Poveri e povertà

Riflessioni
vauroUn ricordo a proposito della banalità del male a Lodi
17 Ottobre 2018

Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
——————————————–
Mai offendere i poveri
Pubblicato su Avvenire del 09/10/2018 Editoriali.
Un dibattito incompetente
di Luigino Bruni
[segue]

Presentato oggi il Rapporto Caritas Italiana 20188

DOCUMENTAZIONE primo_piano_rapporto_poverta17 ottobre 2018 | Giornata mondiale di lotta contro la povertà POVERTÀ IN ATTESA
Rapporto Caritas Italiana 2018 su povertà e politiche di contrasto

Il volume “Povertà in Attesa” di Caritas Italiana si compone di due parti, il diciassettesimo Rapporto sulla povertà e il quinto Rapporto sulle politiche di contrasto. INFOGRAFICA. [segue]

Si colpisce Riace per distruggerne il modello virtuoso di accoglienza

riace-duesedia di VannitolaLa sedia
di Vanni Tola

La battaglia di Riace.
Accoglienza diffusa e programmi di integrazione.

Con lodevole tempestività e in perfetta sincronia con i “desiderata” del Ministero degli Interni, il Tribunale di Reggio Calabria ha revocato il provvedimento di arresto domiciliare per il Sindaco di Riace trasformandolo però in divieto di dimora nel paese del quale è sindaco, dove ha la residenza e la propria dimora, dove vive con i suoi familiari. Recita la giurisprudenza: “Con il provvedimento che dispone il divieto di dimora, il giudice prescrive all’imputato di non dimorare in un determinato luogo e di non accedervi senza l’autorizzazione del giudice che procede. La norma in esame è diretta a soddisfare l’esigenza cautelare di impedire l’inquinamento delle fonti probatorie e la reiterazione di reato”.
E’ questo l’ultimo atto di una vicenda preoccupante e grottesca che non può certo essere sottovalutata ne limitata alla persona del sindaco Mimmo Lucano e del suo paese. E’ in atto uno scontro politico e culturale di grande portata che vede impegnato il responsabile della principale forza di governo in difesa di un principio che sta alla base della cultura xenofoba e razzista della Lega e del ministro Salvini. Uno dei punti cardine della campagna di opinione contro gli immigrati. Il nemico non è il Sindaco di Riace, l’avversario temuto è un principio che la vicenda di Riace tende ad affermare e diffondere. L’accoglienza diffusa dei migranti è possibile, si può realizzare coinvolgendo positivamente le popolazioni locali con validi progetti di integrazione, rappresenta una valida risposta al degrado e allo spopolamento di aree geografiche degradate e di migliaia di comuni, risponde alla naturale propensione alla accoglienza e alla solidarietà di ampi strati della popolazione. Esattamente il contrario di quanto afferma la Lega e il ministro Salvini con una martellante propaganda finalizzata al contrasto dell’immigrazione, al contrasto, senza quartiere e a qualunque costo di qualsivoglia forma di accoglienza e integrazione di stranieri nel paese. L’esperienza di Riace e quelle meno note di molti altri amministratori, non fanno dormire sonni tranquilli a Salvini e a chi condivide le sue idee soprattutto perché dimostra, in maniera non confutabile, che in Italia non esiste nessuna emergenza immigrati (almeno nei termini indicati dalle campagne propagandistiche e allarmistiche della Lega) e, soprattutto, che esperienze di accoglienza diffusa e integrazione programmata sono possibili e concretamente realizzabili. Per questo motivo l’indispensabile e doverosa attività di sostegno all’esperienza realizzata dal Sindaco di Riace e la denuncia del provvedimento di divieto di dimora non possono essere episodi limitati al contesto del piccolo centro calabrese. Devono essere finalizzati alla necessità di dare vita e una più ampia mobilitazione a sostegno delle esperienze di accoglienza diffusa nei comuni e nei territori come risposta alle politiche xenofobe e razziste della Lega e del governo a guida Salvini. Diventa fondamentale l’attività di quei Sindaci che stanno sperimentando e realizzando interventi di accoglienza e integrazione nei loro territori e la diffusione di un movimento di opinione che rilanci i valori fondamentali della solidarietà e la naturale propensione all’accoglienza e all’ospitalità di gran parte della popolazione.

