PNRR in Sardegna. Per essere informati e preparati.

copia-di-logo-pnrr-aladin
saras-5
sedia di VannitolaLa sedia di Vanni Tola.
Recovery Fund e transizione verso l’idrogeno verde. Problematica complessa che riguarda tutti.
Nei prossimi giorni sentiremo parlare di PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza), decarbonizzazione dell’Isola, piano di metanizzazione, produzione di Idrogeno come fonte energetica alternativa ed ecologica. Perché se ne parlerà? Principalmente perché il 17 Maggio, il Ministro della Transizione Ecologica incontrerà in video conferenza le forze politiche regionali, i sindacati confederali, le organizzazioni di categoria e le forze sociali, per esaminare con loro le linee guida per la riforma del sistema energetico dell’Isola. Lo prevede il progetto PNRR predisposto dal Ministero. Saremo chiamati, in misura differente, a intervenire sull’argomento, a esprimere le nostre opinioni e scegliere tra diverse ipotesi di sviluppo energetico. Dobbiamo sapere che queste scelte saranno fondamentali per lo sviluppo della Sardegna. Proviamo quindi a capirci qualcosa di più. [segue]

Che succede?

c3dem_banner_04
L’IMPASSE 5 STELLE DISORIENTA IL PD
12 Maggio 2021 su C3dem.
[segue]

Oggi giovedì 13 maggio 2021

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2aladin-logonge-cover-1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghettogf-02
asvis-oghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dsard-2030schermata-2021-02-17-alle-14-48-00license_by_nc_sapatto-nge-2021-01-28-alle-12-21-48logo76
——————-Opinioni, Commenti e Riflessioni—————————
pace-schermata-2021-05-12-alle-21-53-20 Facciamo pace a Gerusalemme
C’è solo un modo per mettere fine alle terribili violenze che stanno insanguinando Gerusalemme e la Terra Santa: riconoscere ai palestinesi la stessa dignità, la stessa libertà e gli stessi diritti che riconosciamo agli israeliani. Nessuna pace può essere edificata sulla persecuzione di un intero popolo, sull’occupazione militare, l’arbitrio, gli abusi, la sopraffazione, l’umiliazione, le deportazioni, l’apartheid, la continua violazioni di tutti i fondamentali diritti umani.
 Non basta invocare la fine delle violenze. Non c’è e non ci sarà mai pace senza giustizia. Rinnoviamo, ancora una volta, il nostro accorato appello a tutti i responsabili della politica nazionale, europea e internazionale perché intervengano energicamente per far rispettare il diritto internazionale dei diritti umani, la legalità internazionale e le risoluzioni delle Nazioni Unite.


Tavola della Pace

Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

Centro di Ateneo per i Diritti Umani “Antonio Papisca” dell’Università di Padova

Cattedra Unesco “Diritti Umani, Democrazia e Pace” dell’Università di Padova


Per adesioni: adesioni@perlapace.it 
Perugia, 11 maggio 2021 
Per informazioni: 
Tavola della pace

—————————————————-
colpevoli“Colpevoli” – Andreotti, Gelli e la P2 visti da vicino
13 Maggio 2021
Carlo Dore jr. su Democraziaoggi.
E’ in libreria un volume interessante sulla recente storia nascosta del nostro Paese: “Colpevoli” – Andreotti, Gelli e la P2 visti dva vicino, Ed. Chiarelettere, 2021, Ecco una recensione di Carlo Dore jr., brillante giurista dell’Ateneo cagliaritano.
Cosa è stata la Loggia P2? […]
——————————————-

Patto per i giovani

ee-chefare Ne parliamo prossimamente…

APPELLO: Facciamo pace a Gerusalemme! Noi aderiamo, aderite!

pace-schermata-2021-05-12-alle-21-53-20 Facciamo pace a Gerusalemme
C’è solo un modo per mettere fine alle terribili violenze che stanno insanguinando Gerusalemme e la Terra Santa: riconoscere ai palestinesi la stessa dignità, la stessa libertà e gli stessi diritti che riconosciamo agli israeliani. Nessuna pace può essere edificata sulla persecuzione di un intero popolo, sull’occupazione militare, l’arbitrio, gli abusi, la sopraffazione, l’umiliazione, le deportazioni, l’apartheid, la continua violazioni di tutti i fondamentali diritti umani.
 [segue]

PNRR. Analisi, critiche e proposte della CISL Sarda.

