava Ivan Della Mea nei dintorni del ’68. In Francia gli studenti e gli operai urlavano nelle piazze che non era che l’inizio. In Italia nasceva, grazie alle lotte degli operai, l’espressione: “autunno caldo”. Era una rivoluzione epocale, nata sui germi sparsi dal
Concilio di Giovanni XXIII, dai moti studenteschi propagatisi dall’università di Barkley, dalle imponenti manifestazioni contro l’invasione del Vietnam. I lavoratori italiani abbattevano, per via contrattuale, i recinti nei quali erano stati rinchiusi dagli effetti della guerra fredda e dalla cultura paternalistica del liberalismo nostrano. Riprendevano a guardarsi negli occhi e scoprivano che prima ancora di essere divisi dalla loro fede cattolica o comunista, erano uguali per la pesante condizione operaia che condividevano, che la tradizionale distinzione tra operai ed impiegati non aveva più senso. Testimoniavano uguaglianza e chiedevano dignità e rispetto. Quella dignità che i padri di una straordinaria Costituzione democratica avevano solennemente affermato nel 1948 e che ancora attendeva una coerente attuazione. Era tempo di dar corpo all’art. 3 che vuole “l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica o sociale del paese”. Così, sulla spinta della potente rivendicazione operaia, prese l’avvio il processo legislativo che avrebbe
portato all’approvazione dello Statuto dei lavoratori. Fu Giacomo Brodolini, giacomo_brodoliniappassionato socialista, allora ministro del lavoro, a far approvare il progetto dal Consiglio dei ministri. Lui che, senza infingimenti, rivendicava con orgoglio di stare sempre dalla parte dei lavoratori. Fu padre generoso, ma non poté assistere al parto della creatura perché stroncato dalla malattia prima
nell’estate del 1969. Gino Giugnigino_giugni, dai più conosciuto come il padre dello Statuto dei lavoratori, non si sentirà sminuito per questo ricordo. Del resto ha molti manifestazione-a-favore-dello-statuto-foto-fondazione-donat-cattin-cropped-980x551padri, questa legge: i milioni di lavoratori e lavoratrici che, anche inconsapevolmente, l’hanno resa possibile. Per questo porta il loro nome: Statuto dei lavoratori! Ed è finalmente arrivata, il 20 maggio di tanti anni fa.

Oggi venerdì 17 maggio 2024

img_3099 Tutti i vizi del premierato, difendiamo la Costituzione contro la “Capocrazia” targata Meloni
17 Maggio 2024
Alfiero Grandi su Democraziaoggi.
Giorgia Meloni in un convegno alla Camera ha rilanciato la proposta del Governo di fare eleggere direttamente il Presidente del Consiglio, rendendo evidente un tentativo di coinvolgere settori dell’opposizione richiamandone posizioni e proposte presentate in tempi molto diversi.
Non è questione da sottovalutare ed è prevedibile che questo atteggiamento tornerà con forza nella campagna elettorale […]
——————————————

Costituente Terra

img_7309 vi invio la locandina del nostro convegno sulla pace che si svolgerà il prossimo 23 maggio all’Università di Roma Tre. Abbiamo voluto, come “Costituente Terra”, dedicare questo nostro primo convegno alla pace e sulle sue uniche garanzie credibili – il disarmo generale e la messa al bando di tutte le armi, imposti dal nostro progetto di una Costituzione della Terra – perché stiamo vivendo il momento forse più drammatico della storia dell’umanità. Con incredibile leggerezza e irresponsabilità, i governi europei stanno parlando, da qualche mese, di una possibile guerra tra l’Europa e la Russia, che ovviamente rischierebbe di degenerare in un conflitto nucleare e nella devastazione di tutto il nostro continente. Al nostro convegno papa Francesco ha inviato un bellissimo messaggio di cui daremo lettura all’inizio dei nostri lavori.
Stiamo anche rilanciando Costituente Terra, programmando nuovi convegni, non solo a Roma e non solo in Italia, e organizzando la formalizzazione dell’iscrizione alla nostra associazione, in qualità di soci, degli ormai innumerevoli aderenti.
Saluti carissimi, nella speranza di incontrarvi giovedì prossimo al nostro convegno,

Luigi Ferrajoli
Presidente di Costituente Terra

P.S.

