Idee per costruire un “Centro culturale-spazio Europa di Is Mirrionis”, continuazione ideale della Scuola Popolare di Is Mirrionis

scuola-popolare-is-mirrionis--300x187_2ape innovativaA partire dall’intervento di Ottavio Olita in occasione dell’inaugurazione della biblioteca di quartiere “L’Albero del riccio”, che ha creato un collegamento tra questa iniziativa e la vicenda della Scuola Popolare dei Lavoratori di Is Mirrionis (1971 – fine anni 70), condiviso e rilanciato da Aladin con un breve commento del direttore, avanziamo alcune ulteriori proposte, per ora in modo non precisamente ordinato, che dopo un ampio dibattito dovrebbero sfociare in un vero e proprio piano d’azione. Perché detto piano abbia successo è necessario sia precisarne gli obbiettivi e i contenuti, sia individuare i soggetti che devono portarlo avanti, con una diversificazione dei ruoli, sia stabilire tempi e modalità di attuazione, ma soprattutto occorre creare un vasto consenso popolare che lo sostenga.
Ecco, di seguito, alcuni punti, ripetiamo: non esaustivi e solo strumentali per il dibattito.
1) occorre creare un comitato rappresentativo di quanti (organizzazioni e singoli) vogliono impegnarsi, che assuma il coordinamento del piano;
2) il compito di promuovere le prime riunioni e coordinare nella prima fase il tutto dovrebbe essere assunto nell’immediato dal circolo culturale Antonio Gramsci;
3) si dovrà inserire l’approfondimento della storia della Scuola popolare di Is Mirrionis nel più ampio contesto delle lotte sociali dei quartieri della città;
4) da subito dovremo porci l’obbiettivo di produrre in tempi brevi una pubblicazione sulla vicenda della Scuola Popolare, affidandone il coordinamento a Ottavio Olita;
5) si può riprendere l’iniziativa di ricostruire nello spazio già occupato dalla Scuola in cui allo stato è presente solo un rudere (vedi foto) un moderno centro culturale come spazio di promozione civica, dando all’iniziativa un respiro europeo (non è secondario questo richiamo anche in relazione alle opportunità di finanziamenti europei per la realizzazione dell’opera);
6) si può riprendere l’ottima proposta di Giacomo Meloni, segretario nazionale della Confederazione Sindacale Sarda, di dare un nome allo spazio: piazza della Scuola Popolare di Is Mirrionis;
7) la realizzazione del Centro potrebbe essere finanziata con tre apporti: 1) finanziamento europeo, 2) finanziamento comunale, 3) civic crowfunding
….
Il dibattito prosegue
——————————–
Nel corso degli anni settanta nelle città italiane si sono sviluppate consistenti esperienze di democrazia di base, connotate come lotte dei quartieri e lotte per il diritto alla casa e non solo, organizzate attraverso appositi comitati in prevalenza denominati comitati di quartiere. Esse erano caratterizzate dalla tensione alla partecipazione, senza barriere burocratiche istituzionali e pur perseguendo scopi molto pratici, quali ad esempio, la difesa della qualità della vita urbana. Tali movimenti sono stati molto studiati ma… Uni degli studiosi pù autorevole è Umberto Allegretti. Anche Cagliari è stata interessata a questo fenomeno, in modo significativo anche rispetto ad altre realtà urbane, come rìcorda lo stesso Allegretti in diversi interventi nella letteratura specializzata, ma anche a numerosi convegni che si tennero in quel periodo,

U. ALLEGRETTI, I quartieri tra decentramento comunale e autonomia di base, in « Riv. trim. dir. pubbl. », 1977.

2 Responses to Idee per costruire un “Centro culturale-spazio Europa di Is Mirrionis”, continuazione ideale della Scuola Popolare di Is Mirrionis

  1. admin scrive:

    Dal sito fb di Enrico Lobina, consigliere comunale di Cagliari
    Qualche giorno fa Franco Meloni mi ha raccontato una storia, che in parte già conoscevo, che trovate anche su http://www.aladinpensiero.it/?p=31787#more-31787 sappia Franco, nonchè la Associazione Antonio Gramsci – Cagliari, che sono a loro disposizione. La storia della Cagliari popolare, dai moti del 1906 al movimento per la casa, deve essere scritta. E non è ancora finita….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>