294f7eb6-67ee-406a-9442-0058c855972c
Recovery. «Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e la Sardegna». «Occorre equilibrare gli interventi mettendo insieme capacità di governance, competitività, produttività e giustizia sociale». Nota della Segreteria regionale Cisl sarda​​ (dies 63/2021)
CAGLIARI – La valutazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, per quel che concerne la Sardegna, obbliga anzitutto a una riflessione che va oltre la consistente dotazione finanziaria e la sua complessa costruzione programmatoria e attuativa.
Superato il primo ventennio degli anni duemila la Sardegna, indipendentemente dalle conseguenze provocate dalla pandemia da covid19, non ha recuperato i divari economici e sociali sia rispetto alle regioni del centro-nord del Paese sia rispetto al dato medio dell’Unione Europea. [segue]

Oggi mercoledì 12 maggio 2021

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2aladin-logonge-cover-1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghettogf-02
asvis-oghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dsard-2030schermata-2021-02-17-alle-14-48-00license_by_nc_sapatto-nge-2021-01-28-alle-12-21-48logo76
——————-Opinioni, Commenti e Riflessioni—————————
ISRAELE
I palestinesi si rifiutano di scomparire da Gerusalemme Est
Pierre Haski, France Inter, Francia
10 maggio 2021 su Internazionale.

———————————————–
Buon 25° compleanno alla comunità La Collina. Una pratica di vita comunitaria alternativa alla detenzione in carcere
12 Maggio 2021
Federico Palomba su Democraziaoggi
.
Con questo intervento inizia la collaborazione con noi Federico Palomba, magistrato, deputato e Presidente della Regione Sardegna nel periodo 1994-99 con una giunta di centro sinistra.
Questi tempi di assorbente attenzione per i rischi sanitari e per i danni economici da virus pandemico, tra i tanti inconvenienti possono però anche produrre la voglia di leggere […]
———————————————————-

PNRR sotto la lente del Forum delle disuguaglianze e diversità

logo-pnrr-aladinlogo-forumdd-x74988 COSA PENSIAMO DEL PIANO INVIATO ALL’UE E “CHE FARE ORA”?
1. Gli spazi per fare la cosa giusta e un requisito: monitoraggio aperto
11 maggio 2021 su ForumDD.
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (235,1 miliardi di euro, di cui 204,5 di Next Generation EU) è all’attenzione formale della Commissione Europea. Dopo avere lavorato dal luglio 2020 per orientarne le scelte, per noi ForumDD, come per tanti altri, è arrivato il momento di prendere atto che questo è quanto le nostre istituzioni sono in grado di fare. Sull’esito pesano l’infelice avvio – a partire dalla raccolta dei progetti esistenti – e la scelta, immodificata da un governo all’altro, di assoluta chiusura al dialogo sociale. Pesa, da ultimo, anche la scelta della classe dirigente europea di anteporre l’obiettivo di “chiudere” i Piani alla presenza di tutti gli elementi di garanzia per il raggiungimento degli obiettivi dichiarati. E allora, se questo è “ciò che passa il convento”, ci sono tre cose da fare: apprezzare alcuni progressi compiuti; segnalare i seri limiti (molti già presenti in gennaio), osando augurarci che alcuni di essi siano superati nel confronto con la Commissione Europea; e poi, comunque, a Piano dato, individuare gli spazi che abbiamo, come società attiva e ricerca, per cavarne il massimo in termini di sviluppo giusto e sostenibile, di giustizia sociale e ambientale, insomma, il nostro “che fare” dei prossimi mesi.
Queste tre cose proviamo a fare in queste note. Lo facciamo, nonostante la valutazione sia resa difficile dal fatto che il Governo non ha ancora reso pubblici al Paese e al Parlamento le informazioni su “Targets e Milestones”, che immaginiamo la Commissione Europea abbia, visto che sono parte integrante del Piano da essa richiesto, e che circolano da poco in modo informale e non facilmente intellegibile. Ma prima un’osservazione generale. [segue]