Oggi mercoledì 17 ottobre 2018

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633Anpi logo nazcostat-logo-stef-p-c_2-2serpi-2ape-innovativa
———-Avvenimenti&Dibattiti&Commenti———————————–
Riace: Lucano esiliato
17 Ottobre 2018
Red su Democraziaoggi.
Domenico Lucano lascia gli arresti domiciliari ai quali si trovava dal 2 ottobre scorso. E’ questa la decisione del Tribunale della libertà depositata in serata, il giorno stesso dell’udienza. Per il sindaco di Riace, però, è una vittoria a metà e molto amara. I giudici, infatti, hanno stabilito contestualmente il divieto di dimora nel comune […]
———————————————
Zingaretti, quo vadis senza discontinuità?
17 Ottobre 2018
Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
Verso Nicola Zingaretti ho un’istintiva simpatia, forse per via del Commissario Montalbano. Tuttavia la due giorni di lancio della sua candidatura alle primarie Pd alla ex Dogana di San Lorenzo, a Roma, non mi ha convinto, non mi sembra adeguata a delineare una svolta della politica nazionale. Quanti si aspettano una politica […]
———————————————-

Paolo VI e Oscar Romero Santi

santi-paolo-e-oscarlampadadialadmicromicro133La Comunità di San Rocco a cui siamo legati con spirito di amicizia e collaborazione, ha dato particolare enfasi alla canonizzazione di Paolo VI e del Vescovo Oscar Romero, avvenuta domenica 14 a Roma nella solenne cerimonia in San Pietro, presieduta da Papa Francesco, che ha perseguito e portato a conclusione il processo di queste canonizzazioni con determinata volontà. Nell’occasione Armando Mura, Monica Pisu e Angelo Corda, esponenti della stessa Comunità, hanno particolarmente curato il ricordo esaltante di questi due Santi. Di Oscar Romero abbiamo già parlato in questa News e su fb, anche riportando le riflessioni di Raniero La Valle. Parliamo ora, anzi riparliamo, di Paolo VI, su impulso degli amici della Comunità di San Rocco, che ci hanno segnalato due importanti documenti, che pubblichiamo: il discorso che fece Paolo VI nella sua visita al quartiere di Sant’Elia il 24 aprile 1970 e un articolo speciale sulla figura dello stesso Papa (il suo profilo spirituale), di Enzo Bianchi, monaco, fondatore della Comunità di Bose. I documenti nell’editoriale su Aladinews.

Domani

primo_piano_rapporto_povertaPovertà in attesa: Rapporto Caritas Italiana 2018 su povertà e politiche di contrasto.
Domani, mercoledì 17 ottobre, a Roma, nel corso dell’evento “Povertà in attesa” sarà presentato il Rapporto Caritas Italiana 2018 su povertà e politiche di contrasto. L’evento si terrà presso i locali di Fondazione CON IL SUD (via del Corso, 267).
[segue]

E’ online il manifesto sardo duecentosettanta

pintor il manifesto sardoIl numero 270
Il sommario
Sarebbe ora di cambiare registro per evitare le calamità innaturali (Stefano Deliperi) Stato di agitazione permanente (Giacomo Cossu), Capoterra. Un’altra lezione (Pensando a Tamara) (Sandro Roggio), Cuore di gomma (Graziano Pintori), Turchia e dintorni. Atatürk massone, si o no? (Emanuela Locci), I guasti dei movimenti ciclici del capitalismo (Gianfranco Sabattini), “Ma come fanno gli operai” di Loris Campetti. Realtà del lavoro operaio e orientamenti politici e culturali nell’Italia di oggi (Marco Sini), Discontinuità territoriale (Antonio Muscas), Una lettera aperta all’assessore al Bilancio Paci (Claudia Zuncheddu), Casteddu de Susu e i suoi flashmob (Alessandro Mongili), Una società senza carceri (Gavinu Dettori), Ciao Bia, continueremo le tue battaglie (Roberto Loddo), Le 50 primavere di Praga (Gianfranca Fois).