ChiesadituttiChiesadeipoveri News

img_7282
Cari Amici,
la guerra non solo provoca catastrofi immediate, ma travolge e sconvolge anche valori e processi di lungo periodo. Tra le cose più preziose che vengono messe in crisi dalla tragedia di Gaza c’è anche il dialogo ebraico-cristiano intrapreso dopo il Concilio, volto a ritrovare e condividere tutto ciò che unisce le due religioni. Ora non può esserci niente di più lontano e inaccettabile per i cristiani di ciò che sta avvenendo a Gaza ad opera delle Forze Armate e dello Stato di Israele, mentre ogni protesta o critica a tale azione, che venga dalle piazze o dagli studenti delle Università o dall’ONU e perfino dagli Stati Uniti viene respinta e tacciata di antisemitismo, e perciò da condannare come continuazione sotto altra forma della Shoà.

Ecco i candidati per Cagliari

img_7257Le liste in lizza alle prossime elezioni comunali di Cagliari

Campagna elettorale: Massimo Zedda comincia dall’ex vetreria di Pirri, un bene comune urbano restituito ai cittadini .

img_7253di Giancarlo Morgante
Questa mattina il candidato Sindaco per il comune di Cagliari Massimo Zedda e la candidata alla presidenza della Municipalità di Pirri Maria Laura Manca hanno iniziato ufficialmente la campagna elettorale con la presentazione di tutti i candidati della coalizione. L’evento si è tenuto nel nostro piccolo Parco “ex vetreria” dell’abitato di Pirri (Municipalità).
Si tratta di un parco che la cittadinanza di Pirri ha voluto e difeso con battaglie talvolta anche aspre (anni 70 e 80). Parlo di occupazione simbolica e catene umane per impedire che la ex area della vetreria e adiacente distilleria venissero utilizzate come autoparco della nettezza urbana. Spazi sui quali successivamente è stato impedito che venissero utilizzati come aree di sviluppo abitativo.

Morti e feriti sul lavoro

Le leggi ci sono img_7247
di Gianni Loy
Piangiamo altri morti sul lavoro, altri 5, a Palermo. Ci fermiamo a riflettere, come è giusto che sia, di fronte al dramma, senza rimedio, della morte.
Un dramma, quello della vita spezzata di altri lavoratori, che riporta alla luce una ben conosciuta tragedia quotidiana, quello dello sfruttamento, della disperazione, spesso del lavoro nero. Per poco, perché dopo il cordoglio delle autorità, una volta spenti i riflettori, sfogati la rabbia ed il dolore, la macina riprenderà a girare come se niente fosse accaduto. Come tante altre volte, dopo i tanti altri funerali che hanno accompagnato al camposanto i corpi di lavoratori e lavoratrici schiacciati dalla violazione delle leggi del lavoro, dal mancato rispetto delle misure di protezione contro i rischi. Piangiamo, anche se siamo tutti complici, in un certo senso, perché con i nostri comportamenti contribuiamo, o non ci opponiamo, alle quotidiane evasioni, o elusioni – ma che differenza fa? – di queste norme.

Sussidiarietà leva della rifondazione delle Istituzioni

fa2e1b0b-01a4-42b7-b177-15f52d240237Sabato 11 maggio 2024: interessante Convegno promosso dalla Consulta diocesana degli organismi di Carità socio-assistenziali per la promozione umana sul tema “Riforma del terzo settore ed enti ecclesiali”. Motore di tutto il “principio di sussidiarietà”. Torneremo sull’argomento. Intanto un riferimento ai fondamentali.
Approfondimenti su Aladinpensiero: https://www.aladinpensiero.it/?p=66146
———————————————————