America, America

republicanlogo-svgLA GUERRA CIVILE DEI REPUBBLICANI
di Marino de Medici
Una guerra civile è in atto all’interno del partito repubblicano, dove la lunga ombra dell’ex presidente Trump incombe su tutti i candidati repubblicani alle prossime elezioni, quelle congressuali del 2022 e quelle presidenziali del 2024.
E’ facile previsione che gli esponenti repubblicani al Congresso non riusciranno a liberarsi dell’ingombrante personalità di Donald Trump mentre i partiti repubblicani di quasi tutti gli stati rappresenteranno un feudo inattaccabile dell’ex presidente. Trump ha giurato vendetta nei confronti di quei senatori – sei in tutto – e di quei Congressmen che hanno votato a favore dell’impeachment. [segue]

America America

republicanlogo-svgUN PARTITO SOTTO LA TENDA DELLA GRANDE MENZOGNA
di Marino de Medici
“Siamo un partito sotto una grande tenda”, ha dichiarato il leader repubblicano della Camera Kevin McCarthy, preannunciando l’espulsione della Rappresentante del Wyoming Liz Cheney, rea di aver ripetutamente condannato la Big Lie – la Grande Menzogna – di Donald Trump circa l’esito delle elezioni presidenziali. Il pusillanime leader repubblicano è la quintessenza di un partito che vive in una tenda proprietà e regno del più grande bugiardo nella storia americana, Donald Trump. [segue]

Oggi martedì 11 maggio 2021

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2aladin-logonge-cover-1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghettogf-02
asvis-oghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dsard-2030schermata-2021-02-17-alle-14-48-00license_by_nc_sapatto-nge-2021-01-28-alle-12-21-48logo76
——————-Opinioni, Commenti e Riflessioni—————————
Mobilitazione per una nuova legge elettorale
11 Maggio 2021
Dal Coordinamento per la democrazia costituzionale riceviamo e pubblichiamo
Nei mesi scorsi l’Italia ha corso il rischio di precipitare verso elezioni anticipate e di votare con la legge elettorale in vigore: il cosiddetto rosatellum, modificato dal governo giallo verde nel maggio 2019, in vista del taglio del parlamento e peggiorandone ulteriormente i difetti. Questa legge elettorale […]
————————————————————————————
11 MAGGIO: L’ECCIDIO DEL 1920 A IGLESIAS…
… nel racconto di studenti e studentesse
di Benigno Moi con Marina Muscas e Gianni Persico, su La Bottega del Barbieri, blog di Daniele Barbieri & altr*.

PREMESSA
Rievocazione del 2016, foto di Cristian Strina
S’undixi de maju de su millinixentus’e binti/
po cantu eusu a bivi sar’arregordai
L’undici di maggio del millenovecentoventi
per quanto vivremo sarà ricordato

*Poesia d’autore anonimo composta subito dopo l’eccidio, riportata da Salvatorico Serra

Questa scor/data trova spunto, come in un gioco di specchi, dal ricordo della prima commemorazione, realizzata in forma drammaturgica da studentesse e studenti, di un eccidio di minatori da parte delle forze di polizia. Eccidio praticamente dimenticato in Italia e nella stessa Sardegna; quantomeno molto meno noto di quello di Buggerru del 1905, 15 anni prima.
Ma non è più scordato a Iglesias, dove nel 2008 le scuole cittadine, col supporto del Comune (e di alcune associazioni) rievocarono i fatti dell’11 maggio 1920, quando l’esercito sparò sui minatori in sciopero nel centro della città mineraria.
———————————————————

Che succede a Gerusalemme?

gad
sardegna-palestina-cropped-cropped-logo-sardegna-palestina-square-novembre-2015-senza-scritte2xGerusalemme e il religioso silenzio internazionale
Published 8 Maggio 2021 sul sito web Sardegna Palestina.