Per prepararci al Laboratorio su Lavoro & Reddito di Cittadinanza

redditocittadinanza
william_gropper_-_construction_of_a_dam_1939
rooselvetfdr_1944_color_portrait-tif- Il New Deal di Franklin Delano Roosevelt: https://it.wikipedia.org/wiki/New_Deal – Il riferimento al New Deal fatto dal ministro Paolo Savona nella seduta della Camera dei deputati sul DEF dell’11 ottobre scordo (Youtube del 12 ottobre 2018).
——————————————–
giuseppe_di_vittorio- Il piano del lavoro della Cgil di Giuseppe Di Vittorio: http://www.casadivittorio.it/cdv/wp-content/uploads/2012/10/34p14-15.pdf
——————————–

Oggi martedì 16 ottobre 2018

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633Anpi logo nazcostat-logo-stef-p-c_2-2serpi-2ape-innovativa
———-Avvenimenti&Dibattiti&Commenti———————————–
Riace: continuismo burocratico e… politico, Salvini prosegue l’opera di Minniti
15 Ottobre 2018
Andrea Pubusa su Democraziaoggi.
——————————————————————–
62f5e22e-e801-4ad6-bee2-be4ee7790b92Sinistra sarda: quanto è necessario uscire dall’ambiguità!
16 Ottobre 2018

Roberto Mirasola – responsabile provinciale SI
————————————————————
————————————————————–
La doppiezza del Governo sui diritti umani e civili
16 Ottobre 2018
Roberto Murgia su Democraziaoggi.
————————————————————–

Il CoStat e l’Anpi promuovono un Incontro laboratoriale su Reddito di Cittadinanza e dintorni

redditocittadinanza

redditocittadinanza
- La pagina fb dell’iniziativa.

SardiniaPost: Giommaria Bellu lascia la direzione per dissensi con l’editore Onorato

logosp-372x221 lampadadialadmicromicroLe ragioni spiegate dal direttore Giovanni Maria Bellu nell’editoriale di commiato, apparso oggi sulla News, che riportiamo integrale, non prima di averne evidenziato alcuni passi decisamente chiarificatori. Buon lavoro Giommaria per le prossime tue esperienze editoriali e oltre che ti vedranno sicuramente sempre con la “schiena dritta”.“[...] La decisione di dimettermi nasce da due ordini di motivi. Il primo è la richiesta, che non ho condiviso, di un mutamento della linea politico-editoriale, accompagnata anche dalla richiesta di sospendere alcune fondamentali regole della professione. Il secondo si fonda su un’idea, che oggi a maggior ragione ritengo debba essere difesa con speciale fermezza, della professione giornalistica e della sua funzione”. [...] “Abbiamo assistito, in questi mesi, a vicende gravissime. Il ministero dell’Interno guidato da Matteo Salvini è diventato una centrale di propaganda e di diffusione dell’odio. I diritti fondamentali, a partire dal diritto d’asilo, sono in discussione. Il sistema di accoglienza dei rifugiati, in relazione al quale la Sardegna è una delle eccellenze, è in via di smantellamento. L’elenco potrebbe continuare a lungo.” [...] “Ma, per alcuni aspetti, la Sardegna è un laboratorio anche sul fronte del centrodestra. Nella spartizione tra le forze della coalizione, infatti, la nostra Isola è toccata proprio alla Lega di Matteo Salvini che ha designato come candidato governatore il segretario del Psd’Az, e senatore eletto dalla Lega, Christian Solinas. Non è ancora chiaro se la cosa andrà in porto. In tal caso si avrebbe il paradosso del segretario di un partito autonomista, sul filo dell’indipendentismo, e designato, a Roma, dal leader politico di una forza germogliata sul risentimento antimeridionalista del Nord, poi ha trasferito sugli immigrati. In effetti è davvero difficile individuare un legame di Matteo Salvini con la Sardegna, a parte la sua recente incriminazione per sequestro di persona.” [...]