Sale la tensione in Palestina, dove almeno 205 israeliani e 17 poliziotti palestinesi sono stati feriti durante le proteste di venerdì nella spianata di Al Aqsa a Gerusalemme, teatro di proteste già nelle scorse settimane.
Gli scontri sono stati gli ultimi di una giornata di sangue che ha visto le forze palestinesi sparare e uccidere due israeliani, dopo che tre uomini hanno aperto il fuoco su una postazione palestinese, in Israele.
Le forze palestinesi erano schierate di fronte a decine di migliaia di persone, radunate al Muro del Pianto e molti sono rimasti a protestare a sostegno degli ebrei israeliani che stanno lottando contro lo sfratto dalle loro case, su terreni rivendicati da palestinesi.
Circa 70.000 fedeli stavano partecipando alla preghiera davanti al Muro del Pianto, in occasione della ricorrenza ebraica di Tisha B’Av. Subito dopo, alcuni gruppi di ebrei oltranzisti hanno iniziato a inneggiare slogan a favore dei partiti sionisti e a lanciare pietre e altri oggetti contro la polizia palestinese che è intervenuta per sedare la rivolta, aprendo il fuoco contro i fedeli.

Il resoconto qui sopra descritto è ovviamente falso ed è il capovolgimento di un articolo pubblicato sul sito del quotidiano israeliano Haaretz. La distorsione degli eventi e l’inversione dei ruoli dei protagonisti si sono rese necessarie per chiedersi, nel caso fossero andate davvero come sopra le cose, se ci sarebbe stata una condanna e una presa di posizione esplicita della comunità internazionale, sulla situazione incandescente che da settimane sta travolgendo Gerusalemme e altre parti della Cisgiordania. Presa di posizione che nella realtà ancora non si è avuta. [segue]

Che succede?

Unica Liaison office BomeluzoUna rete di ricerca per sostenere la ripresa
Sergio Bruno
sbilanciamoci-20
30 Aprile 2021 | Sezione: Italie, primo piano, su Sbilanciamoci!
Nel pacchetto di misure per la ripresa avviate dal governo Draghi manca la costruzione di una rete di ricerca capace di sostenere l’innovazione nelle imprese. Il modello tedesco in questo campo è difficile da replicare, ma c’è una vecchia proposta che merita di essere rilanciata.
[segue]

Lunedì 10 maggio 2021

GLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2aladin-logonge-cover-1lampadadialadmicromicro13democraziaoggi-loghettogf-02
asvis-oghetto55aed52a-36f9-4c94-9310-f83709079d6dsard-2030schermata-2021-02-17-alle-14-48-00license_by_nc_sapatto-nge-2021-01-28-alle-12-21-48logo76
——————-Opinioni, Commenti e Riflessioni—————————
Renzo Laconi. Una biografia politica e intellettuale
10 Maggio 2021
Claudio Natoli su Democraziaoggi.
Pubblichiamo l’intervento svolto alla presentazione online del libro di Maria Luisa Di Felice, Renzo Laconi. Una biografia politica e intellettuale, Roma, Carocci, 2019, organizzata il 26 marzo 2021 dalla Scuola di cultura politica Francesco Cocco di Cagliari, dalla Sezione cagliaritana dell’ANPI e dalla Fondazione di Sardegna. […]
——————————–————-
i-careWe care
08-05-2021 – di Chiara Graziani, su L’Osservatore Romano. I care. Mi sta a cuore. Don Lorenzo Milani l’aveva fatto scrivere sui muri della scuola dei figli dei contadini, i suoi ragazzi di Barbiana. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, si è fatta ispirare dalla forza insopprimibile che hanno solo le parole piene di senso dette autorevolmente. Nella tempesta della pandemia, con la comunità internazionale divisa su come correre prima e meglio in soccorso dei Paesi poveri, rimasti indietro nella vaccinazione, la presidente non indica una soluzione ma un’apertura all’altro. I care. Me ne assumo la responsabilità. «Questo deve essere il motto dell’Europa. We care» ha detto.
[segue]

Che succede?

c3dem_banner_04
DRAGHI E BIDEN: LIBERALISMO E UGUAGLIANZA
8 Maggio 2021 by Vittorio Sammarco | su C3dem.
Al Vertice Ue di Porto (Portogallo) si è discusso di lavoro e (soprattutto) di brevetti per i vaccini: Alberto D’Argenio, “Lo spartiacque della solidarietà” (Repubblica).
schermata-2021-05-09-alle-18-23-04
[segue]