Sardinia Post cambia linea politico-editoriale. Il saluto del direttore
15 ottobre 2018, su SardiniaPost, Pronto intervento
[segue]

Oggi lunedì 15 ottobre 2018

lampada aladin micromicrodemocraziaoggisardegnaeuropa-bomeluzo3-300x211Sardegna-bomeluzo22sedia-van-goghGLI-OCCHIALI-DI-PIERO1-150x1501413filippo-figari-sardegna-industre-2img_4633Anpi logo nazcostat-logo-stef-p-c_2-2serpi-2ape-innovativa
———-Avvenimenti&Dibattiti&Commenti———————————–
Riace: l’ANPI contro il provvedimento di Salvini
14 Ottobre 2018
.
Red su Democraziaoggi
Carla Nespolo: “Cari 5 stelle, non girate lo sguardo da un’ altra parte, fermate Salvini”.
—————————————————————————————
3f555ee7-6c23-42b0-b6e2-6df7df3b95b0Caro Massimo, attenzione! rischi la fine dello sventurato Chigachgook, l’ultimo dei Mohicani.
15 Ottobre 2018
Amsicora su Democraziaoggi
—————————————————————————————————
katharina_schulze_gruene-200x300Bene in Baviera!
Con tanti saluti ai conati di sinistra “sovranista” filo-destra tedesca e italiana (ma chiedendomi anche cosa abbiano da esultare gli esponenti del PD: che caspita c’entra il partito di Renzi e di Gentiloni-Minniti coi Grunen tedeschi?).
Ah, si: la leader è pure una giovane donna, last but not least.
Comunque, se questo risultato indicasse una tendenza, la sorpresa alle elezioni europee sarà per Salvini e non sarà Salvini
. [Tonino Dessì, su fb].
————————————————–
- Nella foto Katharina Schulze.

Domenica 21 ottobre 2018 XVII Marcia Sarda per la Pace

17-marcia-sarda-pace-2018 L’Assotziu Consumadoris Sardigna e la Confederazione Sindacale Sarda, come ogni anno, mettono a disposizione in occasione della marcia Gesturi – Laconi un pullman con partenza da Cagliari ore 8,00, piazzale Mercato Via Quirra. È richiesto un contributo spese di 5 euro. Per le prenotazioni chiamare al 3477255895 e parlare con Marco.
——-

Riace

alex-z-riace
riace-fb Riace Patrimonio dell’Umanità.
Questa è la vendetta di Matteo Salvini. Pare incredibile che il ministero dell’Interno entri in causa. Ma noi non possiamo restare così passivi ad assistere alla persecuzione di una persona giusta come Mimmo Lucano.
- Padre Alex Zanotelli, secondo lei che cosa dovrebbero fare gli italiani?
È maturo il tempo per la disobbedienza civile. Non chiedo eroismo, ma bisogna rischiare qualcosa. Non si può assistere passivamente. Ricordiamo i tempi di Martin Luther King quando c’era chi disobbediva e rischiava il carcere per una causa giusta.
- C’è chi dice che Lucano non ha rispettato la legge…
Prima hanno arrestato il sindaco, poi cancellano il modello di accoglienza di Riace. Sono io che vi faccio una domanda: vi sembra giustizia?
Le parole di Padre Alex Zanotelli a Il Fatto Quotidiano di oggi.
————————————————————————

L’Europa che ci piace

45234954-1685-47dc-ae99-44cdde8386ad
image_20181013phf9122
In 240mila contro il razzismo a Berlino